Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
alteras

20 Kreuzer (Andreas Hofer) 1809

Risposte migliori

alteras

Qualche giorno fa, il 20 febbraio, ricorreva il 196° anniversario della morte di Andreas Hofer, una delle figure più importanti della storia altoatesina. Sorvolando sulle questioni politiche che ne hanno fatto uno dei principali motivi di polemica nella zona di Bolzano, l’importanza di questo personaggio è comunque riconosciuta da tutti come enorme. Per fare una breve cronologia della storia di questo personaggio nato in un paesino sopra Merano (San Leonardo in Passiria) nel 1767, è essenziale ripartire dal momento in cui il Tirolo (Trentino, Alto Adige/Südtirol e Tirolo) dopo la grave sconfitta di Austerlitz venne ceduto con la pace di Presburgo (1805) dall’Austria a Napoleone. L’Imperatore francese desise di aggregarlo alla Baviera, sua fedele alleata.

Non fu questa una decisione saggia, perché velocemente iniziò in tutto il territorio occupato dai bavaresi, una vera e propria guerra civile, che più che per combattere l’occupazione straniera, aveva un carattere di difesa delle tradizione religiose (ben radicate nella zona) nei confronti delle idee illuministe e riformatrici di Massimiliano Giuseppe I di Baviera, sovrano deciso a cancellare radicalmente ogni tradizione.

Fu così che nella primavera del 1809 i tirolesi insorsero contro bavaresi e francesi. I rivoltosi erano in questo, sobillati e finanziati dall’Austria, e ben presto cominciarono a combattere gli occupanti con agguati e vere e proprie battaglie.

Gli scontri, di cui ora vi risparmio i particolari, continuarono tra alti e bassi per circa un anno. Atti di eroismo e arguzie degne di un Ulisse, portarono la fama di Hofer alle stelle, ma anche alla feroce repressione da parte delle truppe tedesche e francesi.

Il tutto continuò, sino alla notte tra il 27 ed il 28 gennaio 1810. Quella notte infatti un compaesano di Hofer, Franz Raffl, che poi venne chiamato il "Giuda del Tirolo", lo tradì per una taglia di 1500 fiorini, conducendo i soldati francesi alla Mähderhütte sopra San Martino, dove Andreas Hofer viveva con al famiglia.

L’eroe tirolese venne catturato, picchiato e trasportato a Mantova dove il giorno seguente venne condannato a morte e poi fucilato dai soldati francesi la mattina del 20 febbraio 1810.

Ogni anno a Merano, Innsbruck, Trento e Mantova la sua figura viene ricordata come quella dell’eroe del Tirolo.

Tornando alla nostra passione, oltre ad apparire su alcune monete commemorative austriache (50 scellini del 1959, 500 scellini del 1984 e 20 scellini del 1989), Andreas Hofer ha l’onore di avere anche due monete che portano il suo nome (ovviamente dedicato postumo). Difatti per finanziare la rivolta e per demoralizzare ulteriormente le forze nemiche, l’Austria fece coniare una moneta di rame da 1 Kreuzer ed una d’argento da 20 Kreuzer nella zecca di Hall. Quella che vi presento oggi (e finalmente veniamo alla moneta) è la seconda. Nel fronte è rappresentata l’aquila tirolese volta a sinistra e con la testa circondata da una corona di alloro. Nel contorno appare la scritta “Gefürstete Grafschaft Tirol”. Il retro presenta la scritta in grande e centrale “20 Kreuzer”, in basso due rametti intrecciati. Nel contorno invece si può leggere la scritta “Nach dem Conventions Fuss” e l’anno di conio 1809.

Le caratteristiche sono:

Peso: 6,58 gr

Diametro: 28,00 mm

Metallo: Argento

Infine, per concludere vi mostro una variante della moneta, che si differenzia da quella meno rara, per avere il disegno delle ali in rilievo. È quella al centro nella fotografia.

post-289-1140707409_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paolino67

Da buon mantovano, una piccola correzione al preciso resoconto di alteras: l'esecuzione di Hofer avvenne non a Mantova, ma a un paese alle porte, Cittadella, dove è stato eretto un cippo in suo onore, e dove tutti gli anni il 20 febbraio (anche pochi giorni fa :) ) scendono gli shutzen tirolesi a commemorare la sua figura :)

Altro aneddoto (questo raccontato dai nostri giornali locali), è che i cittadini di Mantova, presi a compassione della vicenda di Hofer, fecero una colletta per poterne pagare la scarcerazione, ma la loro richiesta non fu accolta e Hofer venne giustiziato dai soldati napoleonici.

Su da voi cmq c'è una vera e propria venerazione per questa figura, ricordo che quando ero a militare c'erano nella mia compagnia alcuni altoatesini, e quando vennero a sapere che ero mantovano vennero da me eccitati a sentire se conoscevo la storia di Andreas Hofer, se ero mai stato al cippo, ecc. ecc.

Peccato che a quell'epoca non ne avessi mai sentito parlare :D ma mi sono rifatto in seguito ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

alteras

Aggiungo allora un'ulteriore particolare a proposito dei cittadini mantovani, che non solo fecero la colletta per tentare una scarcerazione, ma in quantità si recarono all'interno del forte francese, situato appunto a Cittadella, per consolare, chiedere consiglio ed alleviare un po' la prigionia di Andreas Hofer.

Prima di essere un "rivoluzionario", infatti, Hofer aveva un'albergo-osteria a San Leonardo e grazie a questa attività era entrato in contatto con numerose genti provenienti dalle zone del Mantovano, del Veneto e dell'alta Emilia, con cui era in ottimi rapporti e da questi assai stimato.

Quello che in pochi quassù da noi sanno è che Hofer non era affatto anti-italiano, come in parecchi sostengono, bensì un patriota molto legato alla sua terra d'origine, alla sua storia e alle sue tradizioni...

Di tutto ciò oggi però non si parla...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sadomenico

bellissima storia , e un fulgido esempio di come le monete sono pezzi di storia vissuta e arrivata fino a noi .

e mi viane in mente anche una cosa ; le monete avevano significato storicocontemporaneo alla loro epoca molto forte , addirittura in questo caso per ritorsione bellica , come mai ai giorni nostri si e' perso questo costume , ne rimane debole traccia solo su monete commemorative .

di nuovo complimenti alla moneta e al suo bagaglio culturale e storico .

ciao

Domenico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

roth37
Supporter
bellissima storia , e un fulgido esempio di come le monete sono pezzi di storia vissuta e arrivata fino a noi .

Domenico

Ancora qualcosina e qualche altra moneta si può vedere nel mio sito

http://www.roth37.it/COINS/Hofer

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×