Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
sestio

CHE FINE HANNO FATTO LE MONETE DI ROMOLO?

Risposte migliori

sestio

Dalle prime monete che sono state ritrovate della Lydia ad oggi c'è stata sempre un'impronta che identificava, se non la zecca, il sovranno o tiranno che era rappresentato o scritto nella leggenda. Svetonio narra nel suo libro 'la vita dei cesari' che Augusto grande appassionato d'arte, amatore dell'artigianato corinzio, regalava ai suoi amici monete dei Re e quadri. E'possibile che i Re Tarquini abbiano creato una zecca su imitazione etrusca creando la monetazione dei Re di Roma? Sono convinto che Roma non sia iniziata con una imitazione delle monete greche. Che sapete dirmi prima dei giani bifronte?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

minerva

Prima della monetazione con dei rilievi figurativi, nel contesto geografico romano, venivano utilizzati dei pezzi informi di metallo che valevano in base al peso e che noi oggi chiamiamo aeres rudi. Sarà successivamente a questa prima fase che poi troveremo, progressivamente, stampigliati nel metallo dei segni identificativi che con il passare del tempo diverranno sempre più articolati fino ad ottenere delle vere e proprie monete. Enrico :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

caiuspliniussecundus

Guarda nei manuali (monete romane repubblicane), troverai alcune risposte.

Comunque prima dell'aes grave si andava col rame a peso (aes rude), quindi metallo a peso da misurare ad ogni contrattazione con una stadera. Escludo che si sia arrivati a coniare moneta a Roma nel periodo regio, un periodo oltretutto anteriore alla nascita stessa della moneta in Lydia.

Comunque di quale imitazione stai parlando??? Non c'è monetazione più originale e bizzarra di quella fusa repubblicana!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sestio

Su un libro che ho delle monete repubblicane ho letto che roma prima di passare ai giani bifronte e alla coniazione delle varie famiglie c'è stato un periodo di coniazione d'influenza greca.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

minerva

Il libro avrà probabilmente trattato le fasi delle monete d'argento della Repubblica Romana ed avrà fatto riferimento alla litra ed al didramma che si ebbero quando Roma intensificò i suoi contatti economici e politici con la Campania. La storia della monetazione romana, però, è ben più antica ed è da ricercarsi nelle monete di bronzo che presentarono la testa di Giano bifronte ben prima che la stessa apparisse anche sulle monete d'argento. Enrico :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sestio

Più precisamente il libro di cui vi ho parlato è in spagnolo e il titolo LOS DENARIOS ROMANOS ANTERIORES A J.C. (edz. 1991)e parla appunto della classificazione dei denari repubblicani. E nel primo periodo vengono classificate monete d'imitazione greca dal 269 al 222. Scusatemi per la gaffe del giano bifronte che evidentemente risale aprima delle imitazioni greche, ma non avevo nessun volume che mi poteva aiutare, ma anzi se conoscete un libro anteriore all'imitazione greca vi prego di segnalarmelo così me lo sompro. Di tutte le letture classiche che ci sono state si parlavano di città non ancora scoperte vedi Titolivio nella Storia di Roma che principalmente nella prima decade parla di importanti centri delle popolazioni latine di cui non sono ancora stati ritrovati i resti oppure del mito di Troia che era più vicino alla leggenda che alla realtà. E' possibile secondo voi che le parole di Svetonio nel libro su Augusto abbia riportato una realtà che ancora non conosciamo oppure credete che a quel tempo si usavano altre forme di moneta?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

minerva

Un testo chiaro circa le varie fasi della monetazione romana è: G. Guido Belloni, La moneta Romana, Carocci. Esso offre un'analisi esaustiva ed utile ad ottenere un quadro d'insieme di un argomento articolato e complesso. Lo studio di tale testo sono certo che fornirà elementi utili anche ad orientarsi circa quello che scrive Svetonio ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sestio

ti ringrazio minerva mi informo e lo vado a comprare

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

minerva
ti ringrazio minerva mi informo e lo vado a comprare

Prego! :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

andreaebasta
Dalle prime monete che sono state ritrovate della Lydia ad oggi c'è stata sempre un'impronta che identificava, se non la zecca, il sovranno o tiranno che era rappresentato o scritto nella leggenda. Svetonio narra nel suo libro 'la vita dei cesari' che Augusto grande appassionato d'arte, amatore dell'artigianato corinzio, regalava ai suoi amici monete dei Re e quadri. E'possibile che i Re Tarquini abbiano creato una zecca su imitazione etrusca creando la monetazione dei Re di Roma? Sono convinto che Roma non sia iniziata con una imitazione delle monete greche. Che sapete dirmi prima dei giani bifronte?

senza dimenticare che quella di romolo é tutt'oggi una ricostruzione non confermata

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×