Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
zecche del sud

iconografia S. Pietro Celestino

Risposte migliori

zecche del sud

A studiosi e utenti di questa sezione del forum, segnalo l'uscita di due articoli ad interesse numismatico (uno di MARIO NASSA, l'altro a mia firma) in appendice all'opera fotografica ideata e curata da VALENTINO NASSA, Reportage fotografico sulla Peregrinatio delle spoglie di San Pietro Celestino V papa. S. Angelo-Raviscanina 29 maggio – 5 giugno 2011, di prossima pubblicazione in edizione limitata a scopo culturale e divulgativo.

- MARIO NASSA, Cenni sui bolognini e le aucelle coniate in suo onore, pp. 117-124

abstract: l'autore, seguendo il filone della bibliografia classica, ripercorre le tappe che portarono all'identificazione iconografica delle monete coniate all'Aquila (bolognini e celle) e a Sulmona (bolognini) con la raffigurazione di san Pietro Celestino; sottolineando, anch'egli, che gli zecchieri aquilani vollero tramandare ai posteri la canonizzazione del Santo (l'anacoreta Pietro da Morrone) e non del Papa (Celestino V).

- ACHILLE GIULIANI, Celestino V "papa confessor" e una controversa attribuzione di zecca, pp. 125-132

abstract: l'autore, soffermandosi sui danni inferti dal sisma del 6 aprile 2009 alla basilica aquilana di S. Maria di Collemaggio, dove giace la teca con i resti mortali di san Pietro Celestino V, analizza le componenti storiche e iconografiche di una celebre variante della cella (AR) – al D/ REGINA . IOVA (oppure IOVI) – che i curatori del M.E.C. (i proff. P. Grierson e L. Travaini) ipotizzarono appartenere non alla zecca dell'Aquila bensì a quella di Ortona.

L'occasione è gradita, inoltre, per ringraziare amichevolmente gli autori Mario e Valentino Nassa, per la bella e piacevole collaborazione.

Achille Giuliani

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Liutprand
Supporter

Grazie per l'informazione. Puoi dare luogo e data di edizione?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mero mixtoque imperio

A studiosi e utenti di questa sezione del forum, segnalo l'uscita di due articoli ad interesse numismatico (uno di MARIO NASSA, l'altro a mia firma) in appendice all'opera fotografica ideata e curata da VALENTINO NASSA, Reportage fotografico sulla Peregrinatio delle spoglie di San Pietro Celestino V papa. S. Angelo-Raviscanina 29 maggio 5 giugno 2011, di prossima pubblicazione in edizione limitata a scopo culturale e divulgativo.

- MARIO NASSA, Cenni sui bolognini e le aucelle coniate in suo onore, pp. 117-124

abstract: l'autore, seguendo il filone della bibliografia classica, ripercorre le tappe che portarono all'identificazione iconografica delle monete coniate all'Aquila (bolognini e celle) e a Sulmona (bolognini) con la raffigurazione di san Pietro Celestino; sottolineando, anch'egli, che gli zecchieri aquilani vollero tramandare ai posteri la canonizzazione del Santo (l'anacoreta Pietro da Morrone) e non del Papa (Celestino V).

- ACHILLE GIULIANI, Celestino V "papa confessor" e una controversa attribuzione di zecca, pp. 125-132

abstract: l'autore, soffermandosi sui danni inferti dal sisma del 6 aprile 2009 alla basilica aquilana di S. Maria di Collemaggio, dove giace la teca con i resti mortali di san Pietro Celestino V, analizza le componenti storiche e iconografiche di una celebre variante della cella (AR) al D/ REGINA . IOVA (oppure IOVI) che i curatori del M.E.C. (i proff. P. Grierson e L. Travaini) ipotizzarono appartenere non alla zecca dell'Aquila bensì a quella di Ortona.

L'occasione è gradita, inoltre, per ringraziare amichevolmente gli autori Mario e Valentino Nassa, per la bella e piacevole collaborazione.

Achille Giuliani

Ho letto i due contributi, i quali riassumono puntualmente il contesto iconografico monetale legato al Santo del Morrone, abbinandolo al luogo di culto (Basilica di Collemaggio) che oggi meglio ricorda il mite uomo di Dio e dove fino al terremoto del 2009 riposavano le sue spoglie, rimaste “miracolosamente” illese e subito messe al sicuro.

Grazie mille agli autori.

S.P.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

zecche del sud

Questo libro verrà stampato in Italia, nel mese di maggio, tramite web (data e luogo di stampa: Roma 2012).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fedafa

Ho avuto modo di leggere il contributo numismatico all'opera e devo complimentarmi con gli autori.

Spesso per le zecche operative nel Regno di Napoli viene utilizzato l'appellativo di "minore" in quanto messe a confronto con quella della capitale del Regno. Questi ed altri contributi dimostrano invece che la zecca de l'Aquila è una di quelle a cui questo appellativo sta stretto.

Grazie agli autori.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

zecche del sud

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×