Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Illyricum65

Il teatro romano di Tergeste

Risposte migliori

Illyricum65

Ciao,

oggi sul quotidiano locale di Triesteè è stata presentata la tesi di Lisa MIniussi con la ricostruzione del Teatro Romano di Trieste.

La tesi stessa presenta un video con ricostruzione 3 D della struttura, che allo stato attuale non permette un'agevole interpretazione.

Il teatro romano di Trieste si trova ai piedi del colle di San Giusto , in pieno centro città, al limitare della città vecchia, tra via Donota e via del Teatro Romano.

Il teatro risale all'epoca giulio-claudia e all'epoca della sua costruzione si trovava in riva al mare, che a quel tempo giungeva sino in quella zona. Sulle sue gradinate, costruite anche sfruttando la naturale pendenza del colle, potevano venir ospitati circa 4.000 spettatori. Probabilmente fu costruito per volere del triestino Quinto Petronio Modesto, procuratore dell’imperatore Traiano, citato in diverse iscrizioni.

Nei secoli venne poi nascosto dalle case che vi sorsero sopra. Ritenuto perduto, venne individuato nel 1814 dall'architetto Pietro Nobile , ma solo nel 1938 venne riportato alla luce, durante la demolizione di una parte della città vecchia. Le statue e iscrizioni rinvenute negli scavi sono conservate presso il Civico museo di Storia ed Arte.

Per chi fosse interessato vi segnalo il link:

http://www.fondoambi...%20-%202008.pdf

E il filmato 3D della neo-dottoressa:

http://ilpiccolo.gel...m-era-1.3210221

Ciao

Illyricum

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

FlaviusDomitianus

Bello; nel 2000 al centro dello spazio antistante la cavea era piazzata una scultura sferica composta mi sembra da vecchie marmitte!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

okt

Bello il teatro romano di Trieste, la Rena vecia, nel nostro dialetto.

Quanti ricordi, nelle stradine che da lì s'inerpicano verso il castello, anche romantici...

Peccato non lo si veda anche dal Corso, nascosto com'è dall'orrendo edificio novecentesco della Questura.

Grazie Illyricum65!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

... nel post precedente ho dimenticato di inserire 2 foto che testimoniano lo stato attuale.

Recentemente è stato utilizzato per alcuni spettacoli.

post-3754-0-16607000-1329937132_thumb.jp

post-3754-0-61622500-1329937151_thumb.jp

Ciao

Illyricum

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko8710

Io quando vedo queste cose piango...è troppo emozionante...

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Ciao,

se vogliamo lievemente disgiunto dal tema sul Teatro Romano di Trieste ma in realtà collegato è il rinvenimento di anfore romane a poca distanza dallo stesso:

Una visione davvero fuori dal comune, per la loro collocazione, si è offerta, alcuni giorni fa, allo spettatore non esperto, in pieno centro di Trieste, in prossimità di "Cittavecchia": oltre 100 anfore romane, risalenti al I secolo d.C., alcune intatte, altre semidistrutte, ammassate in due file sovrapposte, sopra un muro di contenimento. E' questo l'ultimo regalo degli scavi archeologici preventivi, prescritti dalla Soprintendenza, nell'ambito della realizzazione del Park San Giusto, a Trieste, un parcheggio per oltre di 700 posti auto, che buca il colle di San Giusto, sopra le cui pendici si estendeva l'antica città romana.

post-3754-0-77726500-1330268379_thumb.jp

Un "muro di anfore", dunque, contenitori di olio o di vino che una volta usati, non potevano essere riciclati allo stesso uso e quindi venivano buttati oppure utilizzati per altri scopi. In questo caso le anfore, già poste sottoterra in età romana, sono state riciclate, secondo una tecnica edilizia nota anche in altre zone della pianura, per trattenere le acque piovane o le alte maree e per evitare, quindi, ristagni di acqua nel terreno. Siamo infatti in prossimità della strada costiera che correva, pressappoco, sotto l'attuale via del Teatro romano.

Il rinvenimento è avvenuto nell'ambito di una nuova indagine archeologica, sempre in continuità con quelle dei mesi precedenti, che ha messo in evidenza un ulteriore settore di sistemazione di un vasto spazio aperto, di destinazione ancora ignota ma probabilmente pubblica: nelle immediate vicinanze si è intravista anche l'abside di un edificio, che proseguiva nell'area non scavata, affacciato su un piazzale lastricato.

"Le anfore rinvenute in questa occasione, dice l'archeologa Paola Ventura, responsabile per la Soprintendenza della direzione scientifica, sono tutte dello stesso tipo, contenitori per olio, tipici della penisola istriana. Molte di esse portano, ancora leggibile, il nome del produttore che ci aiuterà a localizzare, con maggiore certezza, l'area di fabbricazione. Nel settore scavato in precedenza, invece, sono stati riconosciuti anche altri tipi di diversa provenienza: adriatica, dall'Egeo e dall'antica Tripolitania (Libia). Tutte, comunque, databili nel I secolo dopo Cristo".

Un utilizzo secondario delle anfore che si affianca a quello che le vede impiegate come tombe, in epoca tardo antica, in molte aree della città: alcuni esempi si sono visti anche negli scavi del Park S. Giusto, dove sono stati trovati due adulti ed un bambino, i cui scheletri sono stati affidati a specialisti dell'Università degli Studi di Udine per l'analisi scientifica.

Resta più raro per Trieste il rinvenimento di un drenaggio di anfore, anche se un "deposito di anfore", probabilmente molto simile se non la prosecuzione di questo, era stato segnalato negli anni '50 durante la costruzione della scalinata di S. Maria Maggiore.

Come tutte le città antiche sepolte, la Tergeste romana continua, dunque, a stupire grazie agli scavi effettuati ad hoc o a quelli effettuati occasionalmente per la realizzazione di opere pubbliche o private. Non tutto si riesce a riportare alla luce e a valorizzare, anche se il terreno contiene ancora molti resti. Proprio ieri, nel corso di un incontro fra la Soprintendenza, il Comune di Trieste, i rappresentanti della Società Park S. Giusto s.p.a. e dell'Impresa Archeotest, che esegue gli scavi, si sono valutate le possibilità per proseguire nelle indagini, senza bloccare in maniera indefinita i lavori, salvaguardare i reperti e progettare soluzioni compatibili per restituire alla visione almeno una parte di quanto è stato trovato.

Ufficio Stampa e Comunicazione della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Friuli Venezia Giulia

Ciao

Illyricum

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×