Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
vince960

Aiuto per identificazione

Inviato (modificato)

Salve! Volevo chiedere il vostro aiuto per l'identificazione di uno stemma diciamo così 'di famiglia' che circola da diversi anni. Secondo l'organizzazione di ricerca araldica che lo ha fornito, si tratterebbe dello stemma della casata PALLESCHI ed è corredato dalle seguenti informazioni:

Antica e nobile famiglia originaria di Lucca, trovasi stabilita in Firenze fin dalla metà del XIII secolo. Il primo personaggio illustre di questa casa che la storia ci riporta è un Ruggiero alla battaglia di Montaperti, era uno degli alfieri dell'esercito Guelfo e nel 1280 segnò la pace del Cardinale Latino. Gian Battista di lui figlio fu il primo dei Priori della sua casa nel 1283 e Filippo fu uno dei Gonfalonieri di questa Casa nel 1302. Paolo, Capitano valorosissimo ed egregio cittadino, fu eletto nel 1383 Ambasciatore d'obbedienza a Bonifacio IX, fu piu volte del Magistrato dei Dieci e nel 1393 andò per incarico del Comune a Perugia per calmare le fazioni che desolavano quella città. Giovanni suo figlio, essendo Gonfaloniere nel 1434 ricevé da Eugenio IV la concessione del titolo di Barone. Da lui nacque Antonio che nel 1471 andò ambasciatore a Sisto IV che lo armò Cavaliere dello Speron d'Oro.

Ora, fermo restando che

  • non esiste, a mia conoscenza, un blasone della famiglia Palleschi
  • nelle liste ricavate dai censimenti fiorentini dell'epoca non risulta nessuna famiglia Palleschi - cosa per altro ragionevole visto che all'epoca i 'palleschi' erano genericamente i sostenitori dei Medici
  • non esiste nessun Palleschi nella lista dei Priori e dei Gonfalonieri di Firenze, negli anni indicati, precedentemente e successivamente
  • Bonifacio IX salì al soglio Pontificio nel 1389, e quindi non è possibile che un Palleschi - o qualcun altro, se per questo - sia stato inviato come Ambasciatore d'obbedienza sei anni prima della sua elezione.

mi rimane la curiosità se stemma e informazioni storiche siano stati inventati di sana pianta oppure ripresi - con qualche errore - dalla storia di qualche altra famiglia toscana con cognome simile.

Grazie per l'aiuto, non è niente di importante ma veramente sono curioso...

Vincenzo PALLESCHI :D

post-3952-1228737658_thumb.jpg

Modificato da vince960

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si, questa è la 'ripresa' dello stemma farlocco dal sito di mio cugino Antonio :D

Come dicevo, che l'attribuzione sia falsa non c'è dubbio, la mia curiosità è solo capire se si tratta di informazioni reali riferite a un'altra famiglia oppure inventate di sana pianta...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Ciao Vince.

Esisteranno sicuramente "Istituti di ricerche araldiche" serissimi.

Altrettanto sono certo che esistano "Istituti" i quali - se tu gli fornisci il cognome "Sussibiribissi", ti trovano parentele, genealogie, ma soprattutto uno stemma più o meno bello che puoi ritirare versando ovviamente il dovuto compenso seguendo le istruzioni allegate......

La nobiltà non è nata ieri : e i discendenti di famiglie nobili o non sono interessati al proprio passato, o lo conoscono benissimo : dubito abbiano necessità di ricorrere a questi !Istituti".

Del resto tali ricerche sono difficili, onerose. Prima dell'Anagrafe i nomi venivano trascritti nei registri parrocchiali, ma a mano a mano che le ricerche risalgono nel tempo è difficile persino interpretare certe grafie, districarsi fra nomi spesso simili o uguali, frugare negli archivi dei Vescovati ; non è una cosa semplice.

Per il signor S. di cui sopra sarà invece facilissimo : otterrà delle notizie che non potrà controllare mai, e un bello stemma : lui rimarrà contento, e l'"Istituto" più di lui.

Del resto, basta consultare un testo fondamentale al riguardo, il Dizionario che censisce tutte le famiglie realmente nobili d'Italia : l'Araldica era e resta una cosa seria, e non una fabbrica di stemmi colorati che chiunque può disegnare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Ciao Vince.

Esisteranno sicuramente "Istituti di ricerche araldiche" serissimi.

Altrettanto sono certo che esistano "Istituti" i quali - se tu gli fornisci il cognome "Sussibiribissi", ti trovano parentele, genealogie, ma soprattutto uno stemma più o meno bello che puoi ritirare versando ovviamente il dovuto compenso seguendo le istruzioni allegate......

La nobiltà non è nata ieri : e i discendenti di famiglie nobili o non sono interessati al proprio passato, o lo conoscono benissimo : dubito abbiano necessità di ricorrere a questi !Istituti".

Del resto tali ricerche sono difficili, onerose. Prima dell'Anagrafe i nomi venivano trascritti nei registri parrocchiali, ma a mano a mano che le ricerche risalgono nel tempo è difficile persino interpretare certe grafie, districarsi fra nomi spesso simili o uguali, frugare negli archivi dei Vescovati ; non è una cosa semplice.

Per il signor S. di cui sopra sarà invece facilissimo : otterrà delle notizie che non potrà controllare mai, e un bello stemma : lui rimarrà contento, e l'"Istituto" più di lui.

Del resto, basta consultare un testo fondamentale al riguardo, il Dizionario che censisce tutte le famiglie realmente nobili d'Italia : l'Araldica era e resta una cosa seria, e non una fabbrica di stemmi colorati che chiunque può disegnare.

Perfettamente d'accordo. Forse non mi sono spiegato bene... Lo stemma che ho riportato insieme alla 'ricerca' è al 100% fasullo se riferito al cognome 'Palleschi', questo lo so benissimo. A questo punto subentra la curiosità: questi signori hanno inventato di sana pianta stemma e ricerca storica o semplicemente hanno cercato il primo cognome con una minima assonanza e hanno attribuito tutte le informazioni a quello del committente?

Nella mia ricerca di storia famigliare ho raccolto 9 stemmi - tutti diversi, naturalmente - attribuiti alla famiglia, alcuni dei quali corredati dalla relativa accuratissima :-) ricerca storica.

Per dirti quanto ci credo, questa è l'introduzione che ho messo sul mio sito a presentazione di questi stemmi:

Tutti gli stemmi della famiglia (al 100% inaffidabili :-) ). Già l'Araldica non è una scienza esatta, poi quando ci si mette di mezzo l'interesse economico è la fine. Diciamo che queste immagini testimoniano l'ingenuità dei nostri padri (e a volte anche dei nostri nonni).

Insomma, delle nove 'ricerche araldiche' che ho collezionato, due riportano gli stemmi e i dati della famiglia Pelavicino/Pallavicini, un'altra quelli dei Pallanti e una quelli della famiglia Lucchesi-Palli. Me ne rimangono 5 da classificare...

Facciamo così, se avessi messo la foto dello stemma chiedendo: "a quale famiglia si riferisce?", che cosa mi avreste risposto? Io comincio a formarmi un'idea: uno degli assegnatari dell'onorificenza dello Speron d'Oro citato nella pergamena fu PALLA Strozzi (però lo stemma non è quello degli Strozzi, mi pare più che altro una variazione sul tema di quello dei Medici...). A dire la verità ce n'è anche un altro simile, tra i 9; è anche quello più 'antico', dovrebbe risalire più o meno al 1865... Metto anche questo così se si trova il 'proprietario' di questi blasoni mi tolgo due curiosità insieme :-)

Grazie comunque, alla fine sarà comunque una cosa positiva perché questa curiosità mi ha riportato a frequentare il Forum, che era un po' che non lo facevo....

post-3952-1228776954_thumb.jpg

Modificato da vince960

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Ora la questione si fa interessante... Mi è arrivata l'immagine di un altro stemma 'di famiglia'. Si tratta dello stesso stemma riportato nella seconda foto, ma non è fisicamente la stessa immagine. Quindi i due stemmi arrivano sicuramente da una fonte comune. In questo caso c'è anche la descrizione del blasone come segue:

Lo stemma della nobile famiglia Palleschi è interzato in fascia, nel 1o d'argento con sei palle di rosso, nel 2o d'oro con aquila nera [coronata], nel 3o xxxxxxx indentato d'oro e di rosso

Si tratta di un 'documento' dell'Istituto Araldico Romano, datato 1916.

Mi pare che la prima fascia si ispiri allo stemma dei Medici (d'oro a sei palle di rosso disposte in cinta) e l'ultima riporta il blasone indentato dei Pazzi. E' possibile che questo stemma composito si riferisca al ramo dei Pazzi imparentato coi Medici? (Guglielmo dei Pazzi sposò Bianca de' Medici). Se fosse così tornerebbe anche il fatto che il 'ricercatore' araldico, non trovando giustamente nulla alla voce 'Palleschi' si sia spostato sul primo stemma con le palle disponibile, magari sotto la voce 'Pazzi-xxx'

Che mi dite?

post-3952-1229109925_thumb.jpg

Modificato da vince960

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non sembrerebbe, visto lo stemma della famiglia dei Pazzi:

http://it.wikipedia.org/wiki/Pazzi

Un saluto.

Miro

Lo stendardo dei Pazzi era indentato d'oro e di rosso, ho scritto male, scusami, il blasone l'avevo ben presente ed è chiaramente diverso...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Girando per internet ho trovato una pubblicazione:

NICCOLO DE LAPI ovvero i Palleschi e i Piagnoni. Firenze, Salani, 1934.

Hai avuto modo di consultarla?

Potrebbe esserci la soluzione.

Un saluto.

Miro

P.S.:interrogando tutta la riga che ho riportato, puoi trovare anche le librerie che ne

hanno la disponibilità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Girando per internet ho trovato una pubblicazione:

NICCOLO DE LAPI ovvero i Palleschi e i Piagnoni. Firenze, Salani, 1934.

Hai avuto modo di consultarla?

Potrebbe esserci la soluzione.

Un saluto.

Miro

P.S.:interrogando tutta la riga che ho riportato, puoi trovare anche le librerie che ne

hanno la disponibilità.

Si grazie, il problema non è la ricerca storica, se guardi su Wikipedia alla voce Palleschi ho messo io stesso qualche informazione a riguardo. Tra l'altro lo so bene che questi stemmi non si riferiscono alla mia famiglia perché non risulta assolutamente nessuno stemma della famiglia Palleschi negli archivi riconosciuti. Qui la curiosità, come ho scritto, è solo capire se gli stemmi sono veri - ma di famiglie diverse - oppure inventati di sana pianta. A distanza di circa 100 anni dall'eventuale truffa non c'è più neanche la soddisfazione di 'spubblicare' gli autori ma penso sia comunque interessante (almeno io mi diverto abbastanza :rolleyes: )

Modificato da vince960

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Nessun altro suggerimento? Ho letto che l'aquila imperiale non è significativa, così come lo stemma Mediceo probabilmente è solo aggiunto in seguito... Direi che ci si dovrebbe concentrare sulla parte inferiore dello stemma, io avrei delle idee ma lo schema de colori non coincide :angry:

Modificato da vince960

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?