Jump to content
IGNORED

GC Le monete più attraenti di Alessandro Magno


apollonia
 Share

Recommended Posts

Buon pomeriggio a tutti

Ho aperto questa discussione come invito agli appassionati della monetazione del Grande a inserire gli esemplari più interessanti dal punto di vista estetico e anche per rarità, sia posseduti sia visti in giro. E questo indipendentemente dal metallo, quindi dai distateri ai bronzi.

Questo mio tetra proveniente dalla Tkalec di Zurigo dell'ottobre 2007 penso sia adeguato ad aprire la galleria, anche perché Martin Joseph Price ha scelto questa immagine come illustrazione del suo libro più famoso ‘The Coinage in the Name of Alexander the Great and Philip Arrhidaeus’.

La zecca è di Tarso, in Cilicia, e il periodo c. 323-317 a. C. Leggiadra la Nike in volo a destra nel campo a sinistra. La catalogazione è Price 3042a in quanto, oltre al monogramma sotto il trono, è presente una sigma maiuscola in esergo.

apollonia

post-703-0-01933800-1324483285_thumb.jpg

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


Caro Apollonia,

raccolgo volentieri il tuo invito, anche se nessuno dei pezzi che ho raccolto negli scorsi mesi è in grado minimamente di reggere il confronto.

In verità avevo in mente anch'io di proporre una galleria di queste monete, in particolare di quelle con i simboli di Zecca più insoliti e attraenti.

Questa tetradracma di Pella (una delle poche che posseggo coniate durante la vita di Alessandro) presenta come simbolo di zecca un unicum, stando al Price, e cioè un atleta nell'atto di spiccare un salto.

E' classificata al 195 secondo il Price e proviene dall'ultima Print Auction di C.N.G. del settembre scorso.

post-22231-0-74013300-1324486396_thumb.j

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Buon pomeriggio a tutti

Ho aperto questa discussione come invito agli appassionati della monetazione del Grande a inserire gli esemplari più interessanti dal punto di vista estetico e anche per rarità, sia posseduti sia visti in giro. E questo indipendentemente dal metallo, quindi dai distateri ai bronzi.

Questo mio tetra proveniente dalla Tkalec di Zurigo dell'ottobre 2007 penso sia adeguato ad aprire la galleria, anche perché Martin Joseph Price ha scelto questa immagine come illustrazione del suo libro più famoso ‘The Coinage in the Name of Alexander the Great and Philip Arrhidaeus’.

La zecca è di Tarso, in Cilicia, e il periodo c. 323-317 a. C. Leggiadra la Nike in volo a destra nel campo a sinistra. La catalogazione è Price 3042a in quanto, oltre al monogramma sotto il trono, è presente una sigma maiuscola in esergo.

apollonia

ciao,complimenti!!!!

avere una moneta pubblicata è un gran prestigio, poi su un volume del genere....

ciao

sku

Link to comment
Share on other sites


Ciao Flavius

Bell'acquisto e moneta di sicuro interesse sotto vari aspetti il tuo tetra al post #3.

Il Price ritiene più probabile l'attribuzione alla zecca di Ege che non a quella di Pella, così come per tutte le monete numerate da 185 a 200 tra le quali vi sono anche tre stateri e un distatere del tipo 'atleta saltatore'.

Si tratta di monete precedentemente attribuite alla zecca di Sicione, ma che in seguito per ragioni stilistiche sono state assegnate alla Macedonia.

Nel lavoro di E. T. Newell e S. P. Noe citato dal Price (The Alexander Coinage of Sicyon) sono descritti vari distateri, stateri e tetradrammi con quella figura nel campo a sinistra che qui viene definita 'figura di giovane' che a volte ha le braccia tese, a volte alzate e a volte ha il braccio destro teso. Il tuo tetradramma dovrebbe corrispondere al 14.7 (A23/P42) di questo lavoro.

La moneta mi piace ma non so come inserire il messaggino verde.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Chiedo una cortesia ad Apollonia:

Vedo che hai il "Price"

Nella discussione su Seleuco I ho postato una moneta chiedendo notizie.

Artemide la classifica 3748 ,ma ho sfogliato acsearch e quelle così classificate sono diverse.

La differenza è nell'ala destra, a sinistra nella moneta, che è "bipartita" ,tutte quelle viste sono a tre o quattro piume.

Spero di essermi spiegato.

Seleuco sta al :

Grazie.

R

Link to comment
Share on other sites

Questo è un tetradramma della zecca di Ake Tolomea, in Fenicia, vicino al confine con la Palestina.

L’iscrizione sotto il braccio di Zeus è appunto fenicia e, letta da destra a sinistra, riporta le lettere ayin e kaph (rispettivamente il circoletto e il simbolo successivo) e quindi la data che indica l’anno in cui la moneta è stata emessa. La data è espressa dalle decine (tratti orizzontali o leggermente ruotati) e dalle unità (tratti verticali, quindi aste). Siccome qui vedo un tratto orizzontale e uno verticale, se ho decifrato bene dovrebbe trattarsi dell’Anno 11, e questo anno fenicio corrisponde al 305/4 a. C. Il numero di catalogazione del Price è di conseguenza 3302.

Le caratteristiche fisiche della moneta sono: 17,216 g il peso, 24-27 mm le dimensioni del diametro rispettivamente minore e maggiore, da ca 2 a ca 3 mm lo spessore. Patina iridescente.

apollonia

post-703-0-07888200-1324553863_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


Chiedo una cortesia ad Apollonia:

Vedo che hai il "Price"

Nella discussione su Seleuco I ho postato una moneta chiedendo notizie.

Artemide la classifica 3748 ,ma ho sfogliato acsearch e quelle così classificate sono diverse.

La differenza è nell'ala destra, a sinistra nella moneta, che è "bipartita" ,tutte quelle viste sono a tre o quattro piume.

Spero di essermi spiegato.

Seleuco sta al :

http://www.lamoneta....__fromsearch__1

Grazie.

R

Io ho il Price in pdf. Ci sono due foto del 3748 (a e b): entrambe con ala tripartita sia a destra che a sinistra.

Link to comment
Share on other sites


Flavius Domitianus scrive:

Io ho il Price in pdf. Ci sono due foto del 3748 (a e b): entrambe con ala tripartita sia a destra che a sinistra.

Ringrazio Flavius D. e Apollonia per la disponibilità e la cortesia.

Aggiungo che ho sfogliato acsearch anche sugli stateri di altre zecche e salvo errore ho trovato solo una moneta coniata a Cipro con l'ala bipartita.

Artemide ha venduto una moneta forse inedita, o quanto meno una variante assai rara.

Posto la moneta di Cipro ( zecca di Salamis ) però riguardandola mi accorgo che la terza piuma è seminascosta dal braccio della Nike

post-8209-0-99709800-1324558548_thumb.jp

Edited by Guest
Link to comment
Share on other sites

Secondo me la terza ala più corta è coperta dal braccio della Nike che è lungo, muscoloso a livello dell'avambraccio e diritto come lo stilo che tiene in mano: una postura insolita.

Colgo l'occasione per presentare questo statere (non mio) di qualità eccezionale, con la didascalia che segue:

Statere (8,577 g, 18,7 mm) di Mileto, 325-323 a. C. Atena in elmo corinzio ornato con un serpente / Nike che tiene in mano una ghirlanda e uno stilo, spiga a sinistra e doppia accetta a destra ΑΛΕΞΑΝΔΡΟΥ. Price 2096.

apollonia

post-703-0-18942400-1324571062_thumb.jpg

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Meraviglioso, a certi livelli la qualità dell'oro è ineguagliabile.

Restando fedele alla linea dei simboli particolari, posto oggi questa tetra di Corinto, coniata tra il 310 e il 290 a.C. e classificata dal Price al n.677.

La sua particolarità sta nella figura della chimera, affascinante creatura mitologica.

La moneta proviene dall'ultima asta di Gorny&Mosch di ottobre.

post-22231-0-41239200-1324574483_thumb.j

Link to comment
Share on other sites


Flavius Domitianus scrive:

Io ho il Price in pdf. Ci sono due foto del 3748 (a e b): entrambe con ala tripartita sia a destra che a sinistra.

Ringrazio Flavius D. e Apollonia per la disponibilità e la cortesia.

Aggiungo che ho sfogliato acsearch anche sugli stateri di altre zecche e salvo errore ho trovato solo una moneta coniata a Cipro con l'ala bipartita.

Artemide ha venduto una moneta forse inedita, o quanto meno una variante assai rara.

Posto la moneta di Cipro ( zecca di Salamis ) però riguardandola mi accorgo che la terza piuma è seminascosta dal braccio della Nike

post-8209-0-99709800-1324558548_thumb.jp

ciao relativamente al tipo di ala in rete ho trovato questa immagine.

http://www.museumsurplus.com/Pictures/10028.JPG

cosa ne pensate?

ciao

sku

post-7579-0-37178200-1324577750_thumb.jp

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Ciao belle monete, vi posto questo tetra di Damasco Price 3210, nella 3748a e nella 3748b la terza ala si vede molto bene in entrambe, quella postata da rorey è una variante in quanto come detto la terza ala è più corta e nascosta dal braccio.

Silvio

post-4344-0-17960400-1324579763_thumb.jp

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Retro

post-4344-0-15761700-1324579869_thumb.jp

Link to comment
Share on other sites


@silvio

Benvenuto.

@sku

Lo statere dovrebbe provenire dalla zecca di Mileto. Credo vi sia stato un tentativo di forarlo dai crateri evidenti sulla mano della Nike e sull'elmo di Atena.

@Flavius

Davvero particolare il tetra 'chimerico'. Vicino a Corinto si trova Sicione, la cui zecca ha coniato nel 330-320 a. C. una serie di argenti con al diritto questa figura mitologica con testa di leone, una testa di capra sulla schiena e la coda di serpente.

@rorey

L'hard copy del Price conferma com'era attendibile la risposta di Flavius: entrambe le ali tripartite. Aggiungo che la Nike tiene però lo stilo inclinato e non perpendicolare al suolo come nello statere da te segnalato.

apollonia

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Tra le monete con simboli inusuali volevo segnalare questo statere (non mio) di una zecca incerta della Macedonia che il Price cataloga come 831 e il Muller come 179.

Dal punto di vista della conservazione siamo a livello del BB, ma la formica e la stella formano secondo me una bella coppia.

apollonia

post-703-0-99799900-1324641456_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


Questo statere proposto dalla The New York Sale XXVII del 4-5 gennaio 2012 presenta nel campo a sinistra un simbolo molto caratteristico costituito da una testa di ariete con la corona di Iside. Anche il monogramma in basso a sinistra richiama l’antico Egitto. La zecca è di Menfi e il periodo ca 332-323 a. C., quindi contemporaneo di Alessandro Magno.

La catalogazione è Price 3963; Müller 1516.

apollonia

post-703-0-43929800-1324911574_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


Questo tetradramma della stessa zecca e periodo dello statere precedente unisce allo stile e al grado di conservazione superbi e alla centratura perfetta, la stessa simbologia caratteristica. La catalogazione è Price 3964; Müller 1517. La moneta è proposta nella stessa asta dello statere.

apollonia

post-703-0-17296300-1324912116_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


Apro una parentesi per segnalare questo statere d'argento 'Lanz' della zecca di Sicione con al diritto la chimera, la figura mitologica alla quale s'è accennato nei post #19 e # 14.

apollonia

post-703-0-58815900-1325007573_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.