Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Vitus

Domanda

Risposte migliori

legionario

No perchè il magistrato monetario Q. Voconius Vitulus ha posto negli aurei la testa di Ottaviano (526/1 e 526/3) mentre nei denari c'è la testa di Cesare.

Questi sono i due denari:

526/2 - http://numismatica-classica.lamoneta.it/moneta/R-I2/35

526/4 - http://numismatica-classica.lamoneta.it/moneta/R-I2/36

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vitus

In realtà c'è una tipologia simile in argento. E' il n. 691 del catalogo Varesi, che però riporta nella descrizione, erroneamente, il ritratto di Cesare (invece è Ottaviano come anche facilmente riconoscibile dallo stesso disegno della moneta). Viene anche indicata come r2, ma francamente a questo punto penso che sia molto più rara. La legenda è divi f (senza iuli) e accanto al ritratto c'è un lituo. Al rovescio in aggiunta a q voconius vitulus è: q design SC.

Perciò forse vi è stata anche una emissione d'argento simile all'aureo, magari altrettanto o più rara dell'aureo e nel caso ancora più rara del varesi 691 presunto r2 (ma secondo me almeno r4).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

legionario

Il Varesi ha ripreso i disegni dal Babelon.

Per la n. 691 è corretta la descrizione e i riferimenti, è sbagliata invece la foto (è stato preso il disegno dell'aureo Voconia 4 - Cr. 526/3).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vitus

E INFATTI!!!! SO' FORTE EH?! ME LO DICO DA SOLO... Guardate che ho trovato...

Nel catalogo di Gennaro Riccio del 1836 (!!!! come al solito gli antichi sono meglio dei moderni...) oltre al Varesi 692 che corrisponde ai tuoi 526, e al 691, è segnato un denario identico all'aureo. Riccio valuta i denari r2 e l'aureo r3. Credo che tutte le valutazioni di rarità siano sballate, ma Riccio è più che giustificato. Se il Varesi 692 è r2, il 691 è almeno r3. Se l'aureo è r4 il denario corrispondente è almeno altrettanto raro se non di più.

http://books.google.it/books?id=xrdYAAAAMA...lt&resnum=3

Ma se alle domande che mi pongo me devo risponde da solo... voi che ce state a fa?

;-D (scherzo naturalmente)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vitus
Il Varesi ha ripreso i disegni dal Babelon.

Ecco... però ha fatto pure casino. Ho detto che gli antichi so' sempre mejo... nun c'è niente da fa... in Italia gli studi di antichità so' finiti nel '45... insieme all'ultimo dei cesari...

Grazie Legionario per l'aiuto. Credo che il Riccio abbia dissipato ogni dubbio. Sono contento perchè le mie deduzioni, suffragate dai miei modesti studi e un po' d'esperienza erano esatti. Sto quasi diventando uno studioso :D . E ringraziamo googlebooks e Gennaro Riccio... "Le monete delle antiche famiglie di Roma fino all' imperadore Augusto" 1836...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

legionario

..... non comprendo questa gioia..... :huh:

Il Babelon, il Grueber, il Sydenham, il Crawford non riportano questo "terzo denario" segnalato dal Riccio nel lontano 1836.

Qualche motivo ci sarà stato......

Basta che apri il Varesi alle prime pagine e troverai un elenco di monete non inserite perchè: non esiste - esiste? - falso - errata attribuzione.....

Anche il Crawford riporta un elenco di monete inesistenti, false, con errata lettura.......

Il Babelon (del 1885) riporta tra i testi di riferimento il Riccio, eppure non l'ha inserita nell'elenco.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

legionario

Queste sono le foto prese dal Babelon, in ordine sono:

denario 526/4

denario 526/2

aureo 526/1

aureo 526/3

post-4217-1239919617_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Arka

C'è un'altra ipotesi... forse Vitus possiede il denario in questione...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

legionario

Il Riccio nella seconda edizione del 1843 riporta ancora questo "denario con testa di Ottaviano" dandogli però una rarità inferiore rispetto alla precedente edizione; però continua a non riportare un disegno a differenza delle altre monete della Voconia

http://books.google.com/books?id=RTcGAAAAQ...hl=it#PPA240,M1

Già prima del Babelon comunque, il Cohen nel suo "Description historique des monnaies frappées sous l'Empire Romain" del 1880 non inserì questo denario con testa di Ottaviano.

- questa è la pagina dei denari con testa di Cesare (n. 45 e 46): http://www.virtualcohen.com/julius-caesar-9

- questa è la pagina della Voconia con solamente gli aurei con testa di Ottaviano (n. 546 e 547): http://www.virtualcohen.com/octavius-augustus-83

Andando a ritroso nel tempo ho trovato che anche Patin Carolus nel 1663 in "Familiae Romanae in Antiqvis Nvmismatibvs" riporta sotto la Voconia solamente i due denari con testa di Cesare: http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k51400b.zoom.f340

P.S. Nel vedere il Cohen noto che i disegni delle monete sono stati ripresi dal Babelon.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vitus
C'è un'altra ipotesi... forse Vitus possiede il denario in questione...

Che fai sfotti? B) :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vitus
..... non comprendo questa gioia..... :huh:

Il Babelon, il Grueber, il Sydenham, il Crawford non riportano questo "terzo denario" segnalato dal Riccio nel lontano 1836.

Qualche motivo ci sarà stato......

Basta che apri il Varesi alle prime pagine e troverai un elenco di monete non inserite perchè: non esiste - esiste? - falso - errata attribuzione.....

Anche il Crawford riporta un elenco di monete inesistenti, false, con errata lettura.......

Il Babelon (del 1885) riporta tra i testi di riferimento il Riccio, eppure non l'ha inserita nell'elenco.

Strano che una moneta sparisca nel nulla, o che Riccio se la sia inventata... a questo punto, se l'aureo ha solo 8 esemplari conosciuti, è possibile che il denario ne abbia ancora meno, e per qualche motivo Riccio ne abbia visto alcuno, deducendone che fossero più numerosi dell'aureo (come di solito avviene, ma non sempre!). Magari in 40 anni l'esemplare visto da Riccio tra gli anni '30 e '40 è andato perduto e dal Babelon in poi è stato perciò considerato un errore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa
Supporter
..... non comprendo questa gioia..... :huh:

Il Babelon, il Grueber, il Sydenham, il Crawford non riportano questo "terzo denario" segnalato dal Riccio nel lontano 1836.

Qualche motivo ci sarà stato......

Basta che apri il Varesi alle prime pagine e troverai un elenco di monete non inserite perchè: non esiste - esiste? - falso - errata attribuzione.....

Anche il Crawford riporta un elenco di monete inesistenti, false, con errata lettura.......

Il Babelon (del 1885) riporta tra i testi di riferimento il Riccio, eppure non l'ha inserita nell'elenco.

Strano che una moneta sparisca nel nulla, o che Riccio se la sia inventata... a questo punto, se l'aureo ha solo 8 esemplari conosciuti, è possibile che il denario ne abbia ancora meno, e per qualche motivo Riccio ne abbia visto alcuno, deducendone che fossero più numerosi dell'aureo (come di solito avviene, ma non sempre!). Magari in 40 anni l'esemplare visto da Riccio tra gli anni '30 e '40 è andato perduto e dal Babelon in poi è stato perciò considerato un errore.

La bella e interessante pubblicazione del Riccio riporta, purtroppo, anche diversi esemplari falsi o inventati.

E' il caso del famoso quadrilatero (AES Signatum) con la figura dl toro dsui due lati e i segni del valore

IIII corrispondenti a 4 assi). Questo esemplare e' un falso ottocentesco (purtroppo!) metrologicamente incongruo.

Con questo non voglio dire che il denario di Voconius Vitulus sia anch'esso un'invenzione ma solo metter in guardia che non tutto quello riportato deve essere preso come oro colato.

numa numa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Arka

La mia era una battuta..., ma è già capitato che monete sconosciute o descritte in passato e poi scomparse siano saltate fuori in epoca successiva. E comunque parlare dell'esistenza di una moneta basandosi solo su una segnalazione di un libro dell'ottocento è poco scientifico.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×