Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
eg1979

Gibbon

Recommended Posts

Newton
Affascinante e ricco di notizie e informazioni. La tesi che propone è un po' datata, secondo lui (ma considera che il libro è stato scritto nel '700) la caduta dell'impero romano è attribuibile al cambio di prospettive in conseguenza dell'avvento del cristianesimo. Secondo me (IMHO) le cause sono più profonde, l'impero è caduto sotto il suo stesso peso.

L'avvento del cristianesimo è solo la logica conseguenza della perdita di un sistema di valori che era già avvenuta da tempo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Romanlord
Puo' essere interessante per gli appassionati di Storia romana stilare una tabella tra la situazione di allora e quella attuale.

Cito solo un paio di punti meritevoli di riflessione :

- Il calo demografico del mondo civilizzato;
- La pressione alle frontiere di popoli 'giovani';
- La progressiva mancanza di Fede nella Religione standard;
- Il confronto con una Religione Militante e Integralista.



Meditate, gente, meditate.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Michele2198
L'ho letto un bel po' di tempo fa, bello e affascinante.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Newton
[quote name='Romanlord' date='12 ottobre 2005, 12:28']Puo' essere interessante per gli appassionati di Storia romana stilare una tabella tra la situazione di allora e quella attuale.

Cito solo un paio di punti meritevoli di riflessione :

- Il calo demografico del mondo civilizzato;
- La pressione alle frontiere di popoli 'giovani';
- La progressiva mancanza di Fede nella Religione standard;
- Il confronto con una Religione Militante e Integralista.



Meditate, gente, meditate.
[right][snapback]58060[/snapback][/right]
[/quote]

Verissimo, quoto con convinzione. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Newton
Aggiungo che, secondo me, (IMHO) la chiesa cattolica è ancora militante e a volte anche integralista, ma su problemi tutto sommato non cruciali in questo momento storico.

Share this post


Link to post
Share on other sites

eg1979
[quote name='Newton' date='12 ottobre 2005, 14:24']Aggiungo che, secondo me, (IMHO) la chiesa cattolica è ancora militante e a volte anche integralista, ma su problemi tutto sommato non cruciali in questo momento storico.
[right][snapback]58099[/snapback][/right]
[/quote]

non volevo arrivare a questo discorso. cercavo solo un parere sul libro da parte di chi l'ha letto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Newton
Certo, ma se lo leggerai, vedrai che non potrai fare a meno di porti il problema di come l'impero romano sia arrivato a fare quella fine e di come le analogie col nostro momento storico siano davvero tante e preoccupanti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Romanlord
Premesso che del Gibbon esistono delle riduzioni in un solo volume (originariamente erano diversi) per cui sarebbe interessante sapere a quale delle due edizioni ti riferisci.

Secondo me ha molte notizie ma diverse teorie sono state superate da studi piu' recenti.

La visione dei barbari ed alcune visioni sulla politica di diversi imperatori li trovo ormai decisamente obsolete.

Anche l'italiano e' a volte desueto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

fontus
E' un bel libro,per approcciarti alla tipologia ti consiglio "La caduta dell'impero romano d'Occidente" che nn è altro che un estratto del più vasto "Storia della decadenza e caduta dell'impero romano" (esattamente le pagg.1046-1326).Alcune delle teorie che propone sono oramai datate,anche perchè gli storici tendono adesso ad attribuire sempre maggior peso agli aspetti economici che nn a quelli sociali/religiosi,in + considera che l'autore,appunto della seconda metà del 1700,nn era un cattedratico (neanche dell'epoca,del resto nn bisogna stupirsene,era inglese e l'insegnamento universitario in gran bretagna nel passato era assai differente da quello continentale)) e alcune tesi sono opinabili.Se cerchi una lettura maggiormente scientifica ti posso consigliare altro,se invece vuoi una lettura + scorrevole,ricca di fatti e retroscena tanto affascinanti quanto "storicamente dubbi" (magari sarai poi tu a "scremare" il vero dal verosimile) questo va benissimo.Ciao!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Newton
Notiziola di cronaca: l'opera di Gibbon ispirò Isaac Asimov per il suo famoso ciclo della Fondazione. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

eg1979
[quote name='Romanlord' date='12 ottobre 2005, 16:19']Premesso che del Gibbon esistono delle riduzioni in un solo volume (originariamente erano diversi) per cui sarebbe interessante sapere a quale delle due edizioni ti riferisci.

Secondo me ha molte notizie ma diverse teorie sono state superate da studi piu' recenti.

La visione dei barbari ed alcune visioni sulla politica di diversi imperatori li trovo ormai decisamente obsolete.

Anche l'italiano e' a volte desueto.
[right][snapback]58140[/snapback][/right]
[/quote]

Mi riferivo all'edizione in un solo volume uscita per gli Oscar Storia Mondadori

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giovenaledavetralla
NOn è male come libro ma ce ne sono di migliori.

Share this post


Link to post
Share on other sites

eg1979
[quote name='Giovenaledavetralla' date='12 ottobre 2005, 19:43']NOn è male come libro ma ce ne sono di migliori.
[right][snapback]58220[/snapback][/right]
[/quote]
tipo?
io ora sto leggendo la Grande storia di Roma scritto da Antonio Spinosa

Share this post


Link to post
Share on other sites

Paleologo
Io lo sto leggendo on line nell'edizione completa in inglese e lo trovo imperdibile :)

Certo è stato scritto nel 1700, molte notizie e teorie sono obsolete, molte affermazioni sono discutibili (per esempio è di una misoginia tremenda), però rimane sempre un classico della storiografia!

Quanto poi a fare un confronto tra l'Europa di oggi e l'Impero Romano di allora, andiamoci cauti:

1) l'Europa di oggi NON è l'Impero Romano di allora :)

2) dei "barbari alle porte" oggi noi conosciamo tutto (o potremmo conoscere, se solo volessimo), allora quei popoli arrivavano in massa comparendo praticamente dal nulla, una specie di invasione aliena :o

Quindi piano con i paragoni un po' azzardati ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Paleologo
[quote name='eg1979' date='12 ottobre 2005, 19:52']io ora sto leggendo la Grande storia di Roma scritto da Antonio Spinosa
[right][snapback]58228[/snapback][/right]
[/quote]
Carino, scritto bene ma per i miei gusti un po' superficiale :) Edited by Paleologo

Share this post


Link to post
Share on other sites

eg1979
[quote name='Paleologo' date='13 ottobre 2005, 16:27']Io lo sto leggendo on line nell'edizione completa in inglese e lo trovo imperdibile :)

Certo è stato scritto nel 1700, molte notizie e teorie sono obsolete, molte affermazioni sono discutibili (per esempio è di una misoginia tremenda), però rimane sempre un classico della storiografia!

Quanto poi a fare un confronto tra l'Europa di oggi e l'Impero Romano di allora, andiamoci cauti:

1) l'Europa di oggi NON è l'Impero Romano di allora  :)

2) dei "barbari alle porte" oggi noi conosciamo tutto (o potremmo conoscere, se solo volessimo), allora quei popoli arrivavano in massa comparendo praticamente dal nulla, una specie di invasione aliena  :o

Quindi piano con i paragoni un po' azzardati  ;)
[right][snapback]58548[/snapback][/right]
[/quote]

condivido le tue frasi

Share this post


Link to post
Share on other sites

eg1979
[quote name='Paleologo' date='13 ottobre 2005, 16:29'][quote name='eg1979' date='12 ottobre 2005, 19:52']io ora sto leggendo la Grande storia di Roma scritto da Antonio Spinosa
[right][snapback]58228[/snapback][/right]
[/quote]
Carino, scritto bene ma per i miei gusti un po' superficiale :)
[right][snapback]58551[/snapback][/right]
[/quote]

giusto per avere un'infarinatura generale

Share this post


Link to post
Share on other sites

Newton
[quote name='Paleologo' date='13 ottobre 2005, 16:29'][quote name='eg1979' date='12 ottobre 2005, 19:52']io ora sto leggendo la Grande storia di Roma scritto da Antonio Spinosa
[right][snapback]58228[/snapback][/right]
[/quote]
Carino, scritto bene ma per i miei gusti un po' superficiale :)
[right][snapback]58551[/snapback][/right]
[/quote]

L'ho letto anch'io, e posso dire lo stesso: carino. Certo è un libro divulgativo, con tutti i pregi e difetti. Si legge che è una meraviglia, ma quando arrivi alle ultime pagine senti subito la necessità di approfondire.

In particolare, del libro di Spinosa, mi è piaciuto molto il quasi parallelo fra la storia della Roma primitiva e il mito delle origini, da Enea in poi, quasi come un dialogo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

apostata72
Il Gibbon è un passaggio obbligato per gli appassionati del tardo impero. A parte l'interpretazione degli eventi che suona datata la trattazione dei fatti e dei personaggi è coerente e ricca di particolari.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Paleologo
A parte il peso forse eccessivo (forse...) dato al ruolo della Chiesa cattolica nella caduta dell'Impero (in fondo Gibbon era un razionalista e la sua polemica verso la Chiesa non è sorprendente) mi sembra però che le cause le citi tutte: crisi demografica, inflazione, perdita delle tradizioni militari, cambiamento della struttura socioeconomica... (in questo senso la condanna della schiavitù da parte del cristianesimo fu sicuramente un progresso, dal nostro punto di vista, ma provocò un gran casino...)

Share this post


Link to post
Share on other sites

apostata72
Sottoscrivo...certo le cause interne (quindi economiche) della caduta sono innegabili e preponderanti comunque anche lo strapotere del cristianesimo nell'amministrazione della cosa pubblica pesò e come. Penso alla fuga degli esponenti del ceto senatoriale nella vita ecclesiastica (ben protetta dallo stato), penso ai guasti fatti da Galla Placidia...etc...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Michele2198
Non ho detto che putroppo lo lessi nella edizione ridotta pubblicata dalla casa editrice del ns presidente megagalattico.
La traduzione è vecchiotta e ogni tanto ci sono i tagli, ed è un peccato, si perde un po' il filo e periodi ritenuti meno importanti dall'editore a volte sono più appassionanti... per l'edizione completa c'è solo l'inglese ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Paleologo
Per chi si vuole cimentare:

[url="http://www.ccel.org/g/gibbon/decline/"]THE DECLINE AND FALL OF THE ROMAN EMPIRE[/url] by Edward Gibbon, in inglese, on line

[url="http://gd.cnread.net/cnread1/ewjd/g/gibbon/hor/"]ALTRO LINK[/url] by apostata72 Edited by Paleologo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.