Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
nikita_

1.000 lire Verdi II° tipo 1969 ..... dopo 30 anni

Risposte migliori

nikita_
Supporter

Verso gli inizi degli anni '80 ho avuto modo di mettere da parte un discreto numero di 1.000 lire Verdi II° tipo in FDS, circa 350 pezzi.

Fortunatamente di varie date e non solo dell'ultima emissione del 1981.

Durante la sistemazione per decreti e firme mi ero accorto di differenti caratteri utilizzati nella stessa emissione del 1969.

Riguardavano la dicitura al retro:

DECR. MIN. 25 MARZO 1969 E 26 FEBBRAIO 1969

Alcune con una dicitura un pò più piccola ed impastata, ed altre con dicitura un pò più grande ed in chiaro.

Non era un caso isolato di una sola banconota, su di una sessantina di pezzi del 1969 ne avevo una ventina con la dicitura piccola ed il resto con la dicitura grande.

Tante di quelle con la dicitura piccola non erano in numero di serie progressivo tale da far pensare ad una sbavatura d'inchiostro di un piccolo contingente.

Tutte le altre emissioni, dal 1971 al 1981, avevano la dicitura grande.

Avevo inviato una fotocopia ingrandita (allora si utilizzava questo metodo) al Sig. Libero Mancini sperando che mi rispondesse che la prima emissione del 1969 si poteva così suddividere in: 1.000 lire Verdi 1969 I°tipo dicitura piccola e II° tipo dicitura grande.

Dietro sua richiesta inviai successivamente anche le 2 banconote in originale perchè, secondo lui, la fotocopia non mostrava chiaramente i dettagli (erano chiarissimi..).

Ho ricevuto indietro le 2 banconote dopo 3 settimane, quest'ultime erano tenute ferme tramite un pezzettino di nastro adesivo su di un foglietto di carta bianca.

Forse l'ha fatto per meglio vederne la differenza sotto la luce di una lampada.

Io le avevo inviate in busta libere e con protezione rigida.... vabbè.

La risposta fu che non c'era nessuna differenza rilevante tale da scusare la catalogazione in Tipo con dicitura piccola e Tipo con dicitura grande.

I cataloghi non ne hanno mai parlato, io in collezione li ho sempre tenute come 2 banconote diverse.

Dopo 30 anni chiedo a voi: riguardo la dicitura al retro della banconota, c'e' una differenza tale da suddividere l'emissione del 1969 in 2 tipi ben distinti?

post-27461-0-94326800-1327783096_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ersanto

Non dipende dal fatto che un sottotipo sono quelle con carta ocra con fibrille ? 479(a) e 479(b) sul Crapanzano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nikita_
Supporter

Potrebbe essere ma non saprei risponderti, a me come carta sembrano uguali.

Ma anche se fosse, perchè non suddividerle anche in "dicitura piccola" e "dicitura grande" ?

Il Catalogo a cui ti riferisci, su questo piccolo particolare da me evidenziato, non ne fa menzione.

Ritornando alla discussione :

a me più che altro interessa una opinione personale.

Secondo te, le diciture della banconota proposte in allegato, sono differenti?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

heineken79

Ciao,

una differenza c'è, è innegabile.

Tale da giustificare una catalogazione a parte? Non saprei, si rischia di entrare nella "lana caprina" :D

Comunque prova a contattare (o a farle visionare ad un prossimo convegno) a Crapanzano / Giulianini oppure a Gavello.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ersanto

Potrebbe essere ma non saprei risponderti, a me come carta sembrano uguali.

Ma anche se fosse, perchè non suddividerle anche in "dicitura piccola" e "dicitura grande" ?

Il Catalogo a cui ti riferisci, su questo piccolo particolare da me evidenziato, non ne fa menzione.

Ritornando alla discussione :

a me più che altro interessa una opinione personale.

Secondo te, le diciture della banconota proposte in allegato, sono differenti?

Si sono differenti, ma se appartengono l'una al 479(a) e l'altra al 479(b) allora la differenza maggiore e' carta e fibrille, mentre il font del decreto e' secondario.

Puoi dire se le banconote appartengono all'uno o all' altro tipo dal numero di serie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nikita_
Supporter

Si sono differenti, ma se appartengono l'una al 479(a) e l'altra al 479(b) allora la differenza maggiore e' carta e fib...

Si, dal controllo che ho effettuato fanno parte della prima emissione senza fibrille.

Comunque finalmente qualcuno che mi dice che una differenza c'è, grazie veramente ad entrambi. Non è stata mai menzionata dai cataloghi, ma magari al collezionista che approfondisce interessava saperlo.

Se poi questa piccola differenza, (visibile ad occhio nudo per chi ha la vista buona, od una lente d'ingrandimento per chi non c'è l'ha) è trascurabile e secondaria per gli stilatori dei cataloghi che prediligono e/o definiscono primaria una differenza visibile solo con la lampada di wood, è un'altro paio di maniche.... sempre che se ne siano già accorti della differenza nella dicitura.

_____________

Comunque prova a contattare (o a farle visionare ad un prossimo convegno) a Crapanzano / Giulianini oppure a Gavello.

Purtroppo non ne ho la possibilità, grazie comunque per l'indicazione. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

heineken79

Si sono differenti, ma se appartengono l'una al 479(a) e l'altra al 479(b) allora la differenza maggiore e' carta e fib...

Si, dal controllo che ho effettuato fanno parte della prima emissione senza fibrille.

Comunque finalmente qualcuno che mi dice che una differenza c'è, grazie veramente ad entrambi. Non è stata mai menzionata dai cataloghi, ma magari al collezionista che approfondisce interessava saperlo.

Se poi questa piccola differenza, (visibile ad occhio nudo per chi ha la vista buona, od una lente d'ingrandimento per chi non c'è l'ha) è trascurabile e secondaria per gli stilatori dei cataloghi che prediligono e/o definiscono primaria una differenza visibile solo con la lampada di wood, è un'altro paio di maniche.... sempre che se ne siano già accorti della differenza nella dicitura.

_____________

Comunque prova a contattare (o a farle visionare ad un prossimo convegno) a Crapanzano / Giulianini oppure a Gavello.

Purtroppo non ne ho la possibilità, grazie comunque per l'indicazione. :)

Perchè non ne hai la possibilità? Scrivigli o chiama ;)

http://www.banconote.it/crapanzano.php

http://imprese-it.com/Companie/2411412-Gavello_Franco_Cartamoneta.html

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ersanto
Se poi questa piccola differenza, (visibile ad occhio nudo per chi ha la vista buona, od una lente d'ingrandimento per chi non c'è l'ha) è trascurabile e secondaria per gli stilatori dei cataloghi che prediligono e/o definiscono primaria una differenza visibile solo con la lampada di wood, è un'altro paio di maniche.... sempre che se ne siano già accorti della differenza nella dicitura.

La variazione della carta (ocra e fibrille in questo caso) e' un po' come il cambio di metallo in una moneta: si tratta di una variante primaria. Storicamente viene considerata per prima.

Sarebbe interessante se qualcuno potesse fare uno studio come il tuo sulle 5000 Colombo I, carta bianca e carta verdina, e controllare se ci sono anche differenze di stampa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nikita_
Supporter

Perchè non ne hai la possibilità? Scrivigli o chiama ;)

Ci penserò su :good:

____________________

La variazione della carta (ocra e fibrille in questo caso) e' un po' come il cambio di metallo in una moneta: si tratta di una variante primaria. Storicamente viene considerata per prima.

Sarebbe interessante se qualcuno potesse fare uno studio come il tuo sulle 5000 Colombo I, carta bianca e carta verdina, e controllare se ci sono anche differenze di stampa

Che dirti, secomdo un mio modestissimo parere dovrebbero passare prima le differenze tangibili e visibili.

Mettiamo caso che dopo varie emissioni una moneta dello stesso millesimo in argento 666 viene portata in argento 500, magari in quest'ultima c'e' pure una letterina della dicitura in meno rispetto la precedente.

Sarà sicuramente riconoscibile ad occhio nudo più per la letterina mancante che per il calo di metallo nobile.

La carta ocra, in certi contingenti stampati, non è proprio visibilissima, le fibrille con l'ausilio della lampada wodd sicuramente si, almeno questo ho notato in quelle in mio possesso.

Se noti, nell'allegato che ho messo nel primo post, la carta è uguale.

Mi piacerebbe tanto fare per il 5.000 Colombo carta bianca lo studio di cui parli, ma non avendo pezzi a sufficienza per la comparazione mi è impossibile, :unknw:

ci penserà qualche altro collezionista :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×