Jump to content
IGNORED

Galles, scoperte 6000 monete romane III - IV secolo


perporius
 Share

Recommended Posts

Straordinario ritrovamento. Qui si vede la differenza con le nostre leggi: la si mette in risalto lo "scopritore" senza criminalizzarlo e si provvederà a ricompensarlo dopo che una commissione indipendente avrà valutato le monete, da noi solo per il possesso del metal detector rischi grosso, se poi hai la sfortuna di effettuare un ritrovamento del genere come minimo rischi di passare tanti mal di pancia (per non dire altro). E poi ci meravigliamo che ci siano migliaia di monete antiche all'estero e soprattutto negli USA. Ma mi chiedo: L'impero romano è arrivato fino la? Non me lo ricordavo.........

Link to comment
Share on other sites


.......E poi ci meravigliamo che ci siano migliaia di monete antiche all'estero e soprattutto negli USA. Ma mi chiedo: L'impero romano è arrivato fino la? Non me lo ricordavo.........

Si,ce le portavano con i voli charter dell'ente turismo Romano : AIR SPQR, poi confluito nell'ALITALIA ,debiti compresi...

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Si parla di Galles,Simone,in Britannia.Certo che era Impero Romano,per quasi quattrocento anni...

Link to comment
Share on other sites


Si parla di Galles,Simone,in Britannia.Certo che era Impero Romano,per quasi quattrocento anni...

Caro Roberto,

la mia era una evidente provocazione come aveva ben capito il buon Numizmo. So bene quali erano i confini dell'impero Romano e il fatto che il maggiore mercato per le monete romane sia quello americano dovrebbe farci riflettere.

Link to comment
Share on other sites


non si rendono conto con questo sistema italiano alimenta solo la parte criminale con conseguenza fuoriuscita delle monete in altri continenti e danneggia veramente chi vorrebbe studiare la loro storia o chi e' veramente appassionato di questo patrimonio nazionale .marcantonio.

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Io mi domando:ma si fanno ritrovamenti legali di questo genere,in Italia?Ho l'impressione che gli ultimi risalgano a parecchi anni fa...Probabilmente una risposta c'e':in quei luoghi remoti dell'impero,nelle provincie limitrofe ai confini dell'Impero,le invasioni barbariche provocarono scovolgimenti repentini che portarono molti cittadini al tentativo di nascondere tutto.In Italia le invasioni ci sono state,eccome,ma ,forse gia' tutto e' stato scoperto nel passato...Un grosso ritrovamento di solidi (oltre 100) fu fatto negli anni '70 nel comune di Tarquinia,che ebbe la gentile visita di Alarico nel 408,sono esposti al Museo locale.Furono scoperti durante la costruzione di un edificio privato e furono recuperati perche'ad un operaio,rompendo il contenitore in cui erano riposti,venne quasi un colpo per l'emozione e comincio' a gridare"oro,oro"!

Link to comment
Share on other sites


E infatti siamo alle solite. Se l'operaio, invece che gridare "oro, oro", si fosse tenuto l'oro, adesso non sapremmo nulla delle monete di Tarquinia, ma avremmo il mercato invaso da quelle monete. In Gran Bretagna questo non succede. L'operaio avrebbe consegnato le monete a una commissione. Entro l'anno successivo le monete sarebbero state catalogate e valutate. Il museo di Tarquinia avrebbe potuto avere le monete di suo interesse (pagandole quanto indicato dai periti) e le altre monete sarebbero state divise tra lo scopritore e il proprietario del fondo e messe legittimamente sul mercato. Così tutti avrebbero avuto il loro: gli studiosi avrebbero potuto studiare il sito del ritrovamento, il museo avrebbe avuto le monete di suo interesse, lo scopritore avrebbe avuto la sua soddisfazione e il proprietario del terreno non sarebbe stato bidonato. Ma, si sa, Londra è Londra....

In Italia le monete si trovano, eccome. A Roma ogni cantiere scopre monete. Ma se l'operaio urla "oro, oro", è la fine: arrivano i carabinieri che sequestrano le monete che finiscono in un qualche cassetto di un qualche moseo in attesa eterna che qualcuno le studi, il cantiere viene bloccato in attesa dei periti e intanto il costruttore moccola e gli operai perdono il lavoro. Risultato: dell monete non si sa nulla. Se l'operaio, invece, se le imbosca, le vende a qualche ricettatore e del ritrovamento e del sito gli studiosi non sapranno nulla e lui si farà qualche soldo e il cantiere andrà avanti. In conpenso giudici, polizia, guardia di finanza correranno alla ricerca di collezioni nella presunzione che siano tutte provenienti da ricettazione. Si sa, l'Italia è l' Italia...

Link to comment
Share on other sites


E infatti siamo alle solite. Se l'operaio, invece che gridare "oro, oro", si fosse tenuto l'oro, adesso non sapremmo nulla delle monete di Tarquinia, ma avremmo il mercato invaso da quelle monete. In Gran Bretagna questo non succede. L'operaio avrebbe consegnato le monete a una commissione. Entro l'anno successivo le monete sarebbero state catalogate e valutate. Il museo di Tarquinia avrebbe potuto avere le monete di suo interesse (pagandole quanto indicato dai periti) e le altre monete sarebbero state divise tra lo scopritore e il proprietario del fondo e messe legittimamente sul mercato. Così tutti avrebbero avuto il loro: gli studiosi avrebbero potuto studiare il sito del ritrovamento, il museo avrebbe avuto le monete di suo interesse, lo scopritore avrebbe avuto la sua soddisfazione e il proprietario del terreno non sarebbe stato bidonato. Ma, si sa, Londra è Londra....

In Italia le monete si trovano, eccome. A Roma ogni cantiere scopre monete. Ma se l'operaio urla "oro, oro", è la fine: arrivano i carabinieri che sequestrano le monete che finiscono in un qualche cassetto di un qualche moseo in attesa eterna che qualcuno le studi, il cantiere viene bloccato in attesa dei periti e intanto il costruttore moccola e gli operai perdono il lavoro. Risultato: dell monete non si sa nulla. Se l'operaio, invece, se le imbosca, le vende a qualche ricettatore e del ritrovamento e del sito gli studiosi non sapranno nulla e lui si farà qualche soldo e il cantiere andrà avanti. In conpenso giudici, polizia, guardia di finanza correranno alla ricerca di collezioni nella presunzione che siano tutte provenienti da ricettazione. Si sa, l'Italia è l' Italia...

Mi risulta che i 174 solidi di Gravisca siano stati rinvenuti nel corso di uno scavo di emergenza per la realizzazione di alcuni alberghi (o roba del genere)... uno scavo ufficiale, quindi, condotto dalla soprintendenza. Se l'operaio si fosse tenuto le monete si sarebbe presto ritrovato una bella denuncia!

e poi le monete sono tutte esposte nel museo archeologico di Tarquinia, uno dei più affascinanti e meglio allestiti nel lazio.

Edited by BiondoFlavio82
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.