Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal

Search the Community

Showing results for tags 'approfondimento'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • La più grande community di numismatica
  • Sei nuovo sul forum?
    • Nuovi arrivati, presentazioni
    • Area di supporto per i nuovi utenti
  • Identifica le tue monete
    • Richiesta Identificazione/valutazione/autenticità
  • Mondo Numismatico
    • La piazzetta del numismatico
    • Bibliografia numismatica, riviste e novita' editoriali
    • Segnalazione mostre, convegni, incontri e altro
    • Contest, concorsi e premi
  • Sezioni Riservate
    • Le prossime aste numismatiche
    • Falsi numismatici
    • Questioni legali sulla numismatica
  • Monete Antiche (Fino al 700d.c.)
    • Monete Preromane
    • Monete Romane Repubblicane
    • Monete Romane Imperiali
    • Monete Romane Provinciali
    • Monete greche: Sicilia e Magna Grecia
    • Monete greche: Grecia
    • Altre monete antiche fino al medioevo
  • Monete Medioevali (dal 700 al 1500d.c.)
    • Monete Bizantine
    • Monete dei Regni Barbarici
    • Monete Medievali di Zecche Italiane
    • Altre Monete Medievali
  • Monete Moderne (dal 1500 al 1800d.c.)
    • Monete Moderne di Zecche Italiane
    • Zecche Straniere
  • Stati preunitari, Regno D'Italia e colonie e R.S.I. (1800-1945)
    • Monetazione degli Stati Preunitari (1800-1860)
    • Regno d'Italia: identificazioni, valutazioni e altro
    • Regno D'Italia: approfondimenti
  • Monete Contemporanee (dal 1800 a Oggi)
    • Repubblica (1946-2001)
    • Monete Estere
  • Euro monete
    • Monete a circolazione ordinaria di tutti i Paesi dell’Area Euro.
    • Euro Monete da collezione Italiane e delle altre Zecche Europee.
    • Altre discussioni relative alle monete in Euro
  • Rubriche speciali
    • Monete e Medaglie Pontificie
    • Monete e Medaglie delle Due Sicilie, già Regno di Napoli e Sicilia
    • Monete e Medaglie dei Savoia prima dell'unità d'Italia
    • Monete della Serenissima Repubblica di Venezia
    • Medaglistica
    • Exonumia
    • Cartamoneta e Scripofilia
  • Altre sezioni
    • Araldica
    • Storia ed archeologia
    • Altre forme di collezionismo
    • English Numismatic Forum
  • Area Tecnica
    • Tecnologie produttive
    • Conservazione, restauro e fotografia
  • Lamoneta -Piazza Affari-
    • Annunci Numismatici
  • Tutto il resto
    • Agorà
    • Le Proposte
    • Supporto Tecnico
  • Circolo di esempio's Discussioni
  • GRUPPO NUMISMATICO QUELLI DEL CORDUSIO ex ACQDC's Discussioni
  • Circolo Numismatico Ligure "Corrado Astengo"'s Discussioni
  • Circolo Numismatico Patavino's Discussioni
  • Centro Culturale Numismatico Milanese's Discussioni
  • Circolo Numismatico Asolano's Discussioni
  • CENTRO NUMISMATICO VALDOSTANO's SITO
  • Circolo Filatelico e Numismatico Massese's Discussioni

Calendars

  • Cultural Events
  • Eventi Commerciali
  • Eventi Misti
  • Eventi Lamoneta.it
  • Aste
  • Circolo di esempio's Calendario
  • GRUPPO NUMISMATICO QUELLI DEL CORDUSIO ex ACQDC's Eventi
  • Circolo Numismatico Ligure "Corrado Astengo"'s Eventi
  • Circolo Numismatico Patavino's Eventi
  • Centro Culturale Numismatico Milanese's Eventi
  • Circolo Culturale Castellani's La zecca di Fano
  • CENTRO NUMISMATICO VALDOSTANO's Collezionare.......non solo monete
  • Associazione Circolo "Tempo Libero"'s Eventi
  • Circolo Filatelico e Numismatico Massese's Eventi

Categories

  • Articoli
    • Manuali
    • Portale
  • Pages
  • Miscellaneous
    • Databases
    • Templates
    • Media

Product Groups

  • Editoria
  • Promozioni
  • Donazioni

Categories

  • Libri
    • Monete Antiche
    • Monete Medioevali
    • Monete Moderne
    • Monete Contemporanee
    • Monete Estere
    • Medaglistica e sfragistica
    • Numismatica Generale
  • Riviste e Articoli
    • Rivista Italiana di Numismatica
  • Decreti e Normative
  • Circolo di esempio's Documenti
  • GRUPPO NUMISMATICO QUELLI DEL CORDUSIO ex ACQDC's File
  • Circolo Numismatico Patavino's File
  • Circolo Numismatico Patavino's File 2
  • Cercle Numismatique Liegeois's File
  • CIRCOLO NUMISMATICO TICINESE's VERNICE- MOSTRA
  • Circolo Numismatico Asolano's Documenti dal circolo

Collections

  • Domande di interesse generale
  • Contenuti del forum
  • Messaggi
  • Allegati e Immagini
  • Registrazioni e Cancellazioni
  • Numismatica in generale
  • Monetazione Antica
  • Monetazione medioevale
  • Monetazione degli Stati italiani preunitari
  • Monetazione del Regno d'Italia
  • Monetazione in lire della Repubblica Italiana
  • Monetazione mondiale moderna
  • Monetazione mondiale contemporanea
  • Monetazione in Euro

Marker Groups

  • Members
  • Operatori Numismatici

Categories

  • Monete Italiane
    • Zecche italiane e Preunitarie
    • Regno D'Italia
    • Repubblica Italiana (Lire)
  • Eur
  • Monete mondiali
  • Gettoni
  • Medaglie
  • Banconote, miniassegni...
  • Cataloghi e libri
  • Accessori
  • Offerte dagli operatori
  • Centro Culturale Numismatico Milanese's Annunci
  • CIRCOLO NUMISMATICO TICINESE's Interessante link

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Found 388 results

  1. Studiando i Decreti di emissione, ho riscontrato alcune incongruenze in alcuni testi: - per la serie impero (lire 20, 10, 5, 2, 1 e centesimi 50, 20, 10, 5) il decreto di riferimento è il R. Decreto n. 106 dell’ 8 maggio 1937 (possibile che l'emissione anticipi di un anno il decreto?), o il R. Decreto n. 2511 del 3 settembre 1936: emissione delle monete imperiali d’argento, di nichelio e di bronzo? - 5 lire quadriga briosa ne R. Decreto n. 14 del 12 gennaio 1908 che approva il nuovo tipo delle monete d’argento dello Stato o R. Decreto n. 5 del 4 gennaio 1914 che approva il nuovo tipo delle monete d’argento? - Buono da 2 lire: R. Decreto n. 176 del 27 luglio 1923 o R. Decreto n. 1537 del 14 giugno 1923: emissione di buoni di cassa di nichelio puro da lire 2 ? - Buono da 1 lira: R. Decreto n. 301 del 21 dicembre 1921 o R. Decreto n. 1829 del 15 dicembre 1921 che autorizza la fabbricazione e l’emissione di buoni di cassa di nichelio da lire una? - serie prora: R. Decreto n. 229 del 29 ottobre 1908 o R. Decreto n. 629 del 28 ottobre 1908 che approva il tipo e i disegni delle nuove monete di bronzo. Chiederei, per favore, a chi ha la possibilità di avere una visione diretta dei decreti quale siano quelli effettivi. Grazie. :) .
  2. Vi posto un elenco bibliografico. purtroppo non aggiornato , dei cataloghi d' asta e dei listini a prezzo fisso relativi alla monetazione sabauda , stilato dal noto studioso torinese Biagio Ingrao
  3. 140 anni fa, passando da una breccia aperta poco a destra di Porta Pia a Roma, i bersaglieri al comando del generale Cadorna entrano nella capitale dello Stato pontificio. Roma si ricongiunge al resto d'Italia. Tra le prime monete coniate alla zecca romana a nome del nuovo re certamente ci sono gli scudi da 5 lire. Esemplare lontano dalla perfezione, ma spero rappresentativo :rolleyes: Ci dovrebbe essere anche una variante con le lettere più ravvicinate ed un rarissimo 20 lire. Con quali decreti furono ordinate queste coniazioni? Quando fu rimessa in funzione la zecca di Roma sotto la nuova bandiera? Esperti del Regno, a voi la parola e soprattutto le immagini. Spero di vederne delle belle e di imparare qualcosa ;)
  4. Vi anticipo che è in dirittura di arrivo il mio volume che aspirerebbe ad integrare il Pagani Prove e Progetti e le altre opere, con rarità e valutazioni. La prima parte sarà solo su casa SAVOIA , dal 1700 circa al 1946. Formato A4, circa 1100 pagine, oltre 800 schede con catalogazione alfanumerica. Se tutto va bene a primavera vedrà la luce. "Evviva il libero pensiero" :D :D :D :D
  5. Amici, cercavo da tempo la "prova schiacciante" che potesse permettermi di fare tale affermazione: Gli esagoni (20 centesimi) del 1918 e del 1919 sono tutti esclusivamente coniati su tondelli vecchi di Umberto I Ebbene, dopo tanto vagliare ecco a voi QUESTA MONETA (notate il valore sullo scudo, evidentissimo): Ordunque, se anche le monete di saggio sono coniate su monete di seconda classe, è categoricamente fuori discussione che le monete di ordinaria circolazione possano essere state coniate su tondelli vergini. "Mistero Risolto" ;)
  6. Buona sera a tutti. Questa mattina, incontrando Domenico, si è brevemente conversato sul falso monetario del Regno, prendendo spunto da una Circolare del Ministero degli Interni del 4 ottobre 1866 che lamentava la falsificazione di pezzi di bronzo di valuta papale circolanti in Roma nonchè quella di pezzi da 10 centesimi "all'effige del Re" circolanti nel Regno. Inaspettatamente, in serata, venivo in possesso di un'altra Circolare, sempre emanata dal Ministero dell'Interno ma in data 8.11.1866, destinata "ai Prefetti ed ai Colonnelli dei R. Carabinieri", con la quale si tratta diffusamente della "falsificazione di monete da centesimi 50 circolanti nelle Provincie Napolitane", fornendo anche delle utili indicazione per l'individuazione delle monete false. Si tratta, per l'esattezza, delle monete da centesimi 50 "valore" con millesimo 1863, coniate dalla zecca di Napoli. Ho data un'occhiata rapida al testo di G. Attardi e G. Gaudenzi "Prove - Varianti - Errori - Falsi nelle monete dei Savoia 1831-1900" ma l'unico falso di questa moneta che viene descritto (a pagina 286) è quello relativo al 50 centesimi "stemma" con data contraffatta, per la zecca di Milano. Non si dovrebbe dunque trattare di un falso coevo ma di una falsificazione più recente. Nulla è riportato circa la moneta descritta nella Circolare che, di seguito, Vi posto: Disponete di qualche ulteriore informazione su questo falso "d'epoca"? Saluti. Michele
  7. Chiedo lumi a qualche esperto di medaglie dei Savoia per sapere quali furono (e se possibile avere delle immagini) le medaglie dei Savoia (prima del 1861) create dagli incisori napoletani Luigi Arnaud e Andrea Cariello. Se cliccate su questo link troverete qualche indizio, sarei davvero cusioro di sapere. Grazie. http://books.google.it/books?id=jUdmAAAAMAAJ&q=andrea+cariello&dq=andrea+cariello&hl=it&ei=Yv6JTK2SGsWOjAeFtZGHBg&sa=X&oi=book_result&ct=result&resnum=4&ved=0CDIQ6AEwAzgK
  8. Buon giorno a tutti. Chi come me predilige il collezionismo delle monete contermporanea anche per la possibilità (almeno teorica) di reperire le relative fonti documentali, deve tuttavia prendere atto che di tanto in tanto anche questo settore è vittima di "fenomeni" incomprensibili che nulla hanno a che vedere con quella che dovrebbe essere, auspicabilmente per questa monetazione, una lineare descrizione delle vicende che l'hanno caratterizzata. E' il caso della moneta in oro da Lire 50 emessa dalla Zecca di Torino per V.E. II Re d'Italia, recante il millesimo 1864 e coniata in soli 103 esemplari. Riferimenti: I principali cataloghi numismatici (Gigante e Montenegro) forniscono di essa un commento parzialmente diverso; il primo (Gigante 2010, pag. 93) annota che "Queste monete furono coniate in 103 pezzi nel 1867 e solo in pochi esemplari nello stesso 1864". Il secondo (Montenegro 2011, pag. 92) riporta invece che la moneta "fu coniata nella zecca di Torino nell'anno 1867 con data 1864". Entrambi i cataloghi indicano come riferimento normativo il Regio Decreto nr. 16 del 2 maggio 1861. Anche la scheda della moneta, visibile nella sezione "Cataloghi" del sito lamoneta, riporta che "a dispetto della data, fu coniata nel 1867", aggiungendo poi ancune ulteriori indicazioni, non riportate dai cataloghi, ovvero la data di fabbricazione 9.1.1867; la data del decreto 10.1.1867 e la data di emissione 12.1.1867. Nessun riferimento, invece, la scheda compie al Regio decreto citato dai manuali sopra indicati. Sarei molto curioso di leggere il decreto 10.1.1867 riportata dalla scheda, che non è indicato nel "Sommario della legislazione delle monete decimali d'oro, d'argento eroso misto" pubblicato nel 1902 dal Ministero del Tesoro e che non ho mai trovato durante le mie ricerche. Devo ora interrompere. Nel prossimo intervento fornirò alcuni riscontri ufficiali e formulerò le conclusioni. Saluti. Michele
  9. Ricordate questa moneta, con al rovescio il fascio littorio a tutto campo? Ecco cosa scriveva lo studioso Giuseppe Sacchi Giuseppe Sacchi, nell’articolo “La coniazione imperiale italiana 1936 – 1943”, seconda parte, alla pagina 48 scrive: “…si tentò finalmente di realizzare questo pezzo nel durissimo acmonital metallo per il quale questa moneta era stata prevista. Ma dopo poche battute, come riferitomi personalmente da un noto commerciante romano, che ne fu a suo tempo informato da un vecchio operaio della Zecca, i coni si avvallarono per la durezza dei tondelli, ed il progetto dovette essere abbandonato. Conosco un solo pezzo in acomonital, l’esemplare in mio possesso.” In merito alla mancanza di questo esemplare al Museo della Zecca, lo stesso studioso, infelicemente scrive: “ …Non essendo quindi stato possibile realizzare il pezzo in acmonital in modo perfetto, era ovvio che l’esperimento doveva considerarsi concluso negativamente e ciò spiega perché questa moneta manchi al Museo della Zecca.” Si tratta di una puntualizzazione che da studiosi non possiamo accettare, perché non chiarisce a che titolo un pezzo sia poi finito sul mercato. Ecco perchè molto spesso bacchetto i numismatici del passato.
  10. Durante la compilazione di alcune schede, nella sezione Prove e progetti della Zecca, nel catalogo on line, mi è venuto questo dubbio: ma le "prove" in piombo di alcune monete (es 100 lire 1912, 50 lire 1912, 20 lire 1908, 20 lire 1912 ) sono davvero prove, oppure sono delle coniazioni non ufficiali (tesi di Forteleoni)? Secondo voi vanno inserite nel catalogo? Saluti.
  11. Dovendo catalogare per il mio prossimo libro le monete descritte con "fondi speculari", mi trovo davanti ad un dilemma: riconoscerle come artefatte, nel senso che si tratta di monete "trattate" successivamente, oppure devo considerarle come un eccesso di entusiasmo da parte dei curatori delle varie aste che si sono susseguite nel tempo? Già, perchè di Fondi Speculari nelle carte della zecca non se ne parla, procedura assolutamente sconosciuta, mai nominata nemmeno da VEIII. Passi la dizione fondi lucenti o fondi brillanti, ma fondi speculari, a tutela del collezionista, non posso davvero accettarla per il periodo antecedente al 1980. (Per la verità passerà ancora qualche anno prima di avere il primo fondo specchio). Qualche esperto vuole specificare meglio cosa intende per fondi speculari?
  12. Buon pomeriggio a tutti. Riordinando i regii decreti a tema monetario di Umberto I, sono rimasto un poco sorpreso nell'osservare le vistose differenze che esistono fra i disegni "legali", allegati al decreto che determina le impronte delle monete di Umberto e le incisioni che poi vennero effettivamente impresse sui tondelli. Il decreto che stabilisce le impronte è il Regio Decreto 30.9.1878 nr. 4514 che si compone di 2 pagine di testo e di tre tavole allegate (una dedicata alla monetazione in oro, una a quella in argento e l'ultima per le impronte delle monete in bronzo). Per gli amanti della legislazione, posto di seguito le complessive 5 pagine del provvedimento (fra testo ed allegati). . Già da un sommario esame delle impronte disegnate negli allegati possiamo notare una notevole differenze nel ritratto del sovrano e, al rovescio, nella lunghezza dei rami intrecciati di alloro e quercia, che appaiono nei disegni molto più corti che sulle monete battute a partire dal 1878. Offro, per un più immediato confronto, una scansione "comparata" dello scudo del 1878, che sono riuscito a realizzare dopo aver finalmente imparato ad usare (appena decentemente) un programma di fotocomposizione.......(era ora...... ;) ). Segnalo ancora, nel disegno riproducente la moneta da centesimi 10, un curioso particolare al dritto, ovvero un punto, che segue il numerale "I" dopo il nome Umberto, del tutto sconosciuto nella monetazione effettiva. Che ne pensate? Ho cercato un pò nei "testi sacri" ma non ho rinvenuto neppure una prova con i particolari riprodotti nelle tre tavole. In teoria, come prevede il decreto, si sarebbero dovute depositare all'Archivio di Stato le impronte in piombo; l'esame di queste ultime ci avrebbe permesso di stabilire con certezza se esistevano i coni riprodotti nelle tavole ovvero se i disegni allegati al decreto erano, fin dall'origine, differenti da quelle che poi sarebbero state le impronte che riscontriamo sulle monete di Umberto I. Saluti. Michele
  13. Nel volume : ORSINI Orsino, Una storia fatta solo di oro, Roma Istituto Poligrafico 1980 una parte e' dedicata ai progetti della serie impero 1936 , notate chi ha approvato il tipo in seguito coniato
  14. Cosa ne pensate di questa moneta? Le foto secondo voi stanno migliorando? DRITTO
  15. chiedo scusa se la sezione non fosse quella adatta (non so se vada qui, nell'altra sezione regno oppure editioriale... o addirittura una diversa) Ieri mi sono regalato il libro della dott.ssa Travaini: Storia di una passione: Vittorio Emanuele III e le monete - Personaggi e Profili ho iniziato subito a sfogliare il libro nella sua ultima parte, dedicata alle lettere. Da qui ho dedotto subito cose che non mi sarei mai aspettato: Il Re, perquanto fosse possidente, era oculato negli acquisti e molto obiettivo anche sul lato economico ("le monete sono belle, ma care"). Era altresì attento ai pezzi che comprava (anche per le varianti), sulla bontà o meno delle stesse. Precocissimo, già appassionato dall'età infantile, ha proseguito poi fino all'età senile, collezionando per ben 65 anni ed arrivando a possedere la bellezza di oltre 100.000 monete :o era un libro di cui avevo sentito parlare, e la prima impressione è stata la migliore: aspettative pienamente soddisfatte!!! approfitto per chiedere qualche lume sull'edizione successiva: il libro è un continuo oppure un'edizione indipendente dalla prima?
  16. Sfogliando... MARIO LANFRANCO. Solerte funzionario; Direttore della R.Z. dal 1910 al 1929. Nella Direzione della R. Zecca. - L’ing. Mario Lanfranco ha lasciato per motivi di salute, nello scorso mese, la Direzione della R.Zecca. Il nome di Lanfranco rimane legato alla rinnovazione della nostra officina monetaria nazionale, ed al movimentato periodo di emissioni che hanno caratterizzato il regno attuale, anche a causa della grande guerra. Nominato nel 1910 direttore della R.Zecca, si recò all’estero per studiare gli ordinamenti e gli impianti tecnici delle migliori zecche,organizzando rapidamente le installazioni nel nuovo palazzo di via Principe Umberto, tanto che nei primi mesi del 1911, ricorrendo il cinquantenario nazionale, si potevano all’augusta presenza del Re iniziare le lavorazioni monetarie. E’ da rilevare che, impiantandosi la Zecca del Regno, il Lanfranco ebbe cura di introdurvi tutti i migliori meccanismi ed i più rigorosi ed economici metodi di lavoro in modo che fu possibile affrontare il grande problema della rinnovazione dei tipi monetari. Come è noto, i primi tipi rinnovati nel 1911 sono stati quelli dell’argento (modello I° e 2°, del Calandra) del bronzo (modello del Canonica) del nichel da 20 centesimi (modello del Bistolfi); i tipi invece dell’oro (modelli del Boninsegna) uscirono soltanto nel 1912. Nel 1917 essendosi dovuto sospendere prima le monetazioni d’argento perché il valore intrinseco di esso aveva raggiunto e superato il suo valore monetario, ed in seguito anche le altre monetazioni per la rarefazione dei metalli bronzo e nichel, occorrenti per usi bellici, la Zecca fece studi per una grande monetazione nel metallo ferro-nichel (lega di ferro col 25 per cento di nichel) che però non diede felice risultato. Questa monetazione era stata ordinata dal Ministro Nitti, mentre il Direttore della Zecca propendeva per una monetazione in nichel puro, della quale esponeva i vantaggi con una lunga relazione che non fu approvata. Nei primi mesi del 1918 la minuta circolazione erasi ridotta in tristissime condizioni perché il bronzo monetario veniva in larga scala incettato per essere esportato o preso come già era successo nel 1917 con l’argento per la parte che non erasi fatto in tempo a ritirare dalla circolazione. In tali frangenti urgevano provvedimenti efficaci ed immediati ed il Lanfranco propose alla Direzione Generale del Tesoro di rimettere in circolazione con nuove impronte le vecchie monete di nichel misto (cupro nichel) coniate nel 1894 col tipo Speranza, e poi ritirate dalla circolazione per essere sostituite colle monete di nichel puro, tipo Bistolfi. Siccome però una parte di queste monete già era stata alienata, così per rimettere in circolazione quella ancora accantonata dovevansi prima cambiare le impronte. A tutta prima sembrava che fosse necessario rifondere le vecchie monete ed utilizzare le paste per fabbricare i nuovi tondelli da coniare. Ma invece si ristamparono le vecchie monete direttamente, senza preventiva rifusione, assogettandole ad un trattamento tecnico molto semplice ed economico. Con questa geniale innovazione non solo l’Erario potè risparmiare parecchi milioni di lire come costo di fabbricazione dei tondelli, ma si potè immettere subito nella stremata circolazione della piccola moneta un rinsanguamento di monete d’appunto che valse a superare felicemente la grave crisi che colpì nel 1918 tutti gli stati belligeranti. Terminata la guerra, la Zecca era chiamata a provvedere al rinnovamento e alla sostituzione delle monete di bronzo con alzamento di valore cioè con variazione di peso, e di composizione chimica; ed alla sostituzione dei buoni di carta da 1 e 2 lire con valuta metallica. Qualche stato estero aveva adottato per la sostituzione dei suoi buoni di carta una lega di rame e alluminio di color giallo: da noi si prescelse il nichel puro utilizzando le forti scorte residuate dalla guerra. Però la lavorazione del nichel puro non era stata ancora trattata industrialmente su vasta scala in Italia e le difficoltà che si dovettero affrontare furono gravi, ma tenacemente e felicemente superate, ed ora la nostra grande industria metallurgica può contare al suo attivo anche la lavorazione in lastre e tondelli di nichel puro. Di questo torneremo a parlare prossimamente. Con le nuove monete di 1 e 2 lire, e col nuovo tipo da 50 centesimi di nichel puro, e con la sostituzione dei nominali di bronzo il poderoso macchinario della Zecca lavorò in pieno, raggiungendo una produzione veramente enorme. Infine, decisa dal Governo Nazionale la stabilizzazione della lira, dovendosi sostituire i vecchi biglietti da 5 e 10 lire con monete d’argento veniva affidata alla Società Metallurgica Italiana la fabbricazione dei tondelli d’argento; la vigilanza tecnica di questa grandiosa lavorazione (quasi mille tonnellate) fu affidata al Lanfranco che organizzò le officine della Zecca in modo da poter coniare più di un miliardo di lire in meno di due anni, lavoro questo veramente ingente che in altri tempi avrebbe assorbito l’opera della Zecca per un periodo di almeno dieci anni. Non vogliamo mancare, infine, di rilevare come il lavoro compiuto dal Lanfranco sia stato giustamente valutato dalle superiori gerarchie, ed apprezzato all’estero, dove si seguirono con interessamento le coniazioni delle nostre monete di nichel puro che presentano, come è noto, non comuni difficoltà per la durezza del metallo e per i forti rilievi delle impronte. Tutte le nuove monete coniate dal 1911 ad oggi sono state precedute da prove ed esperimenti di coniazione che per i numismatici presentano molto interesse perché servono a segnare il cammino percorso nella creazione della moneta. L’ing. Lanfranco ha raccolto i dati e gli elementi più interessanti sulla creazione di queste prove in un suo importante lavoro, illustrando anche le prove e i progetti di monete coniate dai suoi predecessori a partire dalla proclamazione del Regno. Siamo lieti di annunziare che la Rassegna Numismatica avrà il privilegio di pubblicare nei suoi fascicoli, a cominciare fra qualche mese, tale importante lavoro che per la sua documentazione di primo ordine resterà assolutamente definitivo. Il lavoro sarà pubblicato a puntate, nel 1929 e per alcuni mesi del 1930. Nel rivolgere al benemerito funzionario, al valentissimo tecnico il nostro saluto cordiale, esprimiamo il desiderio che, dopo un periodo di riposo necessario alla sua salute, egli possa, anche in un altro ramo della amministrazione, essere chiamato dal Governo fascista a rendere a lungo i suoi servigi al Paese. (tratto da Rassegna Numismatica 1929 pp. 145-146-147 visibile on-line grazie a Rongom) Saluti, N.
  17. ....altro regalino preso a verona....da una brava persona.... :D :) renato
  18. Apro qui questa discussione perchè in qualche modo Vittorio Emanuele III rientra comunque nella domanda che sto per fare. Avete visto il lotto 945 della prossima asta Negrini? No? Beh andato a vederlo... :wub: Così recita la didascalia che accompagna il lotto: ALBANIA 945. AHMED ZOGU, PRESIDENTE (1925 1928) SERIE 1926 E 1927 PROVA SOLO TRE SERIE DI QUESTA TIPOLOGIA EMESSA NELLA ZECCA DI ROMA FURONO REALIZZATE. VENNERO DENOMINATE SERIE DI PRESENTAZIONE DIPLOMATICA, IN QUANTO UNA VENNE OFFERTA AL PRESIDENTE HAMET ZOGU, UNA A VITTORIO EMANUELE III E LULTIMA AD ANDREW W. MELLON, RE DELLACCIAIO E DELLALLUMINIO, INDUSTRIALE E BANCHIERE CHE FU SEGRETARIO DEL TESORO DAL 1921 AL 1932, DURANTE LE PRESIDENZE HARDING, COOLIDGE E HOOVER. LA SERIE DI ZOGU SPARÌ QUANDO VENNE ESILIATO NEL 1939; LA SECONDA, QUELLA DEL RE VITTORIO EMANUELE III PASSÒ AL RE DEGITTO FAROUK E FU SPEZZATA E DISPERSA QUANDO LA COLLEZIONE VENNE VENDUTA PER ORDINE DEL GENERALE MUHAMMAD NAGUIB A CAPO DEL REGIME RIVOLUZIONARIO, IN ASTA NEL 1954. SI TRATTA QUINDI DELLUNICA ORA DISPONIBILE NEGLI ASTUCCI APPOSITAMENTE REALIZZATI CON LA SIGLA B. N. A. (BANCA NAZIONALE ALBANIA). IL PRIMO È COSTITUITO DA DIECI VALORI IN AU (2) IN AG (3) NI (3) E CU (2) CENTO FRANCHI 1926 PROVA PAG. PROVE 783 VENTI FRANCHI 1926 FASCETTO PAG. PROVE (NOTA A PAG. 150) CINQUE FRANCHI 1926 PROVA PAG. PROVE 803 DUE FRANCHI 1926 PROVA PAG. PROVE 805 FRANCO 1927 PROVA PAG. PROVE 811 LEK 1926 PROVA PAG. PROVE 819 ½ LEK 1926 PROVA PAG. PROVE 821 ¼ LEKU 1926 PROVA PAG. PROVE 823 DIECI QINDAR 1926 PROVA PAG. PROVE 825 CINQUE QINDAR 1926 PROVA PAG. PROVE 826 IL SECONDO DA DUE VALORI IN AU VENTI FRANCHI 1927 PROVA PAG. PROVE 798 DIECI FRANCHI 1927 PROVA PAG. PROVE 802 LE DODICI MONETE SONO DI CONSERVAZIONE ECCEZIONALE. VA SEGNALATO CHE IL VENTI FRANCHI 1926 CON IL FASCETTO È CON I FONDI SPECULARI. SI TRATTA, SENZA OMBRA DI DUBBIO, DI UN INSIEME UNICO, UN VERO E PROPRIO DOCUMENTO DI IMPORTANZA STORICO- NUMISMATICA. Ora la mia domanda è: quando e perchè la serie di RE VITTORIO EMANUELE III passò al RE DEGITTO FAROUK? Qualcuno di voi mi può dare qualche informazione a riguardo? PS Che dite chi se l'aggiudicherà avrà in mano quella destinata a Zogu o quella del Re dell'acciaio? ^_^ Saluti Simone
  19. Abbiamo appurato che ai tempi di VEIII esistevano le confezioni particolari per le monete. Dalle semplici bustine alle eleganti confezioni con tanto di emblema della Zecca. Abbiamo avuto la possibilità di ammirare la scatola delle lire 5 1914 prova di stampa. Unico caso? Certo che no. Se abbiamo certezza per il periodo successivo, ci sono meno notizie per il periodo che va dal 1901 al 1914. E prima ancora? Chi ne sa di più?
  20. durante il regno di vittorio emanuele II per quanto tempo circolarono ancora le monete degli stati preunitari? e durante il regno di vittorio emanuele III, le monete dei precedenti regnanti erano ancora spendibili? grazie a chiunque voglia partecipare a questa conversazione :) matteo
  21. Buongiorno a tutti, vorrei sottoporre agli esperti di monetazione contemporanea i seguenti quesiti ai quali, da perfetto ignorante in materia, non mi so dare risposta: - le monete a nome di VITTORIO EMANUELE RE ELETTO della zecca di Firenze con millesimo 1860, da quale autorità furono emesse? Il decreto di emissione è del 29 settembre 1859 ed è firmato dal Governo Provvisorio di Toscana. Tuttavia il 15 marzo 1860 l'oramai ex Granducato di Toscana entrò ufficialmente a far parte del Regno di Sardegna come Regie Provincie di Toscana. Quindi da questo momento l'autorità emittente non dovrebbe più essere il Governo Provvisorio, ma il re di Sardegna. O c'è qualcosa che mi sfugge? - e lo stesso discorso dovrebbe valere per le monete da 5, 2 e 1 centesimo le quali, pur recando il millesimo 1859 furono coniate l'anno successivo (Carboneri 1915, pp. 900-901, tabella D). Ma quando? e da chi?, perché anche in questo caso se furono coniate entro il 15 marzo 1860 furono emesse dal Governo Provvisorio, ma dopo questa data no. - e infine: che simbolo è quello che si trova al rovescio degli esemplari da 50 centesimi di Firenze, nel giro in basso, tra la scritta FIRENZE e 1860. Il "Pagani 1962" non ne accenna nemmeno; secondo il catalogo "Montenegro 2003" (l'unico di questo tipo che posseggo) lo definisce "giglio", ma a me sembrerebbe più un'ancora. Qualcuno mi può aiutare? Grazie anticipate, Teofrasto
  22. Mi riferisco al 2 lire 1908 e alle 20 lire del 1912. Di queste monete non si trova traccia nei decreti di emissione, ma sembra che siano degli esperimenti della Zecca. Voi che cosa ne pensate?.
  23. Salve a tutti!! Ad inizio aprile sarò a kos per studio (università)...oggi ho scoperto dal mio professore che questa isola insieme alle altre del Dodecaneso è stata colonia italiana fino al 1943...essendomi appassionato da poco alle monete del regno sarei curioso di sapere se circolavano delle monete italiane in quel periodo (1912-43)...
  24. Altro termine che ogni tanto appare per presentare qualche pezzo in asta. Durante il regno di VEIII non sono state emesse monete che rispondano a tale requisito e lui stesso non ha mai utilizzato questo termine per descrivere una Sua moneta. Anche per la prima moneta, le lire 5 del 1901, non usa mai questo termine.
  25. Ogni tanto appaiono in asta esemplari strani, in platino, con impronte appartenenti a due monete diverse ecc. Ad esempio gli esemplari che facevano parte della Collezione Farouk (aratrice e fascio in argento). E' bene sfatare la leggenda che si tratti di pezzi realizzati con tutti i crismi di legalità. Sono esemplari taroccati, probabilmente realizzati in zecca grazie alla compiacenza di qualcuno, ma certamente non facenti parte della numismatica. Non a caso lo stesso VEIII non li aveva in collezione.

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.