Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
claudio8702

info stampo moneta romana

salve ragazazzi,qualche tempo fa ho comprato un lotto di momete romane da ripulire...nel sacchetto ho trovato anche questa cosa,qualcuno mi sa dire a cosa serviva? grazie

img1468ek.jpg[/img]

Uploaded with ImageShack.us

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io ogni tanto uso la plastilina per farmi dei calchi in gesso di qualche moneta. Gli stampi vengono fuori proprio così.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Puoi indicarci il materiale di cui è fatto?a guardarlo sembrerebbe in ceramica, ma potrebbe essere in gesso dipinto...

Comunque propendo per lo stampo, è abbastanza simpatico come oggetto.

Anticamente, quando non esisteva internet, i collezionisti usavano inviarsi delle copie in gesso dipinto delle monete, che si ottenevano tramite stampi in negativo come il tuo, dentro i quali veniva fatto colare il gesso fuso, che poi solidificato veniva dipinto, questo spiegherebbe anche quella piccola parte nel tuo oggetto che sembra lesionato, in realtà era il punto dove si faceva colare il gesso.

Almeno questa è la mia opinione in merito.

Saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

è in ceramica...comunque a me sembra originale come cosa!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Si tratta sicuramente di un oggetto interessante, è difficile datarlo, ma il suo uso era probabilmente quello che ti ha indicato Providentiaoptimiprincipis.

post-18735-0-91092100-1317725442_thumb.j

Questo è l'esempio di un mio tentativo... devo ancora affinare la tecnica, non riesco a miscelare bene il gesso che mi lascia delle bolle d'aria, poi visibili nel calco, comunque il procedimento era simile.

post-18735-0-86679400-1317725416_thumb.j

Per gli scambi di informazioni tra numismatici si usavano anche calchi in carta, ottenuti premendo la carta bagnata sulla moneta e lasciandola asciugare, evidenziando poi i rilievi con polvere di grafite.

Entrambi i metodi sono descritti da Francesco Gnecchi nel suo "Monete romane, manuale elementare" edizioni Hoepli 1896

Spesso il calco in gesso è più leggibile della moneta originale, dove a volte le differenze di colore della patina rendono più difficoltosa l'interpretazione.

Di seguito una tavola tratta dal manuale:

post-18735-0-22287800-1317726543_thumb.j

Ciao, Exergus

Modificato da Exergus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Questo è l'esempio di un mio tentativo... devo ancora affinare la tecnica, non riesco a miscelare bene il gesso che mi lascia delle bolle d'aria, poi visibili nel calco, comunque il procedimento era simile.

Ciao, Exergus

Salve, hai provato a fare la miscela con un piccolo sbattitore elettrico?è un idea, ma quando faccio le torte funziona! :P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Questo è l'esempio di un mio tentativo... devo ancora affinare la tecnica, non riesco a miscelare bene il gesso che mi lascia delle bolle d'aria, poi visibili nel calco, comunque il procedimento era simile.

Ciao, Exergus

Salve, hai provato a fare la miscela con un piccolo sbattitore elettrico?è un idea, ma quando faccio le torte funziona! :P

Vuoi farmi uccidere da mia moglie? :lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Questo è l'esempio di un mio tentativo... devo ancora affinare la tecnica, non riesco a miscelare bene il gesso che mi lascia delle bolle d'aria, poi visibili nel calco, comunque il procedimento era simile.

Ciao, Exergus

Salve, hai provato a fare la miscela con un piccolo sbattitore elettrico?è un idea, ma quando faccio le torte funziona! :P

Vuoi farmi uccidere da mia moglie? :lol:

:lol: :lol: :lol: :lol: ahahahahah muoio! :lol: :lol: :lol: :lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

quindi sono stampi ma non del periodo romano giusto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Già, qualcosa di simile, quanto a datarlo sarà pressochè impossibile, credo che al massimo possa risalire al XIX secolo, ma potrebbe essere molto più recente..

Forse, essendo in ceramica (o terracotta) si potrebbe utilizzare il carbonio 14, ma credo sia piuttosto dispendioso...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?