Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
filonide

Prove, bozzetti banconote lira di Cionini...

Risposte migliori

filonide

Ciao,

evito di linkare per evitare di fare pubblicita', ma... i bozzetti di lire di Trento Cionini presenti sulla baia che roba sono?

!Bp7tvjwBWk~$(KGrHqEH-D8EuvhH4v!8BLtiEk)z0Q~~_12.JPG

Fra parentesi, in questo caso, il numero di serie e' posizionato sul retro della banconota, in un punto differente rispetto ad una foto che ho visto sul sito di Crapanzano:

50lirepesanti.jpg

che reputo persona affidabile...

Che ne pensate?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

petronius arbiter

Direi semplici prove di stampa per biglietti mai realizzati, forse della lira pesante.

O anche, come i più noti con Foscolo e Rossini, biglietti "pubblicitari" per vendere la maestria del Poligrafico a quei paesi che affidano all'estero la stampa delle loro banconote.

Per curiosità, a quanto li vendono?

petronius :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

filonide

Mah guarda, le aste prima andavano via ad una 50ina di euro, ora sui 25, 26 euro...

solo che io le prove di stampa le immagino fatte molto meglio, queste sembrano un po'... alla buona, e poi c'e' quella discrepanza fra i numeri di serie di quelle in vendita e il bozzetto che risulta sul sito di Crapanzano e che, come mi ha confermato lui stesso, ha i numeri di serie scritti da Cionini...

Vorrei giusto capire se si tratta di vere prove di stampa, realmente concesse in esclusiva dalla banca d'Italia a questa persona, o se si tratta di cetrioli di lusso...

Fra parentesi lo stesso venditore ha dei campioni di Lire del Barbetti con una perforazione sui numeri seriali e il timbro "CAMPIONE" in nero agli angoli, mentre io li ho sempre visti non perforati e/o con il timbro ROSSO.... Boh :huh:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

filonide

Direi semplici prove di stampa per biglietti mai realizzati, forse della lira pesante.

O anche, come i più noti con Foscolo e Rossini, biglietti "pubblicitari" per vendere la maestria del Poligrafico a quei paesi che affidano all'estero la stampa delle loro banconote.

Per curiosità, a quanto li vendono?

petronius :)

Visto che ci troviamo, sai dirmi se quelli con Foscolo e Rossini sono stampati su vera carta di banconote o su carta straccia? e se hanno fili di sicurezza, filigrana e cose del genere?

Sempre per evitare di acquistare fotocopie a colori...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

petronius arbiter

lo stesso venditore ha dei campioni di Lire del Barbetti con una perforazione sui numeri seriali e il timbro "CAMPIONE" in nero agli angoli, mentre io li ho sempre visti non perforati e/o con il timbro ROSSO.... Boh :huh:

Sulle perforazioni non so dirti nulla di preciso, ma immagino che possano esserci.

I timbri neri invece ci sono sicuramente, come puoi vedere dalla foto allegata, tratta da una pubblicazione della Banca d'Italia.

Visto che ci troviamo, sai dirmi se quelli con Foscolo e Rossini sono stampati su vera carta di banconote o su carta straccia? e se hanno fili di sicurezza, filigrana e cose del genere?

Il Foscolo, che risale ai primi anni '80, non ha filigrana, ma ha una microscrittura ripetuta "Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato".

Il Rossini, di qualche anno successivo (seconda metà '80) ha in filigrana il volto del compositore e un filo di sicurezza interno con la scritta "IPZS" ripetuta.

petronius B)

post-206-028356400 1284478478_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

filonide

Ecco, la tua (secondo Gigante) e' un campione del terzo tipo: scritta CAMPIONE rossa o nera, non ha la stampa dei decreti, non ha il contrassegno di stato ed ha pure il numero seriale azzerato, mentre quelle che vende questa persona hanno i numeri di serie regolari, firme e tutto, la stampa CAMPIONE in nero e le perforazioni sui numeri di serie e sul contrassegno di stato.

Non ho trovato sul Gigante cenno di campioni con numeri di serie regolari, pero' sul sito del museo della banca d'italia c'e' un campione con timbri rossi, numeri di serie regolari e senza perforazioni, fra parentesi anche un po' fuori squadro...

http://www.bancaditalia.it/media/fotogallery/museomoneta/museobanconota/1933-43/1000_nuova_emis_recto

Sarebbe carino che rispondesse direttamente la Banca d'Italia ma a quanto pare a loro non gliene frega niente :angry:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

filonide

Visto che ci troviamo, sai dirmi se quelli con Foscolo e Rossini sono stampati su vera carta di banconote o su carta straccia? e se hanno fili di sicurezza, filigrana e cose del genere?

Il Foscolo, che risale ai primi anni '80, non ha filigrana, ma ha una microscrittura ripetuta "Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato".

Il Rossini, di qualche anno successivo (seconda metà '80) ha in filigrana il volto del compositore e un filo di sicurezza interno con la scritta "IPZS" ripetuta.

petronius B)

Ma, nonostante non abbia filigrana, il biglietto con Foscolo si riuscirebbe a distinguere, ad esempio, da una fotocopia a colori? (Penso che la microscrittura si riesca a fotocopiare bene)

Grazie ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

filonide

Un venditore mi ha detto che il bozzetto del Foscolo ha la carta filigranata... mi ci sono buttato, male che vada lo posso usare per pulirmici il

naso

B)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

petronius arbiter

Non ho trovato sul Gigante cenno di campioni con numeri di serie regolari, pero' sul sito del museo della banca d'italia c'e' un campione con timbri rossi, numeri di serie regolari e senza perforazioni, fra parentesi anche un po' fuori squadro...

Nella pubblicazione citata sopra, che è poi il Bollettino di Numismatica dedicato al Museo della Banconota, ci sono molte foto di banconote con tutti i crismi: firme, numeri di serie, decreti e....timbri campione, sia rossi che neri.
Il che porta inevitabilmente a pensare che farsi in casa un timbro, rosso o nero come più piace, son capaci tutti.

Ma, nonostante non abbia filigrana, il biglietto con Foscolo si riuscirebbe a distinguere, ad esempio, da una fotocopia a colori? (Penso che la microscrittura si riesca a fotocopiare bene)

Non ho questi biglietti, le informazioni le ho reperite dal catalogo Gavello. Ne ho visti però spesso girando per convegni e l'impressione è che, rispetto al Rossini, la qualità della carta sia inferiore, ma posso anche sbagliarmi.


Un venditore mi ha detto che il bozzetto del Foscolo ha la carta filigranata... mi ci sono buttato, male che vada lo posso usare per pulirmici il
naso cool.gif

Quanto chiede?

Per la cronaca, nell'asta Sintoni della scorsa settimana, un Foscolo a base 50 euro è rimasto invenduto, mentre la coppia Foscolo-Rossini, con base di 25 euro blink.gif è stata venduta, ma non so a che prezzo, nel sito di Sintoni c'è l'elenco dei lotti invenduti ma non i realizzi.
Tutti i biglietti erano dichiarati FDS, e non riesco a spiegarmi questa differenza nella base d'asta.


Lasciate perdere.....

Saggio consiglio biggrin.gif

petronius cool.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

filonide

Quanto chiede?

Me lo manda aggratiS assieme ad altro materiale, quindi in sostanza sara' effettivamente carta da... naso. Quanto meno servira' a scrivere la verita' a caratteri cubitali su questo ed altri forum, visto che le informazioni in giro sono poche...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

petronius arbiter

Quanto meno servira' a scrivere la verita' a caratteri cubitali su questo ed altri forum, visto che le informazioni in giro sono poche...

Ottimo ;)

petronius :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

petronius arbiter

Per la cronaca, nell'asta Sintoni della scorsa settimana, un Foscolo a base 50 euro è rimasto invenduto, mentre la coppia Foscolo-Rossini, con base di 25 euro :blink: è stata venduta, ma non so a che prezzo, nel sito di Sintoni c'è l'elenco dei lotti invenduti ma non i realizzi.

Sono stati messi online anche i realizzi, la coppia Foscolo-Rossini è stata aggiudicata a 35 euro più 15% di diritti, in totale 40,25 euro.

Trovo sempre più incomprensibile il solo Foscolo offerto a una base di 50 euro :unknw:

petronius B)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

filonide

Novità?

Allora, posso dirti solo la novita' che riguarda il progetto di Foscolo che mi e' arrivato in perfette condizioni, senza alcuna filigrana o filo di sicurezza (come gia' immaginavo) ma stampato su carta da banconote senza fibrille fluorescenti.

Stasera avro' la possibilita' di studiarlo meglio ma non si tratta evidentemente di una fotocopia a colori. La sensazione, al naso e al tatto, e' quella di una banconota fior di stampa, e non di comune carta inkjet da 100gr/m2.

A stasera per maggiori dettagli :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

heineken79

Per la cronaca, nell'asta Sintoni della scorsa settimana, un Foscolo a base 50 euro è rimasto invenduto, mentre la coppia Foscolo-Rossini, con base di 25 euro :blink: è stata venduta, ma non so a che prezzo, nel sito di Sintoni c'è l'elenco dei lotti invenduti ma non i realizzi.

(...)

Trovo sempre più incomprensibile il solo Foscolo offerto a una base di 50 euro :unknw:

petronius B)

Conferenti differenti, prezzi differenti ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

filonide

Visto che mi trovo vi faccio una domanda: quindi in queste aste il prezzo viene deciso da chi conferisce l'oggetto? Non viene concordata una base ragionevole col cliente?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

heineken79

Visto che mi trovo vi faccio una domanda: quindi in queste aste il prezzo viene deciso da chi conferisce l'oggetto? Non viene concordata una base ragionevole col cliente?

Per quello che ne so il prezzo minimo lo stabilisce il conferente.

Forse, laddove ci siano stretti rapporti fra Casa e conferente, c'è un ragionamento anche sul prezzo.

Nel dettaglio però non saprei dire di più: generalmente quando vedo listini esteri di cartamoneta le basi d'asta sono veramente diverse per lo stesso oggetto con la stessa conservazione dichiarata.

In questo caso particolare, potrebbe anche essere un prezzo "sparato" visto che si tratta di bozzetti e non c'è sufficiente letteratura come per altro materiale, più commerciale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

filonide

Allòòòòòra:

come avevo anticipato, la "banconota" non ha filigrana o fibrille fluorescenti, nessun filo di sicurezza ma ha una microscrittura di lato, non precisisssssssima ma... perfettamente leggibile. Tanto per intenderci, la microscrittura che ho su una 100 mila lire Caravaggio II tipo e' MOLTO piu' precisa, ma ho anche una 500 mila lire assolutamente vera e qFDS che ha una microscrittura non molto precisa. Il bozzetto ha l'odore tipico delle banconote fior di stampa, la giusta croccantezza e lucidita' della carta e l'inchiostro leggermente a rilievo. E' davvero MOLTO bello graficamente.

Bellissime sono anche le "banconote" della Lega, e non mi riferisco alle CINCENTMILA con la faccia di Umberto Bossi (che sono come le centomila facsimile del mago Nicola, su carta lucida e con un numero di serie progressivo sovrastampato) ma alle banconote con l'allegoria della primavera del Botticelli sul fronte. Sono stampate su carta da banconote croccante e devo dire anche piacevolmente profumata (soprattutto rispetto al "fetore" degli euro FDS), con fibrille fluorescenti e filigrana, inoltre sullo spazio bianco della banconota e' visibile, a rilievo, la sagoma di Alberto da Giussano; i numeri di serie sono progressivi. La tipologia di biglietto e' simile ai miei vecchi "Paperdollari" della Accornero, odore compreso (per chi dovesse conoscerli).

ok, lo so, mi piace raccogliere questa monnezza, ma spero di essere stato utile... :lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

filonide

Arrivati DUE "bozzetti di Cionini" (quelli pagati il meno possibile).

Sono stampati su carta, sembra, comune, spessa (forse anche di piu' di 100gr/m2). Alla lampada di wood si illumina completamente, come un qualsiasi foglio di carta.

L'odore e', inaspettatamente, di banconota, esattamente di EURO fior di stampa.

Alla lente di ingrandimento si evidenziano i puntini di cui e' formata l'immagine, retino tipografico?

Non hanno filigrana, né fili di sicurezza. Sono tutti di identica grandezza, nonostante i tagli differenti.

Il numero di serie e' solo sul retro, formato da due lettere, tre cifre, e una lettera. Le tre cifre centrali sembrano apposte successivamente, avendo colore piu' scuro ed essendo leggermente piu' alte delle lettere. Inoltre l'inchiostro ha "trapassato" parzialmente il foglio.

Il fronte e il retro della stampa sono ben coincidenti.

Se mi verra' in mente qualche altra considerazione, la postero' :P

Ciao!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

filonide

UP, tanto per capire se ci sono novita'.

A me una persona al museo della Banca D'Italia ha detto che non e' stato mai distribuito nulla a nessuno...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apulian

Personalmente, queste banconote non mi hanno mai attirato, a meno che non si tratti di "campioni" ufficiali che, comunque, costano parecchio :unsure:

Poi, ognuno colleziona ciò che vuole... ma vedo che è notevole il rischio di acquistare biglietti che sono solo carta straccia :ph34r:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

MassyGiovy7577

Volevo aggiornarVi sulle due prove di stampa che possiedo,

Ugo Foscolo: vera carta da banconota, no filo di sicurezza, no fibrille e no filigrana in contro luce.

Rossini : vera carta da banconota, si filo di sicurezza, si fibrille e si filigrana in contro luce con immagine appunto di rossini.

Ciao A tutti

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×