Jump to content
IGNORED

Somalia


Recommended Posts

Qualcuno sa con esattezza qual'è la situazione della circolazione monetaria metallica e anche cartacea della Somalia odierna?

Unica certezza è che il Somaliland (regione del nord autoproclamatasi indipendente nel 1991, ed effettivamente indipendente) usa una valuta propria, lo Scellino del Somaliland. Per il resto com'è la situazione?

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/9/9f/Somalia_map_states_regions_districts.png

Edited by ART
Link to post
Share on other sites

collezionistabari

io sapevo che circolasse un po' di tutto. Dall'Euro al Dollaro passando anche per il pula botswano.

è un paese che ha perennemente problemi di sicurezza civile; diciamo che quel che hanno usano per sopravvivere senza farsi tanti problemi...

Link to post
Share on other sites

heineken79

Non ricordo più se l'avevo letto su NatGeo o Limes.

Comunque confermando quanto dice collezionista circola un po' di tutto, ma la gente comune usa gli scellini degli anni '90 per i pagamenti quotidiani, più per abitudine che per altro, non essendoci di fatto un'autorità centrale che garantisca per quei pezzi di carta.

I quali pezzi di carta, a quanto lessi, venivano riparati, lavati e smacchiati per poter circolare nuovamente.

Oltre ad un proliferare di biglietti da 1000 falsi, ma comunemente circolanti. Chi controlla? Chi li riconosce? I problemi sono altri... :(

PS: mi sono ricordato, era l'Economist: http://www.economist.com/node/21551492

PPS: non nego che comunque nel tempo non si sia formato un mercato di baratto di materie prime, nonchè un mercato nero basato sugli aiuti umanitari.

Link to post
Share on other sites

luke_idk

io sapevo che circolasse un po' di tutto. Dall'Euro al Dollaro passando anche per il pula botswano.

è un paese che ha perennemente problemi di sicurezza civile; diciamo che quel che hanno usano per sopravvivere senza farsi tanti problemi...

Mi sa che ti confondi con lo Zimbabwe dove circolano dollari USA, Euro, Lira Sterlina britannica, Rand, Pula

Link to post
Share on other sites

collezionistabari

Mi sa che ti confondi con lo Zimbabwe dove circolano dollari USA, Euro, Lira Sterlina britannica, Rand, Pula

Ah ecco ricordavo che c'era un paese in Africa dove circola veramente di tutto :D In effetti lo Zimbabwe dopo il tracollo economico ormai non ha più una moneta.

Comunque la Somalia non è così tanto lontana da questa realtà.

Link to post
Share on other sites

avevo iniziato una discussione sullo scellino somalo ma non la trovo piu`

era interessante perche` lo scellino circolava anche senza una banca centrale , facendo venire meno una delle condizioni monetarie basilari

Link to post
Share on other sites

Dunque a quanto pare la situazione è simile a quella dello Zimbabwe, guerra civile a parte, dove per gli acquisti importanti si usano altre valute o metallo prezioso ,mentre per acquisti di poco conto si usa quel che rimane della valuta locale, vero o falso che sia, trasformato più per abitudine che altro in una specie di buono senza copertura nè garanzia. In effetti la cosa si addice alla situazione di anarchia o semi-anarchia sostanziale che regna ancora in Somalia.

Edited by ART
Link to post
Share on other sites

Ah ecco ricordavo che c'era un paese in Africa dove circola veramente di tutto :D In effetti lo Zimbabwe dopo il tracollo economico ormai non ha più una moneta.

Comunque la Somalia non è così tanto lontana da questa realtà.

Però sono 2 situazioni differenti, il governo dello Zimbawe ha condotto una politica monetaria completamente folle che ha portato le banconote a valere meno della carta con cui sono prodotte :).

Mentre in Somalia il problema è legato allo stato di caos permanente.

Qui trovate un po' di info sulla storia monetaria somala degli ultimi anni.

http://www.pjsymes.com.au/articles/somalia(part1).htm

Edited by donax
Link to post
Share on other sites

collezionistabari

Però sono 2 situazioni differenti, il governo dello Zimbawe ha condotto una politica monetaria completamente folle che ha portato le banconote a valere meno della carta con cui sono prodotte :).

Mentre in Somalia il problema è legato allo stato di caos permanente.

Qui trovate un po' di info sulla storia monetaria somala degli ultimi anni.

http://www.pjsymes.com.au/articles/somalia(part1).htm

Si

Il mio: comunque la Somalia non è tanto lontana da questa realtà era riferito al fatto della circolazione di più valute e alla caduta in disuso della valuta locale proprio come in Zimbabwe che poi le cause siano diverse mi pare ovvio.

Comunque grazie per il sito

Edited by collezionistabari
Link to post
Share on other sites

collezionistabari

Il fato è che, in Somalia, circolano ancora!

Si ho capito: per determinate spese la popolazione autoctona usa ancora lo scellino più per abitudine che per altro. Però la circolazione di altre valute è forte ed è probabile che nei prossimi anni vada a finire come in Zimbabwe

Link to post
Share on other sites

heineken79

Questo video mostra la situazione nel Somaliland dove circola lo scellino locale https://www.youtube.com/watch?v=Rz6GDHviq7o

Buona visione :D

:shok: :shok: Ogni bricchetta la cambiano per $8...

In una carriola sono arrivato a contare circa $80 di controvalore.

Pazzesco! Come nella Repubblica di Weimar.

Riesci ad indicarmi il titolo del documentario BBC da cui è tratto lo spezzone?

Link to post
Share on other sites

heineken79

Comunque dovrebbe essere di qualche anno fa, dove il 500 era il pezzo più alto della serie.

Mi sembra che nel 2011 furono introdotti il 1000 e il 5000 scellini.

Link to post
Share on other sites

sentieroit

Anche io mi chiedevo cosa circolava in Somalia, l'Italia ha a mio avviso le sue colpe sul presente del paese in quanto in passato abbiamo colonizzato e lasciato quel paese peggio di prima.

Link to post
Share on other sites

luke_idk

Non sono mai stato tenero con l'ipocrisia di chi ha cercato di presentare il colonialismo italiano come migliore di quelli altrui (basti pesnare alla guerra d'Etiopia, alla repressione in Libia ed anche ali crimini di guerra italiani). In questo senso, ho inszione di acquistare il libro "Il cattivo tedesco e il bravo italiano", che spiega come la cultura italiana del dopoguerra abbia cercato di rimuovere ogni colpa italica, scaricandole tutte sull'alleato germanico e tacendo i crimini italiani, la copertura dei criminali di guerra, l'amnistia e la totale assenza, anzi il contrasto, della defascistizzazione.

In questo caso specifico, però, credo che in Somalia i danni li abbiamo fatti dopo la fine del mandato, con l'appoggio a Siad Barre e gli interventi occulti nella politica somala.

Link to post
Share on other sites

Anche io mi chiedevo cosa circolava in Somalia, l'Italia ha a mio avviso le sue colpe sul presente del paese in quanto in passato abbiamo colonizzato e lasciato quel paese peggio di prima.

mah

io invece non sono d accordo

per me l italia e gli italiani non han colpe di quello che e` successo in somalia

alla fine della fiera il mandato di amministrazione fiduciaria e` scaduto nel 1960 e da allora c e` stata l autodeterminazione

non cerchiamo di dare ad altri le colpe

perche` l autodeterminazione l avevano i locali

non facciamo come saviano che da la colpa a tutti tranne che agli autori (la colpa dei rifiuti tossici e` dei supermercati del nord che non han piu` comprato la frutta del sud)

io invece penso che stavano meglio sotto il dominio coloniale rispetto ad adesso

d altronde vediamo in molti paesi che sono regrediti con l indipendenza

e per fare un confronto confrontate lo zimbabwe con la corea del sud adesso e nel 1960

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.