Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
scalptor

Stiela - Un nuovo esemplare ?

Risposte migliori

scalptor

Salve a tutti,

in relazione all'esemplare prossimamente in vendita dalla RNumismatics, la descrizione cita il Campana come referenza (ebbene sí pare sia una referenza) per l'esistenza di soli 4 esemplari di questa moneta. In questo caso l'esemplare in vendita sarebbe il quinto ?

post-6806-0-16659500-1367744897_thumb.jp

É interessante anche notare come tempo fa sia apparso in asta (Triton VI) un esemplare, unico, in oro di questa tipologia che fece molto discutere sulla sua originalitá.

post-6806-0-84429200-1367745356_thumb.jp

SICILY, Stiela. Circa 405 BC. AV 10 Litrae or didrachm (0.90 gm). Head of young river-god left, with short hair bound by wreath; to left, long reed / STI above forepart of man-headed bull walking left. Unique and unpublished. For this type in silver, cf. Rizzo pg. 58-59, fig. 16 a and b = BMC pg. 144, 1 and 2 (drachm and hemidrachm); SNG ANS 748 = Jameson 733 (hemidrachm); NAC 13, 420 (drachm). EF, of high artistic style, reminiscent of the celebrated Catanian "maestro della foglia" Apollo head (SNG ANS 1256).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

skubydu

ciao, sarebbe utile postare gli altri esemplari noti per un confronto.

skuby

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Τaras

In realtà Campana nel CNAI cita 5 esemplari, e non 4.

StielahemilitronCNAI_zps7c755e86.jpg

Inoltre ai curatori del catalogo Roma sarebbe bastato aggiornarsi con una rapida ricerca online per scoprire che negli ultimi anni almeno altri 3 esemplari di questa emilitra sono passati in altre aste (non mi pronuncio sulla autenticità, lasciando la valutazione a utenti più esperti di me):

NAC O, lotto 1385, 0,30g

Stielahemilitron030gNACO-1385exADMColl_z

Gorny 211, lotto 76, 0,31g

Stielahemilitron031gGorny211-76_zpsf705e

Lanz 153, lotto 100, 0,38g

Stielahemilitron038gLanz153-100_zps3dfa1

P.S.

Nella asta 6 di ArtCoins Roma è passato un esemplare (lotto 346) descritto come hemilitron, ma il peso (0,5g), farebbe pensare più ad una litra, probabilmente una distrazione di chi ha compilato il catalogo.

Stielalitralistedhemilitron05gArtCoinsRo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

scalptor

Il primo esemplare postato da Taras, Nac O del 2004, é descritto come "Apparently unique and unrecorded. Broken, otherwise VF "

Insomma, da unica o estremamente rara, questa moneta sta diventando quasi comune.

Chissá se nel tempo anche la versione in oro seguirá la stessa sorte. (Certo che a un profano come me di metrologia classica o arcaica 0,90 grammi sembrano un peso fuori norma per un nominale d'oro)

Modificato da scalptor

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest Tugay Emin

Il confronto con le 3 frazioni in argento ,ci conferma che sono tutti e tre dello stesso conio. La frazione in ORO é dello stesso conio .Sia dritto che rovescio. Facile il confronto . MA ...............(osservate attentamente).,

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
acraf

Per la verità su Stiela ero poi ritornato con un corpus più aggiornato, nel numero 57 della rivista Monete Antiche (Maggio/Giugno 2011), con nuovi esemplari rispetto alla mia vecchia monografia e con un tentativo di analizzare la sua ubicazione,

Ho anche riportato la scheda dell'aureo, che ho giudicato essere un falso, che solo dopo la pubblicazione ho riconosciuto essere stato ricavato con gli stessi conii della litra in argento (in particolare conii D7/R6).

Consiglio di contattare l'editore Libreria Diana per avere una copia della monografia (devo fare passare almeno un paio di anni prima di renderlo disponibile online, per ragioni di copyright editoriale).

Il nuovo esemplare di Romanumismatics, postato in # 1, è una emilitra della stessa coppia (D9/R9) dell'esemplare Busso Peus n. 382/2005, n. 77, che però mi ha lasciato un pò perplesso circa la sua autenticità:

post-7204-0-97198800-1367795227_thumb.jppost-7204-0-63349800-1367795248_thumb.jp

Resta il fatto che da alcuni anni c'è stata una "fioritura" di esemplari di Stiela, che era molto rara

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest Tugay Emin

Osservando queste tre frazioni ,quella di Roma Numismatica ha un dritto diverso delle altre due frazioni. Mentre i rovesci sono dello stesso conio. Riepilogando abbiamo 3 dritti e 2 rovesci. (al momento).,

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Tugay Emin

Quanto la Stiela in oro comparve sul Triton ,mi lascio' indifferente . Ma non potevo pronunciarmi come oggi grazie al forum é possibile. Basta sottoporre l'attenzione al rovescio , il cerchietto lineare creato per confondere ,si e rivelato fatale. Non é mai esistito un conio antico identico ad un'altro, con solo la differenza che per l'oro c'é il cerchietto lineare, per l'argento senza cerchietto. Osservando la frazione Gorny e Nac non c'é traccia di cerchietto..,

Modificato da gionnysicily

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
acraf

Complimenti per l'interessante dettaglio del cerchietto lineare sull'aureo.

In teoria non si può escludere che in antico abbiano usato un conio destinato all'argento per fare (in economia) anche una emissione d'oro. Ci sono vari esempi di conii usati per il denario romano che sono stati adoperati (in origine) anche per un aureo (o viceversa). Ma giustamente non si comprende come abbiano aggiunto un bordo lineare a un conio già esistente.

Evidentemente, dopo avere ottenuto un buon calco da una litra d'argento (autentica), il falsario ha come "contornato" la matrice con un nuovo bordo linare ottenendo un punzone moderno munito di tale cerchietto (forse per meglio posizionare il punzone stesso sul tondello d'oro e ottenere una coniazione leggermente obliqua).

Sarebbe bello cercare di capire il perché di questa "variazione": forse per meglio confondere le acque e distogliere l'attenzione dalla corrispondente litra.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

acraf

Riprendo questa vecchia discussione su Stiela per mostrare un raro emidracma di questa zecca, che apparirà nella prossima asta n. 8 di Roma Numismatics.

Tengo a precisare che su un numero di Monete Antiche (n. 57, del 2011) era apparso un mio studio aggiornato su Stiela, scaricabile da Academia.edu.

Per l'emidracma avevo compilato la seguente scheda:

post-7204-0-40831100-1410353895_thumb.pn

da cui si evince che per la prima combinazione dei conii (quella che ci interessa) erano noti solo 5 esemplari e quindi è effettivamente una emissione molto rara.

Ora è comparso questo nuovo esemplare, di Roma Numismatics:

post-7204-0-12474900-1410353993_thumb.pn

e lo pongo a confronto con due esemplari, ambedue del medagliere di Berlino e di sicura autenticità:

post-7204-0-62619000-1410354037_thumb.jppost-7204-0-69229900-1410354047_thumb.jp Berlin 18225714

post-7204-0-21447000-1410354074_thumb.jppost-7204-0-85777300-1410354085_thumb.jp Berlin 18225718

A parte che si vede chiaramente come i due esemplari di Berlino non abbiano avuto trattamenti di restauro, l'esemplare di Roma Numismatics non mostra elementi difformi, ma, nonostante la sua buona conservazione, al solito un pesante restauro, che ha evidenziato alcuni dettagli. Basta vedere come risaltano, come se fossero state un poco bulinate sul fondo, le lettere dell'etnico al rovescio. Anche rilievi più in superficie, come il corno del toro androprosopo, appaiono un pò troppo dettagliati.

Così anche le foglie della pianta acquatica al diritto mostrano dettagli troppo precisi, con nervature più sottili…. e pensare che, come mostra l'appiattimento della corona di alloro sull'occipite rivelerebbe che si tratta di un conio ormai stanco.

Con ogni probabilità l'emidracma di Stiela di Roma Numismatics è autentico, ma con evidenti tracce di forte pulizia e restauro, che si ritrova anche in altri esemplari della Casa di asta (compresa la famosa collezione "Comery")

Purtroppo il restauratore di questo nuovo materiale non è altamente professionale…..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

acraf

Ovviamente tengo a precisare che la Casa di aste Roma Numismatics non ha nulla a che fare con i restauratori: semplicemente riceve il materiale come è da mettere in asta.

Quello che debbo rimarcare è che purtroppo esistono, in Sicilia e dintorni, dei personaggi che credono di apportare importanti miglioramenti alla moneta, rinfrescando alcuni dettagli, come la scritta dell'etnico :GreeK_Sigma: :Greek_Tau: :Greek_Iota: :Greek_Alpha:

E' vero che ormai esiste da parte dei collezionisti una richiesta di materiale ad alta conservazione e, nel caso dei bronzi, con bellissima patina uniforme, quando in realtà si dovrebbe accettare un minimo di difetti naturali, come tracce di ossidazione, un minimo di incrostazioni naturali, ecc.

Senza dubbio i due esemplari di Berlino potrebbero anche essere un poco "migliorati", ma personalmente preferisco la loro aria così naturale e che mostra l'effettiva antichità della moneta.

E' anche un problema di gusti: ci sono uomini che cercano belle donne, anche se chiaramente rifatte dal medico chirurgo plastico, con labbra siliconate, ma anche uomini, che ritengo siano di migliore gusto, che le accettano come sono, con un minimo di cura personale…..

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

skubydu

Ovviamente tengo a precisare che la Casa di aste Roma Numismatics non ha nulla a che fare con i restauratori: semplicemente riceve il materiale come è da mettere in asta.

Quello che debbo rimarcare è che purtroppo esistono, in Sicilia e dintorni, dei personaggi che credono di apportare importanti miglioramenti alla moneta, rinfrescando alcuni dettagli, come la scritta dell'etnico :GreeK_Sigma: :Greek_Tau: :Greek_Iota: :Greek_Alpha:

E' vero che ormai esiste da parte dei collezionisti una richiesta di materiale ad alta conservazione e, nel caso dei bronzi, con bellissima patina uniforme, quando in realtà si dovrebbe accettare un minimo di difetti naturali, come tracce di ossidazione, un minimo di incrostazioni naturali, ecc.

Senza dubbio i due esemplari di Berlino potrebbero anche essere un poco "migliorati", ma personalmente preferisco la loro aria così naturale e che mostra l'effettiva antichità della moneta.

E' anche un problema di gusti: ci sono uomini che cercano belle donne, anche se chiaramente rifatte dal medico chirurgo plastico, con labbra siliconate, ma anche uomini, che ritengo siano di migliore gusto, che le accettano come sono, con un minimo di cura personale…..

è vero, però a volte mi chiedo chi fissa i canoni del "Bello"..

Personalmente ritengo che sia nel campo numismatico, che altro, ci si è spinti ben oltre i limiti.....

Da numismatici, come da uomini, dovremmo apprezzare la naturalezza!!!

ciao

skuby

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

skubydu

Posto il seguente esemplare proveniente dal solito "atelier" ..

post-7579-0-18683300-1412347362_thumb.jp post-7579-0-43080100-1412347373_thumb.jp

mah..

skuby

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

acraf

Un evidente falso (povera informe pianta acquatica davati il profilo, per di più pastoso, del dio fluviale).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa
Supporter

Il toro androcefalo sembra focomelico ...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

skubydu

Il toro androcefalo sembra focomelico ...

Finchè continuano a permettere di vendere questi gadget, non lamentiamoci se poi ce le troviamo in altre vendite...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

skubydu

Altro esemplare da ebay...(solito alias)

 

post-7579-0-37506300-1432915182_thumb.jp

 

post-7579-0-33185900-1432915210_thumb.jp

 

skuby

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cippal
Supporter

Non fa una buona impressione.

Il conio però mi sembra diverso..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa
Supporter

tra poco mi aspetto di trovare i Misterday o le riproduzioni dei negozi dei musei in vendita. / come originali / pure nelle aste .. E c'e' chi se li conprera' beato e felice

Ci stiamo avvicinando . ....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luigi78

Veramente di misterday e riproduzioni museali ne abbiamo visti nelle aste, manca ancora che siano periziati come originali ma ci arriveremo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

scalptor

Non fa una buona impressione.

Il conio però mi sembra diverso..

 

Sí é proprio diverso............. da uno originale soprattutto  : ))

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×