Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
Utente.Anonimo3245

Serie divisionali U.S.A. 1972-1972D

Risposte migliori

Utente.Anonimo3245

Buonasera a tutti, vi posto le foto di 2 seriette divisionali U.S.A. del 1972, una con monete Zecca D, l'altra senza segno di zecca.

Ho guardato sul Krause per rendermi conto del loro valore ed vi ho trovato catalogata una sola serie, quella senza segno di zecca, c'è scritto: 1972S.

Mi sono chiesta come mai...forse l'altra è un'emissione privata? Ditemi il vostro pensiero. Grazie, Giò :)

In questo post potete vedere il 1972 senza segno di zecca:

post-6052-0-45543800-1297183894_thumb.jp

post-6052-0-50625500-1297183906_thumb.jp

Modificato da giovanna

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Utente.Anonimo3245

Altra divisionale, 1972D. Giò :)

post-6052-0-04858800-1297183992_thumb.jp

post-6052-0-38362700-1297184002_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Utente.Anonimo3245

Vi posto anche la busta originale che le contiene, ciao a tutti e grazie. Giò :)

post-6052-0-18593100-1297184078_thumb.jp

post-6052-0-90581100-1297184091_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

petronius arbiter

Le divisionali del 1972 in FDC, come le tue, sono state emesse da tutte e tre le zecche che operavano all'epoca, Philadelphia (no segno), Denver (D) e San Francisco (S), per complessive 2.750.000 confezioni.

Quella che tu hai visto sul Krause è probabilmente la divisionale fondo specchio, coniata solo a San Francisco, dove S indica la zecca, non il fatto che sia senza segno ;)

Valore (se ti interessa) infimo, il Krause 2011 le valuta 3,25 $, addirittura meno del prezzo di emissione di 40 anni fa, che era di 3,50 $ :rolleyes:

petronius :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Utente.Anonimo3245

Le divisionali del 1972 in FDC, come le tue, sono state emesse da tutte e tre le zecche che operavano all'epoca, Philadelphia (no segno), Denver (D) e San Francisco (S), per complessive 2.750.000 confezioni.

Quella che tu hai visto sul Krause è probabilmente la divisionale fondo specchio, coniata solo a San Francisco, dove S indica la zecca, non il fatto che sia senza segno ;)

Valore (se ti interessa) infimo, il Krause 2011 le valuta 3,25 $, addirittura meno del prezzo di emissione di 40 anni fa, che era di 3,50 $ :rolleyes:

petronius :)

Ciao Petronius, mi sembra che le fs siano nella pagina seguente, comunque vista la tua precisione, non lo calcolo proprio il Krause :lol: :lol: .

Grazie, sei sempre gentilissimo. Giò :)

Modificato da giovanna

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

villa66

Petronio ha detto già ;) . Il 1972S è un "Insieme di Prova". Che cosa avete è un 1972 "Insieme di Zecca" che consiste di uncirulated esempi delle 1972 monete destinate alla circolazione regolare. Entrambi sono questioni ufficiale.

Di interesse è la moneta di 1-cent 1972s inclusa nel set. San Francisco monete erano quasi esclusivamente le monete da collezione (prova) nel '72, ma San Francisco ha fatto sciopero centesimi per la circolazione. È stato un esperimento che ha non funzionato bene—collezionisti e accaparratori rimosso il S-zecca centesimi dalla circolazione. Dopo il 1974, S-zecca pennies erano coniato solo per prova.

Petronio è anche corretto circa il value—U.S. “Insieme di Zecca” da anni '70 e '80 sono... non costoso.

:) v.

---------------------------------

Petronius has said it already ;) . The 1972S is a “Proof set.” What you have is a 1972 “Mint Set,” which consists of uncirculated examples of the 1972 coins intended for regular circulation. Both are official issues.

Of interest is the 1972s 1-cent coin included in your set. San Francisco coins were almost exclusively collector coins (proofs) in ’72, but San Francisco did strike pennies for circulation. It was an experiment that didn’t work well — collectors and hoarders removed the S-mint cents from circulation. After 1974, S-mint pennies were coined only for Proof sets.

Petronius is also correct about the value—U.S. mint sets from the ‘70s and ‘80s are...not expensive.

:) v.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luke_idk
Supporter

but San Francisco did strike pennies for circulation.

Since I'm not well acquainted with American phraseology, I just discovered American usage of "Penny", talking about U.S. cents and I find it interesting :)

Modificato da luke_idk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Utente.Anonimo3245

Petronio ha detto già ;) . Il 1972S è un "Insieme di Prova". Che cosa avete è un 1972 "Insieme di Zecca" che consiste di uncirulated esempi delle 1972 monete destinate alla circolazione regolare. Entrambi sono questioni ufficiale.

Di interesse è la moneta di 1-cent 1972s inclusa nel set. San Francisco monete erano quasi esclusivamente le monete da collezione (prova) nel '72, ma San Francisco ha fatto sciopero centesimi per la circolazione. È stato un esperimento che ha non funzionato bene—collezionisti e accaparratori rimosso il S-zecca centesimi dalla circolazione. Dopo il 1974, S-zecca pennies erano coniato solo per prova.

Petronio è anche corretto circa il value—U.S. “Insieme di Zecca” da anni '70 e '80 sono... non costoso.

:) v.

---------------------------------

Petronius has said it already ;) . The 1972S is a “Proof set.” What you have is a 1972 “Mint Set,” which consists of uncirculated examples of the 1972 coins intended for regular circulation. Both are official issues.

Of interest is the 1972s 1-cent coin included in your set. San Francisco coins were almost exclusively collector coins (proofs) in ’72, but San Francisco did strike pennies for circulation. It was an experiment that didn’t work well — collectors and hoarders removed the S-mint cents from circulation. After 1974, S-mint pennies were coined only for Proof sets.

Petronius is also correct about the value—U.S. mint sets from the ‘70s and ‘80s are...not expensive.

:) v.

Grazie Villa, la mia era più una curiosità, non avendole trovate sul Krause. Ciao e grazie, Giò :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

villa66

(Perché questo post è sull'utilizzo di word, I will post in inglese solo per limitare il pericolo di disinformazione. Mie scuse.)

----------------------------------------------

(Because this post is about word usage, I will post it in English only to limit the danger of misinformation. My apologies.)

but San Francisco did strike pennies for circulation.

Since I'm not well acquainted with American phraseology, I just discovered American usage of "Penny", talking about U.S. cents and I find it interesting :)

You’ve arrived at a “fault line” in the American coin hobby, luke :D. Many hobby authorities adamantly insist that the American 1-cent coin be called a “cent,” a “cent,” or a “cent.”

The purists are correct, of course. The coin is officially—and legally—a “cent.”

In daily use, however, almost all Americans call our 1-cent coin a “penny.”

For example, when a store cashier has run out of change and asks the manager for additional 1-cent pieces, he or she will ask for a “roll of pennies.” (Asking for a “roll of cents” wouldn’t get it done.) And on the other end of a transaction, when someone is paying, they will often say “wait, I think I have a penny.” (Not: “....I think I have a cent.”) (Although they might say: “...I think I have 2/3/4 cents.”)

Inflation has robbed the American cent of much of its usefulness, but Americans are so sentimental about their “penny” that the government is afraid to stop its coinage. A sure sign of the cent’s low utility is the small bowl that often sits next to the cash register on store check-out counters. Customers add or subtract 1-cent coins from the bowl to speed their transactions. The sign on these bowls—if there is a sign—will read “Take a penny” or something similar. (But not, “Take a cent.”)

It’s an interesting subject...and nuanced...but bottom-line for me is that whatever today’s hobbyists or various authorities might say to the contrary, if “penny” is in wide popular use in the U.S.—and it has been for decade after decade—then the American “cent” is a also a “penny!”

(And of course there is a similar debate over the “nickel,” or 5-cent piece.)

:) v.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luke_idk
Supporter

I remember another American collector, that told me:

It's quite funny, since we always like to find our own way out, for a national language, changing some specific words to fit our way of life, but we kept a utterly British word, for a everyday "object"... and American word for it exists!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

villa66

I remember another American collector, that told me:

It's quite funny, since we always like to find our own way out, for a national language, changing some specific words to fit our way of life, but we kept a utterly British word, for a everyday "object"... and American word for it exists!

Please let me say how much I appreciate your interest ;) . So a little additional nuance...

There is a practical need for the word “penny”—which is probably one reason it never departed American use. “Cent” has an additional meaning that handicaps it in some contexts: a “cent” is a 1-cent coin, but it is also a generic denomination, that is, 1/100 of a dollar.

Ask for “50 cents” and you might get 2 quarters, or 5 dimes, or 10 nickels, or 50 cents/pennies—or any combination thereof. And etc., etc.

Ask for “50 pennies” and you get 50 cents/pennies.

So "penny" lends a precision to American speech that "cent" doesn't offer.

And then there are all those phrases that would lose currency if Americans had no homegrown “penny:” no “penny-pincher,” no “pitching pennies,” no “lucky pennies.”

But I note that the important phrase “to put in your two cents” (to give one’s opinion) is always “cents,” never “pennies.”

And there are times when “pennies” can mislead Americans who don’t automatically understand that pennies were/are pieces of a currency unit known as the “pound,” as in “penny wise; pound foolish,” or “in for a penny, in for a pound.”

The interplay between British-English and American-/Canadian-/Australian-/Indian-/Etc-English is endless fun and frustration, as is the intrinsic tension in English between Saxon and Norman. (I always liked Churchill on the subject—in paraphrase—“Prefer short words to long words, and the old words, when short, are best of all.”)

In American English it's always 1776, but then too, in American English--as in British English--it's always 1066!

:D v.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sor Lillo

Please let me say how much I appreciate your interest ;) . So a little additional nuance...

In 1928 Jimmie Rodgers in "Waiting for the train" sang:

"I haven't got a nickel / Not a penny can I show / He said Get off you Railroad Bum / And he slammed the box car door."

Un saluto.

Modificato da Sor Lillo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×