Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
villa66

1926 mezzo-dollaro commemorativo

Risposte migliori

villa66

Gli Stati Uniti stava ancora lavorando fuori un surplus di mezzo-dollari durante gli anni venti, così c'erano nessun half-dollars di emissione regolare ha colpito nel 1924, 25 e 26. Un numero limitato di nuovi half-dollars commemorativa ha fatto apparire, tuttavia.

Ecco il mezzo-dollaro 1926, per commemorare il Sesquicentennial (150° anniversario) dell'indipendenza dei Stati Uniti d'America. Colpito—molto opportunamente—in Philadelphia (dove fu firmata la dichiarazione d'indipendenza), di .900 d'argento fine, per le stesse specifiche come il regolare numero circolanti poi mezzo-dollari. Degli 1.000.000 esempi coniati, alcuni 859.408 sono stati fusi. Uno dei 140.592 sopravvissuti:

post-12167-0-53407400-1348187158_thumb.j post-12167-0-17852900-1348187449_thumb.j

Il bassorilievo di questo mezzo-dollaro del Sesquicentennial 1926 ruba e di gran parte del suo fascino commemorativa, penso. Ma la Liberty Bell è completamente realizzato e arrotondati sul ‘26 mezzo-dollaro in un modo che non è su Franklin metà di ‘48, tuttavia, così questo commemorative sono suoi punti di forza.

Credito di progettazione sia per la commem ‘26 e la ‘48 Franklin va a John R. Sinnock, ma è spesso notato che John Frederick Lewis dovrebbe ottenere almeno alcuni del credito per il design della campana della libertà inversa. Per confronto, il Franklin inverso:

post-12167-0-81662300-1348187096_thumb.j

Un cento e cinquanta anni di indipendenza americana meritava una celebrazione corposi, penso, e il 1926 troppo-delicato mezzo-dollaro commemorativo era non appena esso. Si noti che "Silent Cal" (presidente Calvin Coolidge, che era famoso per non parlare molto), fa la sua apparizione su questa moneta—il primo di un presidente americano durante la sua vita.

Queste monete erano destinate a raccogliere fondi per il 1926 Sesquicentennial Exposition di Filadelfia e sono stati raggiunti nella celebrazione dell'America dell'evento da un (molto più muscoloso) francobollo 2-centesimi con la Liberty Bell in carminio e bianco.

post-12167-0-17891900-1348187029_thumb.j

Un ultima nota, circa i molti half-dollars Sesquicentennial 1926 che si trovano leggermente usurati: come è il caso con molti americani mezza-dollari commemorative coniate prima della grande depressione, alcune di queste monete sono stati spesi in circolazione durante i tempi duri degli anni trenta.

E scommetto—dato loro soggetto e soprattutto nei vecchi giorni quando foto immagini erano più duri da trovare quello che sono ora—che almeno alcune di queste monete sono stati al centro di una lezione tavolo da pranzo sulla storia americana, ha detto il padre e madre al bambino, con abbondanza di gestione della moneta, e girandolo più e più volte come la narrazione necessaria.

:) v.

------------------------------------------------------

The U.S. was still workin-g off a half-dollar surplus during the 1920s, so there were no regular issue half-dollars struck in 1924, ‘25, and ‘26. Limited numbers of new commemorative half-dollars did appear, however.

Here’s the 1926 half-dollar commemorating the Sesquicentennial (150th anniversary) of the independence of the United States of America. Struck—very appropriately—in Philadelphia (where the Declaration of Independence was signed), of .900 fine silver, to the same specifications as the regular issue half-dollars then circulating. Of the 1,000,000 examples coined, some 859,408 were melted. One of the 140,592 survivors:

post-12167-0-53407400-1348187158_thumb.j post-12167-0-17852900-1348187449_thumb.j

The low relief of this 1926 Sesquicentennial half dollar robs it of much of its commemorative appeal, I think. But the Liberty Bell is fully-realized and rounded on the ’26 half dollar in a way that it isn’t on the Franklin half of ’48, however, so this commemorative does have its strengths.

Design credi-t for both the ’26 commem and the ’48 Franklin goes to John R. Sinnock, but it is often noted that John Frederick Lewis should get at least some of the credi-t for the design of the reverse Liberty Bell. For comparison, the Franklin reverse:

post-12167-0-81662300-1348187096_thumb.j

A hundred and fifty years of American independence deserved a full-throated celebration, I think, and the too-delicate 1926 commemorative half dollar just wasn’t it. Note that “Silent Cal” (President Calvin Coolidge, who was famous for not talking much.) makes an appearance on this coin—the first by an American president during his lifetime.

These coins were intended to raise mone-y for the 1926 Sesquicentennial Exposition in Philadelphia, and were joined in America’s celebration of the event by a (much more muscular) 2-cent postage stamp featuring the Liberty Bell in carmine and white.

post-12167-0-17891900-1348187029_thumb.j

One last note, about the many 1926 Sesquicentennial half-dollars that are found slightly worn: as is the case with many American commemorative half dollars coined before the Great Depression, some of these coins were spent into circulation during the hard times of the 1930s.

And I’ll bet—given their subject, and especially in the old days when picture images were harder to come by than they are now—that at least a few of these coins have been the focus of a dinner-table lesson about American history, told parent to child, with plenty of handling of the coin, and turning it over and over as the narrative required.

:) v.

Modificato da villa66
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

balkan

The observe features portraits of George Washington the nation's first president and Calvin Coolidge the president at the time of the sesquicentennial and they were weakly struck but the bell seem strongly defined.

It's a great example but the photos are a little too flashy for grading the coin right. I think that I have that stamp somewhere in my room :) good addition to your collection.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

stf

Why most of them had been melted? I imagine survivors now are worth a lot...

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vathek1984

Bel mezzo dollaro, indubbiamente!! Sapevo che i mezzi dollari del tipo Franklin riprendevano il loro rovescio con la Campana da uno di quelli commemorativi, tuttavia non rammentavo precisamente quale, grazie per aver fatto questo azzeccato collegamento.....;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

balkan

Moltissimi mezzi dollari di molte serie sono stati fusi perchè non erano stati venduti. Tipo il mezzo dollaro oregon trail che fu coniato inizialmente in 40,000 esemplari tutti venduti nel 1926. Nello stesso anno ne furono coniati altri 100,000 da un'altra zecca ma ne furono venduti circa 80,000 e il restante rifuso e utilizzato per coniarli nel 1928. Tale moneta fu poi coniata anche in anni sucessivi ma in quantitativi molto ridotti. Spero di aver dato delle cifre più o meno corrette perche' sto' andando a memoria :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

villa66

...grazie per aver fatto questo azzeccato collegamento..... ;)

;) v.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

villa66

Why most of them had been melted? I imagine survivors now are worth a lot...

Balkan ha la risposta :) –perché la maggior parte di loro erano rimasti invenduta.

Ma il superstite conio di c.140K è relativamente grande per commemorative del periodo "classico", 1892-1954 (anche se ci sono stati alcuni monete che sono stati molto più grandi), perché l'evento celebrato da moneta è di importanza nazionale (a differenza di molti altri membri della serie).

:) v.

-------------------------------------------------------

Balkan has the answer :) —because most of them were unsold.

But the surviving mintage of c.140K is relatively large for the commemoratives of the “classic” era, 1892-1954 (although there were some issues that were much larger), because the event celebrated by the coin is of national significance (unlike many of the other members in the series).

:) v.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×