Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
rob

Moneta con l'Agnello di Dio

Recommended Posts

rob

Incuriosito dalla insolita rappresentazione dell'Agnello di Dio vittorioso, mi sono aggiudicato (tralaltro a pochi euro) una moneta d'argento non meglio identificata.

E' in argento, ha un diametro di 17 mm e pesa 1 grammo.

Cercando in Coinarchives mi pare possa essere un soldino di Mytilene (la capitale dell'isola di Lesbo) emesso da uno dei Signori della dinastia dei Gattilusio.

Il problema è che non mi quadrano le legende e il (presunto) dritto è poco leggibile...

Per fare un esempio, la metrologia è compatibile con questa moneta descritta da numismatics.org:

Lesbos,Mytilene, / 1403 to 1428 / BI,soldino

1953.8.2

department: M

object type: C

measurements: 16 mm

weight: 1.103 g

axis: 3

dynasty: house of Gattilusio

person: Jacopo Gattilusio

obverse type: cross w/ facing Bs in quadrants

obverse legend: +DOMINVS*METELINVS

reverse type: Agnus Dei

reverse legend: +AGNVS*DEI*(AIVVA)*NOS

references: Sch.XVI.14 | Metc.1164v

ma non riesco ad identificare in maniera positiva la legenda.

per altri riferimenti:

- Coinarchives.com

- Dorino I Gattilusio (da Wikipedia)

Qualcuno di esperto di regni crociati mi sa dare una mano?

post-1118-1222025281_thumb.jpg

post-1118-1222025303_thumb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

fra crasellame

Peccato il diritto, se fosse veramente un grossetto di Metelino coniato sotto Giacomo (Iacob) Gattilusio (o al limite Dorino) sarebbe un gran bel colpo vista la rarità.

Share this post


Link to post
Share on other sites

rob
Io andrei a cercare molto piu' a Nord...

http://www.coinarchives.com/w/lotviewer.ph...cID=268&Lot=669

386737[/snapback]

Ah ah ah! Grande avgvstvs, come sempre! :D Ora però mi devi dire come diavolo hai fatto a trovarla: nella descrizione non c'è alcuna menzione dell'agnello (altrimenti l'avrei trovata anch'io in coinarchives)... qual'è il tuo segreto?!? :P

Share this post


Link to post
Share on other sites

Paleologo

Avevo la sensazione che qualcosa di simile mi fosse passato sotto il naso di recente, e non c'entrava niente con i crociati ... il primo esemplare linkato da Augustus (Kuenker 121 Lotto 669) viene dalla Collezione de Wit. Questa è la descrizione completa da catalogo:

Penny - Visby. A: Lis on tripod between two crosses (+ MONETA C)IVITATIS, R: Lamb (no nimbus) with standard l. WISBVCE(NCIS). Lagerqvist XXXV A.1a. 1.230 gr. Dark patina, very fine.

Stima 75 €, aggiudicato a 140 € più diritti. La moneta è stata coniata a Visby sull'isola di Götland nel Baltico (Svezia), sul cui stemma compare l'ariete (non agnello) vessillifero. Da notare che mentre nella descrizione di CoinArchives la moneta viene riportata sotto la Svezia, nel catalogo viene classificata sotto la Danimarca, cui Götland appartenne dal 1361 al 1645.

QUI un interessante articolo sull'isola di Götland.

Ciao, P. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

rob

Che storia meravigliosa! L'agnello vessillifero non compare su molte monete: ne conoscete altre? Sto studiando la simbologia cristiana sulle monete medievali, e questa è proprio una di quelle - il motivo anzi per cui ho fatto un'offerta per questa moneta. Fra parentesi l'ho pagata pochi euro, perciò ho anche la soddisfazione di aver fatto un (piccolo) affare! :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

rob

Parlando di agnello vessillifero si deve per forza menzionare il mouton d'or francese:

image00171.jpg

Jean II le Bon (1350-1364) - Mouton d’or - Emission du 17 janvier 1355

e poi naturalmente la versione fiamminga

image51317.jpg

Rethel. Louis de Male gouden lam (mouton d'or) ND (1346-1384)

e infine Norimberga

02907q00.jpg

Doppeldukat 1649

sempre di Norimberga esistono emissioni che sono di vera arte incisoria:

02913q00.jpg

Dukat 1700

fra le monete d'argento si tratta di un simbolo poco utilizzato: sono poche le zecche che ne fecero uso sistematico, sebbene siano molte quelle che l'hanno utilizzato.

image03309.jpg

Boemia, bratteato

image02859.jpg

Svizzera, San Gallo: bratteato "Ewiger Pfennig" - di questa zecca le emissioni ebbero una certa continuità;

image02758.jpg

Austria, zecche di Vienna Enns, Wiener Neustadt: Pfennig di Friedrich der Schöne 1306-1330

image03456.jpg

Castilla y Leon, zecca di Toledo, Juan I (1379-1390): blanca

image04096.jpg

Regno Crociato di Tripoli (Terrasanta), Raimondo II (1137-1152): denaro

image02933.jpg

Malta, Juan de Omedes (1536-1553): 2 tari 1543

Share this post


Link to post
Share on other sites

rob

Qualche appunto sulla figura dell'agnello nell'iconografia cristiana:

L’agnello, simbolo di innocenza, semplicità e purezza, è la vittima sacrificale per eccellenza e quindi immagine di Cristo che si è sacrificato per la riscattare i peccati del mondo. Giovanni Battista, disse di Gesú che veniva a lui incontro dalla valle del Giordano: “ecco l'agnello di Dio!” .

L’iconografia cristiana rappresentò l’agnello sulla croce fino al concilio di Quini Sexte nel 692, quando fu decretata l’adozione della figura umana per la realizzazione dei crocefissi.

Nel medioevo l’agnello era quasi sempre rappresentato in piedi con la gola sgozzata e sangue che cola dalla ferita; più tardi il simbolo si afferma sia in veste di Purificatore del mondo, sia di dominatore, e quindi è ritratto con una croce che trapassa il corpo da parte a parte, e verso la quale la sua testa si rivolge; quando presente, la bandiera simboleggia la risurrezione di Cristo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

fra crasellame

Oltre al bisante crociato con la croce, se non erro ne esiste uno con l'agnus dei. Ora faccio qualche ricerca.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Paleologo

Tornando all'agnello da cui è nata la discussione (quello di Götland) sembra che col tempo sia cresciuto, a giudicare dalle corna:

stemma attuale dell'isola di Götland, da Wikipedia

Invece c'è stato un periodo in cui la rappresentazione era proprio quella cristiana dell'agnello vessillifero :

dalla Biblioteca Nazionale Svedese

Complimenti per la discussione :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

avgvstvs
...

Nel medioevo l’agnello era quasi sempre rappresentato in piedi con la gola sgozzata e sangue che cola dalla ferita

...

387261[/snapback]

Ecco un esempio di questo genere sempre della zona:

post-3051-1222190541_thumb.jpg

(da http://www.coinarchives.com/w/lotviewer.ph...ID=264&Lot=1758 )

Tornando all'agnello da cui è nata la discussione (quello di Götland) sembra che col tempo sia cresciuto, a giudicare dalle corna:

stemma attuale dell'isola di Götland, da Wikipedia

Invece c'è stato un periodo in cui la rappresentazione era proprio quella cristiana dell'agnello vessillifero :

dalla Biblioteca Nazionale Svedese

Complimenti per la discussione  :D

387294[/snapback]

Bello il "montone pasquale", sarebbe interessante sapere quando e perche' e' avvenuto il cambiamento.

Non ho trovato rappresentazioni numismatiche dell'Agnello dell'Apocalisse (che di corna ne aveva sette...)

Share this post


Link to post
Share on other sites

rob
Tornando all'agnello da cui è nata la discussione (quello di Götland) sembra che col tempo sia cresciuto, a giudicare dalle corna:

stemma attuale dell'isola di Götland, da Wikipedia

Invece c'è stato un periodo in cui la rappresentazione era proprio quella cristiana dell'agnello vessillifero :

dalla Biblioteca Nazionale Svedese

Complimenti per la discussione  :D

387294[/snapback]

In effetti il simbolo del comune di Gotland è l'ariete vessillifero, come si vede nella homepage del comune.

Da quel che capisco dal sito http://www.rutebatklubb.com/listor/harald.html il simbolo dell'ariete vessillifero appare per la prima volta nel 1280. Nel 1660, dopo il passaggio dal dominio danese a quello svedese, appare l'agnus dei. Questo simbolo rimane in uso fino al 15 maggio 1936, quando fu restaurato il simbolo dell'ariete vessillifero.

lammsigill2.gif

C'e da dire però che la diocesi di Visby (la città capoluogo dell'isola), ha l'agnus dei per simbolo, come riporta questo sito: http://www.carlgrens.info/htmlfiles/heraldik_koskinen2.htm

koskinenlammred.jpg

Il simbolo è riportato anche su Wikipedia: http://sv.wikipedia.org/wiki/Bild:Visby_vapen.svg

Secondo glosc.com invece

"Gotland has incorporated the city arms of Visby. It shows an Agnus Dei, the symbol of Saint John. It can be attested as far back as 1340." vale a dire che l'Agnus Dei, simbolo di San Giovanni, si attesta sin dal 1340 ed è stato incorporato nel blasone di Gotland.

Lo Stuckmann comunque parla di nuovo di Agnus Dei nella forma di Ariete vessillifero in un simbolo di Gotland della seconda metà del XIII secolo ("Wappenschilderung und historisch-heraldisch Anspielungen in Konradsvon Wuerzburg Trojanerkrieg", pagina 351), quindi sembrerebbe confermata la storia del simbolo.

P.S.: cercando fonti svedesi mi sono imbattuto in questa pagina che affronta su base filosofica l'iconografia delle monete svedesi medievali... un po' difficile da affrontare per guai linguistici, ma mi sembra interessante! http://freepages.history.rootsweb.ancestry...ing/10saga3.htm

P.P.S.: lo svedese lo leggo poco e male. Per fortuna con un traduttore online qualcosa di più riesco a capire! http://www.systran.co.uk/english-swedish-t...ion-swedish.htm

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fratelupo

Vi mostro anche questo "Agnus Dei" che compare su una klippe da 3 ducati di Norimberga, coniata nel 1648: celebra la fine della guerra dei trent'anni e il ritorno della tanto agognata pace in Europa... almeno per un pò.

post-7082-1222269117_thumb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

numa numa
Ecco il bisante crociato di cui parlavo. Non è stato facile troarne una foto a colori dignitosa.

1952.115.4.both.jpg

http://data.numismatics.org/cgi-bin/showob...cnum=1952.115.4

Si e' il bisante crociato cosiddetto "Aguns DEi", molto famoso e rarissimo, ne esistono 4-5 esemplari.

L'ultimo e' stato venduto nella famosa asta della Collezione SLOCUM, dedicata alle monete delle Crociate, nel 1997.

Risale alla seconda meta' del 13 secolo, prima della caduta di Acre, e la zecca dovrebbe essere Gerusalemme.

numa numa

Share this post


Link to post
Share on other sites

numa numa

Era stimata 4000 - 6000 sterline inglesi, non ho sottomano il realizzo preciso ma mi ricordo che era di poco superiore a 6000 sterline.

numa numa

Share this post


Link to post
Share on other sites

rob
Ecco il bisante crociato di cui parlavo. Non è stato facile troarne una foto a colori dignitosa.

1952.115.4.both.jpg

http://data.numismatics.org/cgi-bin/showob...cnum=1952.115.4

Si e' il bisante crociato cosiddetto "Aguns DEi", molto famoso e rarissimo, ne esistono 4-5 esemplari.

L'ultimo e' stato venduto nella famosa asta della Collezione SLOCUM, dedicata alle monete delle Crociate, nel 1997.

Risale alla seconda meta' del 13 secolo, prima della caduta di Acre, e la zecca dovrebbe essere Gerusalemme.

numa numa

Non ne conoscevo l'esistenza: puoi raccontarci qualcosa di più a riguardo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.