Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
renato

...a proposito di PROVE.....

Risposte migliori

renato

c3a85b7bca6b15707fdcb818a39fa800.jpg

489f92f59b4e4d6cf329c5444065cb95.jpg

Mi piacerebbe conoscere, la vostra opinione, sull'incisione, sul soggetto, conservazione a parte, sulla bellezza o meno di questa moneta non emessa.

Grazie a tutti :rolleyes:

Renato

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest utente3487

Più che moneta non emessa lo chiamerei saggio monetario, al limite un progetto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gufetto

A me il D/ piace tantissimo, il R/ non mi attira proprio.

Saluti,

Giuseppe.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gennydbmoney

il dritto non e'male ma'il rovescio sembra quello che si trova sui gettoni delle sale giochi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

toto

A me piace molto. Come è stato già detto: il D/ di più, ma (per l'epoca...) un po' anche il R/, con questo convivere di solchi sottili (quelli dei gettoni...) e di elementi floreali liberty. Questa incisione tipo mi affascina anche come conferma (testimonianza) dell'interesse della zecca verso i metalli duri. Chissà, magari oggi si direbbe: verso nuove leghe...

Il colore di questa prova d'incisione mi sembrerebbe però ancora quello del nichelio. Forse era il "caso di riferimento"... Hai provato a vedere se è attratta da una piccola calamita?

Un salutone,

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Andrea imperatore

Beh per quanto riguarda il materiale usato si tratta della lira prova tecnica del progetto in nichelio 975 /1000. Saluti Andrea

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

toto

Sì Andrea,

grazie. L'ho trovata sul Montenegro "Monete di Casa Savoia". Sempre in nichelio, altre 2 prove tecniche sul Buono da 2 lire nel 1922 riporteranno al R/ la stessa aquila del test di Renato. Il colore del nichelio è inconfondibile... Non c'è bisogno di calamite...

Un salutone,

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

piergi00
Sì Andrea,

grazie. L'ho trovata sul Montenegro "Monete di Casa Savoia". Sempre in nichelio, altre 2 prove tecniche sul Buono da 2 lire nel 1922 riporteranno al R/ la stessa aquila del test di Renato. Il colore del nichelio è inconfondibile... Non c'è bisogno di calamite...

Un salutone,

D/ piu' tradizionale con il volto di V.E.III

Leggermento meno raro in passato rispetto alla Lira

post-116-1245422045_thumb.jpg

post-116-1245422050_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest Ilmonetaio

A me piace molto.

Anche il liberty restilizzato.

Per essere quegli anni, trovo questo progetto molto "avanti".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
renato

Secondo me, questo progetto, chiedo scusa elledì per la mia imprecisione, rappresenta l'innovazione, la voglia di sperimentare...e anche ben riuscita, il D è estreamente bello ed elegante...i motivi liberty la rendono diversa da tutto quello che si è visto fino a quel momento...trovatemi un'altra moneta che abbia sperimentato quelle linee incise in precedenza e fino ai giorni nostri?

renato

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

niko

prova tecnica da 1 £

Ni 975/1000

26,5 mm

8 gr.

Zecca: Roma

Modelli ed Incisore: A. Motti

T/:

a. liscio

b. triangolare acuto

c. rettangolare piatto

Lanfranco Tav. XI no. 13.

Pag. 108 descritta al no. 139.

Simonetti pagg. 150, 267.

'Nel 1920 si decise di procedere al ritiro dalla circolazione dei buoni cartacei emessi durante la guerra, e di sostituirli con dei buoni metallici coniati in nichel puro. Dato però che la zecca aveva incontrato notevoli difficoltà durante la coniazione dei 20 centesimi di I tipo, si prevedeva che difficoltà ancor più gravi si sarebbero incontrate nel coniare una moneta di diametro maggiore. Queste prove preludono quindi alla emissione del buono da 1 lira di IV tipo, e vennero eseguite verso la metà del 1920.

Per risolvere il problema della durezza del metallo da coniare, su una superficie abbastanza vasta, si era in un primo tempo pensato di fare delle monete di tipo incuso, ottenute cioè con coni parzialmente in rilievo. I coni furono preparati dall'incisore A. Motti, e le prove tecniche diedero dei risultati talmente buoni da far temere, che, non essendovi difficoltà tecniche da superare, monete di questo tipo si sarebbero potute falsificare agevolmente. Si riscontrò infatti che era possibile trasportare l'impronta di una moneta di nichel, usandola come punzone riproduttore, su un conio di acciaio dolce riscaldato al rosso, il quale, dopo essere stato temperato, poteva servire per stampare monete false di tipo incuso. In base a questa constatazione venne abbandonato il progetto di coniare monete incuse sulle due faccie, si variarono i tipi, e si eseguirono le prove della lira IV tipo.'

Mont. 346, 347 o 348 a seconda del contorno [liscio, triangolare acuto o rettangolare piatto]; pagg. 262, 263.

Montenegro riporta come grado di rarità R3.

Abbasserei il giudizio a R2, non essendo questa tipologia particolarmente dura da trovare. Discorso diverso si potrebbe fare basandosi sul contorno.

Dallo stesso catalogo-prezziario:

'I modelli sono opera di Attilio Motti, incisore capo della Zecca. Si tratta di prove tecniche per progetti di monetazione in nichelio, per poter procedere al ritiro dalla circolazione di buoni cartacei emessi durante la guerra e sostituirli con dei buoni metallici coniati in nichelio puro'

per analogia mi ricorda il caso dei 20 lire 1936 'impero'.

meno comune del tipo postato da Pier.

concordo infine con voi sulla bellezza delle incisioni,vero capolavoro del valente Incisore Capo della R.Z.

saluti,

N.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

STEVE - O

Ragionando più ampiamente bisogna ammettere che lo stile liberty ha influenzato molto la coniazione delle monete dell'epoca ad esempio anche la serie cinquantenario segue da vicino lo stile....anche in Europa si hanno esempi degni di nota ! Comunque quella moneta è uno spettacolo!

Modificato da STEVE - O

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

niko

[vorrei allegare le 3 pagine del Lanfranco in cui si parla di questo progetto.

purtroppo il PdF pesa 1,54 MB e non ci riesco.

- il PdF è composto da 3 scansioni -]

qualcuno mi può aiutare?

Asta Varesi XXVI II parte - Coll. Piper -

1 lira 1920

2qi8apx.jpg

lotti:

755 T/ liscio Spl/FdC 500.000 - 500.000 £

756 T/ rigato triangolare acuto FdC 500.000 - 600.000 £

757 T/rigato rettangolare piatto FdC 500.000 - 600.000 £

saluti,

N.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×