Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
Ianva

tiratura monete

Ho una moneta 100 lire d'oro del regno di sardegna (Carlo Alberto) del 1834 per Genova che, con tiratura 11625 esemplari è classificata come NC (non comune). Per sapere quanti pezzi all'incirca ci siano, di questa moneta, ancora in giro, ha senso confrontarne la tiratura con quella di un'altra moneta?(che magari sia stata coniata in un numero di pezzi molto inferiore). Mi spiego meglio. Lo stesso tipo di moneta citata sopra, ma del 1836 per Genova è classificata come C (comune) ma ha tiratura di soli 703 esemplari che, mi sembrano, in confronto alla mia, molto pochi perchè la differenza di valore sia così lieve. (sia dal punto di vista della rarità che del valore in denaro). Tenendo cmnq conto del fatto che il valore di una moneta dipende anche da altri fattori (come la disponibilità sul mercato e la richiesta), è possibile che degli 11625 esemplari coniati ne siano arrivati ai giorni nostri solo circa 700 (o comunque poco meno o poco più) e che sia anche questo che ne abbia fatto aumentare il valore?

grazie ciao

Panso

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Questa discrepanza fra tirature e grado di rarita' che hai osservato nei 100 Lire di Carlo Alberto spesso si presenta nel mondo numismatico
A volte la causa che una moneta coniata in numero elevato sia piu' rara di una coniata in quantita' minore puo' derivare dal fatto che abbia circolato per breve tempo,sia stata ritirata dalla zecca,sia stata rifusa, sia andata dispersa, si sia deteriorata velocemente
A tutto questo bisogna aggiungere l' opera del mercato , quando la richiesta di una certa moneta aumenta i prezzi si adeguano al diminuire della sua reperibilita' fino a farla a salire nel grado di rarita'
Tornando ai 100 L. di C. Alberto , mi stupisco sempre del fatto che non siano molto apprezzati dal mercato rispetto a quelli degli altri re sabaudi , non so il motivo ma questa collezione non va molto
Nei negozi torinesi e' assai facile reperire in gran quantita' questi grossi aurei in buona condizione (giusto qualche problema per i 2 anni piu' rari) a prezzi varianti fra i 700-1100 euro(BB+/SPL)

ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?