Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
pinopino

MG richiesta info

Risposte migliori

pinopino

post-2733-1147482582_thumb.jpgsalve ho preso questa foto dall'asta ghione sapreste dirmi di che materiale é?

e che giudizio ne date.

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cori

dovrebbe essere ELETTRO....un misto oro-argento che si trova anche in natura...

furono i Lidi in Anatolia, a coniare le prime monete in Elettro..il minerale era presente in zona in grandi quantita...

Marco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

15x60
post-2733-1147482582_thumb.jpgsalve ho preso questa foto dall'asta ghione sapreste dirmi di che materiale é?

e che giudizio ne date.

Grazie

123250[/snapback]

E' la n. 6 dell'asta Ghiglione 11 maggio 2006: Lucania, Heraclea (370-281 a.C.), diobolo, D/Testa di Atena a destra, R/Ercole strangola il leone, grammi 1,10.

In elettro, che, come già correttamento indicato da Marco, è una lega sia naturale che artificiale di oro ed argento; la proporzione fra i due metalli era estremamente variabile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tuchulcha

Sembra essere un di obolo d’argento di Taranto o di Eraclea (stessi tipi). I rovescio è la lotta tra Ercole e il leone. Bisogna rotare tua immagine per vederlo. Ecco una fotografia:

http://www.coinarchives.com/a/lotviewer.ph...ucID=161&Lot=30. La patina giallastra è abbastanza normale per l’argento e chissà se la fotografia è verisimile. È anche possibile che sia stato dorato. L'elettro non si usava per questi pezzi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

15x60

Non conosco questo tipo di monetazione, dunque non mi pronuncio su di essa. Mi pare interessante, invece, indugiare ancora un po' sull'elettro. Ho trovato questi altri dati.

Elettro, dal greco èlektron = ambra. Allo stato naturale si trovava nelle sabbie dei fiumi della Lidia. Sofocle fu il primo a parlare di questa lega e lo fece nella tragedia Antigone nella quale raffronta l'elettro di Sardi con l'oro puro dell'India. Plinio stabilisce le proporzioni della lega in 1/5 di argento e 4/5 di oro e menziona la possibilità della sua produzione artificiale. Isidoro di Siviglia distingue l'elettro naturale da quello artificiale. In elettro sono stati rinvenuti oggetti preziosi, quali coppe e vasi, nelle tombe etrusche e nella Russia meridionale (Kerch). La monetazione in elettro fu di appannaggio non solo del mondo greco perchè anche Cartagine emise monete in elettro con le quali nel 199 tentò di pagare ai romani il tributo di guerra per la sconfitta punica, incontrando però l'opposizione dei questori che, esaminato il metallo, constatarono che il suo peso era 1/4 di quello dell'oro. Anche i re del Bosforo nei secoli II e III dell'impero, coniarono monete in elettro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

Secondo me non si tratta di Elettro.

A parte che non mi risulta esistano monete in Elettro nella monetazione di Heraclea.

Inoltre l'elettro (che avete già spiegato) è una lega uniforme e omogenea, e

non è possibile che l'oro sia presente solo in alcune zone...

Il colore dorato che intravediamo, secondo me, è una patina che si è formata con il tempo e lo vediamo nelle zone protette dal contatto e non sui rilievi.

Il diobolo è in Argento. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

Ti mostro uno statere Cartaginese in Elettro, per farti un'idea sul colore di questa lega... :)

post-981-1147528202_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

pinopino

salve, ma allora perche é stata descritta da Ghione con il simbolo EL, può trattarsi di un falso?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tuchulcha

A riguardare le immagini non vedo un simbolo. In ogni caso, scommetto che la moneta è stata dorata tempo fa, e che la doratura si usa adesso sui punti alti. Non credo che sia falso: la moneta è normale, comune, banale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

petronius arbiter
E' la n. 6 dell'asta Ghiglione 11 maggio 2006: Lucania, Heraclea (370-281 a.C.), diobolo, D/Testa di Atena a destra, R/Ercole strangola il leone, grammi 1,10.

123304[/snapback]

Per la cronaca, è stata aggiudicata a 130€ + diritti, partendo da una base di 90€.

petronius :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cori
Secondo me non si tratta di Elettro.

A parte che non mi risulta esistano monete in Elettro nella monetazione di Heraclea.

Inoltre l'elettro (che avete già spiegato) è una lega uniforme e omogenea, e

non è possibile che l'oro sia presente solo in alcune zone...

Il colore dorato che intravediamo, secondo me, è una patina che si è formata con il tempo e lo vediamo nelle zone protette dal contatto e non sui rilievi.

Il diobolo è in Argento. :)

123390[/snapback]

se non é di elettro...

non credo che il colore sia dovuto ad una patina...se la moneta é nata in argento, non ho mai visto, una patina di questo tipo per l'argento....dunque penso che sia stata dorata...

...poi quello che non capisco é come possono mettere in un'asta, una descrizione grossolanamente errata....

Marco

Modificato da cori

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

caiuspliniussecundus

Anche secondo me si tratta di una pregevole patina dell'argento

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

roth37
Anche secondo me si tratta di una pregevole patina dell'argento

123569[/snapback]

Concordo con Caius

roth37

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

Patina, doratura, possono essere entrambe, l'importante è che non si tratta di elettro. :P

Per quanto mi riguarda "l'identificazione" della casa d'asta, non mi sorprendo più di tanto.

Ho visto errori anche più grossolani, o monete false spacciate per vere.... <_<

Modificato da miglio81

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cori
Anche secondo me si tratta di una pregevole patina dell'argento

123569[/snapback]

Concordo con Caius

roth37

123606[/snapback]

mi sono convinto....non si finisce mai di imparare :D ma vorrei approfondire a questo punto (per capire) come si possa formare una patina dorata...con l'argento...ho sempre visto patine scure nere o marroni...sarebbe interessante conoscere la chimica che ha formato questa patina...

Marco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tuchulcha

Credo di essere stato troppo convinto :whome: nel dire che le patine giallastre sono normali sull’argento. Devo scusarmi. È vero che una sfumatura giallastra (o molticolorata) si forma ogni tanto per l’azione di zolfo nell’ambiente, quando lo strato è sottile, per diventare nera quando più massiccia. In questo caso, a riguardare le immagini, una vecchia doratura mi pare più indicata. È stata montata, la moneta? L’altra possibilità è che il colore sia l’artefatto della fotografia solo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cori
Credo di essere stato troppo convinto :whome: nel dire che le patine giallastre sono normali sull’argento. Devo scusarmi. È vero che una sfumatura giallastra (o molticolorata) si forma ogni tanto per l’azione di zolfo nell’ambiente, quando lo strato è sottile, per diventare nera quando più massiccia. In questo caso, a riguardare le immagini, una vecchia doratura mi pare più indicata. È stata montata, la moneta? L’altra possibilità è che il colore sia l’artefatto della fotografia solo.

123628[/snapback]

Ciao Tuchulcha....

non hai motivo di scusarti.... :) il forum é il miglior strumento per confrontare le proprie idee ed esperienze...hai espresso una tua opinione....

ritornando a questa patina...per me strana, sarebbe importante riuscire ad approfondire il tema...magari con l'intervento di qualche chimico...questo sempre per migliorare le nostra conoscenze in materia...

Marco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

caiuspliniussecundus

La patina sull'argento assume diverse sfumature: violetta, blu e rossastra sono le più frequenti. Secondo me impreziosiscono la moneta. Una patina giallina tale da sembrare una doratura mi è stato detto che si ottiene esponendo l'argento al sole. Per mia esperienza devo dire di avere fatto qualche mese fa degli esperimenti con dei denari completamente ripuliti e luccicanti e per ripatinarli, su consiglio di alcuni esperti, li passai nella varechina (normale candeggina). Tra gli altri effetti di questo scurimento potei osservare la comparsa di una iridescenza sulla moneta, simile a talune patine bluette o violette che si osservano sull'argento antico. Può essere che siano anch'esse frutto di attività di restauro, non so dirlo. ma la patina giallastra sulla moneta in oggetto sembra autentica, oltretutto l'emissione è con certezza di argento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cori
La patina sull'argento assume diverse sfumature: violetta, blu e rossastra sono le più frequenti. Secondo me impreziosiscono la moneta. Una patina giallina tale da sembrare una doratura mi è stato detto che si ottiene esponendo l'argento al sole. Per mia esperienza devo dire di avere fatto qualche mese fa degli esperimenti con dei denari completamente ripuliti e luccicanti e per ripatinarli, su consiglio di alcuni esperti, li passai nella varechina (normale candeggina). Tra gli altri effetti di questo scurimento potei osservare la comparsa di una iridescenza sulla moneta, simile a talune patine bluette o violette che si osservano sull'argento antico. Può essere che siano anch'esse frutto di attività di restauro, non so dirlo. ma la patina giallastra sulla moneta in oggetto sembra autentica, oltretutto l'emissione è con certezza di argento.

123710[/snapback]

ciao caius....daccordo sul fatto che la moneta sia stata emessa in argento.....daccordo che, con vari trattamenti (che fra l'altro ho potuto sperimentare io stesso)la moneta in argento possa cambiare colore.....ma....qui si sta parlando di patina accumulata nei secoli....per questo, sarebbe interessante capirne il percorso chimico....che poi fa differenza da "giallino" a "color oro".... :D

Marco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

caiuspliniussecundus

Allego l'immagine (da coinarchives) di un denario di Pompeo Magno con una patina dorata-giallastra. Ricordiamoci che parte dell'effetto elettro potrebbe essere dovuto all'esposizione della foto.

post-705-1147680531_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fra crasellame

Avendo visionato i lotti dell'asta in questione dal vivo, mi rammarico di non aver minimamente preso in considerazione questa moneta. Scusate ma ero preso dalla tetradracma di Atene e da quella di Alessandro Magno... per tacere dell'ottavino e dei due genovini...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

danielealberti
Avendo visionato i lotti dell'asta in questione dal vivo, mi rammarico di non aver minimamente preso in considerazione questa moneta. Scusate ma ero preso dalla tetradracma di Atene e da quella di Alessandro Magno... per tacere dell'ottavino e dei due genovini...

123765[/snapback]

L'infezione si stà espandendo :D :D

lele

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

15x60

Hi hi hi hi hi hi hi............fra, a Verona completeremo il lavaggio del cervello........................ :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

danielealberti

Si si, proprio così.. o si converte definitivamente o scappa via disperato :D :D

lele

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cori
Allego l'immagine (da coinarchives) di un denario di Pompeo Magno con una patina dorata-giallastra. Ricordiamoci che parte dell'effetto elettro potrebbe essere dovuto all'esposizione della foto.

123763[/snapback]

Ciao Caius....sono ancora io :D un bel rompi....dirai :D .....

ho visto l'immagine della moneta che hai postato...é in effetti una VERA PATINA ANTICA giallastra...che non ha niente a che vedere con quella dell'asta ghiglione...sono sempre piu convinto, che quella moneta é stata trattata chimicamente...tanto da trarre in inganno chi ha messo la moneta in asta...

non é neanche un effetto fotografico....(la prova...descrizione ELETTRO) per cui é cosí come la vediamo... :D come ho gia detto...sarebbe interessante...almeno per quello che mi riguarda, andare a fondo della cosa...per capire quale sostanza, chimica o naturale, abbia dato il colore a quella moneta....

Marco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×