Jump to content
IGNORED

Treboniano Gallo, sesterzio


cancun175
 Share

Recommended Posts

Scusate la lunga assenza dal forum che si protrarrà ancora per un mesetto: sono nel mezzo di un problematico trasloco. Intanto mi sono fatto un paio di regali che sottopongo alla vostra attenzione e al vostro giudizio.

Questa è la mia 21" moneta Boyd:

Trebonianus Gallus (A.D. 251-253), Brass Sestertius, Rome mint, 16.89g., laureate draped cuirassed bust of Gallus right, IMP CAES C VIBIVS TREBONIANVS GALLLVS AVG, rev., Concordia standing left, holding patera and double cornucopiae, CONCORDI AVGG, (RIC 105a; RCV 9666), very fine, dark chocolate patina, with a great provenance.

Provenance:

William C. Boyd Collection, Baldwin's Auctions (42), 26 September 2005.

Purchased by Boyd himself from Spink, December 1894.

post-7971-1246646070_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


perdonami cancun,ma mi potresti dire gentilmente chi fosse questo signor boyd?sto seguendo appassionatamento i tuoi acquisti e mi congratulo con te per la tua tenacia nel ricomporre la collezione del signor william.

Link to comment
Share on other sites


Era un eccentrico gentiluomo (nel senso di borghese ricco) inglese, cadetto di una famiglia di industriali. Appassionato di storia e non solo aveva messo su una gigantesca collezione di monete (dalla Grecia alle coloniali, persino qualche Savoia) e una collezione parallela di coleotteri, libri, statue e maschere etniche non facile da reperire in quei tempi (1840-1906) poco turistici. Le sue monete, alcune migliaia furono disperse dagli eredi in gran parte in una storica asta Baldwin nel 2005, ma qualcuna anche prima. W.C.Boyd aveva a sua volta ereditato una parte delle monete da suo zio, il rev Gaviller, morto cira nel 1880. Altre monete le acquistò via via dal dal numismatico Spinks di Londra (il negozio esiste ancora oggi), alle aste Sotheby's (alle quale non partecipò mai di persona, agendo per delega) o con acquisti occasionali da suoi conoscenti. Le monete di Boyd non sono eccezionali per conservazione e spesso neanche particolarmente rare. Ciò che era eccezionale era la collezione nella sua globalità. Per me, che non sono ricco, è impossibile ricostituirla. Ho così concentrato l'interesse sulle monete imperiali romane e piano piano faccio quello che posso, compatito o addirittura disapprovato dai più. Per ora ho 22 monete e il mio prossimo traguardo è 25. Poi chi vivrà vedrà. Comunque, visto che sei interessato, ti cerco una sua foto

Link to comment
Share on other sites


  • 2 weeks later...

:ph34r: ma significa che per comprare le monete devi aspettare che qualcuno le metta in asta!!!

E se uno ha una moneta boyd e non lo sà?

E se uno ha una moneta boyd lo sà ma ha perso il cartoncino anticato????

Certo deve darti delle soddisfazioni tremende, visto cosi sembra un delirio!!!

ps. ho sentito che comunque le monete col pedegree IMPORTANTI alla fine spuntano sempre un 30% in più se non il doppio!!! :D

Link to comment
Share on other sites


  • 2 weeks later...

Scusa, accendo ora il pc dopo tanto tempo e vedo il tuo intervento.Una cosa è la numismatica intesa come studio della moneta, un'altra cosa è lo studio delle collezioni. Certo è possibile avere una moneta appartenuta a un'importante collezione e non saperlo. E' più o meno come avere un quadro un tempo esposto agli Uffizi e non saperlo. Il quadro avrà comunque valore. Mancherà solo un pezzetto della sua storia. Al contrario se ho una moneta appartenuta a un'importante collezione e ho perso la prova, cercherò di ricostituirne altre. Per esempio, le monete Boyd sono passate per l'asta Baldwin 42 del 2005 e io mi sono procurato il catalogo, dotato di fotografie delle monete. Quanto al talloncino della collezione Boyd, non è "anticato" è proprio dell'epoca (tra il 1880 e il 1904). Se incappassi in un talloncino "anticato", cioè riprodotto, alzerei le antenne. Ciao

P.S.: l'appartenenza di una moneta a un'importante collezione ne alza certamente il prezzo. E non mette completamente al riparo dai falsi. Ma sapere che una moneta è stata valutata da un'importante collezionista che la comperò da Spinks, che ha fatto l'asta Sotheby's e poi anche quella Baldwin's un po' più di tranquillità la offre. E sapere che la moneta era conosciuta alla fine dell'Ottocento la rende certamente difendibile, se non dal maresciallo che la sequestra, dal giudice che la valuta in quanto conosciuta prima delle legge che regolamenta la materia in Italia

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.