Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
teodato

Porosità dei denari in argento

Risposte migliori

teodato

Vorrei sapere da esperti in numismatica se i denari in argento che appaiono porosi sono da considerarsi falsi oppure la porosità è legata ad un errato processo di pulitura (acidificazione) oppure a processi naturali di ossiriduzione.

Alcuni di questi denari porosi appaiono in qualità "Splendido".

Ho trovato tali denari in varie aste di numismatica e frequentemente su Ebay.

Gradirei conoscere un vostro parere.

Grazie!

Teodato

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Graccanvs

Teodato, io non sono un esperto. Ma se i processi naturali di usura del tempo hanno comportato una porosità del denario, buono o falso che sia cmq non può essere spl.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

caiuspliniussecundus

Teodato, benvenuto.

Posta qualche imamgine di argento poroso e la commentiamo. la porosità potrebbe dipendere dal terreno in cui è rimasto il denario. Altre volte una certa "porosità" (cioè bollicine superficiali) è dovuta ad aria rimasta intrappolata nel processo di fusione, allora ci troviamo di fronte ad un falso.

Caius

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

danielealberti

Ecco un esempio di una moneta d'argento che considero autentica molto porosa

Creside Re Creso della Lidia ( Turchia) 560-548 a.C.

lele

post-618-1138125574_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

teodato

Ringrazio quanti hanno voluto partecipare alla discussione e aggiungo in allegato un denario di Gordiano III da me acquistato in Ebay.

non é possibile notare le microporosità data la piccola dimensione della moneta ma i micropori non sono tondeggianti (come sarebbero invece delle bolle di fusione) ma hanno l'aspetto (a forti ingrandimenti) di vacuoli con angoli acuti.

Teodato

post-1966-1138125865_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

danielealberti

cavoli, sembra una foto, mi vien qualche dubbio!

lele

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Silla

Dico la mia.... la darei per autentica a metà ( ho visto solo metà moneta ) e poi mi chiedo , a volte la quantità di Fino , ed i metalli che lo accompagnano, possono dare origini a superfici più porose di altre ?? e più sensibili al tempo ???

Modificato da Silla

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giovenaledavetralla

Bellissimo il denaretto e cosi sembra anche buono. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Graccanvs

Guarda che a me sembra buona. Ho visto ben altre porosità... che cmq non sono necessariamente sinonimo di falsità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

VERUS

Anche a me sembra buona

ma le monete di Gordiano III belle, ci sono

un solo piccolo appunto: non è un denario, ma un antoniniano

Ciao P :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

Effettivamente la porosità bisogna "prenderla con le molle"...

Dipende anche da quello che ha passato la moneta.

Vi posso postare un rovescio di una mia moneta utentica, che però ha una forte porosità. Forse provocata dal fuoco o chissà...

post-981-1138147766_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

teodato

Come é stato fatto notare dall'utente VERUS si tratta di un Antoniniano e non di un denario. Sicuramente il tenore in argento non troppo elevato mescolato con altri metalli può influenzare la presenza di porosità legata ad attacco di acidi contenuti nel terreno (humus) con l'avvio di vari processi di ossiriduzione.

Mi é capitato di trovare in Ebay e anche in qualche bottega di numismatica alcuni antoniniani con il dritto in ottimo stato di conservazione ed il rovescio quasi completamente consumato e poroso.

Alla mia richiesta di chiarimenti il negoziante mi ha parlato di conio stanco.

(in questo caso sarebbe usurato solo il conio del rovescio) vorrei sapere se a qualcuno di Voi è capitato e che tipo di interpretazione neavete dato.

Teodato

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

danielealberti

Il mio dubbio viene non dalla porosità della moneta ma dal ritratto fin troppo perfetto e dallo stile dell'incisione, vi ripeto però che è solo un piccolo dubbio e non una mia sentenza di falsità,

lele

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

caiuspliniussecundus
Mi é capitato di trovare in Ebay e anche in qualche bottega di numismatica alcuni antoniniani con il dritto in ottimo stato di conservazione ed il rovescio quasi completamente consumato e poroso.

Alla mia richiesta di chiarimenti il negoziante mi ha parlato di conio stanco.

(in questo caso sarebbe usurato solo il conio del rovescio) vorrei sapere se a qualcuno di Voi è capitato e che tipo di interpretazione neavete dato.

Teodato

90841[/snapback]

Il conio stanco purtroppo è frequente nelle emissioni del III secolo ed è un segno di trascuratezza: il conio del rovescio, di minore importanza anche perché non portava il ritratto imperiale, veniva usato anche quando era molto usurato. Il conio, appiattitosi per le migliaia di mazzate che aveva ricevuto, produceva delle monete senza rilievi, con zone indistinte e le lettere della leggenda impastate e illeggibili. Il diritto veniva cambiato più frequentemente per cui può capitare di vedere monete con un bel diritto e il rovescio affetto da conio stanco. Quindi non si tratta di usura da circolazione (che non potrebbe colpire solo una faccia della moneta) ma di un difetto nella fase di coniatura della moneta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

centurioneamico

La porosità di una moneta può essere sintomo di falso ma può tranquillamente essere sintomo di cattiva lega metallica, di moneta passata nel fuoco e altro ancora.

L'elevata porosità deve, a mio giudizio, far scattare sempre un campanello di allarme al fine di prestare maggiore attenzione alla moneta cercando di analizzarla nei più piccoli particolari. Questo perchè un falso nato per fusione avrà mantenuto in quella che noi consideriamo porosità, delle micro bolle legate alla presenza di aria durante il processo di falsificazione.

Una moneta passata nel fuoco o sottoposta all'attacco di acidi (concimi ad esempio) presenterà una forte porosità ma sarà ben diversa dalla porosità visibile su una moneta falsificata per fusione.

Vedere i manuali al link:

http://manuali.lamoneta.it/Falsi.html#FalsiModerni

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

galba

Anche a me l'antoniniano di Gordiano sembra buono, e probabilmente la portosità ed il colore della moneta sono dovuti alla lega

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×