Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
campaz

Lancia rovesciata

Risposte migliori

campaz

Spesso ricorre questo particolare: qualcuno sa spiegarmene il significato? Se Jupiter tenendo una lancia rovesciata di fronte a Settimio (RIC 35) potrebbe dichiarare la sua benevolenza nei confronti dell'imperatore, perché Virtus tiene una lancia sempre rovesciata (sempre Settimio, RIC 24)? E' un attributo che semplicemente mostra la potenza militare senza voler minacciare (si vis pacem, para bellum)? Oppure ha un qualche significato che non conosco? Grazie a chi mi potrà chiarire questo piccolo dubbio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Caio Ottavio

Dal Montenegro:" Virtus --- Coraggio. Di solito raffigurata in armatura completa; regge la Vittoria o parazonio e lancia, o lancia e scudo".

Questa personificazione appare sulle monete imperiali romane dal primo al quarto secolo d.C. Era l'evoluzione della figura di un dio indigeno, ovvero una figura divina appartenente al pantheon delle divinità italiche. Reca, quindi, gli attributi di Marte, essendo la personificazione del Coraggio. La punta della lancia è rivolta verso il basso semplicemente perchè il personaggio è in posizione di riposo, cioè conficca la punta nel terreno per rendere stabile l'asta della lancia in modo da potersi facilmente appoggiare o per reggerla con maggiore comodità. Per quanto riguarda Giove, questo importante dio NON regge una lancia rivolta verso il basso, bensì un lungo scettro. (Vedi R/ allegato).

post-24898-0-75386900-1300383904_thumb.j

Modificato da Caio Ottavio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

campaz

Si tratta di un particolare di minor importanza - nulla a che vedere con miti complessi come quello della cornucopia - ma che effettivamente mi affascina. La mia teoria (suffragata dal nulla se non dall'immaginazione) che la lancia rovesciata possa essere un segnale di benevolenza ha trovato d'accordo anche altri: c'è però chi dice che una lancia rovesciata è più comoda da tenere, chi dice che non fa differenza se sia dritta o rovesciata (l'importante è che sia tenuta in orrizontale, altrimenti è offensiva), chi semplicemente fa notare che era più comodo per l'artigiano che produceva il conio disegnarla a testa in giù (altrimenti la punta non si notava). Il tuo contributo, per il quale ti ringrazio, è circostanziato (negli altri casi si va semplicemente per deduzione). Rimane il fatto che leggere le chiavi iconografiche su una moneta che ha pochi millimetri di diametro è davvero aleatorio (ma affascinante). Per quanto riguarda Giove, mi sono espresso male: in Septimius RIC 35 (purtroppo mi devo accontentare della descrizione in quanto non sono riuscito a reperire una fotografia) Iupiter sta sulla destra, tiene uno scettro e offre un globo all'imperatore che gli sta di fronte: è Settimio che tiene la lancia rovesciata. La si può leggere come una forma di rispetto, un'esibizione di potenza che naturalmente non minaccia la somma divinità pagana, anche se la tua indicazione è forse più credibile.

Per fortuna dalle mie parti nessuno se ne va in giro con le lance (al limite le alabarde...) e quindi non so come si impugni normalmente quell'arma, però mi sorge un dubbio: se una lancia ha una punta, poggiandola per terra non si scalfisce? Qui più che un numismatico ci vorrebbe un armiere!

Grazie

danilo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko8710

Per fortuna dalle mie parti nessuno se ne va in giro con le lance (al limite le alabarde...) e quindi non so come si impugni normalmente quell'arma, però mi sorge un dubbio: se una lancia ha una punta, poggiandola per terra non si scalfisce? Qui più che un numismatico ci vorrebbe un armiere!

Grazie

danilo

Le lance, se forgiate a dovere non si scalfiscono affatto. Erano fatte, sopratutto nei tempi antichi, per trapassare le armature.

Per quanto mi riguarda, praticando arti marziali, nelle quali è previsto l'insegnamento della lancia come arma, ti posso dire che noi la teniamo sempre rivolta in alto, durante la guardia.

Probabilmente l'essere rivolta in basso, è indice di terreno morbido, la lancia fissata al suolo, per appoggiarsi o tenerla fissa.

In ogni caso, questa posizione non è affatto normale secondo me, o ha un significato simbolico, o altrimenti non ha senso tenerla capovolta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Caio Ottavio

Consideriamo che una punta di lancia non poteva scalfirsi al solo contatto col suolo, altrimenti sarebbe stata del tutto inefficace durante il combattimento. Inoltre i Romani utilizzavano i cosiddetti pila e non le lance lunghe (sarisse) che usavano Macedoni e Greci. Il pila può essere di due tipi: leggero, adatto esclusivamente al lancio e aveva l'estremità anteriore più fragile poichè doveva essere reso inutilizzabile dopo il primo lancio, e pesante, rinforzato col piombo per essere usato anche corpo a corpo. Ma, raramente si poteva vedere un legionario imperiale in un combattimento ravvicinato usare un pilum: preferivano il gladio, molto più efficace. Inoltre i metalli utilizzati erano prevalentemente bronzo e ferro, anche se i Romani conoscevano un primordiale tipo di acciaio. Durante la Repubblica nelle legioni (e di preciso nelle retrovie, sulla terza linea di battaglia) vi erano i triarii, ovvero veterani pesantemente armati che usavano lance simili alle sarisse macedoni e venivano adoperati nello scontro solo in caso di vera necessità. Tuttavia con la caduta della Repubblica anche l'armamento e il corpo dei triarii decadde e la sarissa rimase solo un simbolo. La lancia, tenuta rivolta verso l'alto, è simbolo di attenzione: insomma, il legionario che teneva l'arma colla punta in alto comunicava, in obbedienza agli ordini ricevuti, di stare in guardia e di vigilare, ma la lancia era tenuta in alto anche durante le marce e gli spostamenti. Veniva rivolta verso il basso, invece, nelle occasioni, diciamo, meno "formali", quando, appunto, il legionario era in "riposo" e la formazione in cui stava era sciolta. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Caio Ottavio

A scopo illustrativo, vorrei pubblicare due immagini prese dal web: la prima raffigura un gruppo di triarii (che discendono direttamente dalla tradizionale falange macedone) che stanno per entrare in azione; la seconda una ricostruzione virtuale di un triario nell'epoca compresa tra la finde dell'età regia e l'inizio della Repubblica. (Notare la posizione della lancia).

post-24898-0-27385300-1300394840_thumb.j

Modificato da Caio Ottavio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Caio Ottavio

E la ricostruzione...

post-24898-0-15512400-1300394904_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×