Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
chersoblepte

Aiuto identificazione zecca

Ciao a tutti :),

volevo chiedervi un aiuto per tentare di identificare la zecca di provenienza di questo bronzetto di Giuliano l'Apostata, facente parte di un piccolo lotto di FEL TEMP REPARATIO di cui sto terminando la pulizia (al momento è in acqua demineralizzata).

Ecco le informazioni sulla moneta:

Æ3 17-18 mm. ca.

Al diritto, legenda continua [D N IVLIANVS NOB CAES]: testa scoperta, busto drappeggiato e corazzato rivolto a destra

Al rovescio, [FEL TEMP - REPARATIO]: tipologia del cavaliere disarcionato, che volge il volto verso il soldato e stende verso di esso il braccio sinistro

L'esergo, al momento (e non solo temo :() è illeggibile: segni della serie monetale sono la M nel campo del rovescio a sinistra, e forse il "punto" nel campo del diritto a sinistra, sempre che non si tratti di una "incrostazione".

Pensate che con questi dati si possa arrivare ad identificare perlomeno la zecca?

Grazie fin da ora ;)

post-1130-1151774653_thumb.jpg

post-1130-1151774662_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nel retro porta lo stesso tema delle monete di costantino?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Nel retro porta lo stesso tema delle monete di costantino?

134898[/snapback]

A dir la verità Costantino I non ha mai coniato monete con al rovescio la legenda FEL TEMP REPARATIO: questa tipologia fu introdotta dai suoi figli Costanzo II e Costante. Se n'è parlato recentemente in questo thread nella sezione "Identificazioni" ;)...

Modificato da chersoblepte

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dallo stile generale e dimensioni delle lettere stringerei su Siscia e Sirmium, con la sensazione che si tratta di quest'ultima

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A me sembra di leggere chiaramente una T, non ti aiuta a capire la zecca ma restringe tanto il campo, per il resto dobbiamo attendere una pulizia migliore

http://img195.imageshack.us/my.php?image=g...rovescio9pi.jpg

spero di esserti stato utile (almeno un pò) come lo sei di solito tu per me ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dallo stile generale e dimensioni delle lettere stringerei su Siscia e Sirmium, con la sensazione che si tratta di quest'ultima

134918[/snapback]

A me sembra di leggere chiaramente una T, non ti aiuta a capire la zecca ma restringe tanto il campo, per il resto dobbiamo attendere una pulizia migliore

http://img195.imageshack.us/my.php?image=g...rovescio9pi.jpg

spero di esserti stato utile (almeno un pò) come lo sei di solito tu per me ;)

134919[/snapback]

Grazie ad entrambi per le indicazioni ed i suggerimenti: anch'io all'inizio propendevo per l'ipotesi Sirmio, ma per Giuliano Cesare il RIC, riguardo questa zecca, propone solo l'opzione con legenda del diritto spezzata e con C per CAES... facendo questo confronto, poi, mi sono finalmente ricordato (beata smemoratezza :P) dei preziossimi indici finali del RIC, dove sono riportati, per ogni legenda, le pagine precise di riferimento: con la legenda del diritto D N IVLIANVS NOB CAES Giuliano ha battuto moneta a Arles, Aquileia e Siscia.

Per cui ora, valutando le varie possibilità e facendo i dovuti "incroci" :D (e sperando nei buoni risultati della pulizia ;)), si potrebbe arrivare anche ad un'identificazione abbastanza affidabile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Con la legenda D N IVLIANVS NOB CAES ed il segno M per la serie monetale al rovescio, Giuliano da Cesare ha coniato monete solo per la zecca di Siscia (del resto, con l'esclusione di Sirmio, l'ipotesi più probabile): per di più ho ristretto il campo ai riferimenti RIC VIII Siscia 368 - 370 - 373. Per quel che riguarda il "punto" a sinistra del campo del diritto, esso non è riportato e pertanto credo si tratti di una semplice incrostazione. Ora non resta che attendere i risultati della pulizia per avere un'identificazione precisa, ed in ogni caso sono riuscito a capire quale zecca ha battuto questa monetina :)...

Grazie ancora a tutti quelli che hanno partecipato alla discussione ;).

Modificato da chersoblepte

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

il fatto che non sia riportato il punto non è detto che sia un'incrostazione, in fatto di tordo imperiali il RIC nonostante sia il miglior testo ha molte lacune (e soprattutto gradi di rarità errati) e con i molti ritrovamenti nell'est europa è possibile che sia una monetazione non contemplata dala nostra bibbia!! :D

Facci sapere a lavori ultimati

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

il fatto che non sia riportato il punto non è detto che sia un'incrostazione, in fatto di tordo imperiali il RIC nonostante sia il miglior testo ha molte lacune (e soprattutto gradi di rarità errati) e con i molti ritrovamenti nell'est europa è possibile che sia una monetazione non contemplata dala nostra bibbia!! :D

Facci sapere a lavori ultimati

134938[/snapback]

Hai ragione Tartaruga79, potrebbe anche essere: poco tempo fà, tra l'altro, in questa sezione del forum abbiamo affrontato proprio il tema delle lacune più o meno importanti del RIC per le tardo-imperiali. Riguardando la foto, il "punto" pare piuttosto regolare ed in una zona non particolarmente sporca: sempre che non abbia saltato qualcosa nella lettura delle tabelle del RIC :unsure:!

Comunque domani tento una prima "pulitura" e poi v'informo a riguardo ;)...

Modificato da chersoblepte

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

non so perchè ma a me pare SIRMIO

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

non so perchè ma a me pare SIRMIO

134965[/snapback]

anch'io all'inizio propendevo per l'ipotesi Sirmio, ma per Giuliano Cesare il RIC, riguardo questa zecca, propone solo l'opzione con legenda del diritto spezzata e con C per CAES...

134932[/snapback]

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

hai ragione... dobbiamo cercare meglio :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Una di queste:

Siscia 368

Siscia 370

Siscia 370

Siscia 373

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Una di queste:

Siscia 368

Siscia 370

Siscia 370

Siscia 373

135028[/snapback]

Con la legenda D N IVLIANVS NOB CAES ed il segno M per la serie monetale al rovescio, Giuliano da Cesare ha coniato monete solo per la zecca di Siscia (del resto, con l'esclusione di Sirmio, l'ipotesi più probabile): per di più ho ristretto il campo ai riferimenti RIC VIII Siscia 368 - 370 - 373.

134937[/snapback]

Grazie eg, m'hai confermato le ipotesi di classificazione che avevo avanzato ieri ;)... oggi inizio la "pulizia" e vedo se riesco a scorgere qualcosina all'esergo per poter arrivare ad una identificazione più precisa :).

Modificato da chersoblepte

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho portato a termine una prima fase di pulizia e posso ritermi soddisfatto, dato che penso di essere arrivato ad un'identificazione precisa.

Il diritto ora è quasi completamente pulito: quello che poteva sembrare un "punto" era in effetti una semplice incrostazione.

Il rovescio, invece, è decisamente più ostico e bisognerà lavorarci ancora un po', comunque l'esergo è abbastanza leggibile, almeno nei segni "chiave" ai fini dell'identificazione: infatti, dato per assodato, considerati i tre riferimenti disponibili, la presenza all'esergo di cinque segni, i tre centrali sono a prescindere leggibili come SIS, mentre quello finale appare abbastanza chiaramente un Z a rovescio, che, di fatto, rimanda solo a RIC VIII Siscia 371. Per quanto riguarda il segno d'officina, potrebbe trattarsi una A come di un Δ (più probabile): il RIC riporta entrambe le possibilità.

Bhe, non posso lamentarmi, si tratta pur sempre di una moneta valutata come "non comune" e che, soprattutto, pulita un poco di più, sarà sicuramente "carina" :P (specie il ritratto).

Ecco la foto (tratta da DirtyOldCoins) di una moneta associabile al medesimo riferimento del RIC:

jul2050.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

beh, quindi cmq sia è Siscia 371, no? io direi... missione compiuta! Grande cherso ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

beh, quindi cmq sia è Siscia 371, no? io direi... missione compiuta! Grande cherso ;)

135209[/snapback]

Grazie eg ;)... sono davvero contento, perché quando mi sono trovato tra le mani questa monetina pensavo che al massimo fosse possibile arrivare a capire quale zecca l'avesse battuta, mentre alla fine sono arrivato ad un'identificazione praticamente certa :D.

Adesso mi sto cimentando con altri bronzetti del medesimo lotto, e credo proprio che per alcune avrò bisogno del vostro aiuto, quindi... preparatevi :lol:!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?