Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
maurineg

Osservazione su Postumia B6

Risposte migliori

maurineg

Gentilissimi Esperti e Collezionisti, osservando oggi la moneta di Postumia B6 (Cr 335/10b) (Var 522) ho osservato al D/, sotto la testa di Apollo, un' immagine che sembra una piccola testa femminile subito a sx della lettera R (come nella moneta di Horatia). L' immagine è presente anche sulla moneta raffigurata nel catalogo delle monete romane repubblicane on line del nostro validissimo sito Lamoneta.it, ma senza una spiegazione o una descrizione. Ho lavorato troppo di fantasia oppure il particolare è finora sfuggito ?

Gradirei un vostro illuminato parere.

Grazie

PS: purtroppo non riesco, per il troppo "peso" in KB, ad inviare l' ingrandimento che avevo preparato.

post-2821-0-69882800-1326191465_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rapax

La risoluzione della foto non aiuta molto, ma ipotizzerei un'imperfezione del conio unitamente ad uno stesso conio di dritto, sia per la moneta che hai postato che per quella sul nostro catalogo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

maurineg

La risoluzione della foto non aiuta molto, ma ipotizzerei un'imperfezione del conio unitamente ad uno stesso conio di dritto, sia per la moneta che hai postato che per quella sul nostro catalogo.

Può essere; mi piacerebbe però far vedere l' ingrandimento che ho eseguito al microscopio; pesa 587 KB; c' è modo di poterlo spedire ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rapax

Ecco l'ingrandimento:

post-1800-0-38785500-1326210280_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

maurineg

Nobili, cittadini e simpatizzanti della Roma repubblicana, ave.

Questa e' la seconda richiesta d' aiuto dopo che la prima e' caduta nel vuoto.

Nonostante cerchi di convincermi che sia una falsa immagine dettata dalla fantasia, continuo a vedere una testina elmata di profilo verso dx al dritto della moneta dei Dioscuri che abbeverano i cavalli alla fonte Juturna (variante B6, quella con la lettera R invece di Roma). Se avete la moneta in questione, o la conoscete o se semplicemente volete darmi il vostro parere (ve ne prego) date un' occhiata all' ingrandimento postato in "osservazioni su Postumia B6".

Grazie a tutti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko8710

Secondo il mio modesto parere è un imperfezione del conio, che come ha detto Rapax, sia in quello della discussione, sia in quello del catalogo si presenta (appunto sono lo stesso conio).

La stessa moneta con la sola "R", ma con un altro conio, non presenta quest'imperfezione.

post-7356-0-63860300-1326635150_thumb.jp

http://www.acsearch.info/record.html?id=332087

P.s. per comodità ho unito le due discussioni.

Mirko

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rapax

Esemplare British 1

Esemplare British 2

Esemplare British 3

Esemplare British 4

Tutti della variante b, l'esemplare 3 presenta la stessa caratteristica.

Chiederei quindi a maurineg una foto a maggior risoluzione dell'intero dritto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rapax

Maurineg mi ha inviato due nuove foto

post-1800-0-99946600-1326709186_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rapax
post-1800-0-29361900-1326709270_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rapax

Ecco i tre esemplari a confronto:

post-1800-0-63632200-1326709300_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko8710

Mmmmm. La prima e la seconda mi sembrano identiche. Cambia solo quella "macchia". Macchia che invece pare essere identica nella seconda e terza moneta.

Per me continua ad essere un difetto del conio, anche perché se effettivamente nella moneta in oggetto potrebbe sembrare una pseudo-testa, nelle altre due non mi da la stessa impressione.

Inoltre, non è un rilievo marcatissimo, guardiamo la "R", molto definita, il conio non è stanco in quel punto, mentre la "macchia" lo sembra... :unknw:

Ovviamente sono supposizioni dettate da una visuale in fotografia...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

maurineg

Ringrazio tutti per i validi contributi.

Ho letto con interesse le argomentazioni di Mirko8710 che mi sembrano molto fondate e pertinenti. D' altra parte un margine di dubbio resta sempre; in particolare vorrei esporre una perplessita'. Se si tratta di un' anomalia di conio, logicamente questa e' riferibile ad un solo esemplare di conio perche' non e' possibile che vengano fatti due coni uguali con la stessa imperfezione. Ora non vi sembra che vi siano troppi esemplari in circolazione riferibili a quello specifico conio (considerando anche la rarita' della moneta) ? Nella collezione del British Museum, come dalle ricerche di Rapax, un conio sui quattro presenti mostra l' anomalia; un altro e' nella mia collezione, un terzo e' raffigurato nel catalogo de Lamoneta.it. Sembra quasi che siano piu' numerosi degli altri senza anomalia, o almeno piu' numerosi di quanto ci si potrebbe aspettare (Crawford riporta per entrambe le varieta' 335/10a e 335/10b 68 coni di dritto).

Grazie per l' attenzione

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

maurineg

Continuo il ragionamento precedente sperando che qualcuno voglia commentarlo. Se l' anomalia, di cui si sta discutendo, e' un difetto di conio e' chiaro che tutte le monete con quell' anomalia dovrebbero essere uguali. Osservando le tre monete, riportate in immagine piu' sopra, la terza da sx sembra avere la testa piu' larga e meno allungata rispetto alle altre due e la sommita' della R arriva al "naso" della pseudo testa mentre nelle altre due arriva alla fronte. Se veramente il terzo conio e' diverso e presenta anch' esso l' anomalia allora bisogna ipotizzare che l' immagine in questione sia una contromarca od un simbolo di controllo piuttosto di un difetto di conio.

Attendo il vostro parere

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko8710

Provo, un'idea.

Allora, come sappiamo la coniazione a martello non è che fosse così molto semplice e quello che poteva essere un semplice gesto come una martellata talvolta diventava ben altro, ripetute battute sui tondelli incandescenti per cercare di imprimere il giusto rilievo alla moneta, uno sforzo non da poco, che richiedeva, di fatto, una persona molto abile manualmente, in questo caso il malliator.

Ora, visto e considerato che l'operazione alla lunga diveniva una routine, può anche essere che i controlli venissero meno.

Come si può vedere da questa immagine

image008.jpg

il conio di incudine era quello che, essendo più stabile, veniva impiegato per le raffigurazioni più complesse, come i ritratti, per esempio.

Poteva capitare che il conio si rompesse e la sua rottura comportava escrescenze di metallo (che penetravano nelle rotture appunto) e che queste si trovassero poi in una "partita" di monete, perché magari poco controllate oppure semplicemente ritenendo il danno poco grave venivano lasciate stare; ricordiamo che la produzione dei conii non era così semplice e richiedeva tempo e costi.

Venendo alla moneta, le due macchie sono differenti, è vero, però potrebbe darsi che la prima, quella meno estesa, fosse la prima rottura....martella martella la rottura si amplia leggermente e si viene a creare la seconda macchia, più estesa ma dalla conformazione simile alla prima...

post-7356-0-50549100-1327161151_thumb.jp

Come si può notare dal fotomontaggio qua sopra, le due macchie sembrano avere un'evoluzione:

1a fase: i due cornetti vicino alla R sono deboli, piccoli rilievi non troppo marcati che creano una forma strana. La parte a ore 7, forma un andamento ondulatorio;

2a fase: i due cornetti adesso sono molto più "profondi", e la macchia nella tua moneta pare ripercorrere gli stessi passi della precedente assumendo una forma più omogenea.

Resta la terza moneta...che dire, a me potrebbe sembrare ancora il solito conio, guardate per esempio la linea di fronte al naso; il solito conio ma molto molto sporco che ha fatto comparire numerose imperfezioni in tutta la moneta... :unknw:

Insomma, io l'ho buttata la...attendiamo il parere di altri...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

maurineg

Grazie per il dotto intervento; aspettiamo altri pareri e, se possibile, altre immagini.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

claudiodruso

senza aggiungere altri dettagli già descritti,

io penso che siano tutte e tre dello stesso conio e con lo stesso piccolo difetto, mi sembra la cosa più plausibile.

ciao

C.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×