Jump to content
IGNORED

5 Lire (Torino) Carlo Felice 1828


piergi00
 Share

Recommended Posts

La scorsa settimana sono riuscito ad aggiungere alla mia collezione sabauda questo scudo , secondo me, in conservazione simile al precedente 1827 Genova

In attesa del suo arrivo e di giudicarlo dal vivo vi propongo le sue foto

5 Lire (Torino) Carlo Felice 1828

D/ CAR FELIX D G REX SAR CYP ET IER Testa nuda a destra , nel taglio del collo A.LAVY , in basso data 1828

R/ DVX SAB GENVAE ET MONTISF PRINC PED & Scudo a cuore coronato ed inquartato con il collare dell' annunziata , tra due rami di quercia ; in basso il valore L. 5 tra segni di zecca

T/ FERT FERT FERT in incuso tra nodi e rosette

Argento 900 , diametro 37 mm. , peso gr. 25 ,seconda classe , 252.626 unita', Incisore Amedeo Lavy

Regia patente 3 dicembre 1821, manifesto camerale n.1263 14 dicembre 1821

Gigante n.48 ,Mir Savoia n.1035m

post-116-1255956816,18_thumb.jpg

post-116-1255956825,84_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


Per me siamo intorno allo SPL/SPL+ ma preferisco aspettare le le nuove foto.

D/ CAR FELIX D G REX SAR CYP ET IER Testa nuda a destra , nel taglio del collo A.LAVY , in basso data 1827

è 1828 :)

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Bello veramente. A parte eventuali sorprese sorprese sul bordo (é una macchiolina a ore 5 ?) direi proprio splendido, almeno.

Link to comment
Share on other sites


Osservando altre foto confermo un leggero segno al bordo ad ore 5 , mentre non e' presente un colpo sotto la data al D/

Proprio per tal motivo , il perito ha chiuso lo scudo come qSPL

Link to comment
Share on other sites


Moneta arrivata , dal vivo conferma le premesse viste in foto , per di piu' il R/ e' migliore di quello che avevo giudicato

Del tutto soddisfatto :rolleyes:

Link to comment
Share on other sites


Moneta arrivata , dal vivo conferma le premesse viste in foto , per di piu' il R/ e' migliore di quello che avevo giudicato

Del tutto soddisfatto :rolleyes:

Volevo chiederti .....io ho anche quella di Genova nelle stesse condizioni ...ma come mai nelle quotazioni nonostante quella di Torino sia stata prodotta 252.626 esemplari contro il1.149.352 di Genova il prezzo è quasi uguale...grazie.

Link to comment
Share on other sites


Effettivamente in questa conservazione il valore e' abbastanza simile 10/20 euro in piu' a favore di quello torinese

Il numero dei pezzi coniati , che comunque va preso con le dovute riserve, non e' solo l' unico elemento ad influire sulle quotazioni di mercato

Non e' detto che tutti gli scudi coniati anche se in gran numero come quelli di Genova nel nostro caso siano effettivamente disponibili e arrivati ai giorni nostri

A volte la tiratura prevista non e' poi stata rispettata

Per esempio potrebbe essere essere stati , in gran parte ,ritirati e distrutti piu' di quelli di una altra zecca e data

Oppure utilizzati all' epoca per pagamenti ad altri stati e quindi fusi per coniare nuova moneta o ancora , per assurdo , dimenticati in caveau o nelle casseforti di qualche banca estera pronti per fare la felicita' dei futuri collezionisti

Altri aspetti da considerare sono la reale disponibilita' nelle mani dei commercianti(offerta)di questi esemplari , probabilmente in buon numero per entrambe le zecche come pure la domanda da parte di noi collezionisti

Link to comment
Share on other sites


Effettivamente in questa conservazione il valore e' abbastanza simile 10/20 euro in piu' a favore di quello torinese

Il numero dei pezzi coniati , che comunque va preso con le dovute riserve, non e' solo l' unico elemento ad influire sulle quotazioni di mercato

Non e' detto che tutti gli scudi coniati anche se in gran numero come quelli di Genova nel nostro caso siano effettivamente disponibili e arrivati ai giorni nostri

A volte la tiratura prevista non e' poi stata rispettata

Per esempio potrebbe essere essere stati , in gran parte ,ritirati e distrutti piu' di quelli di una altra zecca e data

Oppure utilizzati all' epoca per pagamenti ad altri stati e quindi fusi per coniare nuova moneta o ancora , per assurdo , dimenticati in caveau o nelle casseforti di qualche banca estera pronti per fare la felicita' dei futuri collezionisti

Altri aspetti da considerare sono la reale disponibilita' nelle mani dei commercianti(offerta)di questi esemplari , probabilmente in buon numero per entrambe le zecche come pure la domanda da parte di noi collezionisti

Quindi avvalorando il tuo discorso(certo in termini rovesciati)la storia si potrebbe essere ripetuta qualche tempo dopo con le 5 lire dell'11 e del 14 ciao e grazie.

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.