Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
divide et impera

Come esporre le collezioni

Risposte migliori

divide et impera

In circa due mesi ho visitato le sezioni di numismatica di quattro musei italiani.

Il Museo Archeologico presso la sede di Palazzo Massimo a Roma ha indubbiamente una quantità ed una qualità di monete repubblicane ed imperiali enorme ma, a parer mio, l'esposizione, anche se ben curata nella suddivisione cronologica generale in epoche, non soddisfa per le modalità di presentazione dei singoli pezzi. Scorrendo su serie di dritti e rovesci disposti in modo non ordinato non si avverte alcuna organizzazione in temi (religiosi, politici, monumentali, etc.). Il Museo Archeologico di Torino ha piccole collezioni repubblicane ed imperiali, prevalentemente di denarii, raccolte per tesoretti e non per cronologia o tema e disposte con sistemi a piramide che permettono di apprezzarne le caratteristiche. Può risultare utile per farsi un'esperienza sulla consistenza e i tipi presenti nei tesoretti in base alle epoche di occultamento, sempre presunte. Il Museo Archeologico di Perugia presenta due piccoli locali dedicati alla numismatica, aperti ora solo dalle 16 alle 17, con collezioni limitate di monete repubblicane ed imperiali, tra le quali non spiccano esemplari particolarmente rari o interessanti. La disposizione è solo cronologica, senza temi. Al piano superiore si segnala un bel tesoretto di denarii repubblicani la cui foto è da dedicare allo sfondo del desktop. Per ultimo, la piccola ma fantastica saletta numismatica del Museo Archeologico di Aquileia: pochi metri quadrati per una esposizione veramente degna di attenzione. Oltre alla consueta disposizione cronologica in bacheche, le monete imperiali (bellissime e con pezzi rari) sono disposte anche a tema per rovesci, in particolare con una serie di tipi di imperatrici e un'altra con tipi di opere architettoniche. Raccomando una visita agli interessati (non mancano denarii repubblicani).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cliff

Ti consiglio la sezione numismatica del Museo archeologico di Napoli, se hai la fortuna di trovarla aperta, infatti spesso la tengono chiusa per scarsità di personale. Anche i musei Capitolini a Roma hanno una bella sala numismatica con un interessante esposizione di aes grave repubblicani e qualche medaglione veramente notevole.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

divide et impera

Grazie dei suggerimenti. Putroppo ai Musei Capitolini di Roma la sezione di numismatica, quando ci sono andato a fine gennaio 2012, era temporaneamente chiusa. Napoli è già in programma; mi informerò prima di partire sulle aperture delle sezioni che mi possono interessare di più. .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cliff

Si per Napoli mi sono lamentato l'ultima volta (2 volte su 2 chiusa in un anno) e mi hanno detto che l'unica e' chiamare la mattina stessa per sapere se la sezione e' aperta o meno. Non esiste un calendario e lo decidono la mattina in base al personale che si presenta (al netto di malattie e scioperi? boh..), purtroppo la numismatica non è una sezione delle piu' popolari al di fuori degli amatori per cui privilegiano altre sezioni.

Consiglio la pubblicazione "Museo Archeologico Nazionale di Napoli. La Collezione numismatica per una storia monetale del Mezzogiorno, a c. di R. Cantilena, Napoli 2001" che è un buon palliativo nell'attesa di poterla visitare in prima persona.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

divide et impera

Grazie ancora. Tutte le volte che mi reco a vistare un museo cerco sempre di procurarmi una pubblicazione sulla collezione numismatica locale. Per quello di Perugia ho acquistato all'ingresso, ad un prezzo ragionevolissimo (10€), l'interessante volume "Le immagini del potere, il potere delle immagini" dedicato alla monetazione presente nel museo, da Cesare ai Severi, a cura della Soprintendenza per i Beni Archeoloci dell'Umbria (EFFE, Fabrizio Fabbri Editore, 2005).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65
Per ultimo, la piccola ma fantastica saletta numismatica del Museo Archeologico di Aquileia: pochi metri quadrati per una esposizione veramente degna di attenzione. Oltre alla consueta disposizione cronologica in bacheche, le monete imperiali (bellissime e con pezzi rari) sono disposte anche a tema per rovesci, in particolare con una serie di tipi di imperatrici e un'altra con tipi di opere architettoniche. Raccomando una visita agli interessati (non mancano denarii repubblicani).

Sì, il Museo di Aquileia è una chicca.

Non solo la saletta numismatica (piccola ma interessante...) ma nel suo insieme e mi ha colpito la stanza delle gemme. Corniole e quant'altro, incise con perizia a rappresentare divinità, personaggi ed altro.

Un consiglio: se la gita è familiare e la vostra consorte non ha la vostra stessa passione per la Storia romana, allora lasciatela a casa. ;)

Io sbavavo davanti alle vetrine e dopo alcuni minuti venivo destato dallo stato estatico provocato dalla sindrome di Stendhal dalla voce della bengentile che dichiarava: "Andiamo, ti stiamo aspettando..." :whome:

Dovrò tornarci da solo, in debita solitudine.

Ah, che si fa per le mogli... ;)

Ciao

Illyricum

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Satrius

Il problema sul come esporre le collezioni è molto sentito nell'ambito della numismatica.

Principalmente i problemi sono due: quale criterio operare (cronologico, tematico, tesoretti, per nuclei, per provenienza) e come fare per poter rendere visibile la moneta.

Sul criterio di esposizione forse il migliore è quello cronologico, ma bisogna vedere qual è la finalità dell'esposizione, per cui non si può dire che uno sia migliore di un altro. Ricordiamoci sempre che la finalità di un esposizione è quello di essere didatticamente comprensibile.

Sulla visibilità... secondo me questo è un problema vero. Sono pochissimi i musei che permettono di vedere il dritto e il rovescio di una stessa moneta o che permettono anche un ingrandimento della stessa attraverso delle lenti scorrevoli.

Secondo voi qual è il migliore allestimento possibile? Quali opzioni prendereste in considerazione per vetrinette, espositori, etc?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

divide et impera

Carissimo Illyricum,

è con imbarazzo che ti dico........che i miei trascinatori sono prorpio moglie e figli, veri malati di storia e cultura greca e romana. Con il mio Liceo Scientifico trovo qualche difficoltà, nonostante la passione, a confrontarmi con i tre sapientoni del Classico, di fronte a epigrafi e legende!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

divide et impera

Satrius ha colto nel segno. Oltre a fornire una personalissima impressione sulle sezioni numismatiche dei 4 Musei che ho recentemente visitato, mi premeva sollevare il problema di come le collezioni di monete potessero essere presentate al meglio, in base ai nostri pareri. Penso che un grande passo in avanti potrebbe essere rappresentato dall'impego di espositori che permettessero la visibilità sia del dritto che del rovescio. Quindi espositori non "a muro" ma circumnavigabili, con identificazione e numerazione delle monete sul D/ e sul R/ per non impazzire nell'individuazione. Una moneta visibile solo al D/ o al R/ perde gran parte del suo significato. Si rischia la decontestualizzazione: vale per tutte! Per quello che riguarda i temi, una volta introdotto il criterio di cui sopra, sarà più facile anche una suddivisione per serie di rovesci (come dicevamo per Aquileia: opere architettoniche, divinità, celebrazioni, etc.). Per ultimo, eviterei l'ostentazione di aurei, spesso anche simili tra loro, come manifestazione di ricchezza del Museo, prediligendo la presenza di tutta la monetazione con i valori per periodi (quando possibile), anche a costo di esporre pezzi non SPL.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×