Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Rapax

Stele bilingue del Museo Leone di Vercelli

Risposte migliori

Rapax

Volevo segnalarvi, e "pubblicizzare" un po', questo interessantissimo reperto, conservato presso il Museo Leone di Vercelli:

stele.jpg

http://oggettidaffezioneworkshop.blogspot....e-vercelli.html

http://archeologiamedievale.unisi.it/finem...l-museo-leone-d

Purtroppo ho saputo della sua esistenza solo ieri... quindi troppo tardi per il convegno tenutosi nel maggio 2008.

Ecco il sito del museo con giorni ed orari di apertura:

http://www.museoleonevc.it/

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

medusa
Volevo segnalarvi, e "pubblicizzare" un po', questo interessantissimo reperto, conservato presso il Museo Leone di Vercelli:

stele.jpg

http://oggettidaffezioneworkshop.blogspot....e-vercelli.html

http://archeologiamedievale.unisi.it/finem...l-museo-leone-d

Purtroppo ho saputo della sua esistenza solo ieri... quindi troppo tardi per il convegno tenutosi nel maggio 2008.

Ecco il sito del museo con giorni ed orari di apertura:

http://www.museoleonevc.it/

Grazie, Rapax, per l'interessantissima segnalazione! Leggo che per leggere gli atti del convegno dovremo aspettare l'anno nuovo... :rolleyes:

Già il titolo si presenta assai ricco di suggestione: *Finem dare: il confine, tra sacro, profano e immaginario....* E poi, mi ha molto colpita quell'accenno riportato dalla stele di *confine comune agli dei ed agli uomini*: bellissima immagine, no?

Una sorta di "Stele di Rosetta" tutta nostra ... :)

Valeria

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rapax
Grazie, Rapax, per l'interessantissima segnalazione! Leggo che per leggere gli atti del convegno dovremo aspettare l'anno nuovo... :rolleyes:

Già il titolo si presenta assai ricco di suggestione: *Finem dare: il confine, tra sacro, profano e immaginario....* E poi, mi ha molto colpita quell'accenno riportato dalla stele di *confine comune agli dei ed agli uomini*: bellissima immagine, no?

Una sorta di "Stele di Rosetta" tutta nostra ... :)

Valeria

Bellissima davvero :).

...qualche info sulla penetrazione nella parte occidentale dell'Italia settentrionale.

Dal 120 a.C., anno in cui fu impiantata la colonia di Dertona (Tortona) è attestata la penetrazione romana nel sud del Piemonte.... mentre più a nord la situazione, a quanto pare, si rivelò più complessa e, dopo la Guerra Sociale, si adottarono altre metodologie:

Nelle zone ove non esistevano già colonie o in cui non si fondarono colonie nuove con elementi immigrati, vennero create, con gli incolae, colonie di un nuovo tipo. Per questo si ricorse all'applicazione di metodi già in uso nell'Italia centro-meridionale, fondando colonie di diritto latino, anche se le popolazioni locali erano assai meno affini al livello di civiltà raggiunta dai Romani e quindi erano ancora estranee alla civiltà classica. Si trattava di popolazioni celtiche e assimilate ai Celti, o più semplicemente dominate da costoro.

I Romani, riconoscendo impossibile costituire colonie di diritto latino con elementi locali, aprivano la porta della semi-cittadinanza, e in seguito della cittadinanza piena, a elementi celti o celtizzanti, creando la figura dell'incola, con il quale si fondava una colonia costituente presidio e centro urbano, destinata a fornire una selezione di nuovi cittadini romani. [...]

Tali incolae erano "indigeni" alloglotti, ammessi a vivere in un centro avente gli obblighi e i diritti di una colonia, da cui dipendevano amministrativamente, per essendovi soltanto "aggregati" (adtributi)

Introduzione di Mario Attilio Levi a "Silla (o La monarchia mancata)" di Jérome Carcopino.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Flavio

Ciao :)

Fatevi un "giro" nel sito del gruppo archeologico vercellese ;) http://www.archeovercelli.it/

In particolare : http://www.archeovercelli.it/didattica.html, dove troverete interessanti note sulla stele.

Non mancate infine di scaricare i testi in pdf disponibili su Vercelli antica, collezioni varie, ecc. (ed ovviamente, per chi è non troppo lontano, non mancate di visitare il Museo Leone).

P.S. : per una fotografia della stele : http://www.vercellink.com/museo/stele-bili...ino-celtico.php

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Flavio
Una sorta di "Stele di Rosetta" tutta nostra ... :)

Ecco, brava Medusa...proprio qualcosa di simile.

La più antica iscrizione latina su pietra del Piemonte e nel contempo, come recita l'introduzione al convegno, la difficoltà di tradurre nella terminologia epigrafica romana atti rituali e concetti tipici della sacralità celtica, permettendo di cogliere in concreto uno dei passaggi fondamentali della romanizzazione del Piemonte (ndr. la stele fu quasi certamente scolpita da un latinofono).

Un reperto che, da quando fu scoperto nel maggio 1960, ha sempre rivestito importanza particolare per il Piemonte, anche se poco o nulla conosciuto dai più.

Peccato il ritrovamento erratico...chissà dov'era il campo così speciale che delimitava :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

medusa
Ciao :)

Fatevi un "giro" nel sito del gruppo archeologico vercellese ;) http://www.archeovercelli.it/

In particolare : http://www.archeovercelli.it/didattica.html, dove troverete interessanti note sulla stele.

Non mancate infine di scaricare i testi in pdf disponibili su Vercelli antica, collezioni varie, ecc. (ed ovviamente, per chi è non troppo lontano, non mancate di visitare il Museo Leone).

FATTO! Grazie Flavio!!! :) Ho letto che la stele era stata anche esposta a Venezia alla mostra sui Celti (che mi ero persa, vergognosamente... :( Mi sa che ancora una volta mi dovrò consolare regalandomi il catalogo.... :P).

P.S. : per una fotografia della stele : http://www.vercellink.com/museo/stele-bili...ino-celtico.php

Una sola curiosità non ha trovato ancora risposta: di che roccia si tratta??? Non mi pare trachite, nè basalto come Rosetta :P ... URGE una foto più dettagliata di qualche lamonetiano della zona... :rolleyes: .

Un caro saluto

Valeria

PS: Approfitto per porgere a Flavio le mie CONGRATULAZIONI per la recente meritatissssima nomina a Curatore!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Flavio
Una sola curiosità non ha trovato ancora risposta: di che roccia si tratta??? Non mi pare trachite, nè basalto come Rosetta :P ... URGE

Mi pare fosse definito, all'epoca del ritrovamento, come "un massiccio blocco di schisto"...un calcare marnoso.

una foto più dettagliata ...:rolleyes: .

Eccola :)

http://2.bp.blogspot.com/_MA1MnqDVTVw/SRLV...600-h/STELE.jpg

PS: Approfitto per porgere a Flavio le mie CONGRATULAZIONI per la recente meritatissssima nomina a Curatore!!!

Grazie...mi fai arrossire :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

medusa

*G*R*A*Z*I*E* ancora, Flavio, sia per la classificazione della roccia sia per la bellissima MEGA-foto!!! :)

V medusa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×