Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
deas

Tetrico II° doppio antoniniano ?

Risposte migliori

deas
Supporter

Ciao a tutti, poco tempo fa ho notato su una vendita online un antoniniano di Tetrico II° descritto come "doppio antoniniano" del peso di grammi 7,26 cat. RIC 272. Sono conosciuti antoniniani del periodo così pesanti ? Si tratta forse di una imitazione d'epoca ?

Grazie a chi mi vorrà rispondere. :) post-20963-0-34243800-1361057549_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cancun175

Oltre 7 grammi! E' davvero oversize. La normalità è tra 1,5 e 3, anche se ne ho visti oltre i 4. Ma mai di 7 e più. Ne ho uno nella mia collezione ex Braithwell hoard:

Tetrico II cesare, antoniniano. Zecca di Colonia, 273-274 d.C.
AE, 1.942 gr, 18.9 mm, 180°, F
D/ C PIV ESV TETRICVS CAES, busto a dx da dietro radiato, drappeggiato e corazzato
R/ SPES PVBLICA, Spes andante a sx, porge un fiore con la dx e solleva un drappeggio della gonna con la sx.
RIC V 272, SRCV III 11294

Come vedete è appena sotto i 2 grammi. Consono alle condizioni precarie. ma, pur raddoppiando, non si arriva ai 7. se poi si tiene conto che anche quello postato è in condizioni così così, si deve immaginare una moneta originale attorno ai 9 grammi. Non un "doppio antoniniano", ma un "triplo antoniniano". Propendo per una non ufficiale, anche se oggettivamente non vedo altri indizi di barbarica oltre al peso.

post-7971-0-07659200-1361087694_thumb.jp

Modificato da cancun175

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cancun175

Frugando nella mia collezione Boyd ho trovato questo antonioniano sovrappeso. E' un Claudio II not in Ric:

Claudius II, antoniniano. Zecca di Cyzicus
AE, gr. 4,4. mm. 21,0,
D/ IMP CLAUDVS PF AVG. busto radiato corazzato e drappeggiato a dx
R/ FELICIT TEMP, Felicitas stante a sx con caduceo nella destra e cornucopia nella sx
Alföldi 32/8, Canakkale 2452, non in RIC e Cohen
Provenienza: collezione cancun175, Roma Italia (6 dicembre 2009, numero archivio 4), ex Boynton collection (fino al 1899), London UK, ex Sotheby's auction 2 febbraio 1900 lotto 415, ex W.C. Boyd collection (1842-1906), ex Baldwin's auction 42, 26 settembre 2005 lotto 650 (parte), ex Toone collection (Leeds, Uk) dall'ottobre 2005 al 2009.

Ma anche qui siamo "solo" intorno ai 4 grammi e mezzo. Ho fatto, poi una media di peso degli antoniniani in mio possesso. la maggioranza sono sotto i 3 grammi, alcuni anche notevolmente. Ma non sono rari quelli tra i 3 e i 4 grammi: ne ho uno di Postumo (ex Boyd) di 4 grammi puliti.

Pensavo a una cosa: magari la moneta è ufficiale, ma anomala. Per esempio, il prodotto proveniente dal metallo di fine barra. Tra l'altro, vedo una patina che ancora ricorda traccia di argentatura.

post-7971-0-61597100-1361090989_thumb.jp

Modificato da cancun175

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cancun175

Ed ecco, infine, l'antoniniano più pesante della mia collezione. E' un Ulpia Severina. Posso aggiungere che gli antoniniani post riforma di Aureliano superano agevolmente i 4 grammi:

ULPIA SEVERINA,
Antoniniano, zecca di Roma VI officina, 275 d.C.
AE, 4.77 gr., 22.1 mm, 180°, tracce d'argentatura
D/ SEVERINA AVG, testa di Severina, diademata e drappeggiata a dx con crescente lunare.
R/ CONCORDIAE MILITVM, Concordia stante tra stendardi militari. XXIR in basso. Stigma nel campo a dx.
RIC V [1] 4 - Cohen 7 - Sear 11705
Provenienza: collezione cancun175, Roma Italia (10 marzo 2008, numero catalogo 55); ex Gerhard Rohde collection, Koeln Germany (fino al 2008).

post-7971-0-68505300-1361091909_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grigioviola

bisognerebbe vederlo in mano, ma potrebbe trattarsi di un esemplare imitativo ottenuto per fusione a partire da un tipo ufficiale... si spiegherebbe l'eccesso del peso, frutto di un'errata colatura negli stampi... visto il periodo non ha molto senso parlare di "doppi antoniniani" quando la tendenza era quella di svilire e ridurre sempre più peso e lega

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rick2

si esistono antoniniani cosi pesanti

io ne ho di gallieno , vittorino e claudio II

i miei sono sui 6 grammi

quello di gallieno e` di rame puro e della zecca di siscia

tieni presente che ho anche antonininai di gallieno ufficiali di 1.3 grammi

quindi ti lascio immaginare che casino ci doveva essere al tempo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

deas
Supporter

Grazie per le risposte, mi fa piacere avere iniziato una discussione sul tema. Per la cronaca, gli antoniniani del periodo in mio possesso variano da gr. 2,40 (Tetrico I°) a gr. 5 (Aureliano). Il mio Tetrico II° pesa gr. 4 (e già mi sembra di peso superiore per il tipo).

Chi altri vogliono dire la loro ?

Ciao :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rick2

aureliano deve esser del primo periodo , se no son 2 monete diverse

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Ciao,

della presenza di "antoniniani pesanti" s'era parlato tempo fa.

Purtroppo non trovo la discussione che mi pare partiva da un antoniniano "sovrappeso" di Claudio II.

Ma antoniniani pesanti più di 5 grammi, per quanto pochi, ce ne sono.

Certo i 7g abbondanti del tuo sono agli estremi superiori della categoria.

Ciao

Illyricum

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cancun175

bisognerebbe vederlo in mano, ma potrebbe trattarsi di un esemplare imitativo ottenuto per fusione a partire da un tipo ufficiale... si spiegherebbe l'eccesso del peso, frutto di un'errata colatura negli stampi... visto il periodo non ha molto senso parlare di "doppi antoniniani" quando la tendenza era quella di svilire e ridurre sempre più peso e lega

D'accordo sul "doppio antoniniano": mi sembra una forzatura collezionistica per giustificare i sovrappeso, visto che non c'è alcuna evidenza storica di questo taglio. Per quanto riguarda la fusione, vedi qualche indizio nella foto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rick2

il problema non sono i doppi antoniniani ma i mezzi antoniniani

nel senso che col tempo e la predilizione collezionistica verso la conservazione , son stati salvati solo le monete belle e non tutte

quindi noi oggi tendiamo a sovrastimare il peso di queste monete semplicemente perche` vediamo un campione distorto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cancun175

Sì, ma più di 7 grammi...E' quasi il peso di un sesterzio gallico.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rick2

si ma questa e` ufficiale

i sesterzi di 7 grammi di postumo son tutti fatti male se non erro , a livello quasi delle imitative

e` comunque un ipotesi suggestiva

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Nella mia esperienza personale ho un antoniniano imitativo di Postumo di 4,8 g., e diversi ufficiali (di Aureliano, Probo e dello stesso Postumo) fra 4 e 5 g.

La soluzione più semplice sarebbe quella prospettata da Grigioviola: un fuso, in cui hanno sbagliato qualcosa. In alternativa, anche l'idea di Cancun: coniato, un fondo di barra eccessivo, ottenuto a scalpello. Si conosce anche il diametro?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grigioviola

ma così a freddo indizi evidenti non ne vedo.

certo. i rilievi sono piuttosto piatti... il che potrebbe far pensare a una realizzazione da stampo.

ma la cosa non è certo risolutiva (l'elevato spessore del tondello usato con i coni generalmente riservati agli antoniniani può essere la causa degli scarsi rilievi. come pure l'usura...).

però se una qualche ragion d'essere possono avere i cosiddetti doppi antoniniani di claudio o gallieno... sinceramente per tetrico II proprio non hanno senso...

tuttavia, non so se sia questo esemplare, tempo fa sempre di tetrico II ce n'era uno in vendita da cgb.fr ma non ho ahimé salvato né foto né dati... e in quella fattispecie oltre all'elevato peso ricordo anche un aspetto argenteo come gli antoniniani di postumo... era una chicca... e me la son fatta scappare dai miei archivi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Ciao,

questa è la descrizione completa:

Tetricus II (270-273). AE Double Antoninianus ? 20mm. Obv: C PIV ESV TETRICVS CAES, radiate, draped bust right. Rev: SPES PVBLICA, Spes advancing left holding flower and raising robe. AE, 7.26g. RIC 272. Extremely Rare. Fine, exceptional weight.

Quindi 20 mm x 7,26 g.

Ciao

Illyricum

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Ciao,

questa è la descrizione completa:

Tetricus II (270-273). AE Double Antoninianus ? 20mm. Obv: C PIV ESV TETRICVS CAES, radiate, draped bust right. Rev: SPES PVBLICA, Spes advancing left holding flower and raising robe. AE, 7.26g. RIC 272. Extremely Rare. Fine, exceptional weight.

Quindi 20 mm x 7,26 g.

Ciao

Illyricum

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

deas
Supporter

Esatto Illyricum, anche se ho salvato solo foto e peso, penso che sia proprio questa :good:

Ecco il mio "ORIENS AVG" di Aureliano :

gr. 5,00 - mm. 20 - RIC 135 - 274/75 d.C. - Milano 2° officina

Ciao :)

post-20963-0-88691400-1361142279_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×