Jump to content
IGNORED

FUMETTI ANNI '80 (MARVEL CORNO, IN PARTICOLARE)


bocchan
 Share

Recommended Posts

Fra le tante mie passioni/collezioni (monete, libri, film e serie a cartoni animati su DVD e/o VHS e/o laser disc, trasferelli, album di figurine, 45 giri ecc.), i fumetti occupano da sempre un posto privilegiato. Ne ho collezionati tantissimi, da Martin Mystère a Lupo Alberto, dalle Sturmtruppen ad Asterix, dal Gordon di Alex Raymond agli Oscar Fumetti della Mondadori (quelli degli anni '80, contraddistinti dal rettangolino rosa), da Akim a Kamandi, da Topolino alle altre testate "storiche" (il Corriere dei Piccoli, il Giornalino ecc.), ma i miei prediletti sono sempre stati gli albi dell'Editoriale Corno, in modo particolare quelli dedicati ai super-eroi Marvel (ora pubblicati dalla Panini). Mi piacerebbe sapere se qui c'è qualcun altro che condivide la mia sfrenata passione per i fumetti Marvel Corno!

Desidero inoltre entrare in contatto con chiunque abbia (o abbia avuto) interesse per le pubblicazioni (a fumetti e non) degli anni '80.

Link to comment
Share on other sites


  • 1 month later...

Ah, fra le mie passioni mi ero scordato di elencare la storia contemporanea (in particolare la storia della seconda guerra mondiale), la paleontologia (con un occhio di riguardo per i dinosauri!) e l'archeologia, i libri-game, i GCC degli anni '90 (Magic, in particolare, con le sue prime espansioni), i videogiochi per coin-op (ahimè, nella mia zona non se ne trova più nessuno, sono stati tutti rimpiazzati dai videopoker... idem per i flipper), il wrestling dei primi anni '90 (quello commentato da Dan Peterson! con Hulk Hogan! The Ultimate Warrior! The Undertaker! ecc. ecc.), i viaggi (rigorosamente low-cost) in tutte le località storiche della nostra cara vecchia Europa, i MOTU, i soldatini Atlantic ed Airfix, la storia della televisione nel nostro Paese (mi interesso soprattutto della fase che va dal 1976 al 1992: l'avvento delle trasmissioni a colore, delle TV private e locali, dei cartoni animati giapponesi ecc.)...

Link to comment
Share on other sites


  • 2 weeks later...

io ho collezzionato fumetti un paio di decenni fa...

ma ero appassionato di fumetti underground, le cose di massa non le seguivo molto..

Tipo Ranxerox di Tamburini? Zanardi di Pazienza?

Link to comment
Share on other sites


Io ho sempre letto fumetti, fin da quando frequentavo le elementari.

Ricordo che portavo numeri di Topolino, ma anche di Kriminal e Diabolik, a scuola e li leggevo durante il pranzo, adoravo mangiare e leggere insieme, ho continuato con quella abitudine per moltissimi anni.

A volte riuscivo a procurarmi anche qualche numero di Satanik e lo portavo con me a scuola, la cosa singolare era che andavo a scuola dalle Suore :lol: :lol: .

Una volta Suor Elisabetta mi "beccò" con un fumetto e chiamò mia madre, ma con me c'era poco da fare, già allora decidevo da sola... :angel: quindi continuai imperterrita a portare fumetti a scuola.

Alle Medie passai a fumetti più "succulenti" sul genere di Jakula per intenderci ed altre chicche truculente che allora andavano molto di moda. Ma leggevo anche Tex e Zagor, Corto Maltese(il mio preferito) e Flash Gordon...a dire la verità ho sempre letto tutto quello che mi capitava a tiro e con grande soddisfazione.

Negli anni '80, o giù di li, inizia a comprare Lanciostory e Skorpio, contenevano bellissime storie a sfondo storico ed avventuroso come Dago, l'Eternauta, Nippur e tantissimi altri, ne parlavo qualche giorno fa con un utente che come nick ha Eternauta, anche lui lettore accanito di questi fumetti.

Ho ancora gli inserti rilegati a libro con le più belle storie della Collana.

Ho trasmesso questa passione ai miei figli che ne leggevano anche loro collezionando Nathan Never e Dylan Dog.

I fumetti fanno parte del mondo della Fantasia, un mondo che mi appartiene da sempre.

Ciao, Giò :D

Link to comment
Share on other sites


Complimenti per il tuo bellissimo intervento, Giovanna! Anch'io ho sempre avuto passione per fumetti di vario genere e di varia provenienza, dalle prime stupende storie di Flash Gordon (io ho l'edizione degli anni '70, quella pubblicata da Fratelli Spada Ed.) (e ho anche la ristampa anastatica de "L'Avventuroso", la mitica rivista degli anni '30 in cui fu pubblicata la prima versione italiana delle avventure di Flash Gordon) ai personaggi presentati da riviste come "Lanciostory" e "Corto Maltese" (ed è proprio grazie a questa rivista che ebbi occasione di leggere lo straordinario "Watchmen")!

Tra l'altro, vedo che abiti a Nepi, città che fu (o forse lo è ancora) sede della Play Press, una delle case editrici che contribuirono al rilancio dei super-eroi Marvel in Italia negli anni '80! Sei mai andata a vedere dove si trova la sede di quella casa editrice? Io sarei curiosissimo di vederla, anni fa andai a Milano a vedere dove si trovava la sede della mitica Editoriale Corno (che pubblicò i fumetti Marvel dal 1970 al 1984)!

Link to comment
Share on other sites


Ciao, non ne ero a conoscenza, non credo sia ancora attiva ma mi informerò, sarebbe interessante visitarla.

Ti farò sapere. Ciao

P.S. Il Corrierino dei Piccoli lo leggevo anche io...ricordo Le Avventure del Sig. Bonaventura e...i Puffi, bellissimi.

Link to comment
Share on other sites


...io leggevo il Corriere dei Piccoli ed il Giornalino intorno al 1983/1984, quando venivano pubblicate le esilaranti storie dei Ronfi (di Adriano Carnevali) (a proposito, recentemente è uscito in libreria un volume che raccoglie le prime storie di questi buffi personaggi, è intitolato "Il Mondo dei Ronfi") e di Pinky (di Massimo Mattioli). Fra gli umoristi di quell'epoca, apprezzavo molto anche Carlo Peroni "Perogatt" (che già negli anni '70 realizzava le storie di Gianconiglio per il Corriere dei Piccoli), Osvaldo Cavandoli (l'inventore dei celebri cartoni animati de "La Linea", noti in tutto il mondo) e naturalmente i mitici Franco Bonvicini "Bonvi" (l'ideatore delle Sturmtruppen e del leggendario "Storie dello spazio profondo"), Guido Silvestri "Silver" (il creatore di Lupo Alberto), i fratelli Origone (quelli delle strisce di Nilus)...

Recentemente mi è capitato di rileggere anche qualche vecchia storia della Pimpa (di Altan) (che veniva anch'essa pubblicata sul Corrierino)... All'epoca preferivo altri personaggi, ma devo dire che anche quelle della Pimpa erano storie davvero simpatiche!

Link to comment
Share on other sites


Ciao, non ne ero a conoscenza, non credo sia ancora attiva ma mi informerò, sarebbe interessante visitarla.

Ti farò sapere. Ciao

P.S. Il Corrierino dei Piccoli lo leggevo anche io...ricordo Le Avventure del Sig. Bonaventura e...i Puffi, bellissimi.

Ciao, l'indirizzo della Play Press era questo: Via Cassia km. 36,400. Chissà cosa c'è adesso... Se hai occasione di passarci fammi sapere, sono curioso di sapere cosa ne è stato! Tra l'altro, un'altra mia amica abita a Ceparana (dove avevano sede le Edizioni Flash, quelle che pubblicavano i fumetti di Goldrake), e recentemente un'altra signora che ho conosciuto in vacanza mi ha detto che lei abita a Rozzano (dove si trova ancora adesso la sede dell'Editoriale Domus, quella che pubblica Quattroruote e che negli anni '80 pubblicava il settimanale a fumetti "Più") !

Edited by bocchan
Link to comment
Share on other sites


  • 2 weeks later...

Negli anni '80, o giù di li, iniziai a comprare Lanciostory e Skorpio, contenevano bellissime storie a sfondo storico ed avventuroso come Dago, l'Eternauta, Nippur e tantissimi altri, ne parlavo qualche giorno fa con un utente che come nick ha Eternauta, anche lui lettore accanito di questi fumetti.

Ho ancora gli inserti rilegati a libro con le più belle storie della Collana.

L'altro giorno, mentre aspettavo un treno, sono entrato nell'edicola della stazione e ho sfogliato un po' il nuovo numero di LANCIOSTORY (erano anni che non compravo quella sempre affascinante rivista): sono rimasto subito colpito dalla qualità dei fumetti, peraltro tutti (o quasi) caratterizzati da un'interessante e precisa ambientazione storica (da questo punto di vista, mi pare che ci sia una maggiore cura, rispetto alle storie che Lanciostory pubblicava negli anni '80 e '90), sicché l'ho comprato, e penso proprio che ne comprerò anche altri numeri, visto che mi piacerebbe poter leggere tutti gli episodi che compongono le storie a fumetti attualmente in corso di pubblicazione. Anzi, visto che Lanciostory costa 2,80 euro e le raccolte di Lanciostory costano 5,50 euro (ognuna di esse contiene 4 numeri usciti due anni prima, presentati in rigoroso ordine cronologico con le copertine originali e tutto), se ne vale la pena potrei mettermi a comprare regolarmente ambedue le collane; in questo modo riuscirei facilmente (e senza spendere troppo) a mettere insieme tutti i numeri pubblicati dal 2011 in poi...

Link to comment
Share on other sites


L'altro giorno, mentre aspettavo un treno, sono entrato nell'edicola della stazione e ho sfogliato un po' il nuovo numero di LANCIOSTORY (erano anni che non compravo quella sempre affascinante rivista): sono rimasto subito colpito dalla qualità dei fumetti, peraltro tutti (o quasi) caratterizzati da un'interessante e precisa ambientazione storica (da questo punto di vista, mi pare che ci sia una maggiore cura, rispetto alle storie che Lanciostory pubblicava negli anni '80 e '90), sicché l'ho comprato, e penso proprio che ne comprerò anche altri numeri, visto che mi piacerebbe poter leggere tutti gli episodi che compongono le storie a fumetti attualmente in corso di pubblicazione. Anzi, visto che Lanciostory costa 2,80 euro e le raccolte di Lanciostory costano 5,50 euro (ognuna di esse contiene 4 numeri usciti due anni prima, presentati in rigoroso ordine cronologico con le copertine originali e tutto), se ne vale la pena potrei mettermi a comprare regolarmente ambedue le collane; in questo modo riuscirei facilmente (e senza spendere troppo) a mettere insieme tutti i numeri pubblicati dal 2011 in poi...

Così però fai tornare anche a me la voglia di leggerli di nuovo...la settimana prossima farò un salto in edicola... :D :D.

Per quanto riguarda la casa editrice l'indirizzo che mi hai scritto mi fa capire che era dislocata nell'area industriale di Nepi, al momento li ci sono alcuni stabilimenti tipografici, potrei chiamare una signora che conosco bene in quanto abbiamo stampato nella sua tipografia il nostro Primo Quaderno di Studi Numismatici, Monete e Medaglie della Tuscia, e chiederle informazioni.

Ti farò sapere. Ciao, Giò

Link to comment
Share on other sites


Così però fai tornare anche a me la voglia di leggerli di nuovo...la settimana prossima farò un salto in edicola... :D :D.

Per quanto riguarda la casa editrice l'indirizzo che mi hai scritto mi fa capire che era dislocata nell'area industriale di Nepi, al momento li ci sono alcuni stabilimenti tipografici, potrei chiamare una signora che conosco bene in quanto abbiamo stampato nella sua tipografia il nostro Primo Quaderno di Studi Numismatici, Monete e Medaglie della Tuscia, e chiederle informazioni.

Ti farò sapere. Ciao, Giò

Ottimo, grazie! ;)

Link to comment
Share on other sites


  • 3 weeks later...

Così però fai tornare anche a me la voglia di leggerli di nuovo...la settimana prossima farò un salto in edicola... :D :D.

Per quanto riguarda la casa editrice l'indirizzo che mi hai scritto mi fa capire che era dislocata nell'area industriale di Nepi, al momento li ci sono alcuni stabilimenti tipografici, potrei chiamare una signora che conosco bene in quanto abbiamo stampato nella sua tipografia il nostro Primo Quaderno di Studi Numismatici, Monete e Medaglie della Tuscia, e chiederle informazioni.

Ti farò sapere. Ciao, Giò

Una cosa incredibile di cui mi sono appena reso conto: una pubblicazione amatoriale dedicata ai fumetti della Marvel (quelli dei super-eroi) a cui ho collaborato e che è stata distribuita in occasione di Lucca Comics (due settimane fa, quindi), è stata stampata proprio a Nepi, in una tipografia il cui indirizzo -l'ho notato sfogliando la copia di cui sono stato omaggiato in quanto vi ho collaborato- coincide col vecchio indirizzo della Play Press, quindi sicuramente si tratta proprio degli stabilimenti tipografici in cui lavora la signora che conosci!

Tra l'altro, mi viene in mente che conosco anche un grosso commerciante di fumetti d'antiquariato che abita proprio a Nepi... Mi pare si chiami Vittorio Savelloni, frequenta le fiere del fumetto (Reggio Emilia, Cartoomics a Milano ecc.), è un signore di mezza età che casualmente tratta proprio il tipo di materiale che interessa a me (fumetti degli anni '70 e '80)...

Link to comment
Share on other sites


  • 5 months later...

Così però fai tornare anche a me la voglia di leggerli di nuovo...la settimana prossima farò un salto in edicola... :D :D.

Per quanto riguarda la casa editrice l'indirizzo che mi hai scritto mi fa capire che era dislocata nell'area industriale di Nepi, al momento li ci sono alcuni stabilimenti tipografici, potrei chiamare una signora che conosco bene in quanto abbiamo stampato nella sua tipografia il nostro Primo Quaderno di Studi Numismatici, Monete e Medaglie della Tuscia, e chiederle informazioni.

Ti farò sapere. Ciao, Giò

Ehi, non mi hai più fatto sapere nulla, come mai? :)

Mi è venuto in mente che in provincia di Viterbo conosco altre due persone, oltre a te ed oltre a quel venditore di fumetti usati di Nepi.

Infatti, nella bellissima Bomarzo (VT) ha la propria "base" anche uno dei più grossi venditori eBay di fumetti d'antiquariato ( il suo nickname, su ebay, è boma.fumetti ) (fa anche le fiere, so che recentemente ha partecipato con un proprio stand sia a Romics sia a Torino Comics) ! A proposito, mi piacerebbe visitare il famoso Parco dei Mostri di Bomarzo ma sono abituato a spostarmi solo coi mezzi pubblici, per quel che ne sai ci sono treni o/e linee di bus o comunque mezzi pubblici che portano nei pressi di quel parco?

Invece, a Tarquinia (VT), già importante città etrusca (quindi anch'essa meritevole di una visita), abita un mio amico di origine genovese, appassionato come me di cinema, di fumetti e di animazione, si chiama Marco Poggi, su alcuni forum usa il nickname ocramiggop :)

Link to comment
Share on other sites


Ehi, non mi hai più fatto sapere nulla, come mai? :)

Mi è venuto in mente che in provincia di Viterbo conosco altre due persone, oltre a te ed oltre a quel venditore di fumetti usati di Nepi.

Infatti, nella bellissima Bomarzo (VT) ha la propria "base" anche uno dei più grossi venditori eBay di fumetti d'antiquariato ( il suo nickname, su ebay, è boma.fumetti ) (fa anche le fiere, so che recentemente ha partecipato con un proprio stand sia a Romics sia a Torino Comics) ! A proposito, mi piacerebbe visitare il famoso Parco dei Mostri di Bomarzo ma sono abituato a spostarmi solo coi mezzi pubblici, per quel che ne sai ci sono treni o/e linee di bus o comunque mezzi pubblici che portano nei pressi di quel parco?

Invece, a Tarquinia (VT), già importante città etrusca (quindi anch'essa meritevole di una visita), abita un mio amico di origine genovese, appassionato come me di cinema, di fumetti e di animazione, si chiama Marco Poggi, su alcuni forum usa il nickname ocramiggop :)

Ciao, scusami ma ho avuto tanti di quei problemi che mi è passato completamente di mente...mi dispiace.

Provo domattina a chiamare la signora dello stabilimento tipografico. Spero di trovarla, poi ti farò sapere.

Non ho idea di come arrivare a Bomarzo col treno, o pullman, ci sono stata circa 30 anni fa ma in macchina. Sicuramente vale la pena andarci, è molto particolare.

A Tarquinia c'è tantissimo da vedere, a parte il mare, ci sono il Museo e le necropoli, poi la cittadina stessa è molto bella.

Ciao e scusami ancora, Giò

Edited by giovanna
Link to comment
Share on other sites


Ed eccomi qui...ho appena parlato con la sig. Frida, titolare dello stabilimento tipografico di cui ti avevo parlato.

Mi ha detto che la Play Press è collocata in un capannone vicinissimo al suo stabilimento, ha visto il cartello con il nome della ditta, lei ci passa davanti tutti i giorni praticamente.

Vede posteggiate li davanti molte macchine quindi pensa sia ancora attivo ma non ne è sicura perchè non conosce nessuna persona che lavora li.

Se mi ricordo domani cerco il numero di telefono su internet e provo a chiamare...ciao

Edited by giovanna
Link to comment
Share on other sites


Grazie mille Giovanna, per me è molto emozionante avere notizie dirette su una delle case editrici che mi hanno fatto sognare, allietando la mia giovinezza!

Ai tempi in cui la Play Press pubblicava i fumetti dei super-eroi Marvel, il direttore era Mario Ferri. Mi piacerebbe sapere se c'è sempre lui o qualcun altro, o comunque avere sue notizie...

Link to comment
Share on other sites


  • 2 weeks later...

Grazie mille Giovanna, per me è molto emozionante avere notizie dirette su una delle case editrici che mi hanno fatto sognare, allietando la mia giovinezza!

Ai tempi in cui la Play Press pubblicava i fumetti dei super-eroi Marvel, il direttore era Mario Ferri. Mi piacerebbe sapere se c'è sempre lui o qualcun altro, o comunque avere sue notizie...

Ciao, scusa mi era sfuggita la tua risposta. Non appena avrò un po' di tempo proverò a chiamare la Casa Editrice, cercherò il numero sul web, e poi ti farò sapere.

Però ricordamene se vedi che passa troppo tempo...ciao

Link to comment
Share on other sites


  • 7 months later...
  • 10 months later...

Soldino per ora non l'hanno ristampato (anche se comunque lui compare spesso nelle storie di Nonna Abelarda). In compenso, negli ultimi anni hanno fatto uscire almeno un volume su Geppo (che però mi piaceva un po' meno)... Ho pure visto un volume (che era stato allegato al quotidiano la Repubblica, mi pare) in cui c'erano in copertina sia Nonna Abelarda che Geppo... :)

Link to comment
Share on other sites


  • 4 months later...

Sapevate che proprio quest'anno ricorre il 50° anniversario dalla pubblicazione dei primi fumetti Marvel in Italia? Parlo dei fumetti dei Fantastici Quattro e del Serg. Fury pubblicati nell'ormai lontano 1966, prima ancora che avesse inizio l'era Marvel Corno. Dato che sto parlando di storie MARVEL, non tengo conto delle numerose storie ATLAS e TIMELY che erano state pubblicate in versione italiana già nei decenni precedenti (alcune addirittura già nel 1945!!!)...

Link to comment
Share on other sites


  • 2 months later...

Chi ha nostalgia degli albi Marvel Corno degli anni '70-'80, avrà forse piacere di sapere che è uscito in fumetteria uno splendido volume che presenta -per la prima volta in edizione italiana- le storie di Power Man e Iron Fist che l'Editoriale Corno stava per pubblicare già nel 1980 (ma che poi non pubblicò a causa del crollo delle vendite, che portò alla chiusura improvvisa di moltissime testate a fumetti... I primi anni '80 furono anni di crisi pesante sia per le collane a fumetti sia per i film su grande schermo, a causa dello strepitoso successo ottenuto in quel periodo dalle TV commerciali, grazie alle quali chiunque poteva gustarsi gratis -e senza muoversi da casa- film di ogni genere e serie a cartoni animati a iosa...)...

Edited by bocchan
Link to comment
Share on other sites


  • 1 month later...
Supporter

Che bel post! Mi ricordo i Dylan Dog divorati in treno e traghetto, li ho ancora :) e recentemente un fumetto che mi é piaciuto molto e che continuo a leggere é Rat-Man: veramente fenomenale!!!

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.