Jump to content
IGNORED

Kampen, 28 Stuiver 1618. Un particolare.


Mirko
 Share

Recommended Posts

Ecco una delle "prede" di sabato al Convegno Numismatico di Pisa.

Stavolta l'identificazione non presenta nessuna difficoltà :pardon:.... quindi la lascio a voi. (che carogna! :crazy: )

Una volta identificata correttamente provvederò a cambiare il titolo della discussione per "futura memoria" ;)

Passato questo primo scalino, vi chiedo se anche voi vedete la particolarità che vedo io (e che ho notato solo a casa... che abbia sviluppato un sesto senso?) :blink:

p.s. avevo postato sul forum tedesco, ovviamente in maniera più "seriosa".... ma non ho ricevuto nessuna risposta. Vediamo se i lamonetiani sono "più bravi!"e mi possono aiutare con i loro cataloghi e le loro conoscenze.

post-46-1255981028,64_thumb.jpg

post-46-1255981034,65_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


A me questo assomiglia alle 1618 28-stuiver parti da Kampen nei Paesi Bassi.

:) v.

------------------------------

To me this looks like a 1618 28-stuiver piece from Kampen in the Netherlands.

:) v.

Link to comment
Share on other sites


Giusto! Titolo discussione modificato ;)

Nel 1618, all'inizio della Guerra dei Trent'anni, Kampen (e i Paesi Bassi) appartenevano ancora al SRI, come si evince dalla legenda, che riporta i titoli di Mattia, Imperatore del SRI.

Adesso resta la seconda questione, più intrigante.

anche voi vedete la particolarità che vedo io (e che ho notato solo a casa... che abbia sviluppato un sesto senso?)
Link to comment
Share on other sites


Caro Avgvstvs hai colto nel segno.

Anche io ho guardato nei cataloghi di aste in mio possesso e sull'ormai "ridotto" coinarchives. La variante con la G piccola non l'ho mai trovata.

Con questo non voglio dire che sia una variante "sconosciuta", ci vorrebbe qualcuno con letteratura migliore della mia (es. il Delmonte) o con più cataloghi d'asta.

Link to comment
Share on other sites


Un gioco piccolo divertente e istruttivo. Desidero che ero stato sveglio fare la parte 2! Grazie,

:) v.

----------------------------------------------------------------

An enjoyable, instructive little game. I wish I had been awake to play part 2! Thanks,

:) v.

Link to comment
Share on other sites


mi permetto di dire la mia

queste monete che tu hai giustamente segnalato sono state battute all inizio della guerra dei 30 anni

sono monete che sono state battute in grandi quantita per finanziare la guerra e inoltre venivano battute a meno dell intrinseco , questa e .584 argento se non sbaglio

nel 1680 o 1690 in olanda sono state ribattute perche nessuno le voleva piu proprio per l intrinseco

per cui primo punto e che sono abbastanza comuni

secondo punto su tutte le monete che conosco io del periodo e soprattutto olandesi la legenda varia spesso , prendi per esempio i liondaalder o rijksdaalder del periodo , ci sono un infinita di combinazioni di leggende , per esempio alcune anno GEL , altre GELR , alcune TRANS altre TRANSI , HOL HOLL , HOLLA e cosi via

non leggerei molto nel fatto che ci sia la G piccola pero devo ammettere che cosi non l ho mai vista (o almeno mai notata)

Link to comment
Share on other sites


nel 1680 o 1690 in olanda sono state ribattute perche nessuno le voleva piu proprio per l intrinseco

Pensavo fosse per dare corso legale nei Paesi Bassi / Olanda (territorio questi fuori del SRI) ad una moneta come questa in cui l'autorità è dell'Imperatore... ma - ripeto - è un mio parere non supportato da nessun testo.

Con la Pace di Westfalia, dopo la Guerra dei Trent'anni, le Provincie Unite diventano indipendenti (e con esse città Imperiali come Kampen che si staccano dal SRI).

Se poi la moneta in mio possesso è rara o variante "inedita" non saprei dirlo, e appunto mi appoggiavo agli amici del forum per scoprirne qualcosa di più, visto che a) sul forum tedesco non ho ricevuto nessuna risposta e B) il forum olandese ancora non mi ha confermato l'accesso :D :D :D

In questo caso oltre alla conoscenza diretta fa comodo anche avere qualche testo in più (cataloghi o manuali).

Il conio di questa moneta, inoltre, come quelle di Emden e di Zwolle, soffre di particolari debolezze, forse perché furono coniate al martello??? (Anche di questo mi piacerebbe avere conferme).

Quante domande!

Link to comment
Share on other sites


non e che sono debolezze del catalogo , e che siccome sono state coniante tante monete e tutte queste monete hanno particolari diversi i cataloghi non le riportano perche non sarebbe pratico

e poi per quello che ne so nessuno da molta importanza alle varianti di legenda o colleziona queste monete per varianti

detto questo concordo con te che forse sarebbe il caso di vedere le varie varianti , perche a quel che so io nessuno ha un idea , non solo della tua ma anche del resto delle varie monete olandesi coniate nel periodo

ciao

Link to comment
Share on other sites


diversi i cataloghi non le riportano perche non sarebbe pratico

Dipende dai cataloghi. Ad esempio lo Schrotter (per il Brandeburgo) indica chiaramente tutte le varianti (conosciute) nella legenda e nella punteggiatura. Anche altri cataloghi lo fanno. Lo stesso il Welter per il Braunschweig ecc. ecc.

Mi chiedevo, infatti, se esisteva qualcosa del genere anche per l'Olanda (a me basterebbero le città ex SRI....).

Link to comment
Share on other sites


Che ti pare di questo

H.E. van Gelder, M. Hoc: Les monnaies des Pays-Bas bourguignons et espagnols 1434-1713. Amsterdam 1960.

Potrebbe fare al caso tuo?

Link to comment
Share on other sites


Ho preso il riferimento dalla bilbiografia della collezione de Wit, che copre fino agli inizi del 1500 ma ovviamente alcuni testi sono più generali. Sull'Overijssel sono citati due autori: J. Fortuyn Drooglever (recente) e P.O. van de Chijs (dell'ottocento). Se vuoi approfondire puoi scaricarti i file dal sito di Kuenker, l'asta rilevante è la 121 del marzo 2007. Purtroppo non ho altre fonti :(

Link to comment
Share on other sites


Grazie Paleologo.

Il riferimento più usato è il Delmonte, De Zilveren Benelux / the Silver Benelux / Le Benelux D Argent, 1967.

Chissà però se riporta tutte le singole varianti anche della legenda....

Link to comment
Share on other sites


Delmonte cataloga questa moneta come fiorino da 28 stuviers al numero 1113 del suo libro

D FLO® ARG CIV(I) IMP CAMPE(N)

R MATTH I D G ROM IMP SEM AUG(U)

La data del 1618 viene classificata come comune

Non si accenna alla particolarità dell AUg.

Link to comment
Share on other sites


Grazie Luigi era una delle risposte che cercavo!

Infatti ho visto alcune foto con AVG e AVGV ma sempre con le lettere della stessa "altezza".

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.