Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
bizerba62

Premio per ritrovamento archeologico

Recommended Posts

bizerba62

Buon giorno.

Vi segnalo una sentenza del T.A.R. del Friuli Venezia Giulia che penso possa interessare.

Si tratta di una decisione che annulla l'atto amministrativo con il quale era stato rifiutato allo scopritore il premio dovuto per il ritrovamento fortuito e successiva consegna di un reperto di eccezionale valore, sol perchè costui, anzichè consegnarlo al Soprintendente, al Sindaco o all'Autorità di Pubblica Sicurezza, ha avuto l'impudenza di rimetterlo ad un Ispettore Onorario della stessa Soprintendenza.

Certo che di fronte ad uno Stato che continua a ragionare come se fossimo nel '700 (però nei Paesi più arretrati, perchè forse nell'Inghilterra del '700 un caso del genere non sarebbe neppure accaduto....) la vedo dura recuperare la fiducia dei cittadini.

Meno male che questa volta il T.A.R. ci ha messo una pezza.

Saluti. :hi:

Michele

http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Trieste/Sezione%201/2002/200200563/Provvedimenti/201200259_01.XML

Edited by bizerba62
  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

odjob

Quando non ci sono soldi ,sembrerebbe,che anche lo Stato cerchi appigli per non premiare gli scopritori di questi ritrovamenti

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

donty

C'è crisi! Ora tutti cercano di non pagare... u.u

Share this post


Link to post
Share on other sites

palpi62
Supporter

La consegna era del 2000 DUEMILA, non dell'anno scorso.

Questa è l'Italia, se devi dare e non dai ti prendono la casa, se devi avere, campa cavallo.

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

andrearosi

attenzione perché il TAR ha solamente annullato il provvedimento di diniego, da qui ad ottenere il premio ce ne corre.....e si vedrà la stima (al ribasso?) effettuata per calcolare il valore su cui proporzionare il premio...

Share this post


Link to post
Share on other sites

bizerba62

"attenzione perché il TAR ha solamente annullato il provvedimento di diniego, da qui ad ottenere il premio ce ne corre.....e si vedrà la stima (al ribasso?) effettuata per calcolare il valore su cui proporzionare il premio..."

Non c'è dubbio che dopo la sentenza sarà stato necessario mettere in mora l'Amministrazione affinché determini (se non lo avesse ancora fatto) il valore del reperto e, conseguentemente, l'importo del "premio" da corrispondere.

Circa la stima, il Codice urbani all'art. 93 stabilisce come si debba procedere per determinarla e se la P.A. dovesse giocare "al ribasso", lo scopritore ha modo di dire la sua:

"Art. 93. Determinazione del premio

1. Il Ministero provvede alla determinazione del premio spettante agli aventi titolo ai sensi dell’articolo 92, previa stima delle cose ritrovate.

2. In corso di stima, a ciascuno degli aventi titolo è corrisposto un acconto del premio in misura non superiore ad un quinto del valore, determinato in via provvisoria, delle cose ritrovate. L’accettazione dell’acconto non comporta acquiescenza alla stima definitiva.

3. Se gli aventi titolo non accettano la stima definitiva del Ministero, il valore delle cose ritrovate è determinato da un terzo, designato concordemente dalle parti. Se esse non si accordano per la nomina del terzo ovvero per la sua sostituzione, qualora il terzo nominato non voglia o non possa accettare l’incarico, la nomina è effettuata, su richiesta di una delle parti, dal presidente del tribunale del luogo in cui le cose sono state ritrovate. Le spese della perizia sono anticipate dagli aventi titolo al premio.
"

Quindi le stime al ribasso possono in certa misura anche far parte del "gioco", ma non potranno mai scadere nel mero arbitrio, perché altrimenti i rimedi per contrastarle ci sono eccome.

M.

Share this post


Link to post
Share on other sites

andrearosi

certamente, non lo mettevo in dubbio, così come è indubbio che se la stima non sarà congrua passerà altro tempo prima di ottenere il saldo..

Edited by andrearosi

Share this post


Link to post
Share on other sites

bizerba62

"certamente, non lo mettevo in dubbio, così come è indubbio che se la stima non sarà congrua passerà altro tempo prima di ottenere il saldo.."

Meglio tardi che mai......

M.

Share this post


Link to post
Share on other sites

sulinus

Se lo teneva per se magari gli faceva anche un favore!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Paleologo

Scusami, un favore a chi ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

sulinus

Allo Stato alla soprintendenza,scegli tu a chi...Ho scritto questo perché noto troppo menefreghismo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Paleologo

Al bene comune sicuramente no... e un funzionario menefreghista rende un pessimo servizio allo stato che dovrebbe rappresentare e alla collettività che dovrebbe servire. Ma poi siamo così sicuri che a noi "società civile" lo stato non ci stia bene così com'è?

Share this post


Link to post
Share on other sites

sulinus

Io vedo ciò che mi circonda,vedo bellezze svanire a causa loro

Share this post


Link to post
Share on other sites

sulinus

Al bene comune sicuramente no... e un funzionario menefreghista rende un pessimo servizio allo stato che dovrebbe rappresentare e alla collettività che dovrebbe servire. Ma poi siamo così sicuri che a noi "società civile" lo stato non ci stia bene così com'è?

Intendi questo per Stato menefreghista soprintendenza o funzionari menefreghisti?!?!

post-19362-0-57073400-1372020857_thumb.j

Share this post


Link to post
Share on other sites

cliff

Ennesima vicenda Kafkiana come molte altre in questo settore....

Oltre alla responsabilita' civile per i magistrati servirebbe la legge per la responsabilita' civile dei responsabili a tutelare il nostro patrimonio culturale. E' troppo facile nascondersi sempre dietro alla mancanza di fondi.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

MassyGiovy7577

Ennesima vicenda Kafkiana come molte altre in questo settore....

Oltre alla responsabilita' civile per i magistrati servirebbe la legge per la responsabilita' civile dei responsabili a tutelare il nostro patrimonio culturale. E' troppo facile nascondersi sempre dietro alla mancanza di fondi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

MassyGiovy7577

Fondi che quando arrivano vengono prima smazzati tra di loro e poi quello che avanza sempre se avanza lo utilizzano per INIZIARE un lavoro che non finirà MAI !!!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

417sonia
Supporter

Buona serata

quando leggo queste cose, ho la medesima reazione di quando seguo "Reporter" alla televisione: stato d'ansia e iperacidità di stomaco anche se ho mangiato mozzarella ed insalata; se non voglio ridurmi a prendere un "malox", il più delle volte, cambio canale. :nea:

18 anni....c'è da aggiungere forse un commento?

Beh, credo che se un consiglio di amministrazione di una multinazionale, per il proprio inventario, magari costituito da migliaia di cespiti, si sentisse dire da un proprio dirigente che, per farlo, ci vorrebbe tanto....il giorno dopo l' "archivio morto" avrebbe due nuove braccia....

saluti

luciano

Share this post


Link to post
Share on other sites

sulinus

Altri paesi farebbero carte false per poter avere quello che noi abbiamo,ma francamente vedendo il menefreghismo totale delle istituzioni avrei preferito che tutto ciò che abbiamo si trovasse da tutt'altra parte!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

militares1

Il problema, secondo me,è la suprema ignoranza di coloro che gestiscono le cose e che prendono le iniziative .Vedendo ad esempio

l'inchiesta che è stata fatta sulle prove e le monete uscite si pensa dalla Zecca, da poco tempo sono state restituite tutte le monete,

prima sequestrate, quando poi il magistrato ha concluso che non era possibile concludere niente,ha annullato il sequestro e allora ,è stata fatta una requisizione( neanche fossimo ai tempi della borsanera) che finalmente e stata annullata. Di tutto il fatto l'unica cosa

che è rimasta in piedi sono 2 pezzi del 20 centesimi € del 1999. Ora quelli che hanno speso soldi dello Stato ,tempo dei tribunali,pareri di esperti,disagio ai collezionisti ,blocco per anni di un settore,non hanno neanche chiesto scusa ai malcapitati,e loro

hanno fatto all'epoca, carriera o la figura di grandi moralizzatori e invece come si dice a Napoli hanno fatto "nu cuofano e fesserie"e

niente altro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

bizerba62

Ciao.

"Il problema, secondo me,è la suprema ignoranza di coloro che gestiscono le cose e che prendono le iniziative."

Beh, però sono coloro che, istituzionalmente, sono preposti a farlo....altrimenti chi lo dovrebbe fare?

Se sono ignoranti loro, che sono stati preparati appositamente per gestire quelle iniziative, di chi ci dovremo fidare?

"Vedendo ad esempio, l'inchiesta che è stata fatta sulle prove e le monete uscite si pensa dalla Zecca, da poco tempo sono state restituite tutte le monete, prima sequestrate, quando poi il magistrato ha concluso che non era possibile concludere niente,ha annullato il sequestro e allora ,è stata fatta una requisizione( neanche fossimo ai tempi della borsanera) che finalmente e stata annullata. Di tutto il fatto l'unica cosa che è rimasta in piedi sono 2 pezzi del 20 centesimi € del 1999. Ora quelli che hanno speso soldi dello Stato ,tempo dei tribunali,pareri di esperti,disagio ai collezionisti ,blocco per anni di un settore,non hanno neanche chiesto scusa ai malcapitati,e loro hanno fatto all'epoca, carriera o la figura di grandi moralizzatori e invece come si dice a Napoli hano fatto "nu cuofano e fesserie" e niente altro."

Comprendo lo sfogo, però la vicenda specifica che segnali è un tantino più complessa e non so se riassumerla in 8 righe renda comprensibile ciò che è accaduto e le motivazioni da cui aveva preso avvio l'indagine.

Rimanendo sull'esempio che hai fatto, contrariamente a quello che molti pensano quell'indagine partì da una campagna che si svolse sulla stampa specializzata (in particolare su C.N.), e non nelle Caseme o nelle Procure, a cavallo degli anni 2000.

Campagna di stampa che stigmatizzava ripetutamente quel fenomeno, che oggi potremo quanto meno ancora definire "anomalo", in base al quale si era riscontrato che nel corso degli anni, più o meno costantemente, dalla zecca dello Stato erano fuoriuscite produzioni premonetali (prove, progetti, saggi ecc.) finite sul mercato senza alcuna apparente giustificazioni, alcune delle quali non erano neppure presenti negli archivi o al museo della zecca.

Chi poi ha avviato quell'indagine ha sbagliato? Anzichè indagare, visto il lungo tempo trascorso dalle sottrazioni, si doveva mettere una pietra sopra sul fatto che molte di quelle produzioni (non tutte per la verità) erano state asportate con la frode allo Stato italiano, che ne era il proprietario? Non se ne doveva tentarne il recupero e, nei limiti del possibile, accertare i fatti?

Probabilmente si. Con il senno di poi oggi è facile giudicare.

Converrai però che riassumere quella vicenda complessa in 8 righe sia un pò troppo sbrigativo.

Saluti.

Michele

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.