Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
dambro

Asse di Nerone vero o falso?

Risposte migliori

dambro

Buongiorno a tutti, sono un nuovo appartenente a questo sito e vorrei rivolgere una domanda a chi è sicuramente più esperto di me (la mia esperienza è vicina allo 0).

Ho rinvenuto questa moneta durante un trasloco e non ho nessuna idea di come mi sia capitata a tiro. Mi sono informato leggendo sul sito e credo di aver capito che si tratta di un asse di Nerone.

Dovrebbe essere in bronzo(?). Il peso è tra i 9 e i 10 grammi (purtroppo non possiedo un bilancino di precisione), il diametro è 2,5 - 2,6 mm e lo spessore varia dai 2 ai 3mm (zone con rilievi). Il bordo non sembra avere tracce di limatura.

Lo stato di conservazione mi sembra ottomo per una moneta che dovrebbe avere circa 2000 anni!!

Allego il fronte e nella prossima discussione il retro (non riesco ad allegare due file insieme)

In attesa di risposte da qualche anima buona ringrazio tutti.

dambro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Ciao e benvenuto.

La moneta ha un aspetto originale.

Il tipo è abbastanza comune per Nerone.

Se il busto presenta un prolungamento del collo terminante è di Lugdunum (la foto è piccola per i dettagli), altrimenti la zecca è Roma.

Comunque ti accludo foto e descrizione di un asse da Lugdunum per confronto.

As 66, Lugdunum. IMP NERO CAESAR AVG P MAX TR P P P Bare head to r,, globe at point of bust. Rev. Victory advancing to l. , holding shield with S P Q R, S – C in field. 10,85 g. RIC 543. BMC 383. C. 302. Fire damage. Almost very fine.

Nell'insieme è leggibile, manca solo un po' di patina. Ma come giustamente dici, è un pezzo di storia di quasi 2000 anni fa. E merita sempre il suo rispetto :) .

Ciao

Illyricum

:)

post-3754-0-85923700-1309090272_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dambro

Grazie Illyricum per la tua risposta. Potrebbe essere, a guardarla bene coniata a Lugdunum ma non ne sono sicuro.

In ogni caso mi è parso di capire che la consideri un originale e non una, seppur ben fatta copia.

Ma c'è un modo sicuro e scientifico per capire che non si tratta di un falso?

E nel caso di originalità che valore potrebbe avere sul mercato?

Grazie del tuo tempo e ciao.

dambro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numizmo

A giudicare dalla foto dovrebbe essere autentico.

Quanto al valore commerciale dipende su che mercato viene immesso , in un trattativa tra privati puoi arrivare a fartelo pagare sui 100 euro. Se finisse in asta, presentato bene e ben fotografato, arriverebbe anche al doppio...

FONDAMENTALE è che tu abbia i documenti che comprovano la lecita provenienza e possesso della moneta stessa....

Li hai......?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dareios it

Ho rinvenuto questa moneta durante un trasloco e non ho nessuna idea di come mi sia capitata a tiro.

FONDAMENTALE è che tu abbia i documenti che comprovano la lecita provenienza e possesso della moneta stessa....

Li hai......?

Dovrebbe essere un mago per averli :rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numizmo

Ho rinvenuto questa moneta durante un trasloco e non ho nessuna idea di come mi sia capitata a tiro.

FONDAMENTALE è che tu abbia i documenti che comprovano la lecita provenienza e possesso della moneta stessa....

Li hai......?

Dovrebbe essere un mago per averli :rolleyes:

La raccomandazione resta valida...con gli annessi e connessi già quì sviscerati ripetutamente....

PS...sò leggere anch'io...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dareios it

La raccomandazione resta valida...con gli annessi e connessi già quì sviscerati ripetutamente....

Sono daccordissimo con te Numi, ma tutte le persone che richiedono notizie sulle monete da loro postate, secondo te, quanti possono giustificare la provenienza? Io stesso possiedo delle monete che mi lasciò mio nonno nel lontano 1966 poco prima che morisse, ma non posseggo nessun tipo di documento sulla loro provenienza. Leggo sempre con simpatia i tuoi interventi caro Numi, lungi da me voler offendere qualcuno, se hai pensato a qualcosa del genere ti chiedo umilmente scusa. Però, leggo sempre di più con una punta di tristezza, queste raccomandazioni che fanno allontanare per paura, sempre di più i giovani dal collezionismo numismatico. La mia speranza è che qualcosa cambi presto in Italia. Non si può assistere (con molto piacere) alle discussioni che parlano di monete inedite o di tante varianti come degli amici Corsi o di altri paesi stranieri che mettono a disposizione di tutti gli studiosi, che plaudono in continuazione e le monete ritrovate in Italia (forse a migliaia) e che non potranno mai essere studiate, solo perchè la nostra legge non permette di essere in regola. Perchè allora non si vieta l'uso del metaldetector una volta per tutte, visto che tutti sanno a che cosa serve per il 99% dei casi? Scusa se sono andato un pò fuori tema, ma mi sembra (e non parlo di te) che le persone continuino a mettere la testa sotto la sabbia come gli struzzi. Spero che tu sia daccordo. Cordiali saluti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numizmo

La raccomandazione resta valida...con gli annessi e connessi già quì sviscerati ripetutamente....

Sono daccordissimo con te Numi, ma tutte le persone che richiedono notizie sulle monete da loro postate, secondo te, quanti possono giustificare la provenienza? Io stesso possiedo delle monete che mi lasciò mio nonno nel lontano 1966 poco prima che morisse, ma non posseggo nessun tipo di documento sulla loro provenienza. Leggo sempre con simpatia i tuoi interventi caro Numi, lungi da me voler offendere qualcuno, se hai pensato a qualcosa del genere ti chiedo umilmente scusa. Però, leggo sempre di più con una punta di tristezza, queste raccomandazioni che fanno allontanare per paura, sempre di più i giovani dal collezionismo numismatico. La mia speranza è che qualcosa cambi presto in Italia. Non si può assistere (con molto piacere) alle discussioni che parlano di monete inedite o di tante varianti come degli amici Corsi o di altri paesi stranieri che mettono a disposizione di tutti gli studiosi, che plaudono in continuazione e le monete ritrovate in Italia (forse a migliaia) e che non potranno mai essere studiate, solo perchè la nostra legge non permette di essere in regola. Perchè allora non si vieta l'uso del metaldetector una volta per tutte, visto che tutti sanno a che cosa serve per il 99% dei casi? Scusa se sono andato un pò fuori tema, ma mi sembra (e non parlo di te) che le persone continuino a mettere la testa sotto la sabbia come gli struzzi. Spero che tu sia daccordo. Cordiali saluti.

Guarda,data la situazione vigente da noi, considerala al pari di un disclaimer o di un bugiardino dell'Alka seltzer : anche in quello c'è scritto che: " prendendola si potrebbe anche incorrere nella remota eventualità di una reazione con esiti mortali" ...poi non muori, al massimo ti ammazzi di rutti, ma siccome non si sa mai e la possibilità esiste, allora è meglio essere ridondanti che scarsi nelle raccomandazioni...ecco, la mia era la imitazione del bugiardino dell'Alka seltzer....

Buona digestione...!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dambro

Sono lieto che il mio post abbia suscitato delle reazioni e quindi delle sane ed utili discussioni sulla vigente legislatura in materia di monete antiche.

Stabilire con documentazione certa la provenienza di una moneta o di un qualunque qualsivoglia reperto antico è veramente un'impresa ardua, credo che nel 99% dei casi almeno per quello che riguarda i privati sia impossibile.

Molto efficace e divertente l'esempio dell'Alka Seltzer postato de Marchese e validissime le argomentazioni di Dareios it.

Resta il fatto che se uno non può dimostrare appunto la provenienza lecita della moneta, per paura se la tiene in casa e lì rimane!

Io credo che in Italia le leggi che riguardano il nostro argomento non cambieranno; c'è sempre qualcosa di più importante da legiferare.

Ma queste sono le considerazioni di una democrazia imperfetta che crede che le uniche leggi da fare sono quelle cosiddette "importanti" tralasciando quelle "secondarie" che invece riguardano poi la stragrande maggioranza dei cittadini.

Detto questo ringrazio ancora tutti quelli che hanno partecipato alla discussione e auguro delle ottime vacanze almeno per chi se le può permettere!!

Ciao a tutti da dambro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×