Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
filonide

Mi piace questo effetto...

Ciao a tutti...

Mi piacciono le monete in argento, soprattutto quando hanno un certo tipo di ossidazione.

A solo scopo di esempio allego una immagine:

1445gdz.jpg

come potete vedere, il fondo della moneta e' piu' scuro mentre i rilievi sono piu' chiari. Sul dritto della moneta, intorno alle lettere, e' ancora piu' scuro e questo contribuisce a far leggere bene i caratteri.e a mettere in risalto dei dettagli.

Altra foto:

78ay.jpg

Il mio cruccio e' che ho alcune monete che sono state pulite troppo (non da me) e a volte nelle bustine di plastica non si leggono bene :-(

Come posso fare a riprodurre questo effetto?

E' ossidazione o e' semplicemente polvere, grasso delle mani che e' rimasto incollato sui contorni dei rilievi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusate, ho chiesto forse un segreto o qualcosa di illegale? Vi assicuro che è esclusivamente una mia "mania" di conservazione, non ho intenzione di vendere monete con patine contraffatte :-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

è soltanto che sono passate poche ore dal tuo primo post... ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Beh non credo sia illegale..men che meno nella misura in cui hai chiesto un'aiuto,almeno penso..comunque per tornare all'oggetto del post credo che nella moneta da 1 lira di Umberto I gran parte di questo effetto è comunque dovuto ad una pesante sporcizia depositatasi sulla moneta,sicuramente di base c'è comunque una buona patina antica,il che significa che nell'ipotesi in cui decidessi di effettuare un "bagnetto" alla moneta,con acqua distillata e con le cautele del caso,andresti a rimuovere solo la sporcizia inteccando ben poco la patina,che al massimo tenderebbe al grigio..

I fattori che causano la sporcizia sulle monete sono moltepilci e dipendono in gran parte dal modo in cui esse sono state consrvate,mi viene in mente la polvere,il tasso di umidità che può favorire patine diverse nell'ambiente..anche lo stesso "grasso delle mani" può avere delle incidenze,ma sicuramente il fattore ambientale ha grande incidenza anche in questa eventualità..nella prima moneta comunque è evidente la conservazione non eccelsa,il che è sintomatico del fatto che la stessa ha circolato lungamente,motivo in più per acquisire maggiore patina di sporco ce va in primo luogo a dare risalto ai rilievi...sulla possibilità di riprodurre l'effetto in questione non so che risponderti..potresti cercare piano piano di facilitare la patinatura della moneta 'lucidata' in modo naturale,più volte ho letto che l'esposizione delle monete in argento al sole per prolungati periodi di tempo favorisce la fonazione di una patina superficiale,che almeno toglie l'effetto lucido..poi sarà naturalmente il tempo ed il luogo in cui le conservi a fare il resto..

Personalemete ne ho anche io una con questo tipo di "patina" ma non voglio lavarla in quanto preferisco che le monete vengano toccate il meno possibile dallo stato in cui si trovano.

Sperando di esserti stato d'aiuto ti saluto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie dei consigli e scusate per la fretta, altre volte mi avete risposto piu' velocemente e pensavo di aver domandato qualcosa di sbagliato :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Comunque il "lucido" sono riuscito a toglierlo e a fare "ingrigire" tutta la moneta, sia in modo regolare che irregolare, con diverse gradazioni di grigio... ora mi resta da capire come fare per schiarire alcuni particolari a rilievo e a "contornare" le lettere di scuro.... sono graditi suggerimenti :rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Comunque il "lucido" sono riuscito a toglierlo e a fare "ingrigire" tutta la moneta, sia in modo regolare che irregolare, con diverse gradazioni di grigio... ora mi resta da capire come fare per schiarire alcuni particolari a rilievo e a "contornare" le lettere di scuro.... sono graditi suggerimenti :rolleyes:

Si in effetti è molto bello quell'effetto che vuoi ricreare ......... ma che sinceramente ,solo il tempo può darti ...........comunque vada facci vedere come riesci a ricreare l'effetto , sono davvero curioso !!! ;) ;) ;)

Ciao

mav

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Comunque il "lucido" sono riuscito a toglierlo e a fare "ingrigire" tutta la moneta, sia in modo regolare che irregolare, con diverse gradazioni di grigio... ora mi resta da capire come fare per schiarire alcuni particolari a rilievo e a "contornare" le lettere di scuro.... sono graditi suggerimenti :rolleyes:

Cosa intendi per lucido? una moneta lucidata è una moneta che è stata pulita con prodotti chimici che ne alterano la colorazione declassandole notevolmente, togliere questo effetto nel breve periodo credo sia impossibile.

Forse ti riferisci a monete pulite pesantemente tanto da spatinarle? in questo caso devi aspettare che si ricrei la patina un metodo che dicono sia buono è di lasciarla sul davanzale di casa aspettando che luce smog e umidità facciano il suo lavoro, ricordandosi di girare la moneta di tanto in tanto; comunque richiede un esposizione di almeno un paio di mesi (indicativo), come hai fatto a ricreare una patina in un giorno?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io onestamente non è che ci abbia capito tantissimo del succo di questa discussione; vuoi ricreare l'effetto della patina della prima moneta postata (la liretta di Umberto)?

Se il problema è questo, direi che te lo sconsiglio vivamente: la prima moneta si presenta così perchè è reduce da una vigorosa e maldestra lucidatura in tempi non troppo recenti. La lucidatura fa si che alcune zone vengano pulite perfettamente dalla patina, ma, ovviamente, negli interstizi tra le lettere della legenda nonchè tra altri particolari della figura rimangono tracce della vecchia patina. Successivamente la moneta si è ripatinata e questo ha creato l'effetto più scuro che a te piace tanto. La successiva ripatinatura ha ovviamente migliorato l'aspetto della moneta, che in precedenza doveva essere davvero terribile; ma si tratta ad ogni modo di un pezzo tremendamente pasticciato, una delle cose peggiori che si può fare su di una moneta (anche se, purtroppo, questi pasticci al giorno d'oggi vanno molto di moda). La seconda moneta invece ha una patina più naturale, anche se un pò irregolare.

Sostanzialmente il mio consiglio è sempre di lasciar lavorare la natura ed evitare di volerla forzare intervenendo artificialmente. Molte monete al giorno d'oggi stanno diventando come i volti di certi personaggi televisivi di una certà età, pesantemente ritoccati da lifting. Lasciamo che le nostra monete invecchino naturalmente con la loro patina creata dagli anni e non da ritocchi posticci moderni. Il fascino di una patina non è dato tanto dal suo aspetto più o meno gradevole, quanto dal fatto che questa scandisce e certifica l'età della moneta. Una star della televisione pasticcia il proprio viso per cercare di togliersi gli anni, per le nostre monete invece è proprio il tempo trascorso a renderle così affascinanti ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Allora, mi sa che forse c'e' una incomprensione che deriva da MIE carenze sul lessico specifico dei numismatici.

Con il termine "lucidate", parlando da orafo, intendo che sono state passate con prodotti sicuramente abrasivi, che le hanno fatte diventare splendenti e senza graffi come dei cucchiaini d'argento. Per "pulizia" di una moneta invece intendo il lavaggio e sgrossatura da polvere grasso e impurita' varie tramite immersione in prodotti detergenti, magari corrosivi ma non lucidanti per abrasione (una pulizia con liquidi troppo corrosivi puo' diminuire la lucentezza, non aumentarla).

Per "patina" intendo quella ossidazione grigiastra chiara tipica dell'argento lasciato all'aria, ma forse qui sbaglio. Per "lustro" invece intendo quella sorta di brillantatura tipica delle monete appena uscite dalla zecca.

Io ho delle monete LUCIDATE, non solo ripulite. Lucidate con panni disossidanti abrasivi, o forse proprio con spazzole. Sono bellissime anche viste cosi', ma sono innaturali, soprattutto perche' alcune erano gia' evidentemente consumate e quindi qualcuno avra' pensato che patinate facevano schifo, mentre cosi' lucide e senza graffi dovevano essere meglio.

Invece a me piacciono "grigiastre", con quell'effetto "nero" che contorna l'incisione, lettere e volto, e che mette in evidenza bene le scritte che altrimenti vanno "perse" nell'uniformita' di una lucidatura o di una patina "artefatta".

Per l'amico che chiede come rendo grigie le monete: per un effetto uniforme la moneta deve essere uniformemente lucida, ma soprattutto ben pulita e sgrassata... basta una impronta digitale per non rendere uniforme la patina.

Dopo aver lucidato la moneta con panni, la lavo con un detergente sgrassatore e la risciacquo immediatamente con l'acqua distillata.

Poi, senza toccarla con le mani nude, la immergo in:

1) Acqua ossigenata, in base ai volumi il processo e' piu' lento o veloce

2) Candeggina, il processo e' mediamente veloce e (ho notato) meno uniforme, quasi "martellato"... l'effetto "invecchiato" e' piu' realistico

3) Cloruro ferrico (il liquido che si usa per fare i circuiti stampati elettronici)... l'effetto e' -istantaneo- e anche in questo caso dipende dalla concentrazione. C'e' il rischio di scarsa uniformita' in base a come viene messo in contatto con la moneta, ma se l'effetto piace.... Macchia il recipiente e un po' il lavandino, ma c'e' un grosso vantaggio: il cloruro ferrico si esaurisce con gli utilizzi (e quindi si puo' usare per trattamenti piu' delicati) e si "rivitalizza" solo addizionandolo con acqua ossigenata... praticamente e' quasi eterno, non lo finirete mai!

Attenzione, dopo il trattamento, non bisogna prendere la moneta con la pinzetta o con le mani nude, altrimenti restano segni o impronte digitali impresse sul pezzo. Bisogna diluire il liquido con acqua corrente fino a quando la moneta non e' perfettamente risciacquata, e poi la si puo' tirare fuori con le mani.

Se la moneta diventa troppo scura, le faccio fare una passata rapidissima in qualche goccia di liquido per la pulizia dell'argento e si schiarisce, inizialmente a "chiazze" con un effetto che gradisco molto. Per schiarire i rilievi metto un po' di questo liquido su un cotton fioc e lo passo delicatamente, senza toccare il fondo della moneta.

Resta solo il fattore "bordi dell'incisione sporchi di quel nero che sembra grasso" che purtroppo difficilmente si formera' su una moneta molto consumata, ma mi piacerebbe tentarci. Il metodo piu' rapido che ho trovato per ottenere un effetto simile mi sembra quello di mettere un po' (spero che non vi faccia troppo schifo) di saliva sui rilievi della moneta, e quando e' quasi asciutta, cospargerla con un po' di polvere (dalle mie parti ce ne sta davvero tanta, di polvere). Ma l'effetto e' solo un grigio piu' scuro, non cosi' scuro come vorrei io.

Disclaimer: I trattamenti che ho fatto sulle monete sono fatti esclusivamente su pezzi di poco pregio (come quella 5fr del 1936 che ho nell'avatar)... non provate a farli, visto che non so assolutamente le reazioni che scatenano!

Disclaimer 2: non sono un falsario, la mia e' solo una inutile ricerca sul modo di migliorare l'estetica di qualche moneta comune che ho in collezione, e non lo faccio a scopo di rivendita, giuro! (le compro solamente e le conservo)

Ciao :lol:

...

P.s. ogni tanto faccio anche esperimenti di "make up" su banconote stravecchie, magari prima di regalarle a qualche amico, per non dargli schifezze piene di grasso o di scritte a penna...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Beh un po pesantuccio come metodo,almeno a mio avviso, più che altro per i prodotti utilizzati,sicuramente professionali per il lavoro che fai..ma forse difficilmente riproponibili per un norme collezionista..Sinceramente mi sembra estremo come mezzo,ma capisco anche che lo fai per un piacere personale,e se vogliamo di sperimentazione..l'unico quesito che mi pongo è se poi tali 'patine' non diano un'effetto troppo posticcio..almeno le tue cavie sono pezzi poco importanti!ahaha..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si, purtroppo l'effetto e' evidentemente artefatto, ecco perche' vorrei perfezionarlo :D

Per quanto riguarda i prodotti, io faccio di tutto per usare roba comunemente usata in casa, a parte il cloruro ferrico che comunque puo' essere facilmente reperito in negozi di elettronica come GBC a pochi euro.... ma oggi sto giocherellando con la candeggina (ACE, la vita che mi piace) e il risultato mi sta piacendo molto...

Certo l'effetto e' sempre artefatto, ma e' sempre meglio di quello schifo di tondello lucidato come un vassoio di argento da un maggiordomo zelante :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ah scusate, dimenticavo di dire che se cliccate sulla foto del mio profilo, appare la foto ingrandita del 5 franchi svizzeri del 1936 che ho elaborato. E' stato il primo risultato "discreto" che ho ottenuto su una moneta lucidissima. I rilievi sono stati evidenziati sporcando la moneta con la polvere delle mie parti (Taranto, terribile)...

Ho anche la foto della moneta lucida ma purtroppo non sono bravo a fare le foto, e non si vede bene :(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Allora, mi sa che forse c'e' una incomprensione che deriva da MIE carenze sul lessico specifico dei numismatici.

Con il termine "lucidate", parlando da orafo, intendo che sono state passate con prodotti sicuramente abrasivi, che le hanno fatte diventare splendenti e senza graffi come dei cucchiaini d'argento. Per "pulizia" di una moneta invece intendo il lavaggio e sgrossatura da polvere grasso e impurita' varie tramite immersione in prodotti detergenti, magari corrosivi ma non lucidanti per abrasione (una pulizia con liquidi troppo corrosivi puo' diminuire la lucentezza, non aumentarla).

Per "patina" intendo quella ossidazione grigiastra chiara tipica dell'argento lasciato all'aria, ma forse qui sbaglio. Per "lustro" invece intendo quella sorta di brillantatura tipica delle monete appena uscite dalla zecca.

Io ho delle monete LUCIDATE, non solo ripulite. Lucidate con panni disossidanti abrasivi, o forse proprio con spazzole. Sono bellissime anche viste cosi', ma sono innaturali, soprattutto perche' alcune erano gia' evidentemente consumate e quindi qualcuno avra' pensato che patinate facevano schifo, mentre cosi' lucide e senza graffi dovevano essere meglio.

Invece a me piacciono "grigiastre", con quell'effetto "nero" che contorna l'incisione, lettere e volto, e che mette in evidenza bene le scritte che altrimenti vanno "perse" nell'uniformita' di una lucidatura o di una patina "artefatta".

Per l'amico che chiede come rendo grigie le monete: per un effetto uniforme la moneta deve essere uniformemente lucida, ma soprattutto ben pulita e sgrassata... basta una impronta digitale per non rendere uniforme la patina.

Dopo aver lucidato la moneta con panni, la lavo con un detergente sgrassatore e la risciacquo immediatamente con l'acqua distillata.

Poi, senza toccarla con le mani nude, la immergo in:

1) Acqua ossigenata, in base ai volumi il processo e' piu' lento o veloce

2) Candeggina, il processo e' mediamente veloce e (ho notato) meno uniforme, quasi "martellato"... l'effetto "invecchiato" e' piu' realistico

3) Cloruro ferrico (il liquido che si usa per fare i circuiti stampati elettronici)... l'effetto e' -istantaneo- e anche in questo caso dipende dalla concentrazione. C'e' il rischio di scarsa uniformita' in base a come viene messo in contatto con la moneta, ma se l'effetto piace.... Macchia il recipiente e un po' il lavandino, ma c'e' un grosso vantaggio: il cloruro ferrico si esaurisce con gli utilizzi (e quindi si puo' usare per trattamenti piu' delicati) e si "rivitalizza" solo addizionandolo con acqua ossigenata... praticamente e' quasi eterno, non lo finirete mai!

Attenzione, dopo il trattamento, non bisogna prendere la moneta con la pinzetta o con le mani nude, altrimenti restano segni o impronte digitali impresse sul pezzo. Bisogna diluire il liquido con acqua corrente fino a quando la moneta non e' perfettamente risciacquata, e poi la si puo' tirare fuori con le mani.

Se la moneta diventa troppo scura, le faccio fare una passata rapidissima in qualche goccia di liquido per la pulizia dell'argento e si schiarisce, inizialmente a "chiazze" con un effetto che gradisco molto. Per schiarire i rilievi metto un po' di questo liquido su un cotton fioc e lo passo delicatamente, senza toccare il fondo della moneta.

Resta solo il fattore "bordi dell'incisione sporchi di quel nero che sembra grasso" che purtroppo difficilmente si formera' su una moneta molto consumata, ma mi piacerebbe tentarci. Il metodo piu' rapido che ho trovato per ottenere un effetto simile mi sembra quello di mettere un po' (spero che non vi faccia troppo schifo) di saliva sui rilievi della moneta, e quando e' quasi asciutta, cospargerla con un po' di polvere (dalle mie parti ce ne sta davvero tanta, di polvere). Ma l'effetto e' solo un grigio piu' scuro, non cosi' scuro come vorrei io.

Disclaimer: I trattamenti che ho fatto sulle monete sono fatti esclusivamente su pezzi di poco pregio (come quella 5fr del 1936 che ho nell'avatar)... non provate a farli, visto che non so assolutamente le reazioni che scatenano!

Disclaimer 2: non sono un falsario, la mia e' solo una inutile ricerca sul modo di migliorare l'estetica di qualche moneta comune che ho in collezione, e non lo faccio a scopo di rivendita, giuro! (le compro solamente e le conservo)

Ciao :lol:

...

P.s. ogni tanto faccio anche esperimenti di "make up" su banconote stravecchie, magari prima di regalarle a qualche amico, per non dargli schifezze piene di grasso o di scritte a penna...

Wow un trattamento degno di un alchimista. :)

Una moneta in argento lucidata con sidol o simili perde TUTTO il suo valore (estetico ed economico);il trattamento da te descritto su una moneta del genere è indolore, hai 0 e ottieni 0 in termini economici, in quanto ad estetica, visto che è puramente soggettivo se ti piace è tutto di guadagnato.

Su una moneta pulita ti sconsiglio di effettuare un trattamento del genere perché la comprometti irrimediabilmente, se vale qualcosa non varrà più niente, aspetta che la patina si riformi naturalmente tenendola esposta all'atmosfera anche se è un procedimento lungo che può richiedere molto tempo, le tue monete acquisteranno valore nel tempo e la patina che otterrai sarà (almeno per me) sicuramente più bella e naturale di una simil patina ricreata in un giorno.

In quanto al fatto che non lo fai per truffare la gente ti credo ciecamente anche perché non riusciresti a gabbare nessuno o al massimo qualche novizio ai primissimi acquisti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si, giuro che non lo faccio per gabbare qualcuno, ma ripeto... esclusivamente perche' ho qualche pezzo che e' stato "lucidato" ed e' diventato quasi a specchio e questo mi da fastidio, soprattutto quando inserito in un album di monete "al naturale"... infatti le tengo da parte in bustine singole e non le uso neanche come tappabuchi :ph34r:

Comunque ho un nuovo ingrediente: lo iodosan goccemed diluito in acqua... scurisce la moneta piuttosto uniformemente e rapidamente. Ora resta ancora da capire sempre come far formare il "rigo nero" che si vede attorno al profilo del volto nella moneta di Vittorio Emanuele...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si, giuro che non lo faccio per gabbare qualcuno, ma ripeto... esclusivamente perche' ho qualche pezzo che e' stato "lucidato" ed e' diventato quasi a specchio e questo mi da fastidio, soprattutto quando inserito in un album di monete "al naturale"... infatti le tengo da parte in bustine singole e non le uso neanche come tappabuchi :ph34r:

Comunque ho un nuovo ingrediente: lo iodosan goccemed diluito in acqua... scurisce la moneta piuttosto uniformemente e rapidamente. Ora resta ancora da capire sempre come far formare il "rigo nero" che si vede attorno al profilo del volto nella moneta di Vittorio Emanuele...

Sarebbe utile per tutti che tu postassi le foto dei tuoi "esperimenti".

saluti

TIBERIVS

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?