Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
azzogsal

TECNICHE DI CONIAZIONE

Recommended Posts

azzogsal
Volevo chiedere agli esperti amici lamonetiani a partire da quale data si sono cominciate a coniare monete con tale caratteristica (bordo in incuso) e se è stata preceduta dalla coniazione con il bordo in rilievo. Presumo che lo scopo fosse quello di evitare la tosatura, ma solo per quello sarebbe bastato il bordo zigrinato, quindi non deve aver avuto semplicemente lo scopo antifrode. Come tecnicamente vengono ottenuti i due tipi di bordo? Credo che ce ne sia ampiamente da discuterne. Grazie a chi contribuirà a chiarire il tema. :) :unsure: :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

azzogsal
Ci sieteeeeeeee???? o la richiesta è troppo complessa?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mirko
Fra stasera e domani guardo di buttar giù qualcosa di leggibile, facendo uso dell'enciclopedia della numismatica :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

azzogsal
Danke Graf :P ;) :rolleyes: Edited by azzogsal

Share this post


Link to post
Share on other sites

rcamil
[quote name='azzogsal' date='17 novembre 2005, 09:32']Volevo chiedere agli esperti amici lamonetiani a partire da quale data si sono cominciate a coniare monete con tale caratteristica (bordo in incuso) e se è stata preceduta dalla coniazione con il bordo in rilievo. Presumo che lo scopo fosse quello di evitare la tosatura, ma solo per quello sarebbe bastato il bordo zigrinato, quindi non deve aver avuto semplicemente lo scopo antifrode. Come tecnicamente vengono ottenuti i due tipi di bordo?[right][snapback]70215[/snapback][/right]
[/quote]

Ciao per il mio campo "di competenza" le monete papali, le prime coniazioni a riportare un contorno lavorato (con semplici ornati o rigature) risalgono alla riforma di papa [b]Clemente XII [/b]nel 1735, e lo scopo come tu stesso affermi era quello di evitare, per quanto possibile, la tosatura che minava l'integrità delle monete in argento ed oro :rolleyes: .

Quanto a contorni più complessi, con scritte in rilevo, le prime coniazioni appartengono a papa [b]Pio VII[/b], durante il suo secondo periodo di regno, successivo al periodo napoleonico (1814-1823); scudi e mezzi scudi con la scritta [i]"IN TERRA PAX"[/i]su filetti orizzontali.

Quanto alla tecnica di coniazione dei bordi in rilievo o incuso non credo vi siano grandi differenze, tutto sta incidere ciò che si vuole ottenere su delle ghiere mobili (solitamente la circonferenza della monete veniva suddivisa in tre settori da 120° ciascuno), da accostare al tondello in fase di coniazione, la deformazione del materiale sotto l'azione di coni fa il resto ;)

Ciao, RCAMIL B)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.