Jump to content
IGNORED

Viaggio incubo a Ercolano


Fratelupo
 Share

Recommended Posts

Troppo facile fare un servizio così, poi... da uno che mette mani sugli affreschi e scavalca i cancelletti.

Se il giornalista si fosse documentato meglio sull Herculaneum Conservation Project e sulle iniziative della The Packard Humanities Institute non avrebbe potuto far altro che tacere.

Si vede che chi ha fatto il servizio è la prima volta che va ad Ercolano, ma chi c'è stato pochi anni fa e vi ritorna oggi non può far altro che constatate i grandissimi progressi fatti, a differenza anche di Pompei il cambiamento è tangibile.

Link to comment
Share on other sites


Riporto la lettera del Soprintendente proprio riguardo a questa inchiesta

Dr. Paolo Rastelli

Capo redattore www.corriere.it

Gentile dottore,

in relazione al servizio-inchiesta “Viaggio incubo dentro gli scavi di Ercolano”, pubblicato sulla testata on-line del Corriere della Sera in data 15 febbraio 2012, a firma di Antonio Crispino, si impongono alcune doverose osservazioni e puntualizzazioni.

Negli Scavi di Ercolano è in corso da alcuni anni una vasta campagna di lavori di manutenzione e restauro realizzata nell’ambito dell’Herculaneum Conservation Project, ampio programma di conservazione, ricerca e valorizzazione del sito archeologico, condotto in stretta collaborazione fra la struttura scientifica e tecnica della Soprintendenza, il Packard Humanities Institute e la British School at Rome.

Il servizio a firma di Antonio Crispino offre un’immagine arbitraria, distorta e ingannevole degli Scavi di Ercolano, che non trova una piena corrispondenza nella realtà. Il servizio appare peraltro fortemente in contrasto con il generale e convinto apprezzamento di cui gode il sito da parte della comunità scientifica internazionale; Ercolano è diventato infatti un caso studio di best practice per l’ICCROM, come dimostrano le rassegne della stampa nazionale e internazionale.

Il rigore scientifico dei lavori svolti ad Ercolano, che un servizio giornalistico obiettivo avrebbe senz’altro rilevato se solo l’avesse voluto, non è affatto in contrasto con l’obiettivo di una fruizione culturale sempre più ampia, bensì ne costituisce il presupposto indispensabile. Ricerca, conservazione e valorizzazione sono azioni coordinate e conseguenti e solo una certa faziosità porta a separarle al punto da considerare patologica la chiusura di alcune aree solo perché vi sono in corso cantieri di ricerca.

Premesso che, come riportato nella Carta dei Servizi disponibile all’ingresso, circa il 70% dell’area archeologica scavata a cielo aperto è visitabile e fruibile in condizioni di sicurezza e che nell’elenco dei luoghi chiusi al pubblico sono altresì indicate le motivazioni (per es. cantieri di lavoro), si rileva che sono state effettuate riprese filmate all’interno dell’area archeologica senza autorizzazione e ci si è peraltro impropriamente introdotti in zone precluse per motivi di sicurezza o perché interessate da cantieri in corso: zone regolarmente segnalate nel rispetto di quanto previsto dalla legge. Un servizio autorizzato avrebbe messo il giornalista nelle condizioni di acquisire le corrette informazioni in merito all’attuale situazione degli scavi e del relativo andamento dei cantieri.

Spiace osservare che questo tipo di giornalismo ferisce e danneggia ingiustamente l’immagine del Paese, il quale guarda con interesse all’efficace modello di cooperazione pubblico-privata messo in atto a Ercolano per la salvaguardia e la gestione sostenibile di siti archeologici complessi.

Molto è stato fatto a Ercolano, e molto altro ancora resta da fare. Continueremo a farlo nella piena consapevolezza che la conservazione di questa risorsa unica e irripetibile che è il nostro patrimonio archeologico è un’operazione senza fine, che richiede costanza e continuità nella gestione e negli investimenti. La strada di certo è lunga e tortuosa, ma i buoni risultati si possono già documentare, e non riconoscerlo, oltre che sbagliato, sarebbe davvero ingeneroso per il prestigio e la credibilità che il progetto Ercolano merita.

LA SOPRINTENDENTE

Teresa Cinquantaquattro

Link to comment
Share on other sites


Buongiorno a tutti. Negli ultimi anni ci sono stati sicuramente grossi progressi e, pur rimanendo dei lati negativi, i risultati attuali sono frutto di sacrifici ed impegno a fronte di una cronica carenza di fondi... L'area da mantenere è enorme e ogni anno i finanziamenti sempre di meno... Che si può fare?

Link to comment
Share on other sites


Buongiorno a tutti. Negli ultimi anni ci sono stati sicuramente grossi progressi e, pur rimanendo dei lati negativi, i risultati attuali sono frutto di sacrifici ed impegno a fronte di una cronica carenza di fondi... L'area da mantenere è enorme e ogni anno i finanziamenti sempre di meno... Che si può fare?

Forse l'unica soluzione può essere l'intervento di privati disposti a versare capitali per una buona causa. Nel caso di Ercolano finora questa partership ha dato ottimi frutti e credo che sia un modello da seguire, ma anche in questo caso non bisogna generalizzare. L'intervento dei privati va incentivato e regolato nelle sue caratteristiche.

Link to comment
Share on other sites


Concordo in pieno, laddove un privato fornisca sostegno economico, ben venga. L'Herculaneum Conservation Project ne è la prova.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.