Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
jena

Prova Alluminio Buono Fiera Milano 1928

Risposte migliori

jena

Buona sera a tutti,cogliendo spunto da una chiacchierata fatta in chat prima,con l'amico niko,dove parlavamo dei buoni da 2 lire con la contromarca falce e martello,mi è venuto in mente che significato potrebbe avere la contromarca con la lettera "A" presente in alcuni degli esemplari di prova in alluminio della moneta oggetto della discussione.A me la "A" poteva far venire in mente il materiale ma poi niko mi ha detto di averla vista anche in alcuni esemplari in argento quindi non c'entrerebbe niente.

C'e' qualche amico del forum che ne sa di più a riguardo?

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

piergi00

Anche io inizialmente credevo che La A in incuso servisse per distinguere gli esemplari in alluminio da quelli in argento ; tuttavia la gran parte degli esemplari in alluminio visti non ha nessuna contromarca e poi la differenza di peso e' evidente.

p.s. prima o poi un esemplare in alluminio (senza contromarca) dovrebbe entrare in collezione

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

jena

Aggiungo foto per chi non avesse mai visto la contromarca di cui stiamo parlando.

post-9082-1234085773_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fior_di_conio

lo stabilimento milanese era solito apportare orrende contromarche alle monete durante le prove di coniazione, semplici lettere (A,B,C ecc) o numeri (1,2,3 ecc).

L'ipotesi più plausibile è che si volevano contraddistinguere appunto le prove prima della versione definitiva ad esempio:

pressione macchina x , risultato moneta contromarcata A

spessore tondello x, risultato moneta contromarcata B

materiale tondello x, risultato moneta contromarcata 3

per poi confrontare il risultato finale delle monete e decidere la migliore soluzione.

Alcuni ritengono che tutte le prove negli svariati metalli del 2 lire fiera (escluso coniazioni in argento e oro che non sono prove) siano postume, ma nessuno ha mai apportato dati oggettivi per avvalorare questa tesi, costoro ritengono che le varie contromarche siano solo delle "burle" apportate in fase di RI-coniazione.

è appurato che questi tondelli siano battuti col conio originale, in attesa di smentite con dati oggettivi certi, continuo a ritenere queste prove coeve al 1928

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

jena

Grazie mille per il chiarimento piu' che esaustivo!!! :rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

niko

ok, allora quatto quatto me ne vado come se nulla avessi detto...

Mi scuso con Jena.

(p.s. alla fine non l'ho trovato, presumo di aver sbagliato e aver preso un "Al" per un "Ag"...)

saluti,

N.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×