Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
malawi

Braille e monete

Salve a tutti.

Vorrei avere informazioni sull'utilizzo della scrittura Braille nella numismatica .

Alcuni paesi , Italia , Belgio e India hanno coniato monete ,per la circolazione ordinaria, che commemorano l'anniversario della nascita di Louis Braille , inventore francese che ideò questo sistema.

Ricordo che sulla nostra moneta da 500 Lire era presente una scritta in Braille , cosa ripostava il testo??

Come mai il Braille è stato utilizzato solo sulla moneta da 500 lire e non sugli altri valori??

Il testo in Braille sulle monete è davvero utile ?? facilita i non vedenti ?

Quali altri paesi utilizzano o hanno utilizzato in passato il sistema Braille per aiutare i non vedenti nell'utilizzo delle monete??

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gli Stati Uniti hanno emesso un dollaro in argento nel 2009 per commemorare l'anniversario della nascita di Braille.

Da quello che ricordo è stata la prima moneta con il codice "leggibile" dai non vedenti.

Infatti, precedentemente il quarto di dollaro commemorativo dell'Alabama, aveva anch'esso un codice Braille ma troppo piccolo per essere letto.

Credo che lo stesso valga per la maggior parte delle monete con il testo, penso che il codice sia stato usato più per sensibilizzare il grande pubblico piuttosto che per aiutare realmente i non vedenti.

Nelle 500 Lire la scritta in Braille riportava il valore della moneta, L.500.

MM

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Inviato (modificato)

Posso risponderti solo parzialmente.

la scritta Braille sul L. 500 non fa altro che dire: L. 500

Nel 1982 era il valore più alto e sostituiva una banconota, non era una grande cifra, ma si è pensato di far riconocere anche ai non vedenti il valore monetario in uso più grande.

Anche se per me l'hanno fatto per avere più di un particolare record in una sola moneta.

e cioè: la prima bimetallica al mondo, e la prima ad avere il valore in Braille.

Sull'utilizzo di altri paesi non so dirti :pardon:

Modificato da nikita_

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Discussione interessante,

Da quel che ricordo, il padre di una mia zia (cieco) mi disse che si, la scritta in braille sulle 500 lire era il valore, ossia L.500 ma che i puntini risultavano talmente piccoli e poco leggibili che preferiva distinguere le monete facendole battere su una superficie, con l'euro invece si trovò molto meglio, distingueva immediatamente le monete che aveva in mano dal loro bordo oltre che dal diametro, ora è morto, quindi non potrei girargli la tua domanda, ma credo che ti risponderebbe che sulle monete la scritta in braille non è poi così importante.

Ciao

Modificato da MEDUSA51

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Discussione interessante,

Da quel che ricordo, il padre di una mia zia (cieco) mi disse che si, la scritta in braille sulle 500 lire era il valore, ossia L.500 ma che i puntini risultavano talmente piccoli e poco leggibili che preferiva distinguere le monete facendole battere su una superficie, con l'euro invece si trovò molto meglio, distingueva immediatamente le monete che aveva in mano dal loro bordo oltre che dal diametro, ora è morto, quindi non potrei girargli la tua domanda, ma credo che ti risponderebbe che sulle monete la scritta in braille non è poi così importante.

Ciao

Alle scuole medie avevo un professore non vedente, che mi disse le stesse cose. Soprattutto, la scarsa distanza fra una cifra e l'altra rendeva difficilisima la lettura, ma era molto semplice distinguerle, grazie alla zigrinatura del contorno. Anche con il suono era in grado di distinguere le monete, tranne che per 50/100 lire, entrambe in acmonital

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?