Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
erman

conio stanco/debole

Risposte migliori

erman

chiedo lumi a quelli piu' esperti di me

cosa significa esattamente il termine e qual'e' la loro differenza? grazie a tutti, come al solito siete i piu' preziosi consiglieri

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

savoiardo
Supporter

conio stanco si usa di una moneta coniata con un conio già molto usurato in cui i rilievi non si "alzano" più molto a causa appunto dell'usura del conio...

conio debole invece viene detto quando la pressione di coniatura è stata appunto "debole" e quindi la sua impronta non ha "alzato" i rilievi.... o ha favorito più una parte della moneta che un'altra....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

elmetto2007

Ottima spiegazione savoiardo

Aggiungo solo che esiste un ulteriore difetto in fase di produzione della stessa "categoria", e cioè la c.d. schiacciatura.

Contrariamente alla debolezza di conio, essa consiste in una pressione troppo forte, che schiaccia sul tondello generando evanescenze o dettagli impastati.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mper

Fabrizio Casati nel suo volumetto "guida alla monetazione della repubblica italiana 1946-1988" definisce queste monete NDC ovvero nuove di conio.

cito da pag.17

"Moneta che non conserva più quelle caratteristiche tecniche ed artistiche che l'incisore avrebbe voluto far risaltare sul tondello; le figure si presentano appiattite pur non essendo mai state messe in circolazione".

Modificato da mper

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paolino67
conio stanco si usa di una moneta coniata con un conio già molto usurato in cui i rilievi non si "alzano" più molto a causa appunto dell'usura del conio...

In realtà è improprio parlare di "usura" del conio, visto che il conio è in incuso e non in rilievo. il conio stanco si presenta quindi quando gli incusi si sporcano, riempendosi di sporcizia e residui metallici lasciati dalle varie monete coniate.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

savoiardo
Supporter
conio stanco si usa di una moneta coniata con un conio già molto usurato in cui i rilievi non si "alzano" più molto a causa appunto dell'usura del conio...

In realtà è improprio parlare di "usura" del conio, visto che il conio è in incuso e non in rilievo. il conio stanco si presenta quindi quando gli incusi si sporcano, riempendosi di sporcizia e residui metallici lasciati dalle varie monete coniate.

hai ragione paolino..... l'usura del conio poteva portarlo a incrinature o spaccature, mentre la nitidezza veniva persa per il riempimento dei vuoti.... però in alcune monete è stato comunque riscontrato che il cattivo recupero di un conio "stanco" e quindi non più in grado di coniare con ottimi rilievi portava a coniare monete con bassi rilievi e imprecisioni....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

savoiardo
Supporter
Ottima spiegazione savoiardo

Aggiungo solo che esiste un ulteriore difetto in fase di produzione della stessa "categoria", e cioè la c.d. schiacciatura.

Contrariamente alla debolezza di conio, essa consiste in una pressione troppo forte, che schiaccia sul tondello generando evanescenze o dettagli impastati.

cosa intendi per c.d.???

conio debole schiacciatura??? non ho capito....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

elmetto2007
Ottima spiegazione savoiardo

Aggiungo solo che esiste un ulteriore difetto in fase di produzione della stessa "categoria", e cioè la c.d. schiacciatura.

Contrariamente alla debolezza di conio, essa consiste in una pressione troppo forte, che schiaccia sul tondello generando evanescenze o dettagli impastati.

cosa intendi per c.d.???

conio debole schiacciatura??? non ho capito....

no, semplicemente così detto abbreviato :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×