Jump to content
IGNORED

SAVOIA Imitazione GG di uno quarto di EF.


Recommended Posts

savoiardo
Supporter

bella ... una monetina di Casale!

ma non vedi proprio nulla delle ultime due cifre della data??

http://catalogo-mantova.lamoneta.it/moneta/MN-CON/6

Link to post
Share on other sites

savoiardo
Supporter

non credo guglielmo gonzaga facesse imitazioni

penso che sia un tipo simile a quello emesso dai savoia ma non una imitazione

si rick

è una tipologia monetale che circolava su dei territori simili e quindi fatta simile per agevolare i commerci... (poi qui ci vorrebbe Eligio!!! ;) )

sul nostro catalogo è persino inserita nelle contraffazioni!

quanto ci sarebbe ancora da chiarire bene....

Link to post
Share on other sites

si rick

è una tipologia monetale che circolava su dei territori simili e quindi fatta simile per agevolare i commerci... (poi qui ci vorrebbe Eligio!!! ;) )

sul nostro catalogo è persino inserita nelle contraffazioni!

quanto ci sarebbe ancora da chiarire bene....

Confermo, contraffazione del quarto di Emanuele Filiberto di Savoia, non imitazione (l'intrinseco è inferiore a quello del prototipo). Per questa tipologia ho censito una dozzina di esemplari, con millesimo 1577, 1578 e 1580. I quarti di Monferrato sono diversi, hanno l'immagine col Sant'Evasio visto di fronte.

Tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni '80 se ne sono prodotte di svariati tipi. Oltre a queste con la GG, che troviamo in circolazione nel Ducato di Savoia, c'era un'abbondantissima produzione di liard au dauphin in svariate zecche piemontesi. Aspetto poco noto è che queste battiture sono state fatte "su commissione": c'erano mercanti francesi che venivano a ordinarle, per portarle poi nel Dauphiné e in altri territori d'oltralpe per farle circolare a un valore nominale maggiore, complice anche una politica monetaria in Francia non proprio lungimirante.

E.

Edited by eligio
Link to post
Share on other sites

savoiardo
Supporter

Confermo, contraffazione del quarto di Emanuele Filiberto di Savoia, non imitazione (l'intrinseco è inferiore a quello del prototipo). Per questa tipologia ho censito una dozzina di esemplari, con millesimo 1577, 1578 e 1580. I quarti di Monferrato sono diversi, hanno l'immagine col Sant'Evasio visto di fronte.

Tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni '80 se ne sono prodotte di svariati tipi. Oltre a queste con la GG, che troviamo in circolazione nel Ducato di Savoia, c'era un'abbondantissima produzione di liard au dauphin in svariate zecche piemontesi. Aspetto poco noto è che queste battiture sono state fatte "su commissione": c'erano mercanti francesi che venivano a ordinarle, per portarle poi nel Dauphiné e in altri territori d'oltralpe per farle circolare a un valore nominale maggiore, complice anche una politica monetaria in Francia non proprio lungimirante.

E.

ok Luca

sono d'accordo per l'intrinseco ma proprio chiamarla contraffazione...

altra cosa è il liard che aveva praticamente la stessa impronta, ma in questo caso le impronte sono molto diverse...

sono d'accordo che la moneta poteva essere scambiata magari alla pari anche se con un valore intrinseco minore ma non confusa certamente!

sempre la solita discussione fra noi....

Link to post
Share on other sites

ok Luca

sono d'accordo per l'intrinseco ma proprio chiamarla contraffazione...

altra cosa è il liard che aveva praticamente la stessa impronta, ma in questo caso le impronte sono molto diverse...

sono d'accordo che la moneta poteva essere scambiata magari alla pari anche se con un valore intrinseco minore ma non confusa certamente!

sempre la solita discussione fra noi....

Sulla definizione di 'contraffazione' vs. 'imitazione' c'è un'ampia letteratura. Non necessariamente concorde, ma molto ampia, che varrebbe la pena consultare per discutere con una pienezza di strumenti logici e concettuali su un argomento così controverso.

Se una moneta si "ispira" a un prototipo, circola a parità di valore nominale, ma contiene un intrinseco volutamente inferiore, allora devi parlare di contraffazione, perché c'è un manifesto intento fraudolento.

Quando al fatto che venisse confusa, non farti condizionare dai pezzi che vedi commercializzati, che hanno una qualità complessivamente buona. Dovresti vedere cosa c'è nei ripostigli, che possono essere più indicativi del circolante effettivo: ti sfido a fare identificazioni chiare per tutti i pezzi! Poi aggiungici l'usura ordinaria della circolazione, l'ossidazione che il rame subisce, l'occasionale scarsità di moneta minuta, l'analfabetismo (e la malizia) della gente che maneggiava le monete... La confusione è molto più facile di quanto si possa credere.

Hai visto di recente le monete di Messerano di Besso Ferrero Fieschi. Sono contraffazioni di quarti, in apparenza ben riconoscibili col loro B F. Ebbene, per tutti i fattori di cui ti scrivevo sopra circolavano con disinvoltura anche - e forse più - dei quarti sabaudi. Quando sarà pubblicato il ritrovamento del Theodulpass troverai molte sorprese.

E.

Link to post
Share on other sites

alainrib

OK per contraffazione, ragazzi, e grazie mille per tutti questi informazioni, molto interessanti! L'ultima ciffra della data è impossibile a leggere, peccato!

Buonasera.

Alain.

Edited by alainrib
Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.