Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
grigioviola

Veneto [zecca di Padova] Documento XIII

Risposte migliori

grigioviola

Inizio il lavoro di trascrizione del Documento XIII più volte citato nella discussione sui quattrini con la cometa della zecca di Padova. L'idea, completata la trascrizione, è di realizzarne una traduzione commentata. Nulla si vuole aggiungere di nuovo circa la zecca di Padova, molto più umilmente si potrebbe provare a esplicitare ragionamenti e concetti che studiosi e numismatici accreditati hanno esposto negli anni.

La prima fase dunque è quella della trascrizione, poi si vedrà. Chio vuole darmi una mano è ben accetto!

Le aggiunte della trascrizione appariranno sempre nel secondo post che di volta in volta andrò a modificare.

Modificato da grigioviola
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grigioviola

Io Matthio da Ferrara fiolo che fo de seri Jacomo di Prurei da Ferrara offiziale e maistro sovra le rasuni del magnifico e possente Segnore nostro misser Francesco da Carrara della città de Padua, Treviso, Ceneda, Feltre, e Belluno Segnore Generale & cetera. Scriveroe de mia mano propria in questa presente nota, la quale è de carte quaranta, tutte le rasune, le quale averà a fare Millano de Jacomello cum la Stuneta del prefato Segnore per rasone de la cecha del prefato Signore, a la quale cecha fo astante el dito Millano, e per lo simille quelle de certi pacti & conventioni facte per el dicto Millano cunesso el prefato Segnore, o vero cum lofficio de la soa fattoria per suo nome de tore marche de monete de la dita cecha, & dare a la dicta Stuneda ducati doro, di quali pacti appare plenamente per scripte de le dicte parte detenude luna in la dicta Stuneta, laltra appresso el dicto Millano, come per li Capitoli de la presente nota se contignirà, e de alchune altre rasuni fuora de cecha secondo che pienamente in la presente nota se contene.

Mattio da Ferrara oltrascripto:

Capitullo de lariento ricevudo per Millano de Jacomello de gli loghi infrascripti segundo che se contene in lo presente Capitulo.

Del Castello de San Thomaso

Primo receve el dicto Millano die VII. de Luyo de MCCCLXXXVI. marche quattro millia dosento quaranta octo onze tre qr. uno de Carrarini che fo lib. cento millia monta de fino a rasuni de onze sete carati octanta per marcha.

Item receve el dicto Millano die VIII, de Octovre del dito Millesimo marche quattro millia dosento cinquanta de Carrarini, che fo lib. centomillia monta de fino a rasuni sovradita

Marche 4013. onz. 7 car 16.

Item receve el dicto Millano die VIII. de Fevraro de MCCCLXXXVII. marche quattromillia dosento cinquanta de Carrarini che fo livre centomillia monta de fino a rasuni sovradita.

Marche 4013. onz. 7. car. 16.

Item receve el ditto Millano die XXI. de Marzo de MCCCLXXXVII. marche quattromillia dosento cinquanta de Carrarini, che fo livre centomillia monta de fino a rasuni sovradita.

Marche 4013. 7. 16

Soma de lariento fino marche VI. m. LIIII qr. I. car. XXII.

Soma del ramo marche VIIII. m. XLIIII. onz. II. qu. III. car. XIIII.

Io Matthop da Ferrara oltrascripto & c.

Item dal Castello.

Item receve el dito Millano di penultimo de Luyo de MCCCLXXXVII, marche cinquemillia cento de Carrarini, che fo livre cento vinti millia, i quali sono al dito Millano per uno certo pacto infrascripto, i quali dinari no se de metere in cecha, deno essere aposta del dito Millano. El dito Millano per li diti dinari de Carrarini de dare tanta moneda de carrarese a soldi due luno segondo che batte la cecha a quello tempo de liga e de conto pagando la cecha tuta la spesa e chalo da riento e de ramo chomo li fossero batudi in cecha gli ditti Carrarini, e ultra questo el ditto Millano de donare al Signore ducati doa millia doro, el quale areinto de monta de fino a rasuni de unz. sete carati octanta per marcha.

Marche 4816 onz. 5. q. I. car. 12.

Soma de lariento fino. Marche IIII. m. VIII. c. XVI. onz. V. q. I car. XII.

Soma del ramo. Marche CCLXXXVIII. onz. II. q. ll. car. XXIV.

Io Matheo da Ferrara ultrascripto & c.

Modificato da grigioviola

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grigioviola

Item dal Castello

Item receve el dito Millano di penultimo de Luyo de MCCCLXXXVII, marche cinquemillia cento de Carrarini, che fo livre cento vinti millia, i quali sono al dito Millano per uno certo pacto infrascripto, i quali dinari no se de metere in cecha, deno essere aposta del dito Millano. El dito Millano per li diti dinari de Carrarini de dare tanta moneda de carrarese a soldi duel'uno segondo che batte la cecha a quello tempo de liga e de conto pagando la cecha tuta la spesa e chalo da riento e de ramo chomo li fossero batudi in cecha gli ditti Carrarini, e ultra questo el dito Millano de donare al Signore ducati doa millia d'oro, el quale ariento monta de fino a rasuni de unz. sete carati octanta per marcha.

Marche 4816 onz. 5. q. I. car. 12.

Soma de lariento fino. Marche IIII. m. VIII. c. XVI. onz. V. q. I car. XII.

Soma del ramo. Marche CCLXXXVIII. onz. II. q. II. car. XXIV.

Io Matheo da Ferara ultrascripto & c.

Modificato da grigioviola

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×