Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
Ale17

Civetta ad ali spiegate

Recommended Posts

Ale17

Salve, questa è un'immagine presa su internet, qualcuno sa darmi info (costo,rarità, quanti esemplari esistono al mondo...) su questa moneta? Di solito la civetta non ha le ali spiegate ed è di profilo...e se non sbaglio questo tipo di moneta (ali aperte) è conservata anche al British Museum di Londra o sbaglio?

Molte Grazie :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

rossi46

ok al tempo le modalità di stampa erano molto diverse da ora e con metodi molto rudimentali e le monete era difficile farle tutte uguali e precise

Share this post


Link to post
Share on other sites

Arka

E' un decadramma di Atene. Moneta molto rara e decisamente cara. Personalmente ho potuto vedere l'esemplare del British quando è stato esposto a Padova in occasione della mostra ''Alle radici dell'Euro''.

Impressionante.

Arka

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ale17

Secondo voi l'esemplare falso come si fa a riconoscere? c'è qualche particolare metodo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

FlaviusDomitianus

Partire dal presupposto che una moneta così rara e costosa sia falsa, nel caso ti venga proposta,direi sia cosa più che saggia.

I falsi ben fatti ingannano anche i maggiori esperti.

Questo esemplare è stato ritirato da una delle principali aste americane a gennaio, ed era stato stimato 875.000 dollari con tanto di certificazione.

post-22231-0-64190800-1313143036_thumb.j

Share this post


Link to post
Share on other sites

rossi46

si vede nelle monete allincirca del 1700 in poi sopratutto dai pordi e dai rilievi

Share this post


Link to post
Share on other sites

okt

Ed è stata assunta come logo dal Museo numismatico di Atene.

post-7121-0-50759000-1313144463_thumb.jp

Edited by okt

Share this post


Link to post
Share on other sites

numizmo

Secondo voi l'esemplare falso come si fa a riconoscere? c'è qualche particolare metodo?

fai tu i tuoi conti: attualmente c'è un'esemplare di questa moneta che dopo tre o quattro anni e decine di esami da parte di specialisti, ancora non è stato possibile catalogare tra le autentiche o le false...se riconoscere una moneta antica fosse così facile e codificabile come pensi tu, il mondo della numismatica sarebbe l'Arcadia...non basta una vita a imparare... ma non si deve demordere .ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Paolino67

Diciamo che già saperne la provenienza può, se non altro, essere un discreto elemento: a puro titolo di esempio, averlo trovato nella ciotola da 1 Euro al mercatino non è un grosso indice di autenticità.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

numizmo

Diciamo che già saperne la provenienza può, se non altro, essere un discreto elemento: a puro titolo di esempio, averlo trovato nella ciotola da 1 Euro al mercatino non è un grosso indice di autenticità.....

ho qualche dubbio....gli esemplari piu' contestati hanno , sembra che abbiano, una provenienza( il tesoro di Carchemish) abbastanza documentata, ma questo non cambia i termini della questione, tra aggiunte e cloni, la composizione originaria del ritrovamento sembra che ormai sia indeterminabile con sicurezza.

Edited by numizmo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ale17

Se la moneta non viene calamitata dalla calamita vuol dire che è in argento, quindi è originale o sbaglio?

Share this post


Link to post
Share on other sites

FlaviusDomitianus

Se la moneta non viene calamitata dalla calamita vuol dire che è in argento, quindi è originale o sbaglio?

Vuol dire soltanto che non è di metallo ferroso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ggpp The Top

Se la moneta non viene calamitata dalla calamita vuol dire che è in argento, quindi è originale o sbaglio?

Ehm, sbagli! Ci sono molti metalli non calamitabili, quindi non vuol dire che è d'argento. Anche se fosse d'argento potrebbe essere un falso. Le chiediamo gentilmente di mettere delle immagini, altrimenti sarà impossibile stabilirne l'autenticità.

Share this post


Link to post
Share on other sites

numizmo

in ogni caso, gli esemplari " sufficientemente" certi di questa moneta si contano su una mano, e non sono monete rinvenibili al di fuori di certi contesti molto ristretti. In compenso la loro falsificazione è certificata da decenni, tanti decenni, quindi le probabilità che una di queste monete, originali, sia in giro in un cassetto, siono una a 1000 a favore di uan delle svariate copie eseguite nel tempo...per di piu', per le suddette difficoltà di certificazione, anche se uno ne trovasse un'esemplare in un cassetto, ho grossi dubbi che possa rintracciare qualcuno disposto a gettarsi in una scommessa così difficile senza una esaustiva storia pregressa, a meno di accontentarsi di spuntare una frazione infima del potenziale valore.....diciamo che se certificata, il valore oscilla dai 200.000 euro di un BB ai 500,000 di uno SPL e anche piu'....un privato che la proponesse senza un minimo di documentazione, forse spunterebbe un decimo e anche meno della cifra inferiore....e così abbiamo anche risposto alla domanda di base del nostro amico...

Share this post


Link to post
Share on other sites

santini

ok al tempo le modalità di stampa erano molto diverse da ora e con metodi molto rudimentali e le monete era difficile farle tutte uguali e precise

si vede nelle monete allincirca del 1700 in poi sopratutto dai pordi e dai rilievi

Ma cosa stai dicendo??

La moneta risale piu' o meno al 500 AC, e poi non era un parere sulla "stampa", ma sullo strano disegno.

Per favore, marco, se non ne sai nulla, come me del resto, essendo alle prime armi, astieniti da giudizi inutili.

Giulio.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Paolino67

Diciamo che già saperne la provenienza può, se non altro, essere un discreto elemento: a puro titolo di esempio, averlo trovato nella ciotola da 1 Euro al mercatino non è un grosso indice di autenticità.....

ho qualche dubbio....gli esemplari piu' contestati hanno sembra che abbiano una provenienza( il tesoro di Carchemish) abbastanza documentata, ma questo non cambia i termini della questione, tra aggiunte e cloni, la composizione originaria del ritrovamento sembra che ormai sia indeterminabile con sicurezza.

in ogni caso, gli esemplari " sufficientemente" certi di questa moneta si contano su una mano, e non sono monete rinvenibili al di fuori di certi contesti molto ristretti.

Era appunto questo che intendevo dire: se persino monete con un pedigree affermato sono tuttora in odore di falsità, figuriamoci quante probabilità possa avere di essere buona una moneta trovata nella ciotola da 1 Euro al mercatino oppure nel cassetto del nonno.

Vedo però che il nostro amico Ale17 ha svicolato su questo quesito.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.