Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Legio II Italica

Una scoperta straordinaria a Roma , 16 Aprile 1485

Risposte migliori

Legio II Italica

Alcune rarissime volte nella storia e nel corso di scavi archeologici , avvengono delle scoperte sensazionali , forse uniche , che se non fossero documentate tramite scritti , documenti , disegni , testimonianze , in antico e fotografate in epoca moderna , si stenterebbe a credere siano veramente avvenute . Nell' anno 1485 , il giorno 16 di Aprile , durante il pontificato di Papa Innocenzo VIII , nel corso di scavi nella Via Appia , circa 5 miglia fuori Porta Appia delle mura aureliane , fu trovato a circa 3,5 metri di profondita' , dentro il suo semplice sarcofago , il corpo intatto di una ragazza romana di eta' apparente intorno ai 20 anni . Di questo eccezionale ritrovamento esistono tre testimonianze scritte , dell' epoca , una di Antonio di Vaseli , di messer Daniele da San Sebastiano , presenti allo scavo e una carta proveniente dal Codice 716 della Biblioteca di Monaco , di cui ne trascrivo per motivi di spazio , di queste tre , una sola testimonianza di un testimone dei fatti , anche perché quanto scritto indipendentemente dai tre e' uguale nei particolari , cambiano solo le parole usate nel testo .

"Durante gli scavi fatti sulla via Appia per cercare pietre e marmi , in questi ultimi giorni sono state scoperte tre tombe di marmo sepolte a metri 3,60 sotto terra . Una era di Terenzia Tulliola , figlia di Cicerone ( ma questa identificazione e' errata in quanto in nessuna fonte storica e' scritto che Cicerone possedette una tomba di famiglia al V miglio della via Appia ) , le altre erano prive di epitaffio . Una di queste due conteneva il corpo di una ragazza giovane , intatto in tutte le sue membra e ricoperto dalla testa ai piedi da una sostanza aromatica spessa circa 2,5 centimetri . Rimuovendo questo rivestimento che crediamo fosse composto da mirra , incenso , aloe e altre sostanze , e' comparso alla vista un corpo e un volto cosi' bello , cosi' affascinante , che sebbene la ragazza fosse morta da almeno 1500 anni , sembrava fosse stata deposta quel giorno . La spessa massa di capelli biondi riunita sopra la testa secondo l' antico uso , sembrava essere stata appena pettinata . Gli occhi erano aperti e le palpebre potevano essere a mano richiuse e sollevate , le orecchie ed il naso erano cosi' ben conservati che dopo essere stati leggermente deformati , tornavano immediatamente al loro posto . Esercitando una lieve pressione sulle guance , il colore roseo scompariva come in un corpo vivo . Si poteva vedere la lingua tra le labbra rosa e se tirata delicatamente fuori , tornava al suo posto ; le articolazioni delle braccia , mani e delle gambe , piedi conservavano ancora la propria elasticita' . Unici gioielli indossati , una rete d'oro intorno ai capelli per sorreggerli e un anello nel dito indice della mano sinistra , subito rubati al momento della scoperta . Quasi l' intera Roma uomini e donne fino a circa ventimila presenze ha visitato quel giorno questa meraviglia ........" . "........Questa ragazza dentro la sua cassa aperta fu portata in esposizione sul Campidoglio e questa meravigliosa reliquia del passato non diede alcun segno di decomposizione , solo dopo parecchi giorni l' aria comincio a provocare i suoi effetti , il viso e le mani cominciarono a diventare neri ......" Questo uno dei racconti della scoperta ; chi poteva essere questa misteriosa ragazza deposta in un sarcofago senza iscrizione ? sembrerebbe appartenere ad una povera ragazza , ma allora come pote' permettersi una sepoltura che ne conservo' intatto il corpo per XV secoli ? esclusa la possibilita' che potesse trattarsi della figlia di Cicerone , si penso' a Priscilla la cui tomba sulla via Appia e' descritta dal poeta Stazio , ma il punto della scoperta non coincide con quello della tomba . Concludendo non essendo presente sul sarcofago alcun epitaffio non si conoscera' mai il nome e la condizione sociale della ragazza . Il corpo della povera ragazza che si era conservato intatto per tanti secoli subi' da parte dei miserabili uomini del XV secolo una fine ignominosa , due sono le versioni dell' epoca , la prima piu' umana , fu portata fuori Porta Salaria e seppellita sotto le mura , la seconda piu' vergognosa , il corpo fu gettato nel Tevere .

Sotto un disegno del corpo della ragazza eseguito all' epoca quando era esposto sul Campidoglio .

post-39026-0-84244300-1393257560_thumb.j

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Flavio

La "fanciulla della via Appia"...affascinante e commovente !!

Anche la cosiddetta "mummia di Grottarossa", ora esposta a Palazzo Massimo, se ben ricordo all'epoca della scoperta (1964) presentava il viso in buono stato di conservazione, poi rapidamente degenerato per l'esposizione all'aria.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Ciao @@Flavio , esatto la cosi' appellata "mummia di Grottarossa" fu trovata il 5 Febbraio del 1964 lungo Via Cassia in localita' "Tomba di Nerone" , gia' a noi nota , al bivio di via di Grottarossa ; era all'interno di un piccolo ma artistico sarcofago di marmo , il corpo era pero' imbalsamato , diverso da quello della "fanciulla della via Appia" conservato intatto per il misterioso "liquido" che la proteggeva dall' aria ; il corpo della bambina di Grottarossa apparteneva ad una bambina di circa 7/8 anni , alta circa 1 metro e 20 ; e' questa l' unica mummia "romana" trovata a Roma . Il corpo mummificato e'conservato al Palazzo Massimo a Roma nel semi interrato dove c'e' anche una eccezionale collezione numismatica dall' epoca romana a Vittorio Emanuele III .

Modificato da Legio II Italica
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Afranio_Burro

Ciao @@Flavio , esatto la cosi' appellata "mummia di Grottarossa" fu trovata il 5 Febbraio del 1964 lungo Via Cassia in localita' "Tomba di Nerone" , gia' a noi nota , al bivio di via di Grottarossa ; era all'interno di un piccolo ma artistico sarcofago di marmo , il corpo era pero' imbalsamato , diverso da quello della "fanciulla della via Appia" conservato intatto per il misterioso "liquido" che la proteggeva dall' aria ; il corpo della bambina di Grottarossa apparteneva ad una bambina di circa 7/8 anni , alta circa 1 metro e 20 ; e' questa l' unica mummia "romana" trovata a Roma . Il corpo mummificato e'conservato al Palazzo Massimo a Roma nel semi interrato dove c'e' anche una eccezionale collezione numismatica dall' epoca romana a Vittorio Emanuele III .

direi una discussa collezione numismatica, purtroppo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Ciao , perché scrivi........ "discussa"........ purtroppo ? l'ho visitata due volte , ma vorrei saperne di piu' .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Afranio_Burro

Ciao , perché scrivi........ "discussa"........ purtroppo ? l'ho visitata due volte , ma vorrei saperne di piu' .

Ciao Legio.. È un argomento che è stato trattato sul forum, se cerchi troverai sicuramente dei contributi più importanti di quelli che posso dare io... In breve: pare che alcuni pezzi della collezione di VEMIII, conservata a Palazzo Massimo, siano dei falsi che sostituiscono gli originali rubati negli anni...

Modificato da Afranio_Burro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Grazie , non sapevo , anche perché non e' il mio campo di interesse temporale , ciao .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×