Jump to content
IGNORED

Strana Patina Rossa


Nemesis82
 Share

Recommended Posts

Salve.

Ieri, sfogliando il mio album di monete, mi sono accorto che alcune presentavano sintomi di cancro del bronzo.

Tra queste c'era una moneta, di Maximinus.

Ho immerso tutte le monete in acqua piovana, che, da quel che so, è acqua distillata.

Già dopo qualche ora notavo qualcosa di strano, ieri sera, prima di andare a letto, ecco come si era trasformata la moneta di Massiminopost-12923-1254222464,25_thumb.jpg post-12923-1254222475,67_thumb.jpg

Mentre al momento dell' acquisto era così post-12923-1254222622,18_thumb.jpgpost-12923-1254222634,67_thumb.jpg

Le altre monete, immerse nella stessa acqua, non hanno dato nessun problema, e anzi, in una di Aureliano, il cancro sembra stia sparendo.

La patina rossa non mi dispiace, ma cosa può essere? E soprattutto, è meglio che tolga la moneta dall' acqua?

Grazie.

Link to comment
Share on other sites


reazione chimica dovuta all'acidita dell'acqua piovana probabilmente

L'acqua piovana è praticamente acqua de-ionizzata a meno che non sia stata inquinata in qualche modo durante la raccolta. L'acqua distillata a causa della presenza dll'anidride carbonica in atmosfera sviluppa un pH leggermente acido 6/6.5 ma non penso sia quello il problema. La patina rossa per altro è cuprite e non credo si formi in poche ore...

Link to comment
Share on other sites


Non so come sia potuto succedere.

Tralaltro era acqua piovana raccolta dopo giorni di piogge, quindi doveva essere un po' più pulita, inoltre io sto fuori città, anche se so che le nuvole si spostano.

La cosa strana è che alle altre monete non è accaduto nulla, e soprattutto che questa patina si è formata in un paio di ore al massimo, di questo sono sicuro.

Link to comment
Share on other sites


A meno che non vivi sul monte Bianco, l'acqua piovana è inquinata, contiene ioni di Cloro, Zolfo e altri reagenti, pertanto può reagire con il bronzo antico.

(pensandoci bene, anche se vivi sul monte bianco...)

Link to comment
Share on other sites


Dalle tue foto sinceramente non riesco a capire se si tratta di uno strato esterno creatosi sulla patina sottostante oppure se la moneta abbia perso una sorta di colorazione superficiale data sulla moneta originale per camuffare in un certo modo delle estese mancanze di patina...

In ogni caso una moneta non dovrebbe mai rimanere a bagno e, soprattutto, insieme con altre monete, per lungo tempo.

Andrebbero di tanto in tanto spazzolate e l'acqua sostiuita. questo perchè, supponiamo che le monete siano ricche di sali in origine; questi sali vengono lentamente rilasciati nell'acqua demineralizzata e tendono a depositarsi sul fondo o, come forse nel tuo caso, su un'altra moneta. Ecco che può accadere di ottenere una moneta che presenta un nuovo strato molto sottile e spesso poco gradevole.

Se questo è quel che è accaduto alla tua moneta potresti provare a isolarla immergendola in un suo contenitore, nuovo e pulito, con acqua demineralizzata e del bicarbonato (ricopri la moneta), lasciala a bagno per circa 15-20 minuti, poi estraila e, ancora bagnata, spazzolala (spazzolino a setole morbide) da entrambi i lati. Se i risultati sono buoni ripeti fino ad avere ottenuto il risultato migliore.

Sarebbe opportuno però, pe rcapire con esattezza cosa può essere accaduto, avere delle foto migliori.

Link to comment
Share on other sites


... la moneta abbia perso una sorta di colorazione superficiale data sulla moneta originale per camuffare in un certo modo delle estese mancanze di patina...

Sarebbe opportuno però, pe rcapire con esattezza cosa può essere accaduto, avere delle foto migliori.

io ci scommetterei anche parecchio

Link to comment
Share on other sites


Non vorrei dire una panzana ma lei è sicuro che la moneta da lei acquistata avesse una patina originale?

Ho il dubbio che la moneta sia stata ripatinata per renderla più gradevole , e una volta venuto via il verde sia rimasta la cuprite e parti spatinate,

Magari è solo una mia impressone....saluti

Link to comment
Share on other sites


potrebbe essere, ma la serietà del venditore (Lanz) dovrebbe farmi pensare diversamente.

A me la patina rossa non dispiace, purchè non rovini la moneta.

Se è spatinata non so però cosa dovrei fare...

Link to comment
Share on other sites


effettivamente così non è malaccio.

Avevo però già provato la soluzione del bicarbonato, il risultato adesso è questopost-12923-1254245443,92_thumb.jpgpost-12923-1254245472,03_thumb.jpg

Non è male, certo, la patina rosso acceso mi intrigava di più, ma non credo di poter ottenere di meglio

la foto non rende bene,b purtroppo senza luce del sole vengono peggio

Link to comment
Share on other sites


Mi dispiace disilluderti ma proprio Lanz ha postato monete chiaramente ritoccate con patina artificiale, guarda che moltissimi venditori ripatinano le monete per ritoccarle e migliorare lo stato di classificazione.

Non ti sei mai chiesto come mai a volte il colore della patina è caratteristico di quel venditore un altro colore dell'altro?

Non sto parlando dei falsi pacchiani di Ebay ma di venditori accreditati al Veronafil (anche esteri)

Dato che la patina si forma in particolari codizioni chimico fisiche del seppellimento del tesoretto come è possibile che nel tesoretto siano presenti monete di Graziano, Diocleziano, Filippo l'arabo, Vespasiano e Claudio con lo stesso tipo di patina?

Chi aveva sepolto il tesoretto doveva essere un appassionato di numismatica Romano????????????

La patina artificiale se ne è andata almeno adesso hai una moneta autentica e non falsamente ritoccata!

Edited by teodato
Link to comment
Share on other sites


A me la moneta con il colorito rosso acceso originale piaceva.

In effetti mi ero chiesto il perchè di certe patine uguali, ma diverse da venditore a venditore

Ho provato il trattamento col bicarbonato, e spazzolando il colore si è spento.

Ora, io non ho ben capito se la patina originale fosse quella rosso acceso che aveva prima e che è spuntata dopo un paio d'ore a mollo in acqua piovana, o quella più spenta di adesso.

è possibile in qualche modo che la patina rossa si ricrei?

Sto parlando del rosso della prima foto

Link to comment
Share on other sites


[come è possibile che nel tesoretto siano presenti monete di Graziano, Diocleziano, Filippo l'arabo, Vespasiano e Claudio con lo stesso tipo di patina?

Chi aveva sepolto il tesoretto doveva essere un appassionato di numismatica Romano????????????

questa non la sapevo teodato, ma nei tesoretti trovati in genere, c'erano anche monete di secoli prima???per quale motivo, per collezione forse,questa non l'ho mai capita potete spiegarmi ?

Link to comment
Share on other sites


Scusa si trattava chiaramente di una battuta! con i problemi che aveva chi nascondeva i tesoretti in fretta e furia, specie nel III-IV-V secolo , avrebbe pensato a tutto tranne che collezionare monete! (sopratutto salvare la ghirba!)

Link to comment
Share on other sites


Dalle foto (quelle belle) postate confermo la mia opinione riguardo allo strato di sedimenti depositatisi sulla moneta a seguito dell'immersione in acqua per lungo tempo e insieme ad altre monete. E in effetti se la soluzione con il bicarbonato è riuscita ad eliminarla vuol solo dire che si trattava di uno strato fresco e molto superficiale.

Vorrei ricordare inoltre che se una moneta viene immersa quando ha sulla sua superficie ancora un velo di terra che le da un aspetto "infarinato", una successiva e prolungata immersione, potrebbe eliminare "l'infarinatura" mostrando alla fine un colore molto diverso, magari più lucente o magari più scuro. Questo per dire che non necessariamente la moneta in origine aveva subito una ripatinatura, se poi aggiungiamo che la moneta non è rara e non è in splendide condizioni, trovo strano che gli si sia dedicato del tempo per una ripatinatura superficiale.... senza escludere però che comunque tutto è possibile.

Link to comment
Share on other sites


Per rispondere ad un quesito emerso prima, secondo me una patina naturale rossa (cuprite) o verde (malachite) non si fa minimamente alterare da blandi interventi di pulizia come quelli descritti. Ci vuole ben altro.

Per eliminare interventi di "restauro" si può provare a pulire la moneta con sostenza alcoliche, che dovrebbero fungere da solvente per grossolani tentativi di coloritura (Numizmo consigliò a suo tempo l'alcool isopropilico)

Link to comment
Share on other sites


Alla fine l'ho asciugata e rimessa nell' album, anche se, visto che mi ha fatto spuntare il cancro del bronzo a 3 monete nel giro di un paio di mesi non so se sia la soluzione ideale per conservarle, seppur di modesto valore.

la patina rossa è andata via, ma la moneta adesso ha un colore diverso.

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.