Jump to content
IGNORED

Il Grande Cocomero


petronius arbiter

Recommended Posts

petronius arbiter

Come tutti sapete

post-206-0-57670600-1351704031_thumb.jpg

Non c'è dunque occasione migliore della sera di Halloween per parlare di una banconota conosciuta come Grand Watermelon, nomignolo traducibile come Grande Cocomero, mentre il cocomero di Linus è in realtà una zucca, great pumpkin, nell'originale ;)

Happy Halloween a tutti post-206-0-98771900-1351704231_thumb.gif

petronius :)

Link to post
Share on other sites

petronius arbiter

La banconota in questione, è un biglietto da 1.000 dollari della serie Treasury Note, emesso nel 1890.

Il nomignolo di Grand Watermelon dato al biglietto, deriva dai grandi, verdi zeri al rovescio, che somigliano appunto a un cocomero.

Oggi il nomignolo è dato con affetto, ma non veniva affatto visto così nel 1890, e venne fatto più di un tentativo presso il Dipartimento del Tesoro per cambiare il rovescio del biglietto, cosa che avverrà per l'emissione del 1891.

Anche l'accoglienza del pubblico non fu delle migliori, all'epoca. Un articolo pubblicato nel 1891 dall'Evening Transcript di Boston nota che una nuova serie di biglietti è in preparazione, e a proposito di quelli oggetto della nostra discussione, scrive:

"Non verseremo lacrime per il retro dei vecchi biglietti. Anche al Tesoro non hanno mai avuto una grande approvazione. I funzionari di questa Istituzione comunemente si riferiscono alle denominazioni che rappresentano $ 1,000, $ 500 e $ 100, come "meloni d'acqua", a causa della somiglianza che l'enorme 0 ha con il succoso vegetale.

Crediamo che il genio dell'incisore-capo, Casilear, può produrre dei sostituti di molto superiori. Sicuramente una banconota che non è tutta incisa è più bella, e gli esperti sono del parere che alcuni disegni sparsi, molto elaborati ed eseguiti nel più alto stile di arte, sono più difficili da falsificare con successo."

Non ci sono biglietti da 500 dollari nella serie, ma per il resto l'articolo aveva ragione. Anche al Tesoro capirono che i disegni troppo ravvicinati, senza spaziature, erano più facili da falsificare, e così dall'anno dopo corsero ai ripari.

Noi però, godiamoci il Grand Watermelon.

petronius :)

post-206-0-90519500-1351706150_thumb.jpg

Link to post
Share on other sites

petronius arbiter

Del biglietto da 1.000 dollari del 1890 Grand Watermelon, furono stampati 16.000 esemplari a firma Rosecrans-Huston, con un grande sigillo degli Stati Uniti di colore marrone. Di questi, solo cinque ne sono conosciuti oggi.

Furono altresì stampati 12.000 biglietti a firma Rosecrans-Nebeker, con un sigillo più piccolo e di colore rosso. Solo due sono gli esemplari sopravvissuti di questa variante.

In totale dunque, solo sette esemplari, di cui quattro in musei o istituzioni pubbliche, e tre disponibili per i collezionisti (non scannatevi per averli :m249: mi raccomando :lol:).

Il ritratto che orna il fronte del biglietto è quello del generale George Gordon Meade, pienamente rappresentativo della passione che avevano al Dipartimento del Tesoro negli ultimi anni dell'800 per gli eroi della Guerra Civile disegnati sulle banconote.

Nato a Cadice, in Spagna, nel 1815, da genitori americani, Meade si dedicò alla carriera militare, raggiungendo il grado di Maggiore Generale durante la Guerra Civile. Il suo più grande successo fu la vittoria nella battaglia di Gettysburg, nel 1863, dove fermò l'avanzata delle forze Confederate verso il nord dell'Unione.

Ma non importa cosa abbia fatto, e quanto sia stato importante il Generale Meade, oggi i numismatici apprezzano soprattutto il retro di questa banconota, anche se sanno che ben difficilmente potranno mai metterla in collezione, e non solo perchè, oggettivamente, ne sono rimaste poche :rolleyes:

Il biglietto allegato, col sigillo marrone, è stata infatti la prima banconota a superare, nel 2005, la fatidica soglia del milione di dollari, aggiudicata nella vendita all'asta della collezione David Rickey per 1.092.500 dollari ;)

petronius oo)

post-206-0-25683300-1351707751_thumb.jpg

Link to post
Share on other sites

petronius arbiter

La banconota...è un biglietto...della serie Treasury Note

Conosciute anche come Coin Notes, furono emesse nel 1890 e 1891 sotto la spinta dell’industria mineraria dell’argento.

Il Congresso autorizzò queste banconote, per le quali la legge non specificava espressamente che erano redimibili in argento o oro: si diceva solo che erano emesse per pagare l’argento acquistato dal Tesoro e che erano pagabili “in coin” (da qui il nome comunemente usato di Coin Notes).

Con questa legge, e la collaborazione dei funzionari del Tesoro, i produttori di argento furono in pratica autorizzati a vendere a un prezzo ufficiale artificiosamente gonfiato, e ad essere pagati in Coin Notes, che erano poi immediatamente cambiate in monete d’oro, consentendo così un facile ed elevato profitto.

Le Treasury Notes si distinguono per le frasi della liberatoria, interessanti e uniche nella cartamoneta americana:

Al dritto si legge:

“The United States of America will pay to bearer..(5, 10, 20, ecc.)..dollars in coin.”

E al rovescio:

“This note is a legal tender at its face value in payment of all debts public and private, except when otherwise expressly stipulated in the contract.”

Nel 1890 e 1891 furono emessi i tagli da dollari 1, 2, 5, 10, 20, 50 (solo nel 1891), 100 e 1.000.

Il biglietto da 500 dollari, cui faceva riferimento anche l'articolo citato in precedenza, fu disegnato, e venne preparata una placca d'incisione, ma non fu mai emesso. Doveva riportare il ritratto del Generale William Tecumseh Sherman, ma si ritenne che a soli 25 anni dalla fine della Guerra Civile l'uso del suo ritratto su una banconota avrebbe potuto infiammare gli animi degli abitanti del sud, che avevano ancora vivo il ricordo del pugno di ferro usato da Sherman contro di loro.

petronius :)

Link to post
Share on other sites

petronius arbiter

Il biglietto...col sigillo marrone, è stata infatti la prima banconota a superare, nel 2005, la fatidica soglia del milione di dollari, aggiudicata....per 1.092.500 dollari

Meno della metà di quanto realizzato nel dicembre 2006 da un altro "Grande Cocomero", la variante col sigillo rosso, che è stata battuta in asta Heritage per 2.550.000 dollari, a oggi la cifra più alta mai pagata per una banconota da collezione.

Di questa variante sono noti soltanto due esemplari, uno dei quali è nel museo della Federal Reserve Bank di San Francisco, quello passato in asta è dunque l'unico disponibile per i collezionisti.

Valutata da PMG come VF-35, la banconota proveniva da "un collezionista privato che l'aveva da molti anni", mentre l'anonimo acquirente sarebbe "un collezionista molto avanzato e sofisticato di arte e di monete rare della costa orientale"...qualcuno di voi si riconosce in questo identikit? :lol:

petronius :)


P.S.: al post #5 è stato mostrato il retro di questa banconota.

post-206-0-07726800-1351717450_thumb.jpg

Link to post
Share on other sites

petronius arbiter

Allora, cosa via ha portato il Grande Cocomero, dolcetto o scherzetto? :D

Io speravo di ricevere, se non il Grand Watermelon, almeno

Il Piccolo Cocomero

Conosciuto più semplicemente come Watermelon, è il biglietto da 100 dollari della serie Treasury Notes del 1890.

Meno raro del biglietto da 1.000, ma certo non di facile reperibilità, visto che si stima siano sopravvissuti da 35 a 40 esemplari, di cui 9 in istituzioni pubbliche (musei o associazioni numismatiche) dove si presume rimarranno ancora per un bel pò di tempo. La stima del loro valore va dai 65.000 dollari per un BB ai 200.000 per un qFDS.

Il personaggio raffigurato al fronte, è anche lui un eroe della Guerra di Secessione, l'Ammiraglio David G. Farragut, il primo a raggiungere questo grado nella Marina degli Stati Uniti.
L'impresa per cui viene ricordato fu l'attacco, con 50 navi, contro le navi e i fortini Confederati lungo il corso del Mississippi, al disotto di New Orleans. Non riuscendo ad ottenere la resa dei fortini, risalì il fiume fino a New Orleans, e riconquistò la città, che era stata nelle mani dei Confederati per circa un anno.

petronius :)

post-206-0-64125500-1351769781_thumb.jpg

post-206-0-11454300-1351769799_thumb.jpg

Link to post
Share on other sites

dizzeta

Allora, cosa via ha portato il Grande Cocomero, dolcetto o scherzetto? :D

Io desideravo uno "Scudo stretto" ma mi sarei accontentato anche di un bianchetto o di un grossetto e al limite di un marchetto ....e invece ho ricevuto un ...biglietto:

"Purtroppo la Sua offerta è stata superata ...la ringraziamo per la partecipazione"

Vabbè, vedremo il prossimo anno...

post-9750-0-95750700-1351785404_thumb.jp

Edited by dizzeta
Link to post
Share on other sites

  • 6 months later...
petronius arbiter

Del biglietto da 1.000 dollari del 1890 Grand Watermelon, furono stampati 16.000 esemplari a firma Rosecrans-Huston, con un grande sigillo degli Stati Uniti di colore marrone. Di questi, solo cinque ne sono conosciuti oggi.

Uno dei cinque, in conservazione EF45, è stato acquistato da Spectrum Numismatics per la bella sommetta di 1.527.000 dollari :rolleyes:

A questo link, potete vedere un video con l'aggiudicazione in asta e belle immagini della banconota

http://www.coinweek.com/video-news/new-videos/spectrum-numismatics-buys-1000-grand-watermelon-for-1-527-million-in-heritage-sale-video-436/

petronius oo)

Link to post
Share on other sites

petronius arbiter

Meno della metà di quanto realizzato nel dicembre 2006 da un altro "Grande Cocomero", la variante col sigillo rosso, che è stata battuta in asta Heritage per 2.550.000 dollari, a oggi la cifra più alta mai pagata per una banconota da collezione.

Cifra leggermente ritoccata poco più di un mese fa. A fine aprile la banconota è infatti nuovamente passata di mano per 2.585.000 dollari (2.200.000 + 17,5% di diritti d'asta), nuovo record mondiale...per ora :rolleyes:

petronius :)

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.