Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Paleologo

Numismatica al parcheggio

Risposte migliori

Paleologo

Salve popolo, vorrei farvi partecipi di una mia recente curiosa esperienza. Dato che per curiosità e interesse professionale (della mia signora) mi capita spesso di visitare antiquari e rigattieri della mia zona, ho l'abitudine di lasciare il mio numero telefonico dicendo che cerco monete da acquistare. Tramite uno di questi negozi mi contatta un tale che vuole farmi vedere le classiche "monete del nonno", e mi da appuntamento nel parcheggio di un centro commerciale :huh: Pur rassegnato alla solita sfilata di spiccioli tipo impero in conservazione B- mi armo dei paraphernalia del caso (lente, calibro, bilancia, cataloghi..) e mi incontro con il tipo, un quarantenne con l'aria più da coltivatore diretto che da numismatico B) , il quale deposita sul pianale della macchina <_< un paio di raccoglitori. Li apre ed estrae una sfilata di falsi da mercatino: scudo di Carlo Felice, 5 Lire 1914, 5 Lire 1911, un paio di scudi pontifici, centesimo 1902, 10 lire aratrice... Ops, un'occhiata un po' più attenta me li fa riconsiderare, i falsi da mercatino: peso e diametro corretti, patina dell'argento scura ma "giusta", aspetto generale non da patacconi! A questo punto mi fermo, non azzardandomi a valutare l'eventuale bontà dei pezzi e gli consiglio di rivolgersi a un perito. Gli faccio inoltre notare, come voi mi avete insegnato, che monete del genere è ben difficile che si trovino per caso "nel cassetto del nonno". Il tipo, che a questo punto mi aspettavo volesse piazzarmi a forza tutto il cucuzzaro (rincuorandomi così sulla natura truffaldina dell'operazione), mi chiede invece maggiori dettagli sulle perizie, la stima, la conservazione. A domanda specifica sul come il nonno si fosse procurato quelle monete, risponde: "e che ne so, magari le ha rubate" :blink: Gli do l'indirizzo di un noto perito di Roma e lo saluto non senza essermi portato a casa per una ventina di euro uno scudo da 5 franchi "Cèrès" del 1850. Il tipo mi fa una vaga promessa di informarmi dopo che avrà fatto periziare le monete, ma io rimango col dubbio: le monete rare si trovano davvero a volte nel cassetto del nonno? E se sì, ne consegue automaticamente che il nonno (o chi per lui) si occupava di "scavalchi" :ph34r: ?

Che ne pensate? :D

Ciao, P. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Maffeo

Beh Paleologo, io ho certamente l'età di nonno, e nei miei cassetti ci sono certamente delle monete rare... :lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eg1979

Caro Paleologo,

credo dipenda fortemente dal lavoro che faceva il nonno! :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

max65

Ciao Paleologo,

mi sa tanto che non erano falsi,tutto coincideva.Certo quello che ti proponeva ti ha fatto venire dei dubbi,data la rarità delle monete.Ma come ci in segna Roth37,non è detto che debbano sempre essere false,perchè realizzarle così perfette costa tempo e denaro e di solito,le patacche ed i falsi non sono mai perfetti.

Saluti da Max65 ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mmon

un giorno mi ha telefonato un mio carissimo amico orefice, che di monete non si occupa e non sa nulla, per dirmi che era morta una sua vecchia zia, che gli aveva lasciato delle monete d'oro; mi chiedeva una "consulenza". Le monete erano un centinaio, con una cinquantina di sterline (fiocchetto e seguenti), una cinquantina di marenghi, quasi tutti Umberto anni comunissimi; ma in mezzo c'erano: un 100 L Aquila qFDC, un 100 L Aratrice FDC, un 100 L Vetta FDC, un 100 L fascio FDC un 50 L Cinquantenario FDC, e 2 fascetti FDC. Ho subito pensato che queste monete fossero dei falsi, perchè la zia sicuramente non era una collezionista, e trovare monete di questo tipo in mezzo a monete che hanno tutti fa fortemente sospettare la fregatura. Le ho pesate, misurate, scrutate, fatte vedere a periti....tutte buone!

A parte l'invidia (ho pensato di dirgli che erano false, ma l'onestà ha prevalso :) ), sono rimasto molto sorpreso; ho pensato che la zia fosse una bonazza che avesse avuto tra i suoi amanti un ricco collezionista ( o il re!); invece era bruttina....

chissà da dove arrivavano quei bei pezzi. Se qualcuno vuole associarsi a me per un furto in una gioielleria me lo faccia sapere :P (però il mio amico è bello grosso e ha dozzine di antifurti :ph34r: ). Anzi, pensandoci bene, nessuna rapina ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dimitrios
Le monete erano un centinaio, con una cinquantina di sterline (fiocchetto e seguenti), una cinquantina di marenghi, quasi tutti Umberto anni comunissimi; ma in mezzo c'erano: un 100 L Aquila qFDC, un 100 L Aratrice FDC, un 100 L Vetta FDC, un 100 L fascio FDC un 50 L Cinquantenario FDC, e 2 fascetti FDC. Le ho pesate, misurate, scrutate, fatte vedere a periti....tutte buone!

Caspita, che belle monete :o

Pensandoci bene non è cosi raro trovare delle raccolte con monete d'oro di prestigio fatte da persone vissute agli inizio del secolo scorso come forma di investimento.

Una volta ricordo una signora anziana che si è presentata dal mio numismatico di fiducia con circa 10 pezzi (se ricordo bene) da 100Lire Vetta d'Italia!Erano messe da parte dal suo marito come investimento.Tutte autentiche!La signora non capiva niente di numismatica e voleva venderle a peso!!! :ph34r:

Fortunatamente le è stato spiegato che aveva fra le mani un piccolo tesoro :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

max65

Ciao Amici,

bravi,l'onestà innanzitutto,anche se penso che al vostro posto pochissimi si sarebbero comportati come voi. :)

Saluti da Max65 ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paleologo

Vi terrò informati sugli sviluppi... :ph34r:

Ciao, P. :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luigi78

PREMESSO CHE non tutti i falsi sono da un euro e che i veri falsi (dai 500 euro in su ma anche meno) sono ben fatti, reputo sempre che non sia il caso di far compere (da un euro in su) da venditori improvvisati anche se a volte potrebbe valerne la pena

Se son false poi il venditore dove lo trovi più?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paleologo

Infatti, mi sono guardato bene... ;)

Bisogna però dare atto al tipo che sicuramente non era un esperto ma neanche uno sprovveduto... si era presentato già con una bella lista di quotazione prese da qualche catalogo :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Silla

Certo che il luogo dell'appuntamento era più da "scambio" tra agenti segreti ( un parcheggio di un c. commerciale ) , se fosse passato di lì un "Reboldi" secondo me vi avrebbe lanciato addosso i Reparti Speciali . :blink:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

alteras

Complimenti, comunque anche a me è arrivato un amico cui il nonno aveva lasciato alcuni marenghi d'oro di Umberto da farmi (aprossimativamente) valutare...

Niente di speciale, ma comunque sempre monete belle da possedere...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gianluca

Nelle cantine o in cassetti dimenticati spesso si trovano dei piccoli tesori. Un mio amico antiquario ha fatto una fortuna svuotando le cantine dei vecchi casolari di campagna!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mmon

Il negozio presso il quale acquisto le monete era situato in una zona di vecchie case, una volta belle, e poi notevolmente degradate. Si sta tentando da anni di riqualificare questa zona, nel pieno centro della città. Mi diceva che i migliori acquisti li faceva dai muratori che ristrutturavano questi immobili.

Sono poi bene noti a tutti gli affaroni che vengono fatti, specie dagli orefici, acquistando dagli eredi di un collezionista deceduto le amatissime collezioni, praticamente a peso d'oro (un orafo di Valenza alcuni anni fa mi ha raccontato di avere tralaltro acquistato a peso d'oro un Aquilone, e di averlo già venduto con una maggiorazione del 10%. Mi sarei messo a piangere, e devo confessare di avere desiderato che fosse falso :blink: )

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×