Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
odjob

"Io sono il buon pastore........."

Risposte migliori

odjob

Salute

stamani a messa .....dal Vangelo secondo Giovanni:Gesù disse"Io sono il buon pastore.Il buon pastore dà la propria vita per le pecore.Il mercenario-che non è pastore ,vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge.....perchè è un mercenario e non gli importa delle pecore......"

Io ho traslato questa lettura nel pastore=appassionato di Numismaica e nel mercenario=collezionista e investitore/mercenario.

Voglio dire che coloro i quali vengono colpiti da vicino e sia psicologicamente(cioè vengono ,comunque,intimoriti) dalle vicende di sequestri di monete e decidono di non continuare più ad acquistare monete ,ebbene ,ritengo siano "mercenari"che decidono di non acquistare più monete o addirittura di abbandonare la Numismatica,e magari,se protagonisti di sequestri monetali decidono anche di lasciare le"pecore"o monete all'autorità giudiziaria,cioè "il lupo" senza neanche cercare di affrontare un'operazione legale di dissequestro.

Il "buon pastore"è altra cosa,è l'appassionato di Numismatica che è disposto a donare la propria vita per le monete acquistate regolarmente ed oggetto di propri studi

Chi male non fa,paura non deve avere :se si subiscono dei sequestri di monete da parte dell'Autorità Giudiziaria non bisogna farsi intimorire e bisogna ,con validi strumenti legali,cercare di ottenere al più presto il dissequestro,una volta che si è stabilita ,con ricevute e fatture ,la lecita provenienza delle monete sequestrate.Lo so che è più facile a dirsi che a farsi

--Salutoni

-odjob

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numizmo

Chi male non fa,paura non deve avere :se si subiscono dei sequestri di monete da parte dell'Autorità Giudiziaria non bisogna farsi intimorire e bisogna ,con validi strumenti legali,cercare di ottenere al più presto il dissequestro,una volta che si è stabilita ,con ricevute e fatture ,la lecita provenienza delle monete sequestrate.Lo so che è più facile a dirsi che a farsi

--Salutoni

-odjob

Infatti : è più facile a dirsi che a farsi, vista l'elasticità interpretativa dei nostri PM e magistrati nei riguardi della legge in vigore...... tuttavia, "...scarpe rotte e pur bisogna andare.."......arrendersi non migliorerà sicuramente lo stato della questione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giov60

Diciamo che il paragone ... ecco ... mi sembra un po' ... come dire ... ... audace, e forse un tantinino ... ... irriverente, che lascia intravvedere ... forse ... un misticismo ... non tradizionale ...!

... e per fortuna che non era la parabola della dracma smarrita!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

piakos

Il problema, purtroppo, non è la normativa in vigore...la quale lascia non pochi spiragli e non vieta la commercializzazione.

Il problema sono gli interlocutori istituzionali che, poco o nulla sapendo di numismatica, per quanto possano ricorrere a specialisti per un parere, non riescono comunque a valutare appieno le problematiche. Cioè a calarsi appieno nelle varie fattispecie del collezionismo.

Poi c'è anche chi...facendo leva su tale predetta carenza...cerca di ridurre o chiudere, "dall'interno", gli spiragli sussistenti.

Ecco qua...una prima ciliegina o un'olivetta...di quanto sta emergendo nel lavoro, di approfondimento e sondaggio, che si sta approntando per cercare di avere le idee chiare una volta per tutte.

Per servire il pranzo...altri aperitivi ancora da prendere.

Poi, dopo il caffè e l'ammazza caffè...faremo il report.

Uno dice: e quando digeriamo?

Rispondo: sempre meglio che rimanere a dieta.

:ph34r:

:)

Modificato da piakos

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Polemarco

Il problema, purtroppo, non è la normativa in vigore...la quale lascia non pochi spiragli e non vieta la commercializzazione.

Il problema sono gli interlocutori istituzionali che, poco o nulla sapendo di numismatica, per quanto possano ricorrere a specialisti per un parere, non riescono comunque a valutare appieno le problematiche. Cioè a calarsi appieno nelle varie fattispecie del collezionismo.

Poi c'è anche chi...facendo leva su tale predetta carenza...cerca di ridurre o chiudere, "dall'interno", gli spiragli sussistenti.

Ecco qua...una prima ciliegina o un'olivetta...di quanto sta emergendo nel lavoro, di approfondimento e sondaggio, che si sta approntando per cercare di avere le idee chiare una volta per tutte.

Per servire il pranzo...altri aperitivi ancora da prendere.

Poi, dopo il caffè e l'ammazza caffè...faremo il report.

Uno dice: e quando digeriamo?

Rispondo: sempre meglio che rimanere a dieta.

:ph34r:

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Polemarco

scusate, ho commesso un errore

Polemarco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mirkoct

il problema non è mai stato l'affrontare un processo o un sequestro o quello che viene.......il problema è la durata e tutto ciò che ne consegue.... un processo che dura anni non è un processo giusto.

in questo caso il tempo non lenisce il dolore anzi.....

chi non affronta il problema o molla non è un mercenario, è solo una persona spaventata o stanca....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grigioviola

diciamo anche che il tutto comporta un fastidio accessorio non indifferente: il dover pagare dei soldi (ai legali, che giustamente devono essere retribuiti) per dimostrare che si è nel giusto e non avere restituzione di quanto si è versato...

uno acquista lecitamente, spende soldi, paga l'iva che va allo stato e poi lo stato si fa vivo e porta via tutto, temporaneamente a lungo, tu devi spendere fior fiore di quattrini e poi, dopo un paio d'anni ti senti dire: va bene, tutto a posto, ecco qua cornuto e maziato.

ci può stare l'errore, l'eccesso di zelo, la necessità di un controllo (ci mancherebbe!) ma la controparte dovrebbe dire: ok, abbiamo sbagliato, ti rimborsiamo, scusaci del disagio. diversamente, se ho sbagliato io, pago io.

Modificato da grigioviola

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miminobt

un paragone forse un pò tropp forte. In fin dei conti, d'accordo con grigioviola: affrontare spese, fra legali, tempo perso, bolli e simili, è pesante. Secondo me, la questione dovrebbe essere risolta a monte: si definisce per bene i parametri con cui le monete possono o no essere acquistate. E' possibile dire per es. che tutte le monete devono essere dichiarate, così facendo si sa che in giro ci sono tot monete romane, e in caso ce ne siano di molto rare(pochi esemplari) vengono acquistate da musei.

Ma in Italia, per risolvere un fatto..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×