Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
odjob

RIVISTE Il Giornale della Numismatica febbraio 2014

Risposte migliori

odjob

Gli articoli presenti questo mese nella rivista sono:

"Aiam e Bollettino:due compleanni da ricordare"nell'editoriale curato da R.Ganganelli si parla delle manifestazioni indette per celebrare il mezzo secolo di attività dell'Associazione Italiana dell'Arte della Medaglia e del trentennale del Bollettino di Numismatica

"I pericolosi effetti di un evento storico" in Monete e mercati di G.Gianelli che ci parla di un compromesso che ,si pensa, utile al completamento dell'Unione bancaria ma che presenta aspetti anche negativi

"Papa Francesco si fa in tre per gli euro" in Filo diretto con le zecche italiane,a cura di M.Tagliaferri.Infatti saranno tre gli artisti che si sono cimentati per i ritratti di Papa Francesco sulla divisionale vaticana del 2014 ,mentre,per le emissioni repubblicane italiane del 2014 il tutto è basato ancora sulle ipotesi.Per la Rep.di S.Marino si parla del cambiamento che ha portato l'Azienda autonoma di stato,filatelica e numismatica alla trasformazione in una realtà direttamente statale e viene intervistato Marino Manuzzi che fino al 31 dicembre 2013 è stato il direttore dell'Azienda

"Ori d'Irlanda fra storia e leggende"in Spazio euro,di D.De Rosa.In questo articolo andiamo a leggere a riguardo dei suggestivi siti irlandesi immortalati su monete

monete dal mondo,a pag.12,di D.De Rosa.Fra le varie nuove emissioni presentate ,particolare spazio è dato alla Fortezza portoghese di Elvas che è stata rappresentata sulla moneta da 2,50 euro emessa nel 2013 dalla Zecca portoghese

banconote dal mondo,di P.Gaidella,rubrica in cui particolare spazio è dato a banconote russe emesse con raffigurazioni per le Olimpiadi invernali di Sochi

spiccioli,a cura della Redazione:Papi marchigiani in mostra......;Cariche sociali per l'Accademia di Studi Numismatici.....;Mostre ed eventi alla Zecca di Lucca....;Il Bollettino AFNB n°10 anno 2013......;sono questi alcuni titoli di notizie in breve pubblicate dalla Redazione

"Rusponi,testoni e tolleri:un viaggio nella storia della Toscana"nella rubrica All'incanto ,di M.Tagliaferri che ci parla della prossima asta Kunker e della passata asta di Crippa

"All'ultimo sangue"di F.De Luca.Una raccolta,da parte dell'autore,di monete che immortalano combattimenti tra animali dove possiamo leggere di figure mitologiche e storiche

"Proculo imperatore per RARITA' "a pag.32,articolo di G.Lepri .In questo articolo leggiamo che solo due monete sono attualmente conosciute dell'usurpatore Proculo e l'autore cerca di esporre quale sia l'epoca più verosimile in cui furono coniate queste monete,basandosi su altri studi.

"BUONA e MALA MONETA agli ordini di Ferrante d'Aragona" di A.Giuliani ed A.Mattiocco che ci parlano dei Carlini della Zecca di Sulmona

"Le tre MEDAGLIE dell'assedio di OSOPPO"di S.Della Mora.L'autrice ,per parlarci delle medaglie emesse per commemorare il valore di coloro che si sono opposti nel 1848 agli austriaci alla fortezza di Osoppo,scrive sull'artista che realizzò queste medaglie e la storia che portò alla realizzazione delle medesime

"Santalene,gobbini e penny della FORTUNA"di G.Graziosi.In questa prima parte del lavoro di Graziosi vengono citati i talismani monetali ,e non solo, antichi e nuovi.

"Presentati a Francoforte I NUOVI 10 EURO"scritto da A.Castellani che è l'inviato ,per conto della rivista in oggetto,a Francoforte e scrive sulla presentazione della nuova banconota da 10 euro

"VICENZA NUMISMATICA sotto il segno di AUGUSTO"a pag.58,articolo della Redazione in cui si parla di uno spazio dedicato all'Imperatore romano Augusto nella fiera numismatica di Vicenza con la storia e le monete dell'Imperatore

"Carlo I di Romania e le monete a due teste"in Una moneta una storia,rubrica curata da R.Saccarello dal quale andiamo ad apprendere sulla coniazione avvenuta nel secolo XVIII ,nel Regno di Romania,delle monete di Carlo I con da un lato il profilo del Re giovanile e dall'altro il profilo del regnante più maturo

"Quel dollaro a metà tra vela e vapore"in Una banconota una storia,rubrica di C.Brignole.Dalla raffigurazione di una nave a propulsione mista su una banconota da un Dollaro del 1862,l'autore dell'articolo,ci parla dei primi motori montati su battelli e piroscafi che solcavano le acque che lambivano le coste degli Stati Uniti d'America

"Dal fund raising al fondo del mare"ne Il picciol cerchio,a cura di R.Ganganelli.Leggendo l'articolo si comprende che il significato del titolo è ironico,poichè l'attività bellica della corazzata astro-ungarica Viribus Unitis,costruita a Trieste,ebbe vita breve .Questa corazzata fu immortalata su una medaglia in bronzo dorato che fu coniata a Vienna e la sua vendita agli iscritti della Lega Navale Austriaca ed ai simpatizzanti servì per una proficua operazione bellica

"Otto marescialli,un gran maestro e un papa"nell'Angolo dell'araldista,curato da M.C.A.Gorra il quale ,a pag.66,attraverso le diverse situazioni personali riassunte su stemmi,questo mese ci racconta quelle dei Chigi,presenti con i loro stemmi su monete e medaglie.

"Quando in guerra vanno forzieri e salvadanai"in Wunderkammer,di R.Ganganelli.Il tema di questo articolo ,in questa nuova rubrica,è la lotta al potere economico che viene artisticamente e mirabilmente rappresentata su un incisione da Pieter Bruegel il Vecchio che s'intitola"La battaglia tra casseforti e salvadanai"

Casella postale 500,spazio dedicato alla corrispondenza con i lettori.In risalto è messa la lettera di un abbonato che lamenta il ritardo nella ricezione della rivista del mese di dicembre 2013,;viene spiegato ad un altro lettore il mistero dei cerchi sui rotolini di eurom onete confezionati dalla Zecca....ecc.

in edicola e in libreria:libro del mese"Le Marche e l'oltre Marche tra l'evo antico e il moderno.Rapporti di varia natura alla luce della documentazione numismatica"di AA.VV.;"Il ripostiglio di Galeata-Forlì"di R.Villoresi;"La moneta in Grecia e a Roma.Appunti di numismatica antica"di R.Cantilena;"Gigante 2014"AA.VV.;"Unificato "AA.VV.seguono recensioni su altre riviste del settore

"Omaggio all'arte di Egidio Boninsegna"in Visto su internet,di A.Castellani.Il sito web è quello dedicato alla vita ed alle opere dell'artista milanese Egidio Boninsegna,realizzato dalla famiglia dell'artista scomparso nel 1958.Per i numismatici ,che studiano le monete,Boninsegna realizzò i modelli delle 100 Lire Aratrice del 1910 del 1912 e del 1926 e 1927

"Oro:quali prospettive dopo il terribile 2013?"in Bullion corner curato da M.Paoletti .Si analizza la rendita del 2013 derivata dalle monete auree ed argentee da investimento non senza trascurare previsioni per il futuro

--Salutoni

-odjob

Modificato da odjob

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

King John
Supporter

Salve a tutti, che ne pensate del mio articolo su GdN di questo mese dal titolo "All'ultimo sangue"?

In questo articolo ho cercato di mettere a confronto i combattimenti tra animali raffigurati su alcune monete antiche e le foto di scene reali simili. Al riguardo notate la fortissima somiglianza tra la scena raffigurata su un doppio siglo in argento del re Creso (un leone che attacca un toro) e questa foto che ritrae una leonessa che attacca un'antilope d'acqua...

post-37078-0-13859000-1392243960_thumb.j

post-37078-0-43863700-1392243968_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

demonetis
Supporter

Salve a tutti, che ne pensate del mio articolo su GdN di questo mese dal titolo "All'ultimo sangue"?

In questo articolo ho cercato di mettere a confronto i combattimenti tra animali raffigurati su alcune monete antiche e le foto di scene reali simili. Al riguardo notate la fortissima somiglianza tra la scena raffigurata su un doppio siglo in argento del re Creso (un leone che attacca un toro) e questa foto che ritrae una leonessa che attacca un'antilope d'acqua...

L'articolo lo devo ancora leggere; ma l'argomento trattato è alquanto originale.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Gli articoli presenti questo mese nella rivista sono:

(il post verrà modificato con mie recensioni sugli articoli,dopo che avrò letto la rivista)

"Aiam e Bollettino:due compleanni da ricordare"nell'editoriale curato da R.Ganganelli

"I pericolosi effetti di un evento storico" in Monete e mercati di G.Gianelli

"Papa Francesco si fa in tre per gli euro" in Filo diretto con le zecche italiane,a cura di M.Tagliaferri

"Ori d'Irlanda fra storia e leggende"in Spazio euro,di D.De Rosa

monete dal mondo,a pag.12,di D.De Rosa

banconote dal mondo,di P.Gaidella

spiccioli,a cura della Redazione

"Rusponi,testoni e tolleri:un viaggio nella storia della Toscana"nella rubrica All'incanto ,di M.Tagliaferri

"All'ultimo sangue"di F.De Luca

"Proculo imperatore per RARITA' "a pag.32,articolo di G.Lepri

"BUONA e MALA MONETA agli ordini di Ferrante d'Aragona" di A.Giuliani ed A.Mattiocco

"Le tre MEDAGLIE dell'assedio di OSOPPO"di S.Della Mora

"Santalene,gobbini e penny della FORTUNA"di G.Graziosi

"Presentati a Francoforte I NUOVI 10 EURO"scritto da A.Castellani

"VICENZA NUMISMATICA sotto il segno di AUGUSTO"a pag.58,articolo della Redazione

"Carlo I di Romania e le monete a due teste"in Una moneta una storia,rubrica curata da R.Saccarello

"Quel dollaro a metà tra vela e vapore"in Una banconota una storia,rubrica di C.Brignole

"Dal fund raising al fondo del mare"ne Il picciol cerchio,a cura di R.Ganganelli

"Otto marescialli,un gran maestro e un papa"nell'Angolo dell'araldista,curato da M.C.A.Gorra

"Quando in guerra vanno forzieri e salvadanai"in Wunderkammer,di R.Ganganelli

Casella postale 500,spazio dedicato alla corrispondenza con i lettori

in edicola e in libreria:libro del mese"Le Marche e l'oltre Marche tra l'evo antico e il moderno.Rapporti di varia natura alla luce della documentazione numismatica"di AA.VV.;"Il ripostiglio di Galeata-Forlì"di R.Villoresi;"La moneta in Grecia e a Roma.Appunti di numismatica antica"di R.Cantilena;"Gigante 2014"AA.VV.;"Unificato "AA.VV.seguono recensioni su altre riviste del settore

"Omaggio all'arte di Egidio Boninsegna"in Visto su internet,di A.Castellani

"Oro:quali prospettive dopo il terribile 2013?"in Bullion corner curato da M.Paoletti

--Salutoni

-odjob

A quanto pare Proculo è andato fortissimo questo mese! Ahahah

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

odjob

A quanto pare Proculo è andato fortissimo questo mese! Ahahah

Sono andato a vedere se avessi sbagliato a scrivere...invece è giusto Proculo

Beh poi ci sono i seguaci ......i Procularum

:D :D :D

.......da cui Piero Angela ne ha tratto la sigla per "Il Mondo di Quark" :lol: :lol:

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter

Salve a tutti, che ne pensate del mio articolo su GdN di questo mese dal titolo "All'ultimo sangue"?

In questo articolo ho cercato di mettere a confronto i combattimenti tra animali raffigurati su alcune monete antiche e le foto di scene reali simili. Al riguardo notate la fortissima somiglianza tra la scena raffigurata su un doppio siglo in argento del re Creso (un leone che attacca un toro) e questa foto che ritrae una leonessa che attacca un'antilope d'acqua...

Ciao @@King John,

ho letto il Tuo articolo e mi è molto piaciuto.

Se mi avessi contattato ( scherzo ovviamente) durante la redazione, Ti avrei consigliato la pubblicazione di quest' obolo di Suessa con al D: la Testa di Mercurio ed al R: Eracle che combatte con il Leone di Nemea ( 265 - 240 a.c.),

173294.jpg

quando hai parlato del mito di Eracle ed il leone di Nemea ( così si poteva far conoscere la monetazione delle antiche zechche della Campania pre romana)

Saluti Eliodoro

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter

A quanto pare Proculo è andato fortissimo questo mese! Ahahah

Ciao @@francesco77,

Proculo è andato alla grande; per due monete, allo stato riconosciute autentiche, due articoli dedicati. Pensa la fortuna dei due inglesi che l'hanno ritrovato.

L'articolo dedicato ad Ottaviano Augursto, penso per un mero errore all'atto della stampa, si apre con un aureo di Tiberio.

Francesco, che ne pensi dell'articolo sulle monete aragonesi della zecca di Sulmona?

Saluti Elio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

King John
Supporter

Ciao @@King John,

ho letto il Tuo articolo e mi è molto piaciuto.

Se mi avessi contattato ( scherzo ovviamente) durante la redazione, Ti avrei consigliato la pubblicazione di quest' obolo di Suessa con al D: la Testa di Mercurio ed al R: Eracle che combatte con il Leone di Nemea ( 265 - 240 a.c.),

173294.jpg

quando hai parlato del mito di Eracle ed il leone di Nemea ( così si poteva far conoscere la monetazione delle antiche zechche della Campania pre romana)

Saluti Eliodoro

Ciao Eliodoro, sarebbe stata una buona idea effettivamente... Credo proprio che il motivo di Eracle che combatte con il leone nemeo meriti un approfondimento autonomo, vista la sua grande ricorrenza oltre che sulla moneta da te segnalata, anche su quelle di Eraclea e di Siracusa oltre che sulle monete di altre città greche.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

King John
Supporter

A quanto pare Proculo è andato fortissimo questo mese! Ahahah

Per non parlare del cantante colombiano Proculo Rico (sic!), creatore del genere Guasca Rap, e del pompeiano Paquio Proculo, ritratto con la moglie...

post-37078-0-76225800-1392276701_thumb.j

post-37078-0-74019700-1392276765_thumb.j

Modificato da King John

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

King John
Supporter

Sono andato a vedere se avessi sbagliato a scrivere...invece è giusto Proculo

La canzone dei Procol Harum, comunque, è bellissima ed intramontabile!

Modificato da King John

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Ciao @@francesco77,

Proculo è andato alla grande; per due monete, allo stato riconosciute autentiche, due articoli dedicati. Pensa la fortuna dei due inglesi che l'hanno ritrovato.

L'articolo dedicato ad Ottaviano Augursto, penso per un mero errore all'atto della stampa, si apre con un aureo di Tiberio.

Francesco, che ne pensi dell'articolo sulle monete aragonesi della zecca di Sulmona?

Saluti Elio

Ciao Elio, ancora non l'ho letto, appena lo farò scriverò un commento. :good:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Gli articoli presenti questo mese nella rivista sono:

(il post verrà modificato con mie recensioni sugli articoli,dopo che avrò letto la rivista)

"Aiam e Bollettino:due compleanni da ricordare"nell'editoriale curato da R.Ganganelli

"I pericolosi effetti di un evento storico" in Monete e mercati di G.Gianelli

"Papa Francesco si fa in tre per gli euro" in Filo diretto con le zecche italiane,a cura di M.Tagliaferri

"Ori d'Irlanda fra storia e leggende"in Spazio euro,di D.De Rosa

monete dal mondo,a pag.12,di D.De Rosa

banconote dal mondo,di P.Gaidella

spiccioli,a cura della Redazione

"Rusponi,testoni e tolleri:un viaggio nella storia della Toscana"nella rubrica All'incanto ,di M.Tagliaferri

"All'ultimo sangue"di F.De Luca

"Proculo imperatore per RARITA' "a pag.32,articolo di G.Lepri

"BUONA e MALA MONETA agli ordini di Ferrante d'Aragona" di A.Giuliani ed A.Mattiocco

"Le tre MEDAGLIE dell'assedio di OSOPPO"di S.Della Mora

"Santalene,gobbini e penny della FORTUNA"di G.Graziosi

"Presentati a Francoforte I NUOVI 10 EURO"scritto da A.Castellani

"VICENZA NUMISMATICA sotto il segno di AUGUSTO"a pag.58,articolo della Redazione

"Carlo I di Romania e le monete a due teste"in Una moneta una storia,rubrica curata da R.Saccarello

"Quel dollaro a metà tra vela e vapore"in Una banconota una storia,rubrica di C.Brignole

"Dal fund raising al fondo del mare"ne Il picciol cerchio,a cura di R.Ganganelli

"Otto marescialli,un gran maestro e un papa"nell'Angolo dell'araldista,curato da M.C.A.Gorra

"Quando in guerra vanno forzieri e salvadanai"in Wunderkammer,di R.Ganganelli

Casella postale 500,spazio dedicato alla corrispondenza con i lettori

in edicola e in libreria:libro del mese"Le Marche e l'oltre Marche tra l'evo antico e il moderno.Rapporti di varia natura alla luce della documentazione numismatica"di AA.VV.;"Il ripostiglio di Galeata-Forlì"di R.Villoresi;"La moneta in Grecia e a Roma.Appunti di numismatica antica"di R.Cantilena;"Gigante 2014"AA.VV.;"Unificato "AA.VV.seguono recensioni su altre riviste del settore

"Omaggio all'arte di Egidio Boninsegna"in Visto su internet,di A.Castellani

"Oro:quali prospettive dopo il terribile 2013?"in Bullion corner curato da M.Paoletti

--Salutoni

-odjob

Interessante l'articolo di Giuliani e Mattiocco, mi complimento con i due autori, l'ho letto con molto interesse ed ho scoperto anche alcune cose che non conoscevo prima d'ora sulla zecca di Sulmona.

Un'unica perplessità, se possibile esprimermi sul tema del dritto e del rovescio, riguarda la classificazione: a pagina 36 e 37 ho notato che i nummi di Sulmona vengono classificati erroneamente riportando al rovescio il lato raffigurante l'autorità emittente, poi a pagina 40 vengono riportati altri due coronati classificati in maniera corretta (cioè considerando il lato con l'effigie del re al dritto).

Chiedo venia agli autori per tale richiesta ma l'argomento è a parer mio molto interessante e merita molta attenzione, specie per i tanti che ci leggono nel forum. Ci tengo a precisare che il metodo di classificazione da me adottato e pubblicato nel 2010 in PN n. 257 è basato sulla consultazione dei documenti dell'epoca (cfr. approfondimenti in questa discussione http://www.lamoneta.it/topic/74616-dritto-e-rovescio-nelle-monete-napoletane/page-1 ) ed è lo stesso adottato nel Pannuti Riccio e nei testi di Crusafont, nonchè nelle varie monografie di Mario Traina http://www.ilportaledelsud.org/dritto-rovescio.htm .

Di nuovo complimenti agli autori ed un grazie anticipato per la loro attenzione ed una loro eventuale risposta. Francesco Di Rauso

Modificato da francesco77

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

4mori

Purtroppo non mi è ancora stata recapitata la copia di questo mese, ma sono curioso di leggere l'articolo di @@King John su questo argomento molto particolare, attendo con ansia la copia di Febbraio.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

zecche del sud

Ciao Francesco, ben riletto e grazie per i complimenti.

Sulla questione del "dritto o rovescio", estranea ai temi trattati nel nuovo articolo, posso dirti che il mio è un punto di vista diverso e che, ovviamente, non ha la pretesa di fare dottrina. Conosco il tuo contributo, letto a suo tempo e apprezzato, ma dato che le fonti non parlano in modo esplicito di "dritto" e di "rovescio" della moneta, bensì di "lato" o "parte" della moneta (nel carteggio ufficiale, anche di età più alta, è ricorrente l'espressione "da un lato ... dall'altro" e "da una parte ... dall'altra") e che, come noto un po' a tutti, non esiste una regola universalmente riconosciuta (ad esempio, a livello accademico questa classificazione del carlino di Sulmona è presente nel MEC, vol. 14/III), mi sento libero di adottare il criterio personale che vede nel "dritto" la faccia della moneta con l'autorità emittente, quella cioè con l'effige del sovrano "al naturale" o, in sua assenza, del nome.

Un saluto e alla prossima

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Ciao Francesco, ben riletto e grazie per i complimenti.

Sulla questione del "dritto o rovescio", estranea ai temi trattati nel nuovo articolo, posso dirti che il mio è un punto di vista diverso e che, ovviamente, non ha la pretesa di fare dottrina. Conosco il tuo contributo, letto a suo tempo e apprezzato, ma dato che le fonti non parlano in modo esplicito di "dritto" e di "rovescio" della moneta, bensì di "lato" o "parte" della moneta (nel carteggio ufficiale, anche di età più alta, è ricorrente l'espressione "da un lato ... dall'altro" e "da una parte ... dall'altra") e che, come noto un po' a tutti, non esiste una regola universalmente riconosciuta (ad esempio, a livello accademico questa classificazione del carlino di Sulmona è presente nel MEC, vol. 14/III), mi sento libero di adottare il criterio personale che vede nel "dritto" la faccia della moneta con l'autorità emittente, quella cioè con l'effige del sovrano "al naturale" o, in sua assenza, del nome.

Un saluto e alla prossima

Caro Achille, innanzitutto ti ringrazio per l'autorevole risposta, è un piacere interagire con persone che scrivono con toni simili, spero mi perdonerai se scrivo ulteriormente (ma senza alcuna pretesa).

Permettimi però di farti notare una cosa molto importante riguardo la lettura dei documenti di epoca aragonese: in realtà nella documentazione risalente al XV secolo non ci si è espressi con termini tipo "recto" e "verso", data la semplicità del linguaggio e l'epoca (siamo agli albori della lingua italiana), la classificazione delle monete quali ad esempio l'alfonsino d'oro (sesquiducato da 1,5 ducati), il ducato d'oro e i vari coronati, eccetera, vengono classificati con un linguaggio molto semplice e non certo scientifico, qui di seguito il documento originale:

“ …… Joan Carlo noi avemo deliberato che in queste nostre cecche di Napoli, e del laquila da qua avante se battano le soptoscripte monete de oro et de argiento con le lettere intorno designate et che voi come ad mastro de dicte cecche possiate fare la prima lettera del nome et cognome vostro come è stato facto inle monete de lo felice memoria del serenissimo S. Re nostro padre calendissimo ad quisto effetto havemo scritto ad Hieronimo, le parole che debbia fare in tucti li cugni, et stampe necessarie de dicte monete de argento et de oro con li muct intorno et con li disegni notati come da sopra o dicto e quelli ne debia consignar como e costumato: voi però lo sollicitarete et facti seranno attendere ad consegnare et baptere le monete come havemo dicto et non fate altremente per cosa vostra cautela. Datum in nostris felici bus castris propr terracinam die xxiij octobris MCCCCLXXXXIIII, Rex Alfonsus.

In primis la stampa del Alfonsino de oro da una banda lo Re ad cavallo come lo Alfonsino vecchio: dallaltra banda lo Re in maiesta con queste lettere da la banda del cavallo: in branchio suo pax et iustitia regni tui domine.

Item a lo cugno del ducato da una banda la testa del Re de naturale: et de l’altra le arme regale come quelle del Alfonsino vecchio: con queste lettere dala banda dela testa: in dextera tua salus mea Domine.

Item al cugno delo coronato da una banda la coronazione: da laltra banda Sancto Michaele con queste lettere da la banda dela coronazione: coronavit et unxit me manus tua domine.

Item lo armellino, daluna banda la sedia del foco et da altra banda larminio con queste lettere da la banda de la sedia: in dextera tua salus mea domine – jo Pontanus – Tramontano. ……” .

Hieronimus è riferito all’incisore dei coni Geronimo Liparolo.

Per quanto concerne poi la validità adottata in ambiente accademico del dritto e del rovescio riporto un passo di uno studio del compianto Mario Traina, ............... (fu) PRESIDENTE DELL'ACCADEMIA ITALIANA DI STUDI NUMISMATICI.

(Sulle monete di Ferrante i tratti della sua personalità. Cronaca Numismatica 90. Ottobre 1997),

“ …se per i coronati dell’Angelo o con il busto e la croce il problema di quale sia il dritto e il rovescio non si pone (è evidente che in questi casi che il dritto è quello che reca l’effigie del re e il suo nome), il dilemma si pone invece per molte altre monete di Ferrante come i ducati, i tarì, i carlini, i denari, parte dei tornesi e gli stessi coronati dell’incoronazione. Dove da una parte appare lo stemma con il nome e i titoli del re e dall’altra l’effigie di Ferrante con una leggenda. Per chi segue rigidamente il criterio del nome, abbiamo delle monete con al dritto il busto del re e delle altre con al dritto lo stemma: il che è veramente un assurdo oltre che fonte di non pochi equivoci. Il Corpus, il Cagiati, il Bovi, quasi tutti i numismatici riportano come dritto la faccia dei ducati con lo stemma perché qui compaiono il nome del re e i suoi titoli; come rovescio il lato del ritratto circondato dalla leggenda RECORDATVS MISERICORDIE SUE. E’ esatto questo criterio? Ritengo di no, confortato in questo dal parere di quell’illustre studioso che è il Bernareggi: anche il Panvini Rosati e il Pannuti hanno recentemente sollevato il problema contestando tale criterio mentre il Giliberti nei suoi studi sulla monetazione aragonese presenta sempre come dritto la faccia con il ritratto del re. In realtà il dritto dovrebbe essere quella faccia della moneta in cui appare la rappresentazione più importante e non c’è dubbio che l’effigie sovrana sia più importante dello stemma….”.

Carissimo Achille, ti ringrazio nuovamente per la tua gentile disponibilità ed attenzione, sono anch'io disponibile ad un confronto sul tema. E' importante confrontarsi anche quando non la si pensa allo stesso modo. :good: :hi: Francesco

p.s. Ti volevo però far notare di nuovo che a pagina 40 hai classificato i due coronati in maniera corretta ma discordante con pagina 37 ....... volevo solo sapere la natura di questa discordanza, se dipendeva da te o da chi ha elaborato le tue bozze.

Modificato da francesco77

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

zecche del sud

Il confronto tra studiosi è una tappa importante nei percorsi di crescita e formazione, quindi ben venga.

Il documento in questione, che in passato ho esaminato e ripubblicato anch'io, è sicuramente indicativo e in un certo senso potrebbe dettare delle "linee guida" per le tipologie in parola ma, torno a dire, sul tema ci sono correnti di pensiero differenti, comunque apprezzabili se applicate con rigore; tuttavia, non sta a me dire quale deve essere la più autorevole o meritevole di considerazione, dato che applico il criterio soggettivo indicato nell'intervento precedente (nelle monete di pp. 36-37 identifico il D/ dove gira il nome FERDINANDVS, dato che le diverse figure del sovrano non sono realistiche, mentre nelle monete di p. 40 il D/ lo interpreto dove campeggia l'effige naturale di Ferrante, sebbene il suo nome giri intorno alla croce, cioè nell'altra faccia della moneta).

Non si tratta, dunque, né di una discordanza degli autori né di un maldestro intervento redazionale, anzi, per esperienza diretta sottolineo pubblicamente la grande serietà professionale e lo zelo di Roberto Ganganelli, direttore della Rivista, doti molto apprezzate anche quando era alla guida di Cronaca Numismatica.

Però, se ti fa piacere, per i coronati al busto possiamo giocarcela a testa o croce :D :D :D

Modificato da zecche del sud

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Il confronto tra studiosi è una tappa importante nei percorsi di crescita e formazione, quindi ben venga.

Il documento in questione, che in passato ho esaminato e ripubblicato anch'io, è sicuramente indicativo e in un certo senso potrebbe dettare delle "linee guida" per le tipologie in parola ma, torno a dire, sul tema ci sono correnti di pensiero differenti, comunque apprezzabili se applicate con rigore; tuttavia, non sta a me dire quale deve essere la più autorevole o meritevole di considerazione, dato che applico il criterio soggettivo indicato nell'intervento precedente (nelle monete di pp. 36-37 identifico il D/ dove gira il nome FERDINANDVS, dato che le diverse figure del sovrano non sono realistiche, mentre nelle monete di p. 40 il D/ lo interpreto dove campeggia l'effige naturale di Ferrante, sebbene il suo nome giri intorno alla croce, cioè nell'altra faccia della moneta).

Non si tratta, dunque, né di una discordanza degli autori né di un maldestro intervento redazionale, anzi, per esperienza diretta sottolineo pubblicamente la grande serietà professionale e lo zelo di Roberto Ganganelli, direttore della Rivista, doti molto apprezzate anche quando era alla guida di Cronaca Numismatica.

Però, se ti fa piacere, per i coronati al busto possiamo giocarcela a testa o croce :D :D :D

Grazie mille per il gentile confronto. Allora sarà un piacere in futuro approfondire da vicino. Concordo sull'ineccepibile professionalità di Ganganelli e del suo staff, infatti prima di impagire inoltrano sempre una bozza indicativa agli autori. A presto. Francesco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

King John
Supporter

Guardate quest'altra foto eccezionale che raffigura la stessa istantanea numismatica riprodotta sui didrammi di Istros (Mesia Inferiore): bellissima sia la foto che la scena raffigurata sulla moneta!

post-37078-0-17243400-1392456840_thumb.j

post-37078-0-80090500-1392456850_thumb.j

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

demonetis
Supporter

Guardate quest'altra foto eccezionale che raffigura la stessa istantanea numismatica riprodotta sui didrammi di Istros (Mesia Inferiore): bellissima sia la foto che la scena raffigurata sulla moneta!

Ma nella moneta il rapace sembra artigliare un delfino!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

King John
Supporter

Ma nella moneta il rapace sembra artigliare un delfino!

Nella foto abbiamo un falco che artiglia una carpa, mentre sulla moneta l'uccello è un'aquila di mare ed il pesce sembra effettivamente un delfino: non sono riuscito a trovare un'immagine che raffigura questi due ultimi animali...

Modificato da King John

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

magdi

L'articolo sugli animali mi è molto piaciuto! le foto sono davvero bellissime!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

King John
Supporter

L'articolo sugli animali mi è molto piaciuto! le foto sono davvero bellissime!

Grazie Magdi! L'articolo purtroppo è uno scritto breve ma le foto interessanti da mostrare erano più numerose come ad esempio questa che allego che immortala una scena molto simile a quella raffigurata su una tetradracma di Akanthos.

post-37078-0-24546500-1392551247_thumb.j

post-37078-0-35839300-1392551256_thumb.j

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

4mori

Grazie Magdi! L'articolo purtroppo è uno scritto breve ma le foto interessanti da mostrare erano più numerose come ad esempio questa che allego che immortala una scena molto simile a quella raffigurata su una tetradracma di Akanthos.

Questa immagine è davvero bella e pensare come in passato anche senza l'ausilio delle macchine fotografiche o di internet riuscivano pienamente a rendere le immagini in una moneta come la realtà le rappresenta.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

King John
Supporter

Questa immagine è davvero bella e pensare come in passato anche senza l'ausilio delle macchine fotografiche o di internet riuscivano pienamente a rendere le immagini in una moneta come la realtà le rappresenta.

Verissimo. Gli antichi avevano uno spirito di osservazione che oggi noi possiamo solo sognare, distratti come siamo da tante diavolerie tecnologiche...

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×