Jump to content
IGNORED

Siliqua? di Giuliano??


Euriale
 Share

Recommended Posts

ciao a tutti
ho nuovamente bisogno del vostro aiuto
mi hanno regalato questa piccola moneta del tardo impero
credo si tratti di Jiuliano l'apostata
la cosa che mi lascia perplessa è la legenda
FL CL IVL"v" NVS PP AVG
il mio dubbio nasce da questa "V" che dovrebbe essere"A" :huh:
al retro VOTIS V MVLTIS X
Ex: LV"D"? se fosse la zecca di lugdunum non dovrebbe essere LVG??

questo periodo dell' impero, come sapete, non è proprio il mio forte
mi piacerebbe sapere il vostro parere...
ed avere anche la coretta catalogazione
le misure sono 16,5mm 1,30 gr
grazie in anticipo E
Link to comment
Share on other sites


Ciao Euriale direi "doppio errore di battitura" comunque vai tranquilla su Giuliano.
Zecca di Lugdunum
secondo me si legge semplicemente LUG
certe silique non riportavano il numero d'officina
Link to comment
Share on other sites


c'è una differenza nel diadema ma da' un'occhiata a questa

RIC 218 (Lyons), C 163 Siliqua Obv: FLCLIVLIANVSPFAVG - Diademed (rosettes), draped and cuirassed bust right.
Rev: No legend Exe: LVG - Wreath, VOTIS/V/MVLTIS/X within. (Lugdunum). Edited by apostata72
Link to comment
Share on other sites


A dire la verità di tutte le silique di Giuliano che ho visto nel web questa si candida ad essere una delle più bruttine anche se la deviazione dagli standard è ancora accettabile. Lugdunum è una zecca che di lì a poco sfornerà poche monete stilisticamente sempre crude e dal sentore semi-barbarico. Sono chiari sintomi della crisi di fine secolo che sta per colpire i "nodi" occidentali. Sempre meno incisori dalla mano ferma e sicura.
Link to comment
Share on other sites


  • 2 weeks later...
Anche a mio parere il problema è apertissimo.... la moneta è fin troppo regolare per essere un'imitazione barbarica ed è comunque troppo "grezza" nel ritratto e nella legenda per essere un'emissione ufficiale.
Riproduzione moderna?
Link to comment
Share on other sites


[quote name='apostata72' date='13 novembre 2005, 22:31']Anche a mio parere il problema è apertissimo.... la moneta è fin troppo regolare per essere un'imitazione barbarica ed è comunque troppo "grezza" nel ritratto e nella legenda per essere un'emissione ufficiale.
Riproduzione moderna?
[right][snapback]69098[/snapback][/right]
[/quote]

c'e' una seria possibilita'...
Link to comment
Share on other sites


Mi dispiace Euriale ma anche io nutro forti dubbi sull'autenticità.. :(
Lo stile è strano in modo troppo evidente ed il metallo è fortemente poroso il che mi fa pensare ad una fusione.
Inoltre, se avete notato, in legenda si legge IVLIVNVS invece di IVLIANVS.
Errore voluto per creare una moneta "rara" oppure errore non voluto che confermerebbe la provenienza barbarica?
Link to comment
Share on other sites


[quote name='centurioneamico' date='14 novembre 2005, 08:29']Mi dispiace Euriale ma anche io nutro forti dubbi sull'autenticità.. :(
Lo stile è strano in modo troppo evidente ed il metallo è fortemente poroso il che mi fa pensare ad una fusione.
Inoltre, se avete notato, in legenda si legge IVLIVNVS invece di IVLIANVS.
Errore voluto per creare una moneta "rara" oppure errore non voluto che confermerebbe la provenienza barbarica?
[right][snapback]69143[/snapback][/right]
[/quote]

Ciao Euriale, confermo anch'io quanto detto da centurioneamico.
Inoltre, Raramente ho riscontrato sulle monete che mi sono passate davanti agli occhi errori nelle legende; questa, oltretutto, ha una tipologia di scrittura molto stilizzata che raramente ho visto su questo tipo di monetazione, guarda la "T" x esempio.
Comunque tante sono le ipotesi che la rendono dubbiosa, come ha elencato chi prima di me ha scritto, osservandola.
Link to comment
Share on other sites


volevo ringraziarvi tutti :) per avermi aperto gli occhi su questa moneta
come avevo detto in apertura anche a me sembrava "particolare"sia la legenda che il ritratto che con quell'occhio somiglia molto a "polifemo" :)


[quote name='apostata72' date='05 novembre 2005, 14:53']Ciao Euriale direi "doppio errore di battitura" comunque vai tranquilla su Giuliano.
Zecca di Lugdunum
secondo me si legge semplicemente LUG
certe silique non riportavano il numero d'officina
[right][snapback]66508[/snapback][/right]
[/quote]

vorrei spendere solo 2 parole a riguardo...
se NON si è certi di quello che si afferma bastano pochi accorgimenti tipo...
mi sembra ,non sono sicuro... non credo sia normale cambiare radicalmente punto di vista in un paio di giorni...
non è polemica , ma volevo sottolineare che mi fido del parere di un esperto, sopratutto se non ho l'esperienza dalla mia parte (come in questo contesto)
ricordando che non è stata acquistata da me (vi avrei chiesto un parere prima,non dopo) ma mi spiace per chi me l'ha regalata, pagandola come un originale :ph34r:

PS (per Yafet) se ti fa piacere puoi spostare la foto nell' album falsi ;) .. è sempre meglio di niente..
grazie a tutti E.
Link to comment
Share on other sites


[quote name='Euriale' date='14 novembre 2005, 13:39']PS (per Yafet) se ti fa piacere puoi spostare la foto nell' album falsi ;) .. è sempre meglio di niente..
grazie a tutti E.
[/quote]

Devo prima controllare una cosa ... ti terro' informata
Link to comment
Share on other sites


Ciao euriale grazie per l' "esperto" che comunque non sono dal momento che non colleziono giuliano, tuttavia ne ho viste diverse di monete coniate sotto quell'imperatore.

Attenta: la risposta che ti ho fornito riguardava l'attribuzione (quello è il senso di "vai tranquilla su Giuliano") della moneta e la plausibilità degli errori di battitura. Di proposito non ti ho parlato del problema autenticità visto che non lo chiedevi.
Avrei dovuto dirti "potrebbe essere Giuliano"? Ma lo è! "Potrebbe essre Lugdunum"?
Ma E'quella la zecca. E'anche verissimo che quelle silique non riportano il numero d'officina...come nell'esempio che ti ho riportato!......Poi ti è stato scritto che l'esemplare è bello, al che ho dovuto puntualizzare che è fin troppo brutto rispetto alla media.

Scusami se non stato chiaro ma ....il mio punto di vista non è"mutato dall'oggi al domani"

Il discorso dell'autenticità è un'altro e tutto da dibattere visto che lo scostamento dello stile dallo standard delle silique è notevole (stile molto più basso) e fa pensare ad una riproduzione moderna. Ma dimostrarlo secondo me è arduo e non credo che si debba fare basandosi sulle porosità di una lega bassa (da non confondere con le bollicine della fusione). La possibilità che la moneta costituisca un falso c'è ma c'è anche quella che si tratta di un'imitazione barbarica (vedi ritratto e caratteri), e in quel periodo ne circolarono. Andiamoci piano prima di aggiungerla ai falsi!
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.